Logo di Padroni di Casa

Dopo aver ampiamente dato tutte le informazioni sulle differenze lavasciuga slim, oggi, parleremo di un altro elettrodomestico: le asciugatrici a pompa di calore

Menu di navigazione dell'articolo

Negli ultimi anni, le asciugatrici a pompa di calore hanno conquistato una fetta di mercato sempre più ampia, sia per la loro praticità, sia per il risparmio di tempo e di spazio offerto nelle abitazioni moderne sempre più piccole perché sempre più piccoli sono i nuclei familiari. Con l’aumento della domanda, i prezzi delle asciugatrici sono leggermente diminuiti e i modelli più diffusi sono le asciugatrici a pompa di calore.

Come funziona l’asciugatrice

La miglior asciugatrice – in tutto simile a una lavatrice – si compone di un tamburo all’interno del quale si fa circolare aria calda generata da una resistenza o da una pompa di calore nei modelli di ultima generazione. Il vapore che si forma durante il processo può essere espulso (sistema a espulsione) o condensato e raccolto in una apposita vaschetta (sistema a condensazione). Un ciclo di asciugatura dura in media da 90 minuti a 120 minuti dipende dal carico, dal tipo di tessuto. Alcuni modelli sono dotate di sensori di carico per cui adattano il tempo di asciugatura al peso. Le macchine di questo tipo si classificano per classe di condensazione, che si calcola con il rapporto tra acqua condensata e umidità dei capi in fase di asciugatura. Il risultato che si ottiene serve per attribuire un “punteggio” da A (livello massimo di efficienza) a “G” (meno efficiente). Il calcolo si determina sul programma di asciugatura per “Cotoni Standard” a pieno carico. Una miglior asciugatrice può essere collocata ovunque, spesso accanto alla lavatrice o in mancanza di spazio sopra la lavatrice con l’uso di un apposito Kit di incolonnamento e fissaggio.

Lo spazio è proprio uno dei fattori da prendere in considerazione nella scelta della miglior asciugatrice. Ma ciò che più conta è il prodotto e la marca buono perché un elettrodomestico scadente può indubbiamente danneggiare i capi di abbigliamento. Solitamente i produttori di lavatrici sono anche produttori di quest'altro tipo di elettrodomestico: i marchi “storici” – come Bosch, Electrolux, Candy, AEG, Samsung, Miele, LG, Whirlpool, Ariston Hotpoint - sono anche garanzia di qualità e affidabilità.

Guida alla scelta

Il modello standard ha le dimensioni di una lavatrice (1 metro e 30 per 60 cm di profondità, in media). Esistono le versioni slim con profondità di 45 cm per chi ha poco spazio e che si incastrano più facilmente in qualche angolo della casa o su un balcone. Un’alternativa valida per gestire lo spazio è l’incolonnamento dei due elettrodomestici, purché compatibili tra loro per dimensioni.

Questi elettrodomestici si distinguono in base alla tipologia di asciugatura:

  • A condensazione: si compongono di un condensatore che raccoglie il vapore acqueo che si genera in fase di asciugatura in un serbatoio o vaschetta rimovibile da svuotare a fine di ogni ciclo. Si tratta di apparecchi di fascia medio-alta, ad alta efficienza energetica e molto richiesti sul mercato;
  • A pompa di calore: il calore per l’asciugatura viene generato da una pompa di calore all’interno dell’apparecchio. Il metodo di raccolta del vapore acqueo è lo stesso del sistema a condensazione. Le prestazioni energetiche di questi modelli sono le migliori in assoluto, anche se i prezzi sono in media più alti.
  • A ventilazione: gli elettrodomestici questa tipologia appartengono alla generazione precedente e sono meno consigliate dal punto di vista di efficienza energetica. Il calore è generato da una resistenza interna che richiede molta energia elettrica. Si tratta di modelli più economici.
  • A evaporazione: il vapore generato in fase di asciugatura non viene convogliato da un condensatore in una vaschetta di raccolta, bensì viene espulso verso l’esterno. Se posizionato all’esterno, una miglior asciugatrice simile non crea particolari problemi, ma se all’interno di un vano, bisogna valutare che il vapore sprigionato all’esterno si deposita poi sui muri, gli oggetti e il pavimento bagnando tutto quando il vapore si raffredda e si ricondensa.
  • Ibride: i modelli ibride combinano il sistema di asciugatura a espulsione con quello a condensazione, con la differenza che il vapore acqueo viene raffreddato da un condensatore ed espulso all’esterno sotto forma di acqua tramite un apposito scarico o fatto convogliare nello scarico stesso dell’elettrodomestico.
  • A gas: sono elettrodomestici ancora poco noti e che richiedono il collegamento alle tubature del gas.

