Per secoli hanno rappresentato la principale fonte di calore per abitazioni di ogni tipo, dalle piccole case cittadine ai castelli, ma adesso anche i caminetti sono oggetto di evoluzione e di ammodernamento. Al giorno d’oggi, infatti, si è passati dal tradizionale caminetto al termocamino o al camino ventilato. La tecnologia ha rivoluzionato anche questo elemento antico ma molto utile e romantico per il riscaldamento di un’abitazione, portando anche ad un miglioramento o comunque dei vantaggi rispetto al passato.

Ma quali sono i camini odierni e soprattutto quali differenze si riscontrano tra di essi? In particolare, qual è la differenza e quindi cosa distingue un termocamino da un camino ventilato di oggi? Cerchiamo di conoscere meglio questo ambito particolare del riscaldamento domestico, anche al fine di poter effettuare una scelta ponderata, nel caso si decidesse di comprare e realizzare un camino moderno ed efficiente per un’abitazione odierna.

Come è fatto questo riscaldamento domestico?

Quest’ultimo, definito anche camino termico, rappresenta un sistema particolare di riscaldamento di tipo domestico, il cui combustibile, attraverso cui si alimenta, si basa sul legno o sul pellet. A tale sistema di riscaldamento se ne possono abbinare anche altri, tra cui a gas e ad elettricità. Il termocamino può essere ad aria o ad acqua. 

Nel caso del termocamino ad aria, esso è fornito di diverse bocchette per l’erogazione di aria calda. Per quanto riguarda invece il termocamino ad acqua, esso sarà collegato, direttamente o per mezzo di scambiatori di calore, all’impianto di riscaldamento della casa (a pavimento o a radiatori).

Ciò che contraddistingue questo genere di impianto, come d’altronde il camino ventilato, a quello antico tradizionale è la camera chiusa, cioè la camera di combustione isolata da uno sportello in vetro ceramico. Di conseguenza, in un camino ventilato o termocamino, rispetto ad uno tradizionale, non vi sono fiamme libere. Altro elemento importantissimo di distinzione tra queste tipologie di impianti è il livello di risparmio energetico ottenuto.

Infatti, un camino ventilato (o un termocamino) risulta più efficiente rispetto ad uno tradizionale a camera aperta. Il risparmio energetico è ottenuto attraverso il recupero parziale del calore, il quale altrimenti si disperderebbe nella canna fumaria. A questo punto, ciò che distingue un camino ventilato da un termocamino è che il primo è fornito di sistema di ventilazione e quindi tenderà a diffondere il calore all’esterno, anche verso altre stanze, come vedremo.

Come si effettua l’installazione di un camino ventilato

camino ventilato

Per installare un camino ventilato, si devono connettere all’areazione i tubi per il passaggio del calore, i quali spingeranno quest’ultimo verso dei bocchettoni per l’aria esterna. Generalmente, in un camino ventilato, sono quattro i tubi da cui fuoriesce l’aria calda. Importante poi è la verifica dell’efficiente funzionamento sia del motore di ventilazione che del tubo di combustione, elementi fondamentali per la propagazione del calore all’esterno dello stesso camino ventilato.

I consumi del camino ventilato 

Tra gli elementi di cui tener presente al momento della scelta tra queste due tipologie simili di camini moderni, vi sono i consumi. Questi ultimi possono dipendere da molteplici fattori, tra cui anche le dimensioni e la disposizione degli ambienti da riscaldare. Il termocamino, dal canto suo, offre il grande vantaggio di coniugare elevato riscaldamento con considerevole risparmio energetico (in quanto non presenta notevole dispersione di calore).

Il camino ventilato, invece, evidenzia il pregio di consentire il riscaldamento e diffondere il calore in varie stanze, grazie al suo sistema di ventilazione. Da ciò magari un consumo maggiore, ma che consente di avere più ambienti riscaldati rispetto al termocamino. Di conseguenza, il camino ventilato è consigliabile per quelle abitazioni costituite da vari ambienti, mentre il termocamino risulta maggiormente adatto a case costituite da un unico ambiente o pochissime stanze, come monolocali o loft.

Ricordiamo poi che un camino ventilato è a legna e può essere realizzato ex novo oppure grazie al rinnovo di un camino tradizionale presente in una casa, grazie a lavori di ammodernamento di quest’ultimo. A livello di costi, per la realizzazione di un camino ventilato (o di un altro genere di camino moderno) si deve partire da una spesa di almeno 1.500 Euro, tuttavia questo genere di interventi può essere oggetto di detrazioni fiscali statali.  




Potrebbe interessarti

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi anche...

Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top