La Lavasciuga per pavimenti nasce come macchinario per la pulizia di grandi superfici come gli uffici, i grandi magazzini, gli ospedali, i supermercati. Si tratta di macchinari di grandi dimensioni, spesso guidati a bordo da un operatore o telecomandati, complessi in manovra, ma assolutamente indispensabili per gli operatori professionali per pulire con efficacia senza fatica. I modelli professionali sono vere e proprie macchine per la pulizia che richiedono anche una formazione per l’utilizzo; ma proprio dall’esperienza professionale, nasce la tecnologia che ha permesso di sviluppare alcuni modelli anche per l’uso domestico, molto più pratici e snelli, compatti e dai prezzi alla portata di tutti – simili a delle aspirapolvere – senza però rinunciare all’accuratezza di una pulizia professionale. Oggi, le lavasciuga per pavimenti sono entrate nella quotidianità, con modelli sempre più all’avanguardia e multifunzione. Con questa guida, impareremo tutto ciò che serve per scegliere con attenzione il prodotto migliore per l’igiene e la cura della propria casa.

Guida alla scelta di una lavapavimenti elettrica

Il mondo delle lavasciuga per pavimenti spazia dai macchinari professionali per la pulizia delle grandi superfici a quelle per l’uso domestico alimentate a batteria o a corrente elettrica domestica, dalle dimensioni notevolmente più compatte, pratiche e ridotte. Dimensioni e peso sono proprio i fattori che determinano la scelta di una lavasciuga per pavimenti elettrica: per la pulizia di casa occorre che queste macchine siano leggere, di poco ingombro, maneggevoli senza perdere di vista la qualità delle spazzole, la potenza, il tipo di alimentazione e la durata nel tempo, la capienza del serbatoio, la dotazione degli accessori, la qualità dei materiali e, non ultimo, il prezzo.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

lavasciuga pr pavimenti
Compra su Amazon

BISSELL 17132 CrossWave - Dispositivo Multisuperficie 3-in-1, Aspira, Lava & Asciuga, Pulisce Pavimenti & Tappeti, 560 W, Blu/Titanio, 80 dB(A)

Prezzo su Amazon.it: € 219
lavasciuga per pavimenti
Compra su Amazon

Bissell CrossWave Pet Pro Aspirapolvere/Lavapavimenti Multifunzione 3-in-1, Pulisce Pavimenti & Tappeti, 2225N

Prezzo su Amazon.it: € 286,62
lavasciuga per pavimenti
Compra su Amazon

LAVOR Lavasciuga Pavimenti SPRINTER, Lava e Asciuga in una Sola Passata, 1000 Watt, Resa Oraria max 1015 mq/h, 4 Flaconi Detergente Inclusi

Prezzo su Amazon.it: € 298,94

Caratteristiche di una lavasciuga per pavimenti

Gli elettrodomestici presenti sul mercato pensati per il comparto specifico della pulizia dei pavimenti spaziano dalle aspira-polvere alle lavapavimenti con e senza funzione di asciugatura. Le lavasciuga per pavimenti, in particolare, ha registrato un incremento delle vendite per la completezza della pulizia; però bisogna sapere che la tecnologia – per quanto avanzata – non è riuscita a “compattare” e ridurre al minimo indispensabile le dimensioni: il peso di una lavasciuga per pavimenti, a seconda dei modelli, oscilla tra i 3 chili fino ai 10 Kg. È un elettrodomestico pesante da manovrare e che si potrebbe rivelare faticoso per le lunghe sessioni di pulizia intensiva. L’ingombro è un altro aspetto da considerare, poiché sono generalmente più grandi di una aspirapolvere e nelle abitazioni con molti mobili la trasportabilità potrebbe non essere facilitata, così come il raggiungimento degli angoli più difficili. Esistono, tuttavia, modelli compatti per ridurre al minimo l’ingombro. Le case produttrici agevolano la manovrabilità di queste macchine dotandole di maniglie ergonomiche dotate di pulsantiere per l’attivazione delle funzioni come il regolamento dell’intensità dell’acqua e la forza di aspirazione. Un elemento da prendere in considerazione nella scelta dell’alimentazione:

  • Cavo elettrico;
  • Senza fili

Il cavo elettrico garantisce continuità di prestazione, la lunghezza è tale che permette di muoversi liberamente in quasi tutti gli ambienti senza dover staccare la spina; ma nelle abitazioni su più piani o in presenza di molti mobili e ingombri, potrebbe valere la pena optare per un modello senza fili, ma in quel caso bisogna valutare la durata della batteria e se è compatibile con la durata media della pulizia della casa, in base anche alle dimensioni.

lava e asciuga

Tra le caratteristiche da non sottovalutare nella scelta di questo macchinario si ricorda la componente delle spazzole che incide molto sulla qualità della pulizia. Le spazzole sono generalmente a forma di rullo in microfibra per trattenere e rimuovere con più efficacia lo sporco. Le lavasciuga per pavimenti più versatili sono dotate di spazzole idonee per la pulizia di qualsiasi tipo di superficie senza danneggiarli (grès, parquet, ceramica, pietra naturale, marmo, linoleum, tappeti). Le dimensioni della spazzola e la tipologia di aggancio non sono da sottovalutare perché un limite di alcuni modelli è dato proprio da spazzole che non sono in grado di raggiungere angoli difficili o di aderire perfettamente al pavimento, lasciando un bordo di sporco di alcuni centimetri a destra e a sinistra, come per esempio nella pulizia ai bordi del battiscopa. Esistono spazzole rimovibili che si possono sostituire con modelli più lunghi e piatte lungo tutto il perimetro della base.

La potenza di una lavasciuga per pavimenti è un fattore che incide sulle prestazioni; quelle dotate di alimentazione con cavo elettrico vanno da 400 a 800 Watt, a differenza di quelle equipaggiate con batterie a ioni di litio ricaricabili che hanno un’autonomia ridotta e minor potenza. In fase di asciugatura bisogna considerare la velocità di rotazione (regolabile) delle spazzole che vanno da 500 a 6700 giri al minuto.

Le lavasciuga per pavimenti sono dotate di due serbatoi separati:

  • Un serbatoio per l’acqua pulita (a cui aggiungere o meno il detergente)
  • Un serbatoio che raccoglie lo sporco.

I serbatoi separati garantisce una pulizia sempre con acqua pulita e migliori livelli di igiene. Il serbatoio per l’acqua pulita è mediamente più grande di quello per la raccolta dell’acqua sporca: da 0,5 a 1 litro, quanto più è capiente il serbatoio maggiore è la superficie che si può lavare senza dover effettuare il ricambio dell’acqua pulita e lo scarico di quella sporca. I modelli più avanzati sono dotati di spie a led che avvisano dei livelli nei serbatoi e quando le spazzole si inceppano per qualcosa che vi rimane incastrato. Alcuni modelli prevedono anche un sistema di filtraggio, utile per chi è allergico o per rimuovere accuratamente anche i peli di animali domestici.

lava e asciuga

Questi macchinari sono, ovviamente, dotati di numerosi accessori, dalle diverse tipologie di spazzole, alla postazione di ricarica o alloggio, al kit per la pulizia delle spazzole; in alcuni casi al primo acquisto, la casa produttrice correda l’acquisto con detergenti specifici adatti alle varie superfici e spazzole sostitutive. I prodotti di fascia alta e dal prezzo più elevato sono dotati di accessori per la pulizia delle tende e degli imbottiti.

materiali di costruzione sono generalmente tutti solidi e resistenti, ciò garantisce longevità all’apparecchio, ma anche minore maneggevolezza e più peso. Le parti che si usurano più facilmente sono le spazzole, pertanto, anche se a prezzi più elevati vale la pena scegliere un modello che offre una gamma di spazzole varie per i diversi utilizzi e con almeno un ricambio per ciascuna tipologia.

prezzi variano a seconda dello standard costruttivo e dalla marca. Le marche più note garantiscono qualità dei materiali e una capillarità territoriale di centri di assistenza per i pezzi di ricambio e la reperibilità, ma anche prezzi più alti che partono da 100 € per i cosiddetti modelli “entry level” fino a oltre 400 € per quelli di fascia alta. La scelta finale è determinata principalmente dalla destinazione di uso e dalle dimensioni della superficie da lavare.




Potrebbe interessarti

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL? Scopriamolo insieme!

come leggere la bolletta dell'ENEL

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Go to Top