Se ti piacciono questi contenuti, ti segnaliamo che abbiamo pubblicato un approfondimento sui prezzi del Bimby: dagli un'occhiata.

Altri elementi da considerare nella scelta di una asciugabiancheria

miglior asciugatrice

Questi elettrodomestici si distinguono anche in base al tipo di motore:

  • Motore tradizionale dotato di spazzole che alimentano il movimento è più soggetto all’usura per via dello sfregamento continuo. Richiede maggiore manutenzione, altrimenti si guasta con ricorrenza.
  • Motore a inverter più recente regola il movimento del cestello tramite un dispositivo elettronico. L’apparecchio ha una vita lunga e la qualità dell’asciugatura è migliore, le minori vibrazioni del motore inverter lo rendono anche molto silenzioso. Il limite è il dispositivo elettronico particolarmente fragile e quando si guasta l’intera scheda deve essere interamente sostituita.

Per rendere l’acquisto della miglior asciugatrice un investimento anche nel tempo, è bene che appartenga a una classe energetica alta che garantisca consumi ottimali sul lungo periodo e un reale risparmio sulla bolletta. La classe energetica più alta è la A+++ quella più bassa è la D. A titolo esemplificativo, un elettrodomestico di classe A+++ - anche se costa mediamente di più all’acquisto – ha un costo energetico annuale medio pari a 25 €, contro una stima di 90 € di un modello classificato come “D”. La scelta deve essere ponderata sul risparmio sul lungo periodo.

La capacità di carico dipende dalle esigenze personali: vi sono modelli con capienza a pieno carico di 7-8 kg per una famiglia o nucleo composto da 3-4 individui e rappresentano il “corpo” principale del mercato settoriale; ovviamente vi sono modellidai volumi e dal carico ridotto per nuclei più piccoli così come prodotti con carico di 9 kg per comunità e famiglie numerose che effettuano lavaggi settimanali frequenti.

Quasi tutte le marche e i produttori realizzano prodotti dotati dei programmi di asciugatura più comuni: standard per cotoni, programmi di asciugatura rapida, modalità eco, lana e delicati, tessuti tecnici, sintetici, mix, piumoni e programma refresh (senza lavaggio per rinfrescare capi non necessariamente sporchi).

Anche le funzioni sono piuttosto omologate come il sensore di carico, la regolazione della temperatura, anti-stiro e partenza ritardata o programmata. Una categoria in cui potremmo trovare la miglior asciugatrice è rappresentata dalle smart che permettono di essere programmate a distanza tramite wi-fi o connessione e controllate anche durante il funzionamento in caso di guasti; questi apparecchi controllati da remoto e connesse ai circuiti di assistenza vocale come Alexa, Siri o Google Assistant forniscono anche consigli interattivi sul trattamento e la cura dei capi, nonché consigli intelligenti per la creazione di un sistema domotico connesso in grado di evitare sovraccarichi energetici e blackout.

