Quando si verifica un cambiamento di proprietario all'interno di un'abitazione, ed è già presente un contratto di erogazione d'impianto idrico, si deve effettuare anche una voltura dell'acqua, ovvero una modifica dell'intestatario della bolletta.

Il padrone di casa che lascia l'abitazione dovrà infatti fare disdetta del contratto non appena il nuovo acquirente farà richiesta della voltura dell'acqua.

La Bolletta dell’Acqua: cosa stiamo pagando

Praticamente ogni famiglia italiana paga la bolletta dell’acqua, questo perché salvo rarissime eccezioni ogni casa è collegata alla rete idrica per la fornitura dell’acqua o a quella fognaria per lo scarico dei liquidi.

Una bolletta dell’acqua è quindi il pagamento di quello che viene chiamato”Servizio Idrico Integrato”, che comprende:

  • l’erogazione di acqua potabile (prelievo, trattamento, trasporto e sua distribuzione fino ai rubinetti);
  • l’utilizzo della fognatura (scarico dell’acqua sporca, trasporto e trattamento negli impianti dedicati);
  • la depurazione dell’acqua (prima del rilascio nell’ambiente).

La bolletta dell’acqua: prezzo o tariffa?

Poiché questi servizi sono gestiti da un solo operatore la bolletta dell’acqua è una tariffa e non un prezzo. Poiché non esiste la concorrenza il sistema tariffario è regolato da norme rigorose atte a tutelare il consumatore da un servizio scadente o eccessivamente caro.

Buona parte dei costi sono dovuti a sistemi sempre più rigorosi di controllo della qualità dell’acqua e ad apparati di depurazione sempre più avanzati; se per molti anni parte dei costi sono stati sostenuti con finanziamenti statali, dalla metà degli anni ‘90 la legge ha stabilito che la spesa spetti interamente agli utenti.

Come calcolare la bolletta dell’acqua

La bolletta dell’acqua è determinata:

  • da una spesa standard che si sostiene indipendentemente da quanto si consumi, che va a coprire i costi del contatore e degli investimenti;
  • da una quota variabile a seconda del consumo effettivo di acqua.

E’importante considerare che quest’ultima spesa non è proporzionale all’utilizzo del bene: per dissuadere i consumatori dallo sprecare la risorsa lo Stato ha stabilito un sistema basato sui blocchi crescenti; man mano che si consuma più acqua e si passa allo scaglione successivo un litro d’acqua aumenta di prezzo, in questo modo il primo blocco (quello dei consumi essenziali) ha un costo inferiore alla media mentre gli ultimi sono assai più elevati.

I costi aggiuntivi della bolletta dell’acqua

Come tutti i consumi, la bolletta dell’acqua viene tassata dallo Stato con l’imposta sul valore aggiunto (la cosiddetta IVA), poiché si tratta comunque del pagamento di un bene essenziale si tratta di un’aliquota agevolata dall’importo del “solo” 10%.

Vi è inoltre un secondo prelievo meno noto che è la tassa sul prelievo di acqua dall’ambiente (riscosso dalle province), che consta di meno dell’1% del totale.

Spese della voltura dell'acqua: chi le sostiene?

Le spese per la voltura dell'acqua (spese contrattuali, bolli e anticipo fornitura) verranno successivamente ascritte all'interno della prima bolletta del nuovo intestatario.

La voltura dell'acqua può essere richiesta unicamente per i Comuni di competenza del gestore al quale si fa riferimento.

Documenti necessari alla richiesta di voltura dell'acqua

I documenti necessari per richiedere una voltura dell'acqua con cambio di intestatario sono solitamente i seguenti:

  • un documento di riconoscimento del nuovo utente;
  • l'ultima ricevuta della bolletta pagata dal precedente proprietario;
  • la lettura del contatore.

Se presente, va consegnata anche la delega del vecchio titolare del contratto, corredata di copia del suo documento di riconoscimento.

La richiesta della voltura dell'acqua è ritenuta approvata solo dopo che l'acquirente ha ottenuto una copia del contratto. L'attivazione della fornitura dell'acqua avviene solitamente entro 48 ore dal recapito della documentazione necessaria.

Voltura in caso di contatore già allacciato

La voltura dell'acqua, in una casa con contatore già allacciato e aperto, necessita solamente del cambio di intestatario. Qualora il contatore dell'acqua fosse presente ma chiuso, si provvederà anche alla riapertura dello stesso.



Potrebbe interessarti

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos’è il diritto reale di abitazione?

Cerchiamo di fare chiarezza su alcuni termini che affollano le nostre menti (in materia di locazione). Cominciamo con il definire i diritti reali. Il diritto reale è un diritto che ha per oggetto un oggetto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Plusvalenza sui terreni edificabili: come calcolarla?

Un'area o un qualsiasi terreno può essere definito edificabile in seguito alla verifica del possesso di particolari requisiti.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettura contatore gas Eni

 

La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Leggi tutto...
Go to Top