Gli addolcitori Acqualife di acqua a uso domestico servono per ridurre la formazione del calcare nelle tubature della rete idrica domestica a vantaggio della durata degli elettrodomestici e del benessere del corpo umano. La linea di prodotti Acqualife spazia dall’offerta dei depuratori (che eliminano le sostanze nocive, e residui fissi, ma non hanno funzione anticalcare), agli addolcitori (con funzione anticalcare) ai gasatori (che modificano il gusto dell’acqua potabile, senza funzione depurativa né anticalcare). Per l’uso domestico, l’addolcitore risulterebbe una soluzione ottimale per la salvaguardia delle tubature e dell’impianto.

A cosa serve un addolcitore

L’addolcitore Acqualife serve a ridurre il calcare e ha senso solo nel caso in cui l’acqua del rubinetto risulta avere una durezza tale, le cui incrostazioni mettono a rischio l’impianto e gli elettrodomestici. Calcare, sali minerali e altre sostanze cristallizzanti tendono ad accumularsi nei tubi, nelle valvole, nelle serpentine degli elettrodomestici e a lungo andare rischiano di danneggiare il funzionamento, la capacità di pulizia e persino l’efficienza energetica dei macchinari domestici, ma non solo, l’acqua dura compromette anche:

AcquaLife

  • Le tubature dell’impianto idrico, ostruendole;
  • Il funzionamento corretto della caldaia o scaldacqua che non produce più acqua;
  • Deterioramento delle guarnizioni e della rubinetteria;
  • Pulizia delle stoviglie e dei rubinetti lasciando aloni;
  • Pulizia dei sanitari, creando macchie e aloni ruvidi e difficili da rimuovere se non con l’aiuto di detergenti aggressivi che a lungo andare provocano anche loro danni.

Così come l’acqua calcarea danneggia filtri e cromature, anche la cura e l’igiene personale rischiano di essere “compromesse” dalle eccessive concentrazioni di calcare, causando perdita di lucentezza dei capelli e rendendo la pelle secca. Ecco, dunque, l’utilità di addolcitori Acqualife domestici – di facile installazione e senza opere di muratura – come soluzione pratica ed efficace per ridurre i problemi.

Esistono diversi tipi di decalcificatori che sfruttano sistemi diversi, ma il cui funzionamento di base è sempre lo stesso, volto a ridurre le concentrazioni di calcio e magnesio, senza tuttavia depauperare o alterare altri elementi e contenuti nell’acquedotto.

Come funzionano gli addolcitori

Vi sono addolcitori Acqualife domestici e professionali la cui differenza sostanziale è nella portata piuttosto che nel funzionamento. Gli addolcitori Acqualife sono composti da un contenitore di resina a scambio di ioni, dove gli ioni di sodio e potassio sostanzialmente sostituiscono quelli di calcio e magnesio. L’acqua dura o calcarea viene fatta convogliare nel contenitore di resina cationica dove i Sali di calcio e magnesio vengono convertiti in ioni di sodio che danneggiano meno le tubature e creano meno incrostazioni e quindi danno per gli elettrodomestici e l’organismo, l’acqua che viene riemessa nel circuito risulta così “addolcita”. Gli addolcitori si installano preferibilmente all’ingresso dell’impianto idrico domestico oppure – quando non è possibile – in qualsiasi parte in cui si possa accedere all’impianto idrico. La manutenzione consiste – a seconda dei modelli - nel controllare i livelli dei sali di sodio e potassio all’interno del filtro.

La gamma di addolcitori Acqualife

AcquaLife

Acqualife è un’azienda italiana che da anni è impegnata nella ricerca e nella produzione di sistemi anticalcare. La gamma di addolcitori Acqualife è suddivisa per portata e uso:

  • Addolcitore domestico 4 litri: è il modello più compatto e pratico ideale per i piccoli appartamenti o per un numero di 2 componenti o abitanti;
  • Addolcitore domestico da 10- 15 litri: ideale per le medie esigenze di una famiglia standard di 4 persone;
  • Decalcificatore da 25 litri: idoneo per le famiglie numerose o per chi necessita di grandi quantitativi di acqua addolcita priva di calcare;
  • Anticalcare elettronico domestico: una tecnologia di ultima generazione che senza l’uso di Sali aggiunti o altre sostanze chimiche, permette la riduzione dei depositi di calcare nelle tubature.

I vantaggi di un’acqua più “leggera” e addolcita si concretizzano in un risparmio sull’uso dei detergenti, sulla durata degli elettrodomestici e sulla salute umana.




Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi anche...

Recupero edilizio, quali gli interventi compresi nel Bonus Ristrutturazione

RISTRUTTURAZIONE min

Per incentivare il miglioramento delle strutture abitative private e condominiali, il Governo italiano in questi anni ha ideato e avviato diverse iniziative, tra le quali il cosiddetto Bonus Ristrutturazione. Questo consente di ottenere il rimborso di una quota delle spese effettuate per lavori di ristrutturazione, riguardanti un’abitazione principale oppure le seconde case o, ancora, di parti comuni di edifici condominiali. In tali lavori di ristrutturazione sono compresi anche quelli connessi al recupero edilizio.

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Go to Top