I prezzi variano a seconda di tutte le specifiche tecniche e di prestazione che si includono nella scelta del prodotto: si parte da una fascia bassa con classe energetica “D” e pochi programmi e funzioni standard al prezzo base di 300 € fino al top di gamma (classe energetica A+++, motore inverter, programmi e funzioni completi e sistema domotico smart, capacità di carico 9 kg) con prezzi superiori a 1500 €. Ulteriore differenza sui prezzi è dovuta alle dimensioni, standard o slim, e alle tecnologie applicate.

Cosa sono e come funzionano le asciugatrici a pompa di calore

Per capire come funzionano le asciugatrici a pompa di calore, bisogna confrontare con i modelli a condensazione che la precedono. Un sistema a condensazione funziona tramite il riscaldamento dell’aria che soffia all’interno della camera del tamburo per poi aspirare l’aria umida e calda per raffreddarla al punto che l’umidità si condensa, appunto, e viene fatta convogliare e gocciolare in un vassoio di raccolta che deve essere svuotato a ogni ciclo di asciugatura. L’aria fredda e secca rimasta nel cestello viene poi nuovamente riscaldata e messa in circolo nel cestello per l’asciugatura finale. Uno dei “limiti” della condensazione è il meccanismo di raffreddamento dell’aria estratta dal tamburo per togliere l’umidità dei vestiti. Alcuni modelli di asciugatrici impiegano una piastra metallica raffreddata con aria, altri utilizzano acqua fredda per raffreddare la serpentina. Le asciugatrici a pompa di calore sono un sottogruppo dei sistemi a condensazione: dotate di una serpentina per il raffreddamento e una per il riscaldamento, rappresentano la soluzione ottimale per i sistemi a condensazione, infatti la serpentina fredda serve a raffreddare e prelevare l’aria calda e umida presente nel tamburo, mentre la serpentina calda serve per riscaldare l’aria da introdurre nel cestello per asciugare i panni. le asciugatrici a pompa di calore utilizzano circa il 40-50% dell’elettricità utilizzata dagli elettrodomestici tradizionali e asciugano gli indumenti in modo rapido e senza danneggiarli.

Vantaggi e svantaggi delle macchine per asciugare gli indumenti

La tecnologia delle asciugatrici a pompa di calore è notevolmente migliorata negli anni, soprattutto nel trattamento dei capi che dopo l’asciugatura risultano comunque morbidi, senza pieghe e non sfibrati. Un limite delle asciugatrici a pompa di calore è la rumorosità, ma in compenso il risparmio è maggiore: stimando, infatti, cinque carichi di asciugatura a settimana di una famiglia media, il risparmio è calcolato nell’ordine di 1,60 € a settimana nel periodo invernale e circa 0,87 centesimi a settimana in quello estivo, con un risparmio annuo medio complessivo di 65 €. Le variabili sono, tuttavia, molte a partire dai costi dell’energia e dai prezzi di vendita del prodotto.

Il grande vantaggio delle asciugatrici a pompa di calore è il serbatoio di raccolta che evita di disperdere l’umidità all’esterno della macchina, evitando onerosi costi per creare dei condotti di ventilazione e potendo collocare l’elettrodomestico ovunque in casa vi sia spazio e il collegamento all’impianto idrico e a una presa elettrica. Inoltre, è molto efficiente dal punto di vista energetico, soprattutto quelle di classe A. Alcuni dei marchi più popolari che producono asciugatrici sono Miele, Electrolux, Bosch e Samsung. La convenienza dal punto di vista tecnico della pompa di calore è che il suo sistema refrigerante e raffrescante al contempo in un unico dispositivo rendono l’apparecchio più efficiente, in grado di riutilizzare energia dimezzando di fatto l’impatto anche sull’ambiente. In sintesi, i vantaggi delle asciugatrici a pompa di calore sono:

  • Efficienza e risparmio energetico;
  • Risparmio sulle bollette;
  • Minor impatto ambientale (i prodotti rispettano gli standard ecologici di produzione e smaltimento);
  • Diversi modelli con varietà di programmi, funzioni e dimensioni (standard e slim o compatte);
  • Delicatezza sui capi;
  • Nessuna umidità rilasciata nel locale in cui è collocata la macchina in funzione.

