La passione di tanti Italiani è la cucina, per questo motivo amano realizzare tante ricette e tendono a usare spesso il forno. Un classico dilemma che si presenta loro quando devono cambiare quest’ultimo è: scegliere un forno elettrico o un forno a gas? Ciascuna scelta presenta vantaggi e svantaggi, la cosa importante tuttavia è effettuarla in maniera responsabile, dopo un’attenta valutazione e in modo da non avere brutte sorprese dopo l’acquisto.

Per questo motivo, cerchiamo di approfondire la conoscenza di un forno a gas, del suo funzionamento e quali pregi e difetti potrebbe evidenziare per coloro che lo volessero acquistare ed utilizzare nella preparazione delle pietanze. Tutto questo al fine di avere gli elementi per effettuare una attenta valutazione di questo prodotto, sempre più usato e diffuso nelle cucine italiane.

Dimensioni e spazi a disposizione

Un errore che alcune volte si compie è quello di acquistare un prodotto di grandi dimensioni, senza avere molto spazio a disposizione nella propria cucina. Infatti, prima di procedere ad un acquisto, è sempre importante considerare lo spazio disponibile e l’uso che se ne vuol fare, soprattutto se si intende comprare un forno a gas con vano cottura ampio. Il forno a gas è utile infatti quando si cucina spesso e poi una notevole quantità di pietanze.

Un elemento per cucinare bene e diversi prodotti

forno a gas

Questo genere di forno a gas è l’ideale per coloro che ricercano una certa funzionalità e praticità di uso, anche grazie alla predisposizione ad una vasta gamma di programmi di cottura per diverse tipologie di alimenti, con consumi poco elevati. Negli ultimi anni, inoltre, sono stati creati vari generi di forni a gas, per ogni tipo di utilizzo ed esigenza, oltre che di arredamento presente nelle cucine, al fine di integrarsi bene in ogni ambiente. 

Come funziona questo tipo di elettrodomestico

Un forno a gas (che può essere collegato ad una bombola oppure direttamente ad un impianto a gas presente nell’abitazione) funziona con un bruciatore situato nella parte bassa dello stesso, a cui poi trasmette il calore creato e che viene poi fornito alla camera di combustione. 

Il calore quindi viene diffuso attraverso l’irraggiamento, durante il quale le aree superficiali degli alimenti sono soggette ai raggi caldi del forno, mentre in un secondo momento lo stesso calore si trasmette per convenzione, grazie al movimento dell’aria calda che tende a circolare sugli alimenti.

Il forno a gas, dopo la sua accensione, tende a funzionare al massimo delle sue potenzialità fino al raggiungimento della temperatura prestabilita, passando in seguito ad una temperatura minima o comunque più bassa e mantenendola costante per il periodo necessario alla cottura. Alcune tipologie di forni a gas, inoltre, sono dotate di un ulteriore elemento, il grill, posto sulla parte superiore dello stesso e che consente una cottura grigliata degli alimenti.

I costi da sostenere per l’acquisto

I prezzi di un forno a gas possono variare in base a diversi fattori: la tipologia di forno, le sue dimensioni, i materiali con cui sono realizzati (acciaio inox tradizionale o quello con cristalli, ad esempio), i vetri di cui sono composti, la notorietà e qualità dell’azienda produttrice ed altro ancora. Comunque, le tariffe per l’acquisto di tale prodotto variano da un minimo di 300 Euro fino ad arrivare anche intorno ai 2.000 Euro.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

forno a gas
Compra su Amazon

Indesit I6GG1F(X)/I, Cucina 60X60cm con Forno a Gas, a Libera Installazione, 4 Fuochi, Argento

Prezzo su Amazon.it: € 318,99
forno a gas
Compra su Amazon

Beko CSG42001FW cucina Piano cottura Bianco Gas, Senza installazione

Prezzo su Amazon.it: € 203,7
forno a gas
Compra su Amazon

Candy FLG203 / 1X - Forni (incasso, gas naturale, acciaio inossidabile, rotativo, anteriore, meccanico), Acciaio inossidabile

Prezzo su Amazon.it: € 322,27

Pregi e difetti del forno a gas

Prima di comprare un forno a gas, è sempre bene valutare vantaggi e svantaggi di questa scelta. Tra i pregi che si riscontrano, senz’altro vi sono la loro semplicità d’uso, la notevole velocità con cui possono raggiungere la temperatura desiderata o comunque le alte temperature. Inoltre, essi evidenziano consumi molto più ridotti rispetto a quelli elettrici (il gas, ricordiamolo, costa meno dell'elettricità), quindi si ottiene un risparmio sulle bollette.

Tra i difetti, poi, si può riscontrare una certa difficoltà nella gestione della temperatura costante per diverso tempo, dovuta al bruciatore che, delle volte, va al massimo ed altre, invece, tende verso il minimo. Di conseguenza, il forno a gas è ottimo per cucinare pizze, pane e alimenti che richiedono alte temperature (oltre 220°C), mentre risulta meno efficace per realizzare dolci, torte e biscotti. 

 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contratto con il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Il modulo del contratto di locazione: ecco tutte le novità!

Il modulo del contratto di locazione

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

I più condivisi

Piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Contratti di locazione commerciale

bioedilizia

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi anche...

Valore catastale terreni agricoli: conosci le novità?

Tra qualche mese arriverà sugli italiani la stangata dell’IMU, la tassa rimessa dal Governo Monti sugli immobili, misura resa necessaria come dichiarato dai tecnici per reperire le risorse sufficienti per fronteggiare la grave crisi economica globale.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top