La tecnologia fa passi da gigante in tanti settori della vita quotidiana, tra cui anche in cucina, e tende ad offrire sempre più soluzioni per migliorare la qualità delle nostre preparazioni gastronomiche, la velocità con cui realizzarle e soprattutto a ridurne i tempi necessari. Difatti, nelle nostre cucine si stanno diffondendo ormai robot ed elettrodomestici di vario genere e dimensioni, che forniscono un valido supporto da diversi punti di vista.

Uno degli ultimi strumenti tecnologici realizzati in questo settore e che gradualmente si sta diffondendo è il cosiddetto multicooker. Cerchiamo di capire cosa sia nello specifico questo apparecchio e in cosa può fornire un aiuto importante in cucina, soprattutto a coloro vi sono impegnati assiduamente nella preparazione di diversi piatti. Andiamo quindi a scoprire cosa sono i multicooker.

Un apparecchio davvero utile

Un multicooker non è altro che un dispositivo elettronico computerizzato da cucina, in cui sono presenti diversi programmi selezionabili e funzionalità di vario genere molto utili. Infatti, questo elettrodomestico consente di bollire, friggere (anche in olio abbondante), cuocere al forno o al vapore, stufare, arrostire e preparare una considerevole varietà di piatti: dalla pasta agli stufati, dalle zuppe alla carne o al pesce, oltre che biscotti, yogurt, pane e verdure.

macchina multifunzione per cucinare

L’idea originale alla base dell’invenzione del multicooker è quella di poter scegliere cosa voler preparare o individuare una semplice ricetta, inserirvi gli ingredienti all’interno, selezionare il programma adeguato e avviare l’elettrodomestico, in modo che svolga tutto il lavoro necessario per preparare il pasto e senza neanche la necessità di alcun controllo costante da parte di nessuno. 

Difatti, il multicooker dovrebbe riuscire a sostituire, teoricamente, diversi altri apparecchi o elementi in cucina: dalle padelle alle pentole, passando per friggitrici e forni. Il tutto facendo risparmiare tempo prezioso, spazio all’interno dell’ambiente e soprattutto l’uso dei vari arnesi e apparecchi nella preparazione dei piatti. Un vantaggio non da poco per coloro che sono quotidianamente occupati con vari impegni familiari e professionali.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

multicooker
Compra su Amazon

Russell Hobbs 21850-56 Multicooker Cook Home, 11 programmi di cottura, Accessori da cucina, Coperchio anticondensa, 5.0l, 900 Watt, Acciaio inossidabile / Nero

Prezzo su Amazon.it: € 70
multicooker
Compra su Amazon

Moulinex CE8511 Cookeo+ Multicooker con 100 Ricette Italiane pre Impostate, 6 Modalità di Cottura, 2-6 Persone, Seconda Pentola Antiaderente Inclusa, 1600 W, Acciaio Inossidabile, Bianco Cromato

Prezzo su Amazon.it: € 199
multicooker
Compra su Amazon

Ariete 2945 Multicooker Twist Pentola Multifunzione Cuocivivande con Pala Mescolatrice, Display LCD, 30 Programmi Preimpostati, Cestello 5 L, Ricettario, Bianco/Grigio

Prezzo su Amazon.it: € 88,99

Funzioni e programmi di un multicooker

multicooker

Il multicooker computerizzato consente di svolgere diverse cose e si presenta con varie funzionalità. Innanzitutto, riscaldare un alimento freddo fino a 50-60°C; poi mantenere caldo un piatto per svariate ore (ad almeno 60°), magari dopo essere stato preparato dalla stessa macchina; impostare un tempo di cottura, che consente di controllare il tempo di cottura appunto degli ingredienti inseriti. Ciò naturalmente quando questi ultimi possono restare ad una temperatura predeterminata per qualche ora.

Per quanto riguarda invece i programmi, il multicooker ne possiede generalmente diversi, in base alle molteplici esigenze. Ecco i principali:

  • Cucina: ideale per realizzare zuppe, brodi e riso, in quanto permette di arrivare al punto di bollitura e di mantenerla per un tempo preimpostato;
  • Pasta: utilissimo per cucinare pasta, salsicce, uova e tutti quei prodotti che hanno bisogno di acqua bollente. In pratica, riscalda fino alla bollitura e si ferma nel momento in cui si devono inserire i singoli ingredienti. Una volta inseriti, riprende la bollitura e mantiene la temperatura per un tempo preimpostato;
  • Stufato: adatto per realizzare verdure, carni e frutti di mare stufati, in quanto arriva al punto di bollitura per poi continuare ad una temperatura lievemente più bassa;

macchina multifunzione per cucinare

  • Frittura: utilizzabile per friggere pesce, carne, frutti di mare, verdure e pollame vario, anche regolabile con la copertura aperta o chiusa, a seconda delle proprie esigenze;
  • Cuocere al forno: utile per cucinare biscotti, pasticcini, torte ed eventualmente anche stufati cotti in casseruola;
  • Riso e grani: si utilizza per la bollitura di riso, grano saraceno e grani farinacei, piselli e fagioli, in quanto consente di riscaldare fino alla bollitura e mantenere la stessa fino a quando non termina l’acqua presente (magari attraverso l’evaporazione oppure con l’assorbimento del liquido da parte degli ingredienti medesimi);
  • Vapore: utile per verdure, carni, ravioli e cibo cotto al vapore destinato ai bambini;

Vantaggi e svantaggi di un simile elettrodomestico

Un multicooker presenta diversi vantaggi: dall’uso di un singolo apparecchio anziché’ diversi nella preparazione di un piatto al risparmio di spazio fisico in cucina, passando per la sua semplicità di uso e pulizia. Un relativo svantaggio potrebbe essere invece quello dei consumi energetici, infatti alcuni prodotti in commercio tendono a consumare una certa quantità di energia elettrica. Tuttavia, questa può essere compensata col non utilizzo di altri elettrodomestici da cucina per la preparazione del piatto prescelto. 

 




Potrebbe interessarti

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

self storage a milano

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi anche...

DIA: le modalità per la dichiarazione in comune

La DIA, o Denuncia di inizio delle attività, è un documento che va presentato presso ufficio tecnico del comune nel quale si intendono effettuare determinati tipi di lavori edili. La normativa che regola i campi di applicazione, l’iter per la consegna e le tempistiche per il suo accoglimento è sancita dal D.P.R. 380/2001, che prende il nome di Testo Unico per l’edilizia.

Leggi anche...

Bollette Telecom: pagamenti e morosità, cosa c'è da sapere?

In passato, gli utenti legati da rapporti societari o personali con un cliente moroso, che intendevano attaccare una nuova linea telefonica Telecom, erano soggetti al pagamento delle bollette arretrate o alla definitiva sospensione della fornitura per morosità.

Go to Top