Gli addolcitori Acqualife di acqua a uso domestico servono per ridurre la formazione del calcare nelle tubature della rete idrica domestica a vantaggio della durata degli elettrodomestici e del benessere del corpo umano. La linea di prodotti Acqualife spazia dall’offerta dei depuratori (che eliminano le sostanze nocive, e residui fissi, ma non hanno funzione anticalcare), agli addolcitori (con funzione anticalcare) ai gasatori (che modificano il gusto dell’acqua potabile, senza funzione depurativa né anticalcare). Per l’uso domestico, l’addolcitore risulterebbe una soluzione ottimale per la salvaguardia delle tubature e dell’impianto.

A cosa serve un addolcitore

L’addolcitore Acqualife serve a ridurre il calcare e ha senso solo nel caso in cui l’acqua del rubinetto risulta avere una durezza tale, le cui incrostazioni mettono a rischio l’impianto e gli elettrodomestici. Calcare, sali minerali e altre sostanze cristallizzanti tendono ad accumularsi nei tubi, nelle valvole, nelle serpentine degli elettrodomestici e a lungo andare rischiano di danneggiare il funzionamento, la capacità di pulizia e persino l’efficienza energetica dei macchinari domestici, ma non solo, l’acqua dura compromette anche:

AcquaLife/

  • Le tubature dell’impianto idrico, ostruendole;
  • Il funzionamento corretto della caldaia o scaldacqua che non produce più acqua;
  • Deterioramento delle guarnizioni e della rubinetteria;
  • Pulizia delle stoviglie e dei rubinetti lasciando aloni;
  • Pulizia dei sanitari, creando macchie e aloni ruvidi e difficili da rimuovere se non con l’aiuto di detergenti aggressivi che a lungo andare provocano anche loro danni.

Così come l’acqua calcarea danneggia filtri e cromature, anche la cura e l’igiene personale rischiano di essere “compromesse” dalle eccessive concentrazioni di calcare, causando perdita di lucentezza dei capelli e rendendo la pelle secca. Ecco, dunque, l’utilità di addolcitori Acqualife domestici – di facile installazione e senza opere di muratura – come soluzione pratica ed efficace per ridurre i problemi.

Esistono diversi tipi di decalcificatori che sfruttano sistemi diversi, ma il cui funzionamento di base è sempre lo stesso, volto a ridurre le concentrazioni di calcio e magnesio, senza tuttavia depauperare o alterare altri elementi e contenuti nell’acquedotto.

Come funzionano gli addolcitori

Vi sono addolcitori Acqualife domestici e professionali la cui differenza sostanziale è nella portata piuttosto che nel funzionamento. Gli addolcitori Acqualife sono composti da un contenitore di resina a scambio di ioni, dove gli ioni di sodio e potassio sostanzialmente sostituiscono quelli di calcio e magnesio. L’acqua dura o calcarea viene fatta convogliare nel contenitore di resina cationica dove i Sali di calcio e magnesio vengono convertiti in ioni di sodio che danneggiano meno le tubature e creano meno incrostazioni e quindi danno per gli elettrodomestici e l’organismo, l’acqua che viene riemessa nel circuito risulta così “addolcita”. Gli addolcitori si installano preferibilmente all’ingresso dell’impianto idrico domestico oppure – quando non è possibile – in qualsiasi parte in cui si possa accedere all’impianto idrico. La manutenzione consiste – a seconda dei modelli - nel controllare i livelli dei sali di sodio e potassio all’interno del filtro.

La gamma di addolcitori Acqualife

AcquaLife/

Acqualife è un’azienda italiana che da anni è impegnata nella ricerca e nella produzione di sistemi anticalcare. La gamma di addolcitori Acqualife è suddivisa per portata e uso:

  • Addolcitore domestico 4 litri: è il modello più compatto e pratico ideale per i piccoli appartamenti o per un numero di 2 componenti o abitanti;
  • Addolcitore domestico da 10- 15 litri: ideale per le medie esigenze di una famiglia standard di 4 persone;
  • Decalcificatore da 25 litri: idoneo per le famiglie numerose o per chi necessita di grandi quantitativi di acqua addolcita priva di calcare;
  • Anticalcare elettronico domestico: una tecnologia di ultima generazione che senza l’uso di Sali aggiunti o altre sostanze chimiche, permette la riduzione dei depositi di calcare nelle tubature.

I vantaggi di un’acqua più “leggera” e addolcita si concretizzano in un risparmio sull’uso dei detergenti, sulla durata degli elettrodomestici e sulla salute umana.

Autore: Enrico Mainero
Immagine di Enrico Mainero

Dal 2011 Direttore Responsabile e Amministratore unico per ElaMedia Group SRLS. Mi dedico prevalentemente all'analisi dei siti web e alla loro ottimizzazione SEO, con particolare attenzione allo studio della semantica e al loro posizionamento organico sui motori di ricerca. Sono il principale curatore dei contenuti di questo Blog (assieme alla Redazione di ElaMedia).

Potrebbe interessarti

Detrazione sull'affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Go to Top