Gli svantaggi non mancano e sono riassumibili in livelli di rumorosità piuttosto alti nella media, e costi anche elevati rispetto agli altri modelli in circolazione.

Se questo articolo sta suscitando il tuo interesse, allora ti consigliamo di mettere da parte anche questo su come scegliere la caffettiera elettrica

Quali sono le migliori asciugatrici a pompa di calore che si trovano in commercio?

Le migliori asciugatrici a pompa di calore che si trovano in commercio nel 2023, secondo le recensioni dei consumatori e le opinioni degli esperti, sono le seguenti:

1. Bosch WTX87MH9IT

  • Specifica: Asciugatrice a libera installazione con capacità di carico di 9 kg.
  • Nome: Bosch WTX87MH9IT
  • Costo: 1.399,00 €
  • Descrizione: Asciugatrice con tecnologia AutoDry che regola automaticamente il tempo di asciugatura in base al tipo di tessuto. Dispone di un motore Inverter che garantisce un'efficienza energetica di classe A+++.

2. AEG T8DBE851

  • Specifica: Asciugatrice a libera installazione con capacità di carico di 9 kg.
  • Nome: AEG T8DBE851
  • Costo: 1.299,00 €
  • Descrizione: Asciugatrice con tecnologia ProSense che regola automaticamente il tempo di asciugatura in base al peso del carico. Dispone di un motore Inverter che garantisce un'efficienza energetica di classe A+++.

3. Samsung DV80T8240SE

  • Specifica: Asciugatrice a libera installazione con capacità di carico di 8 kg.
  • Nome: Samsung DV80T8240SE
  • Costo: 1.199,00 €
  • Descrizione: Asciugatrice con tecnologia EcoBubble che combina acqua, aria e detersivo per ottenere un'asciugatura più efficace e delicata. Dispone di un motore Inverter che garantisce un'efficienza energetica di classe A+++.

4. LG RC90V9AV2W

  • Specifica: Asciugatrice a libera installazione con capacità di carico di 9 kg.
  • Nome: LG RC90V9AV2W
  • Costo: 1.099,00 €
  • Descrizione: Asciugatrice con tecnologia Dual inverter technology che garantisce un'asciugatura più efficiente e silenziosa. Dispone di un motore Inverter che garantisce un'efficienza energetica di classe A+++.

5. Candy CSO H8A2DE-S

  • Specifica: Asciugatrice a libera installazione con capacità di carico di 8 kg.
  • Nome: Candy CSO H8A2DE-S
  • Costo: 699,00 €
  • Descrizione: Asciugatrice con tecnologia Smart Touch che permette di controllare l'asciugatrice tramite smartphone. Dispone di un motore Inverter che garantisce un'efficienza energetica di classe A+++.

Queste asciugatrici sono state valutate positivamente dai consumatori per le seguenti caratteristiche:

  • Efficacia di asciugatura: tutte le asciugatrici in questo elenco sono in grado di asciugare i capi in modo efficace e delicato.
  • Efficienza energetica: tutte le asciugatrici in questo elenco hanno un'efficienza energetica di classe A+++ o superiore, il che significa che consumano meno energia rispetto ai modelli meno efficienti.
  • Funzionalità avanzate: alcune asciugatrici in questo elenco offrono funzionalità avanzate, come l'asciugatura a vapore, la funzione antiallergia o la partenza ritardata.

Naturalmente, la scelta della migliore asciugatrice a pompa di calore dipende dalle esigenze individuali di ogni consumatore. È importante considerare fattori come la capacità di carico, le funzioni desiderate e il budget prima di effettuare l'acquisto.

