Il fotovoltaico negli ultimi anni, sta diventando un metodo di rifornimento energetico molto utilizzato e con il tempo, andrà sicuramente a sostituire i classici metodi di erogazione energetica. Proprio per questo motivo, il fotovoltaico propone ai consumatori diverse soluzioni, tra le quali il micro-impianto fotovoltaico.

Questa opzione risulta decisamente appetibile per un gran numero di acquirenti interessati al fotovoltaico ma con possibilità limitate sia per quanto riguarda il fattore economico, sia per quanto riguarda i vari fattori logistici, come ad esempio gli spazi a disposizione. Grazie al micro-impianto fotovoltaico, quindi, questa tecnologia risulterà più accessibile ad un maggiore numero di utenti, che potrebbero, in questo modo provare ad approcciare al mondo dell’energia sostenibile.

Come funziona questo impianto energetico

Il micro-impianto fotovoltaico può definirsi un impianto fotovoltaico a tutti gli effetti ma di dimensioni notevolmente ridotte. Questa sua caratteristica lo rende perfetto per qualsiasi tipo di abitazione, anche per gli appartamenti più piccoli. Grazie alle dimensioni ridotte di un micro-impianto, non avrete bisogno di uno spazio ampio per l’installazione ma vi sarà sufficiente dedicargli un piccolo angolo esterno alla vostra casa.

In termini tecnici, un micro-impianto fotovoltaico è costituito da un singolo pannello solare all’interno del quale si trova un inverter in grado di produrre corrente alternata, grazie alla quale potrete alimentare i dispositivi all’interno della vostra abitazione. Trattandosi di un micro-impianto fotovoltaico e non di un impianto tradizionale, anche le potenzialità sono leggermente ridotte, motivo per cui questi piccoli impianti sono muniti di una presa della corrente, da utilizzare in alternativa, collegandosi all’impianto principale dell’appartamento.

Tra i sistemi più all’avanguardia, possiamo trovare dei modelli di micro-impianto fotovoltaico, muniti di un sistema di accumulo dell’energia elettrica, in modo da poterla riutilizzare all’occorrenza. Se il modello che state esaminando non è munito di questo utile sistema, potrete acquistarlo separatamente negli appositi negozi.

Perché acquistare un micro-impianto fotovoltaico

Come avrete capito dalle varie descrizioni nei paragrafi precedenti, acquistare un micro-impianto può riservarvi diversi vantaggi.

  • In primo luogo, le dimensioni ridotte lo rendono comodi e pratico da inserire anche negli appartamenti più piccoli.
  • Inoltre, sfruttando l’energia solare avrete il vantaggio di consumare molta meno energia elettrica, proveniente dal vostro impianto tradizionale. Questo vuol dire che noterete un notevole risparmio sulle future bollette.

Micro impianto fotovoltaico

  • Il micro-impianto fotovoltaico non è collegato ad alcuna infrastruttura, questo vuol dire che potrete spostarlo a vostro piacimento dove lo ritenete più opportuno. Questa “funzionalità” vi consente di spostare il pannello, ad ogni ora del giorno, nel punto di massima efficienza energetica, consentendovi di sfruttare il 100% del risparmio energetico che il micro-impianto vi consente.
  • Il fotovoltaico, in generale, costituisce una scelta ecologica e sostenibile per il nostro ambiente, oltre che una preziosa fonte di risparmio energetico. Pariamo di una vera e propria risorsa per la salvaguardia dell’ecosistema terrestre.

I vantaggi che offre il fotovoltaico sono molteplici, inoltre come vedremo nel prossimo paragrafo, anche i costi sono piuttosto accessibili.

Se vuoi puoi acquistare questo prodotto direttamente su Amazon. Clicca sull'immagine

foto-ama.jpg

I costi

Nel precedente paragrafo abbiamo parlato, dei vantaggi offerti da un micro-impianto fotovoltaico, ma in realtà il costo rientra pienamente tra questi. Infatti, il costo di un impianto di questo tipo generalmente non supera i 1000€. Si tratta di un investimento assolutamente plausibile visto l’enorme risparmio energetico che riscontrerete grazie alla sua presenza e soprattutto visti i costi effettivi di un impianto fotovoltaico tradizionale.




Potrebbe interessarti

Contratto ad uso foresteria: scopriamo tutti i vantaggi reali

Contratto ad uso foresteria

 

Con il contratto uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi anche...

Comproprietà immobile: comunione di proprietari

L'acquisto di una casa o l'affitto di un appartamento o di una stanza, comportano sempre delle pratiche legali da svolgere e dei contratti da firmare.

Leggi anche...

Voltura Eni: sai quali sono i passaggi e quali documenti ti occorrono?

Voltura Eni

Oggi vi mostreremo nel dettaglio quali sono i documenti che servono per effettuare una voltura dell'Eni in sicurezza. Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Go to Top