Per secoli hanno rappresentato la principale fonte di calore per abitazioni di ogni tipo, dalle piccole case cittadine ai castelli, ma adesso anche i caminetti sono oggetto di evoluzione e di ammodernamento. Al giorno d’oggi, infatti, si è passati dal tradizionale caminetto al termocamino o al camino ventilato. La tecnologia ha rivoluzionato anche questo elemento antico ma molto utile e romantico per il riscaldamento di un’abitazione, portando anche ad un miglioramento o comunque dei vantaggi rispetto al passato.

Ma quali sono i camini odierni e soprattutto quali differenze si riscontrano tra di essi? In particolare, qual è la differenza e quindi cosa distingue un termocamino da un camino ventilato di oggi? Cerchiamo di conoscere meglio questo ambito particolare del riscaldamento domestico, anche al fine di poter effettuare una scelta ponderata, nel caso si decidesse di comprare e realizzare un camino moderno ed efficiente per un’abitazione odierna.

Come è fatto questo riscaldamento domestico?

Quest’ultimo, definito anche camino termico, rappresenta un sistema particolare di riscaldamento di tipo domestico, il cui combustibile, attraverso cui si alimenta, si basa sul legno o sul pellet. A tale sistema di riscaldamento se ne possono abbinare anche altri, tra cui a gas e ad elettricità. Il termocamino può essere ad aria o ad acqua. 

Nel caso del termocamino ad aria, esso è fornito di diverse bocchette per l’erogazione di aria calda. Per quanto riguarda invece il termocamino ad acqua, esso sarà collegato, direttamente o per mezzo di scambiatori di calore, all’impianto di riscaldamento della casa (a pavimento o a radiatori).

Ciò che contraddistingue questo genere di impianto, come d’altronde il camino ventilato, a quello antico tradizionale è la camera chiusa, cioè la camera di combustione isolata da uno sportello in vetro ceramico. Di conseguenza, in un camino ventilato o termocamino, rispetto ad uno tradizionale, non vi sono fiamme libere. Altro elemento importantissimo di distinzione tra queste tipologie di impianti è il livello di risparmio energetico ottenuto.

Infatti, un camino ventilato (o un termocamino) risulta più efficiente rispetto ad uno tradizionale a camera aperta. Il risparmio energetico è ottenuto attraverso il recupero parziale del calore, il quale altrimenti si disperderebbe nella canna fumaria. A questo punto, ciò che distingue un camino ventilato da un termocamino è che il primo è fornito di sistema di ventilazione e quindi tenderà a diffondere il calore all’esterno, anche verso altre stanze, come vedremo.

Come si effettua l’installazione di un camino ventilato

camino ventilato

Per installare un camino ventilato, si devono connettere all’areazione i tubi per il passaggio del calore, i quali spingeranno quest’ultimo verso dei bocchettoni per l’aria esterna. Generalmente, in un camino ventilato, sono quattro i tubi da cui fuoriesce l’aria calda. Importante poi è la verifica dell’efficiente funzionamento sia del motore di ventilazione che del tubo di combustione, elementi fondamentali per la propagazione del calore all’esterno dello stesso camino ventilato.

I consumi del camino ventilato 

Tra gli elementi di cui tener presente al momento della scelta tra queste due tipologie simili di camini moderni, vi sono i consumi. Questi ultimi possono dipendere da molteplici fattori, tra cui anche le dimensioni e la disposizione degli ambienti da riscaldare. Il termocamino, dal canto suo, offre il grande vantaggio di coniugare elevato riscaldamento con considerevole risparmio energetico (in quanto non presenta notevole dispersione di calore).

Il camino ventilato, invece, evidenzia il pregio di consentire il riscaldamento e diffondere il calore in varie stanze, grazie al suo sistema di ventilazione. Da ciò magari un consumo maggiore, ma che consente di avere più ambienti riscaldati rispetto al termocamino. Di conseguenza, il camino ventilato è consigliabile per quelle abitazioni costituite da vari ambienti, mentre il termocamino risulta maggiormente adatto a case costituite da un unico ambiente o pochissime stanze, come monolocali o loft.

Ricordiamo poi che un camino ventilato è a legna e può essere realizzato ex novo oppure grazie al rinnovo di un camino tradizionale presente in una casa, grazie a lavori di ammodernamento di quest’ultimo. A livello di costi, per la realizzazione di un camino ventilato (o di un altro genere di camino moderno) si deve partire da una spesa di almeno 1.500 Euro, tuttavia questo genere di interventi può essere oggetto di detrazioni fiscali statali.  

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Agevolazioni fiscali per il canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Agevolazioni fiscali per il canone concordato

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contratto con il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

I più condivisi

Ricambi per tende da sole: scopri alcuni consigli utili per non sbagliare

ricambi per tende da sole

Col passare del tempo, l’usura, gli sbalzi di temperatura, i raggi solari, le intemperie ed i vari agenti atmosferici (dal vento alla pioggia) possono provocare problemi di vario tipo a tali attrezzature e quindi si ha necessità di disporre dei ricambi per tende da sole. Infatti, ricordiamo che comunque queste ultime sono fatte di stoffa, sia pur resistente, e di parti in plastica e metallo. Pertanto, sebbene sia effettuata una manutenzione periodica accurata, prima o poi capita di dover procedere all’acquisto di ricambi per tende da sole.

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi anche...

Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi anche...

Incentivi per fotovoltaico 2020: tutto quello che c'è da sapere

incentivi per il fotovoltaico 2020

L'energia solare è, ormai da tempo, attivamente usata nella produzione di energia elettrica ad uso domestico. Cominciata inizialmente come un'aggiunta "green" e ausiliaria alla rete elettrica tradizionale, i progressi tecnologici ottenuti negli anni permettono oggi di impiegare sistemi a basso impatto ambientale in maniera totale, con impianti di accumulo avanzati e soluzioni inclusive.

Go to Top