Se questo articolo ti sta piacendo, allora ti consigliamo di leggere anche questo sul frigorifero americano.

Alcuni consigli per scegliere la migliore asciugatrice a pompa di calore

  • Considera la capacità di carico: la capacità di carico di un'asciugatrice è espressa in chilogrammi. È importante scegliere un'asciugatrice con una capacità di carico sufficiente per le tue esigenze.
  • Considera le funzioni desiderate: alcune asciugatrici offrono funzionalità avanzate, come l'asciugatura a vapore, la funzione antiallergia o la partenza ritardata. Valuta quali funzioni sono importanti per te prima di effettuare l'acquisto.
  • Considera l'efficienza energetica: l'efficienza energetica di un'asciugatrice è misurata in classe energetica. Scegli un'asciugatrice con una classe energetica di almeno A+++ per risparmiare sui costi energetici.
  • **Considera il budget

Scegliere un'asciugatrice a pompa di calore richiede una considerazione di vari fattori per assicurarsi che si acquisti un prodotto che soddisfi le proprie esigenze. Ecco alcune cose su cui basare la tua decisione:

  1. Efficienza Energetica:
  • Le asciugatrici a pompa di calore sono generalmente più efficienti rispetto alle asciugatrici tradizionali a resistenza. Tuttavia, tra i modelli a pompa di calore, ci sono differenze in termini di efficienza. Cerca l'etichetta energetica e opta per modelli con una classificazione di efficienza elevata (ad es. A+++).
  • Capacità:
    • Valuta quanti vestiti devi asciugare regolarmente. Le asciugatrici possono variare nella capacità, spesso misurata in chilogrammi (es. 7kg, 9kg). Scegli una capacità che si adatti alle tue esigenze.
  • Programmi e Funzioni:
    • Alcune asciugatrici offrono programmi specifici per diversi tipi di tessuti o esigenze (es. delicati, rapido, rinfresco, anti-piega). Altre potrebbero avere funzionalità come la partenza ritardata o la sensoristica che rileva l'umidità e interrompe il ciclo quando i vestiti sono asciutti.
  • Rumorosità:
    • Se l'asciugatrice sarà posizionata in un'area della casa dove il rumore potrebbe essere di disturbo (ad es. vicino alla zona giorno), controlla il livello di decibel (dB) per assicurarti che sia relativamente silenziosa.
  • Dimensioni e Installazione:
    • Misura lo spazio in cui prevedi di posizionare l'asciugatrice. Assicurati che ci sia anche uno spazio aggiuntivo per la ventilazione. Controlla le dimensioni del prodotto prima di acquistarlo.
  • Durata e Garanzia:
    • Alcune marche sono note per la loro durabilità e affidabilità. Controlla le recensioni degli utenti e cerca modelli che vengono forniti con una garanzia decente.
  • Prezzo e Budget:
    • Stabilisci un budget e cerca un'asciugatrice che offra il miglior rapporto qualità-prezzo entro quel range.
  • Recensioni e Opinioni:
    • Prima di prendere una decisione finale, leggi le recensioni online e cerca opinioni di altri utenti che hanno già acquistato e utilizzato l'asciugatrice che stai considerando.
  • Manutenzione:
    • Informazioni sulla facilità di pulizia e manutenzione dell'asciugatrice possono essere cruciali. Ad esempio, la pulizia regolare dei filtri e del condensatore può influire sulla durata e sull'efficienza dell'apparecchio.

    Ricorda che una buona asciugatrice a pompa di calore potrebbe avere un costo iniziale più alto rispetto ad altri tipi di asciugatrici, ma nel lungo termine potrebbe risparmiare denaro grazie alla riduzione dei costi energetici.

