Quando si verifica un cambiamento di proprietario all'interno di un'abitazione, ed è già presente un contratto di erogazione d'impianto idrico, si deve effettuare anche una voltura dell'acqua, ovvero una modifica dell'intestatario della bolletta.

Il padrone di casa che lascia l'abitazione dovrà infatti fare disdetta del contratto non appena il nuovo acquirente farà richiesta della voltura dell'acqua.

La Bolletta dell’Acqua: cosa stiamo pagando

Praticamente ogni famiglia italiana paga la bolletta dell’acqua, questo perché salvo rarissime eccezioni ogni casa è collegata alla rete idrica per la fornitura dell’acqua o a quella fognaria per lo scarico dei liquidi.

Una bolletta dell’acqua è quindi il pagamento di quello che viene chiamato”Servizio Idrico Integrato”, che comprende:

  • l’erogazione di acqua potabile (prelievo, trattamento, trasporto e sua distribuzione fino ai rubinetti);
  • l’utilizzo della fognatura (scarico dell’acqua sporca, trasporto e trattamento negli impianti dedicati);
  • la depurazione dell’acqua (prima del rilascio nell’ambiente).

La bolletta dell’acqua: prezzo o tariffa?

Poiché questi servizi sono gestiti da un solo operatore la bolletta dell’acqua è una tariffa e non un prezzo. Poiché non esiste la concorrenza il sistema tariffario è regolato da norme rigorose atte a tutelare il consumatore da un servizio scadente o eccessivamente caro.

Buona parte dei costi sono dovuti a sistemi sempre più rigorosi di controllo della qualità dell’acqua e ad apparati di depurazione sempre più avanzati; se per molti anni parte dei costi sono stati sostenuti con finanziamenti statali, dalla metà degli anni ‘90 la legge ha stabilito che la spesa spetti interamente agli utenti.

Come calcolare la bolletta dell’acqua

La bolletta dell’acqua è determinata:

  • da una spesa standard che si sostiene indipendentemente da quanto si consumi, che va a coprire i costi del contatore e degli investimenti;
  • da una quota variabile a seconda del consumo effettivo di acqua.

E’importante considerare che quest’ultima spesa non è proporzionale all’utilizzo del bene: per dissuadere i consumatori dallo sprecare la risorsa lo Stato ha stabilito un sistema basato sui blocchi crescenti; man mano che si consuma più acqua e si passa allo scaglione successivo un litro d’acqua aumenta di prezzo, in questo modo il primo blocco (quello dei consumi essenziali) ha un costo inferiore alla media mentre gli ultimi sono assai più elevati.

I costi aggiuntivi della bolletta dell’acqua

Come tutti i consumi, la bolletta dell’acqua viene tassata dallo Stato con l’imposta sul valore aggiunto (la cosiddetta IVA), poiché si tratta comunque del pagamento di un bene essenziale si tratta di un’aliquota agevolata dall’importo del “solo” 10%.

Vi è inoltre un secondo prelievo meno noto che è la tassa sul prelievo di acqua dall’ambiente (riscosso dalle province), che consta di meno dell’1% del totale.

Spese della voltura dell'acqua: chi le sostiene?

Le spese per la voltura dell'acqua (spese contrattuali, bolli e anticipo fornitura) verranno successivamente ascritte all'interno della prima bolletta del nuovo intestatario.

La voltura dell'acqua può essere richiesta unicamente per i Comuni di competenza del gestore al quale si fa riferimento.

Documenti necessari alla richiesta di voltura dell'acqua

I documenti necessari per richiedere una voltura dell'acqua con cambio di intestatario sono solitamente i seguenti:

  • un documento di riconoscimento del nuovo utente;
  • l'ultima ricevuta della bolletta pagata dal precedente proprietario;
  • la lettura del contatore.

Se presente, va consegnata anche la delega del vecchio titolare del contratto, corredata di copia del suo documento di riconoscimento.

La richiesta della voltura dell'acqua è ritenuta approvata solo dopo che l'acquirente ha ottenuto una copia del contratto. L'attivazione della fornitura dell'acqua avviene solitamente entro 48 ore dal recapito della documentazione necessaria.

Voltura in caso di contatore già allacciato

La voltura dell'acqua, in una casa con contatore già allacciato e aperto, necessita solamente del cambio di intestatario. Qualora il contatore dell'acqua fosse presente ma chiuso, si provvederà anche alla riapertura dello stesso.



Potrebbe interessarti

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Perché acquistare o vendere casa con l’aiuto di un’agenzia immobiliare

 

Hai necessità di acquistare o vendere casa? Ti sei mai chiesto se è preferibile avvalersi della collaborazione di un’agenzia immobiliare e perché? Sintetizzare la fase di compravendita di un immobile come quel lasso di tempo che intercorre tra la pubblicazione di un annuncio, la trattativa tra le parti e la firma del contratto, è un ragionamento troppo semplicistico e spesso lontano dalla realtà delle cose.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sostituzione del mutuo: cosa occorre fare?

E’ la soluzione tradizionale più semplice, ma più costosa, quando si decide di sostituire il mutuo; si estingue il vecchio mutuo, si cancella la vecchia ipoteca, viene acceso uno nuovo mutuo, e si iscrive una nuova ipoteca.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Impianto termico: come funziona?

Un impianto termico è un sistema con il quale si regola la temperatura interna agli ambienti domestici. L’impianto termico comprende la componente destinata a fornire le calorie occorrenti nel periodo invernale, sia la potenza frigorifera necessaria nel periodo estivo. L'apporto si differenzia sia per le modalità di generazione, sia per il sistema di vettoriamento. In un impianto termico possono essere adoperate caldaie, resistenze elettriche e pompe di calore mentre per la generazione di frigorie possono essere utilizzati gruppi frigoriferi, pompe di calore e pozzi geotermici.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top