Eni è una grande azienda dedicata all'energia. Conta più di 75.000 dipendenti presenti in quasi 70 paesi. Eni si occupa di: ricerca, produzione, commercializzazione di petrolio e gas naturale.

La voltura gas Eni può essere richiesta sia per avere una fornitura del gas per uso domestico (per cottura, con o senza produzione di acqua calda), sia per uso promiscuo (per riscaldamento individuale, con o senza cottura e/o produzione di acqua calda). Inoltre è necessario richiedere la voltura gas Eni anche se si desidera cambiare il tipo di utilizzo del gas.
Coloro che devono richiedere una voltura gas Eni, possono:

  • contattare il Contact Center al numero verde 800.900.700;
  • recarsi in un negozio della rete di assistenza in franchising Eni
  • effettuare le operazioni direttamente on-line sul sito www.enigaseluce.com

Dati per richiederla (differiscono da quelli per la luce)

In tutti i casi sopracitati l'utente dovrà comunicare:

  • la matricola del gruppo di misura (misuratore);
  • la lettura del gruppo di misura, in accordo con chi lascia l'unità immobiliare;
  • il codice fiscale o la partita IVA del cliente che subentra nel contratto;
  • l'indirizzo completo di numero civico al quale dovrà essere recapitata la fattura;
  • una copia del documento d'identità.
  • ed essere in possesso di deternimati documenti necessari alla voltura.

Voltura gas ENEL (o a2a - acea - edison). Ecco i costi e a chi spetta in caso di decesso

Enel Energia è l'azienda ENEL per fornire elettricità e gas per le imprese e le famiglie, leader nel mercato libero in Italia.

Con la voltura gas ENEL, un nuovo intestatario subentra in un contratto di fornitura gas già attivo. In questo caso, viene disattivato il vecchio contratto e ne subentra uno nuovo a nome del nuovo intestatario.

La voltura gas ENEL si attiva contattando il Servizio Clienti al numero verde 800.900.860, attivo dal lunedì al venerdì dalle 8.00 alle 18.00 (gratuito anche da cellulare).

Dopo aver contattato il servizio clienti ENEL per la voltura gas:

  • Riceverai per posta la documentazione relativa al subentro, con una busta precompilata da utilizzare per la restituzione dei documenti, seguendo le istruzioni riportate nella lettera di accompagnamento,
  • Le spese relative all’operazione di subentro ti verranno addebitate sulla prima bolletta utile,
  • Al momento del ricevimento della prima bolletta troverai anche il tuo Numero cliente, utile per usufruire dei servizi online del sito,
  • Se richiedi il servizio per la tua attività professionale, verifica con il Consulente del Servizio Clienti se rientra nelle categorie aventi diritto alle agevolazioni fiscali.

Documenti da richiedere

I documenti da presentare all'Enel e le informazioni necessarie alla voltura gas sono:

  • indirizzo presso cui vuoi richiedere il servizio gas
  • indirizzo presso cui vuoi ricevere le nuove bollette del gas, se diverso da quello dell’intestatario del contratto
  • Partita IVA e documento d’identità del legale rappresentante se richiedi il servizio gas per la tua attività professionale
  • “Dichiarazione di Conformità e Potenzialità”, rilasciata dall’installatore abilitato, come prescrivono le leggi vigenti in materia di sicurezza (legge 46/90).

La morosità per le bollette del gas: ecco come viene gestita

In questi tempi di crisi sempre più spesso consumatori in difficoltà economica lasciano impagate le bollette . Gli utenti morosi al momento risultano essere 17 milioni ed è statta introdotta una voce di spesa per tutelare la ditta erogatrice da questo avvenimento cosi dilagante. La morosità per le bollette del gas si verifica se il cliente non paga entro i termini indicati nella fattura; si procederà dunque alla sospensione della fornitura.

Cosa riceve il titolare moroso?

Nei casi di morosità delle bollette del gas si invia la raccomandata (non è necessario l'avviso di ritorno) indicante:

  • termine ultimo per il pagamento;
  • costo delle eventuali operazioni di sospensione e riattivazione della fornitura.

Quando il gestore può sospendere il servizio all'utente moroso. Ecco come fare

Il gestore può sospendere la fornitura in caso di morosità della bolletta del gas, anche senza preavviso, in soli tre casi:

  • per accertata appropriazione fraudolenta di gas (furto di gas);
  • per utilizzo degli impianti in modo non conforme al contratto di vendita.

Come riattivare la fornitura dopo la sospensione del servizio per morosità delle bollette gas

Se il gestore non rispetta i tempi di riattivazione, il cliente ha diritto ad un indennizzo automatico. Per evitare di non pagare alcune bollette del gas, magari per dimenticanza, è infine consigliato effettuare la domiciliazione bancaria delle utenze domestiche.





Potrebbe interessarti

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

I più condivisi

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia immobiliare: consigli per non pagare troppo!

Il mediatore immobiliare e l'agenzia e l'agente immobiliare svolgono il ruolo di intermediario tra acquirente e venditore. Ci si rivolge ad un'agenzia immobiliare sia che si voglia vendere o acquistare un immobile, sia che si tratti di una compravendita che di una locazione.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

DIA: le modalità per la dichiarazione in comune

La DIA, o Denuncia di inizio delle attività, è un documento che va presentato presso ufficio tecnico del comune nel quale si intendono effettuare determinati tipi di lavori edili. La normativa che regola i campi di applicazione, l’iter per la consegna e le tempistiche per il suo accoglimento è sancita dal D.P.R. 380/2001, che prende il nome di Testo Unico per l’edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La necessità immediata di un fabbro a Modena

Trovare un fabbro può essere davvero un'impresa, soprattutto quando vi è l'immediata necessità e a volte le cifre richieste sono davvero improponibili. A Modena esiste una vera rete di artigiani professionisti capaci e competenti in grado di intervenire tempestivamente per risolvere ogni sorta di problema.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Caro bollette: come risolvere il problema con ScelgoZero

La voce “bollette” ha sempre un peso importante sul budget mensile degli italiani. Ogni anno i rincari tornano a farsi sentire, cosa che non si può arginare semplicemente cercando di contenere i consumi. Del resto non è sempre possibile tagliare la spesa di gas e luce rinunciando a sfruttare al meglio questi servizi, che per molti versi risultano essenziali.

Leggi tutto...
Go to Top