    Classifica delle migliori asciugatrici

    Questi elettrodomestici sono macchinari utili soprattutto nelle stagioni umide e piovose per accelerare l’asciugatura dei capi di abbigliamento. Uno dei dubbi più comuni che trattengono dall’acquisto della miglior asciugatrice è la possibilità che questi macchinari rovinino il bucato o sottopongano i capi a sollecitazioni che ne stressano le fibre, inoltre non si è sicuri che possa andare bene anche per i tessuti più delicati. Per fugare ogni dubbio, abbiamo realizzato questa guida e classifica per permettervi di scegliere la miglior asciugatrice sul mercato.

    Le principali marche produttrici sono notoriamente Miele, Candy, Samsung, Elettrolux, Bosch, AEG e molte altre. Ciascuna ditta propone diverse serie e una vasta gamma all’interno delle stesse serie con le varianti slim (per chi ha problemi di spazio) e capacità di carico o classe energetica. Di seguito si riportano i modelli più venduti nella fascia medio-alta delle principali marche e per la cosiddetta “pancia” di mercato, vale a dire la fascia di mercato più richiesta dagli acquirenti per capacità di carico comprese tra 7 e 8 kg. Per caratteristiche ed esigenze diverse si consiglia di consultare il sito ufficiale dei singoli produttori per la gamma completa.

    AEG Serie 8000 T8DBE851

    Il compromesso tra qualità, prezzo e prestazioni fornite rende questa macchina una delle migliori sul mercato. Il costo superiore alle 600 € da listino (i prezzi variano in base anche al rivenditore, se in un negozio specializzato oppure online su siti di e-commerce o online sul sito del produttore) può sembrare elevato, ma i risultati di asciugatura sono da top di gamma. La macchina è dotata del sistema AbsoluteCare un sensore di carico che allo stesso tempo permette di regolare i movimenti in base alla temperatura all’interno del cestello e alla tipologia di tessuto. I capi in lana, per esempio, saranno sottoposti a una velocità di centrifuga maggiore in modo da rimanere appiattiti sul cestello ed evitare così l’infeltrimento del tessuto causato dalla frizione del movimento. Questa miglior asciugatrice è dotata di un motore inverter, classe energetica A+++ per consumi annui ridotti.

    Electrolux PerfectCare 800 EW8HL82W5P

    Electrolux è uno dei marchi più noti e affidabili in materia di elettrodomestici come le asciugabiancheria (tra le altre cose, la Electrolux produce anche i modelli AEG). La PerfectCare 800 funziona a pompa di calore ed è dotata del sistema GentleCare per il trattamento dei capi delicati. Ha la funzione no-stiro, il sensore di carico e il riconoscimento automatico dell’umidità. Il marchio è certificato Woolmark. Numerose sono i programmi di asciugatura, tra cui quello piuttosto raro ma interessante dedicato ai capi tecnici (programma Outdoor). La classe energetica è A+++.

    Bosch Serie 6 WTW85447IT

    La Bosch è decisamente tra le migliori marche nel settore. La serie 6 che si declina in molte altre sottoserie e specifiche è – nella sua linea standard – sufficiente a soddisfare molte richieste. Uno dei suoi punti di forza è il condensatore autopulente che utilizza l’acqua di condensa finale per pulire autonomamente il filtro: un’innovazione che riduce la manutenzione sul lungo termine e garantisce una maggiore durata dell’apparecchio. La cura del bucato e l’apparato tecnologico sono garanzia di efficienza e affidabilità con numerose funzioni e programmi. Tra le asciugatrici in circolazione è anche quella dal design più gradevole e dalla maggiore stabilità e silenziosità. Classe energetica A++

    Candy Grandò Vita Smart GVS4 H7A1TCEX-01 slim

    Tra le slim e compatte è la migliore. Nei suoi 45 cm di profondità riesce a integrare le prestazioni migliori del top di gamma sia in termini di cura dei capi, che di prestazioni tecnologiche e funzioni elettroniche. È, inoltre, una smart che si può connettere al wi-fi. Unico limite è la scelta dei programmi. Una novità introdotta dal marchio è l’oblò con serbatoio di condensa removibile per facilitare le operazioni di scarico della condensa che si forma durante il ciclo di asciugatura (EasyCase). Infine, un altro accorgimento a favore dell’utente è la sua altezza dal pavimento: è rialzata di 3,5 cm rispetto allo standard di mercato per facilitare l’accesso al cestello senza doversi chinare troppo.

