Per gli italiani la colazione è fra i momenti migliori della giornata. Ci sono le persone che amano farla concedendosi una sana spremuta e ci sono invece le persone che preferiscono la tradizionale tazza di caffè. Proprio per queste persone che già di prima mattina amano svegliarsi con l'odore della loro bevanda preferita è stata pensata la caffettiera elettrica in grado di preparare questa bevanda prima ancora che ci alziamo dal letto. Possiamo definirla quasi una caffettiera 2.0; un elettrodomestico moderno che non va sul classico fornello ma che utilizza una base elettrica per riscaldare l'acqua ed erogare una buona bevanda calda; infatti, per funzionare necessita di una presa di corrente.

Come sono fatte?

La caffettiera elettrica, all’apparenza è molto simile a quella classica, infatti, possiede comunque un serbatoio in cui mettere l'acqua, un filtro in cui si pone la polvere e la parte superiore in cui viene è riversata la bevanda calda quando è pronto. Esistono due tipi di caffettiera elettrica:

  • Quella con la base integrata nel serbatoio dell'acqua, cioè con la base elettrica che non si stacca fisicamente dal corpo della caffettiera. Questa caffettiera presupporrebbe un consumo energetico più limitato ed è ideale per i viaggi perché ha un design leggero e compatto;
  • Quella con la base estraibile, invece, permette a quest'ultima si rimuove dal corpo della caffettiera ed ha un consumo elettrico più alto.

Queste caffettiere hanno un funzionamento piuttosto semplice: occorre semplicemente riempire con l'acqua il serbatoio e aggiungere la polvere nel filtro apposito, quindi basta collegare la caffettiera la corrente ed in pochissimi minuti inizierà a fuoriuscire la bevanda calda e profumato che riempirà la parte superiore dell’elettrodomestico.

Per quanto riguarda la pulizia, la base della caffettiera elettrica ovviamente non può essere immersa in acqua e per tal motivo è indispensabile utilizzare altri modi per pulire la caffettiera. Potrete optare per una spugna delicata per la pulizia interna della caldaia oppure scegliere di fare un giro a vuoto unendo all'acqua alcune gocce di limone che andranno ad eliminare qualsiasi residuo calcareo.

Scopriamo quindi come scegliere la migliore caffettiera elettrica sul mercato in base alle proprie esigenze e valutando con attenzione alcune caratteristiche fondamentali

La capienza della caffettiera elettrica

Caffettiera elettrica

La capienza della caffettiera elettrica è fondamentale, partiamo quindi dalla classica moka da 2 tazze fino a raggiungere la capacità di 10 tazze. Scegliere quella che fa per noi dipende, ovviamente, dalle esigenze che si hanno in famiglia. Se state cercando una soluzione da regalare ai nonni, l'ideale è sicuramente quella da 2 tazze ma, se preferite utilizzarla quando siete in compagnia, vi consigliamo di optare per modelli più grandi; naturalmente è bene considerare che maggiore è la capienza e più è grande la caffettiera elettrica.

Di seguito una selezione di prodotti che ci sentiamo di consigliarti

Compra su Amazon

De'Longhi Alicia PLUS EMKM 4.B Caffettiera Moka Elettrica 2-4 Tazze, 450 W, Nero/Argento

Prezzo su Amazon.it: € 43,00
Compra su Amazon

Ariete 1358 Moka Aroma - Moka elettrica 2/4 tazze, 400W, Autospegnimento, Mantenimento temperatura per 30', Bianco

Prezzo su Amazon.it: € 39,90
Compra su Amazon

Bialetti Elettrika Caffettiera elettrica da viaggio 110-230 Volt

Prezzo su Amazon.it: € 39,99

La funzione Timer

Si tratta di una delle funzioni più utilizzate nella caffettiera elettrica, infatti, questa meravigliosa funzione permette di programmare in anticipo l'orario in cui si vuole che avvenga l’erogazione della bevanda. Basterà semplicemente preparare la caffettiera in anticipo ed impostare l'orario mantenendo l’elettrodomestico attaccato alla corrente; all’orario prescelto la caffettiera elettrica si attiverà ed erogherà la vostra bevanda.

Funzione Aroma

Questa è un'altra funzione molto diffusa beh presente solo nei prodotti di fascia alta. la funzione a Roma consente di selezionare fra diversi livelli di intensità della bevanda per momenti i diversi momenti della giornata. Si tratta di una Caratteristica molto interessante per chi ama un caffè dalla fragranza.

Mantenimento di calore

La funzione di mantenimento del calore è indispensabile per bere la propria bevanda in un secondo momento. Difatti, la maggior parte dei modelli di caffettiera elettrica dispone di questa comoda funzionalità che mantiene la bevanda calda per circa mezz'ora.

Lo spegnimento automatico

Caffettiera elettrica

Infine, la funzionalità di spegnimento automatico è indispensabile per chi vuole risparmiare l'energia elettrica perché consente la caffettiera elettrica di spegnersi automaticamente quando non viene utilizzata per un dato periodo di tempo.




Potrebbe interessarti

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Contratto ad uso foresteria: scopriamo tutti i vantaggi reali

Contratto ad uso foresteria

 

Con il contratto uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

self storage a milano

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

rogito notarile

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Leggi anche...

Casa in classe A: cosa significa e come influisce sulle tue finanze?

 Casa classe A

Nella vostra abitazione è fondamentale non solo tenere conto del buon funzionamento dei vostri elettrodomestici e degli impianti di riscaldamento, di acqua, di aria condizionata ecc. ma anche delle classi degli immobili; è importante occuparsi del risparmio energetico e del rispetto dell'ambiente e della natura, in modo tale da tutelare la nostra stessa salute per una casa in classe A.

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Go to Top