Per gli italiani la colazione è fra i momenti migliori della giornata. Ci sono le persone che amano farla concedendosi una sana spremuta e ci sono invece le persone che preferiscono la tradizionale tazza di caffè. Proprio per queste persone che già di prima mattina amano svegliarsi con l'odore della loro bevanda preferita è stata pensata la caffettiera elettrica in grado di preparare questa bevanda prima ancora che ci alziamo dal letto. Possiamo definirla quasi una caffettiera 2.0; un elettrodomestico moderno che non va sul classico fornello ma che utilizza una base elettrica per riscaldare l'acqua ed erogare una buona bevanda calda; infatti, per funzionare necessita di una presa di corrente.

Come sono fatte?

La caffettiera elettrica, all’apparenza è molto simile a quella classica, infatti, possiede comunque un serbatoio in cui mettere l'acqua, un filtro in cui si pone la polvere e la parte superiore in cui viene è riversata la bevanda calda quando è pronto. Esistono due tipi di caffettiera elettrica:

  • Quella con la base integrata nel serbatoio dell'acqua, cioè con la base elettrica che non si stacca fisicamente dal corpo della caffettiera. Questa caffettiera presupporrebbe un consumo energetico più limitato ed è ideale per i viaggi perché ha un design leggero e compatto;
  • Quella con la base estraibile, invece, permette a quest'ultima si rimuove dal corpo della caffettiera ed ha un consumo elettrico più alto.

Queste caffettiere hanno un funzionamento piuttosto semplice: occorre semplicemente riempire con l'acqua il serbatoio e aggiungere la polvere nel filtro apposito, quindi basta collegare la caffettiera la corrente ed in pochissimi minuti inizierà a fuoriuscire la bevanda calda e profumato che riempirà la parte superiore dell’elettrodomestico.

Per quanto riguarda la pulizia, la base della caffettiera elettrica ovviamente non può essere immersa in acqua e per tal motivo è indispensabile utilizzare altri modi per pulire la caffettiera. Potrete optare per una spugna delicata per la pulizia interna della caldaia oppure scegliere di fare un giro a vuoto unendo all'acqua alcune gocce di limone che andranno ad eliminare qualsiasi residuo calcareo.

Scopriamo quindi come scegliere la migliore caffettiera elettrica sul mercato in base alle proprie esigenze e valutando con attenzione alcune caratteristiche fondamentali

La capienza della caffettiera elettrica

Caffettiera elettrica

La capienza della caffettiera elettrica è fondamentale, partiamo quindi dalla classica moka da 2 tazze fino a raggiungere la capacità di 10 tazze. Scegliere quella che fa per noi dipende, ovviamente, dalle esigenze che si hanno in famiglia. Se state cercando una soluzione da regalare ai nonni, l'ideale è sicuramente quella da 2 tazze ma, se preferite utilizzarla quando siete in compagnia, vi consigliamo di optare per modelli più grandi; naturalmente è bene considerare che maggiore è la capienza e più è grande la caffettiera elettrica.

Di seguito una selezione di prodotti che ci sentiamo di consigliarti

Compra su Amazon

De'Longhi Alicia PLUS EMKM 4.B Caffettiera Moka Elettrica 2-4 Tazze, 450 W, Nero/Argento

Prezzo su Amazon.it: € 43,00
Compra su Amazon

Ariete 1358 Moka Aroma - Moka elettrica 2/4 tazze, 400W, Autospegnimento, Mantenimento temperatura per 30', Bianco

Prezzo su Amazon.it: € 39,90
Compra su Amazon

Bialetti Elettrika Caffettiera elettrica da viaggio 110-230 Volt

Prezzo su Amazon.it: € 39,99

La funzione Timer

Si tratta di una delle funzioni più utilizzate nella caffettiera elettrica, infatti, questa meravigliosa funzione permette di programmare in anticipo l'orario in cui si vuole che avvenga l’erogazione della bevanda. Basterà semplicemente preparare la caffettiera in anticipo ed impostare l'orario mantenendo l’elettrodomestico attaccato alla corrente; all’orario prescelto la caffettiera elettrica si attiverà ed erogherà la vostra bevanda.

Funzione Aroma

Questa è un'altra funzione molto diffusa beh presente solo nei prodotti di fascia alta. la funzione a Roma consente di selezionare fra diversi livelli di intensità della bevanda per momenti i diversi momenti della giornata. Si tratta di una Caratteristica molto interessante per chi ama un caffè dalla fragranza.

Mantenimento di calore

La funzione di mantenimento del calore è indispensabile per bere la propria bevanda in un secondo momento. Difatti, la maggior parte dei modelli di caffettiera elettrica dispone di questa comoda funzionalità che mantiene la bevanda calda per circa mezz'ora.

Lo spegnimento automatico

Caffettiera elettrica

Infine, la funzionalità di spegnimento automatico è indispensabile per chi vuole risparmiare l'energia elettrica perché consente la caffettiera elettrica di spegnersi automaticamente quando non viene utilizzata per un dato periodo di tempo.




Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Mutuo ipotecario: cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento

acquistare casa con il mutuo ipotecario

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi anche...

Leasing prima casa: di cosa si tratta e come funziona?

Il possedere una casa di proprietà, piccola o grande che sia, rappresenta il sogno di tantissime persone. Se per le giovani coppie potrebbe essere un piccolo e romantico nido d’amore dove far crescere i figli, per le persone più anziane invece simboleggia la ricompensa di tanti anni di sacrifici e il poter godere di una vecchiaia più serena. E proprio per incentivare l’acquisto di un’abitazione principale, in particolare per i giovani, diverse sono state le iniziative avviate dalle autorità governative nel corso di questi anni.

Leggi anche...

Costi volture: quale è il prezzo per cambiare utenza

La voltura propriamente detta (cambio dell'intestatario contrattuale) non è eccessivamente onerosa e alcune compagnie la effettuano gratuitamente; più costoso è invece l'allaccio vero e proprio, da farsi se il precedente proprietario ha disdetto le utenze, ovvero se queste risultano non essere mai state allacciate.

Go to Top