    Samsung DV9M5000QW

    L’asciugabiancheria funziona a pompa di calore con sensore Dry per regolare automaticamente la durata del ciclo in base all’umidità rilevata nel cestello. Il comparto elettronico è dotato anche di funzioni smart per il controllo remoto con smartphone o altri dispositivi wi-fi. A differenza dei modelli precedenti, questa macchina è dotata di un ulteriore sensore che indica il livello dell’acqua di condensazione in modo da poterlo svuotare puntualmente quando è pieno. Classe energetica A++.

    Beko DRX722W

    Tra i produttori di fascia medio-bassa, questo modello raggiunge il miglior compromesso tra qualità e prezzo che coniughi un prodotto basico ed essenziale senza rovinare il bucato. Tra i programmi inclusi, oltre a quelli standard, si cita il programma ultrarapido della durata di 30 minuti e quello dedicato alle sole camicie. Questo modello permette di collegare il serbatoio di condensa direttamente allo scarico per eliminare l’acqua di condensa in modo automatico. Per essere un cosiddetto prodotto “entry-level” è dotato di molti accorgimenti, sensori e programmi, oltre ad avere una classe energetica molto alta: A++.

    Come funziona l'asciugatrice a gas?

    L’asciugatrice è un elettrodomestico indispensabile per chi non ha il tempo di attendere che si asciughi il bucato. Però, se volete asciugare i vostri vestiti veramente in fretta, provate con un’asciugatrice a gas. Quest’ultima, infatti, riesce a ridurre notevolmente i tempi di asciugatura anche rispetto ai modelli elettrici.

    Scegliere un’asciugatrice a gas però può essere difficile perché sul mercato c’è una grande varietà di modelli con tantissime caratteristiche da considerare. Mentre determinare la giusta dimensione e la capacità della nostra asciugatrice non è così complicato, decidersi sui cicli, sul pannello di controllo o su altre caratteristiche può risultare un po’ più difficile.

    Come quella elettrica, l’asciugatrice a gas usa l’elettricità per il motore che permette al tamburo di ruotare. Un’asciugatrice a gas, tuttavia, usa un bruciatore per il gas naturale e riscaldare l’aria per l’asciugatura dei capi.

    Quando l’asciugatrice a gas è accesa, il sensore accende una luce pilota e un altro sensore apre la valvola del gas. Poi, un ventilatore spinge l’aria calda nell’apparecchio sino a raggiungere la temperatura giusta. In seguito, la valvola del gas si chiuderà.

    Il termostato regola la temperatura nel ciclo di asciugatura. Se si abbassa troppo la temperatura, la spia pilota si illumina, si riapre la valvola del gas e il processo inizia da capo fino a che i panni capi sono asciutti completamente.

    Vantaggi di questo elettrodomestico

    asciugatrice a gas

    L’asciugatrice a gas e quella elettrica si possono paragonare per vari aspetti, ma le prime hanno alcuni vantaggi in più. In primis sono più economiche da mantenere: generalmente, il funzionamento di questi modelli costano sino al 50% in meno perché il gas è maggiormente economico rispetto all’elettricità. Inoltre, i tempi di asciugatura sono più brevi, infatti, i vestiti impiegano la metà del tempo necessario per asciugarsi rispetto ai modelli elettrici. Poi, siccome i vestiti si asciugano più velocemente si danneggiano anche di meno, quindi, c’è una maggiore cura per la biancheria.

