Molti utenti con connessione ADSL dispongono nel loro pacchetto Internet anche di una funzione chiamata VoIP (Voice Over Internet Protocol), una tecnologia per la trasmissione della voce mediante connessione digitale. Utilizzare il Voip in casa può essere una buona idea per risparmiare sulla bolletta del telefono. Attenzione, tuttavia, a quali provider del servizio scegliere e, soprattutto, occorre valutare bene i pro e i contro di un sistema simile.

Cosa serve per attivare il servizio

Per attivare il servizio servono:

  • una linea telefonica con contratto ADSL "flat"; attualmente i costi oscillano dai 25 ai 35 euro al mese;
  • un modem ADSL + router a cui collegare il computer, con costi attuali che partono dai 40 euro;
  • un cordless che supporti sia la linea telefonica tradizionale che quella VoIP.

Per utilizzarlo, è necessario, oltre ai requisiti prima listati, anche un pc dotato dei giusti accessori (microfono e, consigliata, la webcam) oltre che software ad hoc.
Molti di questi sono gratis, di facile utilizzo e offrono pacchetti mensili a prezzi molto convenienti.

Servizio VOIP su cellulare

Per far funzionare un numero VoIP su un cellulare (Android, Symbian, iPhone …) occorre attivare la relativa “app” che gestisce il servizio. Per i dispositivi che utilizzano Android, le alternative sono varie: Sipdroid, CsipSimple, 3CX, tra i più famosi.

Uno svantaggio del numero telefonico su cellulare è che questo deve essere tenuto “attivo” e quindi lasciare aperta l’app che gestisce il servizio. Poiché il VoIP necessita di una connessione internet, queste app funzioneranno solamente se la connessione Internet è attiva (wifi o 3g). D’altro canto il traffico Internet generato da queste app - quando non si chiama - è irrisorio (pochi kb), talvolta nullo. Ulteriore svantaggio è il notevole consumo della batteria.

Servizio VoIP su numero fisso

Se si possiede un telefono con filo o cordless è possibile attivare un servizio di questo tipo– con relative tariffe e convenienza – collegandolo al router, invece che alla spina telefonica classica. Sarà, poi, necessario configurare il telefono tramite computer (più o meno nello stesso modo in cui si configura il modem-router per la connessione Internet).
In questo modo è possibile configurare lo stesso numero sia sul cellulare sia sul fisso o cordless che sia. Il vantaggio di questa configurazione è che in caso di soggiorni all’estero, se qualcuno chiama a quel numero, la telefonata non sarà persa e il costo è quello di una chiamata urbana dal momento che il VoIp non ha “confini” geografici.

Voip con Skype

Skype è stato il primo software che ha permesso di utilizzare la tecnologia VoIP in casa. Mette a disposizione una chat, messaggistica istantanea, videochiamate, chiamate solo audio.
I prezzi sono molto convenienti. Di base, una chiamata via Skype costa 2,2 centesimi al minuto Iva inclusa, ma sono disponibili moltissime soluzioni come abbonamenti mensili.

Ad esempio, 60 minuti verso fissi a 1,02 centesimi al mese; chiamate illimitata in Italia a 5,74€ al mese; chiamate illimitate in tutto il mondo, Cina inclusa, a 18,96€ al mese. Costi aggiuntivi sono previsti per i cellulari: il piano con chiamate illimitate verso fissi, italiani e non, e cellulari costa 36,79€ al mese. Tutti i prezzi includono l'Iva.

Altri servizi Voip

Google Voice è il servizio di Mountain View si attiva tramite Gmail. Ha costi interessanti, sebbene non un'offerta articolata come il concorrente. Per chiamare in Italia, per un fisso la tariffa è 2,4 centesimi al minuto, mentre per un cellulare è di 13,3 centesimi al minuto. Non sono ancora disponibili abbonamenti mensili, ma sicuramente, vista la crescente domanda, lo saranno presto.

Ultima nascita nel settore, Indoona, figlia di Tiscali, propone offerte vantaggiose senza scatto alla risposta: 10 centesimi al minuto per cellulari italiani, verso fissi Tiscali gratis e altre agevolazioni.

Esistono anche applicazione per Android o Iphone che permettono di utilizzare questa tecnologia anche da cellulare. La stessa Indoona è disponibile per smartphone, ma anche Skype. L'importante è che il destinatario della comunicazione utilizzi la stessa applicazione, altrimenti le chiamate non sono possibili.

Vantaggi della telefonia su IP

  • Si verifica un minor costo soprattutto per le telefonate effettuate all'estero;
  • un unico collegamento consente di avere più numeri di telefono;
  • è possibile salvare le telefonate effettuate;
  • le telefonate eseguite da utenti della stessa rete, ovvero con lo stesso operatore, sono gratuite.
  • la possibilità di usufruire di nuove funzioni, anche future, senza costi aggiuntivi da parte del gestore telefonico, in modo tale da mantenere invariato il canone negli anni;
  • è possibile inviare sms dal telefono domestico o dal computer;
  • è prevista la ricezione di telefonate sul fisso mentre si sta effettuando una chiamata.

Alcuni aspetti negativi dell'attivazione Voip

  • qualora mancasse l'alimentazione o la linea ADSL non fosse funzionate, non ci sarebbe la possibilità di effettuare le telefonate;
  • scomparsa del Fax, con l’introduzione e la spesa di nuove apparecchiature;
  • per avere risparmio si deve telefonare sempre dal telefono VoIP;
  • se si dispone di una linea ADSL da 640kbit è possibile che si verifichino disturbi nella chiamata, quando si utilizza contemporaneamente la linea internet per altri scopi;
  • la configurazione delle apparecchiature e la gestione degli account VoIP spesso prevede la conoscenza dell'inglese;
  • a volte i servizi di VoIP presentano un basso costo perché rapportato alla qualità del servizio;

Molte aziende di telefonia già offrono col contratto Internet il “pacchetto voce” con telefoni VOIP che si collegano al router. Ci si può anche non affidare ai gestori di telefonia per fare chiamate VoIP a basso costo.

È possibile infatti installare programmi che consento di sfruttare il VoIP; il più famoso è senz'altro Skype, che presenta un listino prezzi molto più vantaggioso dei normali conti telefonici. Skype va installato sul PC e tramite carta di credito si paga un pacchetto di telefonate.



Potrebbe interessarti

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

I più condivisi

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Comunicazione in Questura del Contratto di Locazione

Il decreto legislativo 70/2011 ha introdotto numerose novità nel campo degli affitti: con la sua entrata in vigore, dal 7 Aprile è venuto a cadere infatti l’obbligo per gli affittuari di inviare una comunicazione alla Questura sulla locazione, purché quest'ultima sia debitamente registrata e non riguardi l’esercizio di un’attività imprenditoriale. Diverso invece il discorso se la parte interessata sia un cittadino extracomunitario, fuori dai confini dell’Unione Europea.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ristrutturazione casa chiavi in mano

Hai bisogno di ristrutturare la casa e ti stai chiedendo quale sia il modo migliore per farlo? hai sicuramente sentito parlare di ristrutturazione casa chiavi in mano, in questo articolo trattiamo proprio la differenza che c'è tra una ristrutturazione con la formula tutto compreso, o chiavi in mano e la normale ristrutturazione edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top