Per gli italiani la colazione è fra i momenti migliori della giornata. Ci sono le persone che amano farla concedendosi una sana spremuta e ci sono invece le persone che preferiscono la tradizionale tazza di caffè. Proprio per queste persone che già di prima mattina amano svegliarsi con l'odore della loro bevanda preferita è stata pensata la caffettiera elettrica in grado di preparare questa bevanda prima ancora che ci alziamo dal letto. Possiamo definirla quasi una caffettiera 2.0; un elettrodomestico moderno che non va sul classico fornello ma che utilizza una base elettrica per riscaldare l'acqua ed erogare una buona bevanda calda; infatti, per funzionare necessita di una presa di corrente.

Come sono fatte?

La caffettiera elettrica, all’apparenza è molto simile a quella classica, infatti, possiede comunque un serbatoio in cui mettere l'acqua, un filtro in cui si pone la polvere e la parte superiore in cui viene è riversata la bevanda calda quando è pronto. Esistono due tipi di caffettiera elettrica:

  • Quella con la base integrata nel serbatoio dell'acqua, cioè con la base elettrica che non si stacca fisicamente dal corpo della caffettiera. Questa caffettiera presupporrebbe un consumo energetico più limitato ed è ideale per i viaggi perché ha un design leggero e compatto;
  • Quella con la base estraibile, invece, permette a quest'ultima si rimuove dal corpo della caffettiera ed ha un consumo elettrico più alto.

Queste caffettiere hanno un funzionamento piuttosto semplice: occorre semplicemente riempire con l'acqua il serbatoio e aggiungere la polvere nel filtro apposito, quindi basta collegare la caffettiera la corrente ed in pochissimi minuti inizierà a fuoriuscire la bevanda calda e profumato che riempirà la parte superiore dell’elettrodomestico.

Per quanto riguarda la pulizia, la base della caffettiera elettrica ovviamente non può essere immersa in acqua e per tal motivo è indispensabile utilizzare altri modi per pulire la caffettiera. Potrete optare per una spugna delicata per la pulizia interna della caldaia oppure scegliere di fare un giro a vuoto unendo all'acqua alcune gocce di limone che andranno ad eliminare qualsiasi residuo calcareo.

Scopriamo quindi come scegliere la migliore caffettiera elettrica sul mercato in base alle proprie esigenze e valutando con attenzione alcune caratteristiche fondamentali

La capienza della caffettiera elettrica

Caffettiera elettrica

La capienza della caffettiera elettrica è fondamentale, partiamo quindi dalla classica moka da 2 tazze fino a raggiungere la capacità di 10 tazze. Scegliere quella che fa per noi dipende, ovviamente, dalle esigenze che si hanno in famiglia. Se state cercando una soluzione da regalare ai nonni, l'ideale è sicuramente quella da 2 tazze ma, se preferite utilizzarla quando siete in compagnia, vi consigliamo di optare per modelli più grandi; naturalmente è bene considerare che maggiore è la capienza e più è grande la caffettiera elettrica.

Di seguito una selezione di prodotti che ci sentiamo di consigliarti

Compra su Amazon

De'Longhi Alicia PLUS EMKM 4.B Caffettiera Moka Elettrica 2-4 Tazze, 450 W, Nero/Argento

Prezzo su Amazon.it: € 43,00
Compra su Amazon

Ariete 1358 Moka Aroma - Moka elettrica 2/4 tazze, 400W, Autospegnimento, Mantenimento temperatura per 30', Bianco

Prezzo su Amazon.it: € 39,90
Compra su Amazon

Bialetti Elettrika Caffettiera elettrica da viaggio 110-230 Volt

Prezzo su Amazon.it: € 39,99

La funzione Timer

Si tratta di una delle funzioni più utilizzate nella caffettiera elettrica, infatti, questa meravigliosa funzione permette di programmare in anticipo l'orario in cui si vuole che avvenga l’erogazione della bevanda. Basterà semplicemente preparare la caffettiera in anticipo ed impostare l'orario mantenendo l’elettrodomestico attaccato alla corrente; all’orario prescelto la caffettiera elettrica si attiverà ed erogherà la vostra bevanda.

Funzione Aroma

Questa è un'altra funzione molto diffusa beh presente solo nei prodotti di fascia alta. la funzione a Roma consente di selezionare fra diversi livelli di intensità della bevanda per momenti i diversi momenti della giornata. Si tratta di una Caratteristica molto interessante per chi ama un caffè dalla fragranza.

Mantenimento di calore

La funzione di mantenimento del calore è indispensabile per bere la propria bevanda in un secondo momento. Difatti, la maggior parte dei modelli di caffettiera elettrica dispone di questa comoda funzionalità che mantiene la bevanda calda per circa mezz'ora.

Lo spegnimento automatico

Caffettiera elettrica

Infine, la funzionalità di spegnimento automatico è indispensabile per chi vuole risparmiare l'energia elettrica perché consente la caffettiera elettrica di spegnersi automaticamente quando non viene utilizzata per un dato periodo di tempo.



Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi anche...

Bollino blu caldaie: la normativa di riferimento per essere in regola!

Come tutti i dispositivi legati al consumo e, quindi, all'impatto sull'ambiente, la caldaia ha bisogno di effettuare un tagliando, ovvero la certificazione a garanzia che le emissioni inquinanti generate rientrino all'interno dei limiti legali.

Leggi anche...

Arredamento moderno? Anche le scale vogliono la loro parte!

Anche le scale incidono in modo significativo sulla qualità di un arredamento moderno e sulla sua resa complessiva. Ciò è vero non solo per le abitazioni private, ma anche per gli uffici o per qualunque altro ambiente indoor che si sviluppi su più piani. Ecco perché è necessario studiare la loro progettazione e la loro installazione con la massima attenzione, senza trascurare alcun dettaglio e tenendo conto di ogni esigenza che deve essere soddisfatta, ma soprattutto considerando le caratteristiche delle stanze che esse sono chiamate a collegare.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top