    Non scordiamo di considerare alcuni fattori

    L’asciugatrice a gas di dimensioni perfette per la vostra casa dipende soprattutto dal numero di componenti della vostra famiglia. I modelli compatti di solito sono abbastanza grandi solo per una/due persone, ma è probabile che non potrete inserire nell’asciugatrice le coperte più grandi. Più è grande la famiglia e più avrete bisogno di una capacità maggiore. In generale, la capacità giusta da valutare dovrebbe essere più o meno il doppio rispetto alla lavatrice.

    Tamburi

    I tamburi sono un fattore da considerare con importanza e nei modelli a gas vengono realizzati in acciaio inox oppure acciaio inossidabile e rivestiti in ceramica. Questi ultimi hanno meno probabilità di incorrere nella ruggine o di graffiarsi. Potreste anche considerare di acquistare un’asciugatrice a gas con la luce interna al tamburo che fa sempre comodi per vedere con più facilità la biancheria.

    Il pannello di controllo

    Il pannello di controllo dell’asciugatrice a gas deve essere facile da usare e, secondo noi, meglio ancora se illuminato visto che le zone della lavanderia possono essere alquanto scure, quindi una luce in più sul pannello può aiutarvi a vedere cosa state facendo.

    L’importanza dei cicli

    Per asciugare al meglio il vostro bucato, dovreste disporre di una vasta varietà di cicli per tutti i tipi di tessuto. Alcuni esempi sono:

    • Air Dry per i capi delicati che non necessitano di aria calda;
    • Normale per capi che non hanno bisogno di particolari cure;
    • Heavy-Duty per asciugamani e biancheria da letto;
    • Antipiega per tessuti che si sgualciscono facilmente;
    • Delicato per lana e tessuti leggeri;
    • Rapido che ha un flusso d’aria maggiore;
    • Modalità Eco che riduce il consumo di energia;
    • Vapore aiutare a rimuovere le grinze e gli odori;
    • Sanitize per rimuovere germi e batteri con vapore e calore.

    Sensore di umidità

    Se amate l’efficienza cercate un modello di asciugatrice a gas dotato di sensore per monitorare l’umidità della biancheria che spegne l’asciugatrice automaticamente quando il bucato è asciutto. Risparmierete così energia e prolungherete la vita dei vestiti.

    Trattamento esteso

    Se il vostro bucato è pieno di pieghe, optate per un’asciugatrice a gas che abbia la funzione di rotazione prolungata; questo eviterà la formazione di grinze e pieghe nei tessuti quando non li si rimuovono immediatamente dall’elettrodomestico.

    Se questo approfondimento ti sta piacendo, allora prova a leggere anche questo sul frigorifero americano.

    Raffreddamento automatico

    L’asciugatrice a gas può diventare molto calda, quindi è bene scegliere un modello con la funzione di raffreddamento automatico che abbassa gradualmente la temperatura alla fine di un ciclo sino a che il carico viene girato senza più calore. Ideale anche per proteggere i tessuti sintetici.

    Segnale di fine ciclo

    È facile non accorgersi del tempo che passa ma se volete rimuovere la biancheria il prima possibile dall’asciugatrice cercate un’asciugatrice a gas che abbia un segnale di avvertimento quando il vostro bucato è asciutto.

    Se desideri rimanere con noi e leggere altri approfondimenti dedicati alla casa, ti consigliamo di proseguire la lettura con l'articolo dedicato alle caffettiere elettriche.

    Se ti è piaciuto questo articolo, leggi anche la nostra guida sulle Lavatrici Bosch.

    Autore: Andrea Lelli

    Immagine di Andrea Lelli

    Laureato in Economia e Commercio presso l'Università di Roma Tor Vergata, Andrea Lelli fonda la ditta di ristrutturazioni edili Edil Clima Service SAS con sede in Via Costanzo Albasini 10 a Roma. Edil Clima Service è una società composta da un team di otto esperti, ognuno specializzato in una specifica mansione.