A partire dal 01/11/2012 con Decreto n.16 del 02.03.2012 convertito con modificazioni, dalla L. n.44 del 26 aprile 2012 (Consultazione delle banche dati ipotecaria e catastale – Consultazioni personali – Modifiche alla Tabella dei tributi speciali catastali e alla Tabella delle tasse ipotecarie), nonché Circolare n. 4/2012 del 28 settembre 2012 sono stati reintrodotti i diritti erariali – precedentemente aboliti - per il rilascio dei documenti catastali da parte dell’Agenzia del Territorio, consentendo la consultazione degli atti e dei documenti catastali: visura catastale gratis, planimetrie catastali ed estratti di mappa.

Richiesta di visura catastale gratis tramite l'Agenzia del Territorio

Solo i titolari di diritti reali (intestatari/proprietari), possono ottenere la visura catastale gratis delle proprietà immobiliari intestate loro recandosi presso le sedi degli Uffici Provinciali del Catasto, mentre, coloro che accedono al sito dell’Agenzia del Territorio, possono reperire soltanto alcune informazioni.

Il servizio online, per coloro che si registrano, fornisce la visura catastale gratis e immediata, ma è ancora limitato alle persone fisiche e alle zone coperte dall’informatizzazione del catasto (occorre munirsi del proprio codice fiscale). La procedura di registrazione è un po’ laboriosa considerando la delicatezza delle informazioni e prevede l’invio di una parte del codice PIN da utilizzare per accedere ai servizi.

Ricordiamo cos’è questo documento specifico

Rappresenta la consultazione degli atti e dei documenti catastali. In particolare, la visura permette di acquisire:

  • i dati identificativi e reddituali dei beni immobili, terreni e fabbricati (tutti dati utili per il calcolo dell'IMU per esempio);
  • i dati anagrafici delle persone, fisiche o giuridiche, intestatarie dei beni immobili ;
  • i dati grafici dei terreni (mappa catastale) e delle unità immobiliari urbane (planimetrie);
  • gli atti di aggiornamento catastale.

Tutte le modalità per consultare i dati

Come già esposto, la consultazione della visura catastale gratis e pubblica dei dati inseriti nella banca dati informatica, relativi agli immobili presenti su tutto il territorio nazionale, può essere richiesta presso qualsiasi Ufficio provinciale dell’Agenzia oppure con il servizio online presente sul sito. La consultazione dei dati non inseriti nella banca dati informatica è possibile solo presso l’Ufficio provinciale competente.

Per ottenere una visura catastale gratis è possibile rivolgersi anche allo Sportello Amico, attivo negli uffici postali che espongono il logo “Sportello Amico”, o utilizzare il servizio Certitel Catasto Web, servizio di posta elettronica (o per telefono). Per entrambi i servizi è necessario inoltrare una richiesta, inoltre non sono rilasciate tutte le informazioni. E’ disponibile inoltre l’accesso online alle banche dati con la piattaforma Sister - Sistema interscambio territorio.

L’accesso telematico alle banche dati e alle planimetrie è riservato ai soggetti abilitati alla presentazione degli atti di aggiornamento catastale, incaricati dai titolari dei diritti reali gravanti su un immobile. L’abilitazione a Sister prevede la stipula di una convenzione e il pagamento di un canone.

Visura catastale soggetto: di cosa si parla?

La visura soggetto è un "certificato" che riporta i dati tecnici e fiscali di tutti i terreni o unità immobiliari intestati ad una determinata persona (fisica o giuridica) e si riferisce territorialmente a tutti gli immobili di una singola provincia italiana (ricadenti al Catasto Terreni se terreni o al Catasto Fabbricati se relativi a case, appartamenti) intestati a una persona fisica oppure ad una persona giuridica.

Visura catastale gratis

Quindi, per semplificare, una visura soggetto si riferisce a un soggetto appunto (persona fisica o persone giuridica) e una singola provincia italiana e riporta tutti gli immobili (terreni o fabbricati oppure entrambi) ad esso intestati in suddetta provincia. Proseguiamo il nostro articolo sulla visura catastale gratis.

I dati contenuti

Nella visura catastale gratis i dati identificativi sono:

  • il tipo di Catasto (terreni o fabbricati oppure entrambi);
  • la Provincia a cui si riferisce;
  • Il nominativo a cui si riferisce (persona fisica o persona giuridica);
  • l'elenco degli immobili intestati al nominativo (terreni o fabbricati).

Se si tratta di terreni, i dati riportati sono i seguenti:

  • i “dati di classamento”;
  • la superficie;
  • il reddito dominicale;
  • il reddito agrario;
  • gli intestatari con riportate le quote di diritto del terreno.

assicurazione sullappartamento

Se si tratta di fabbricati, i dati riportati sono:

  • il Comune;
  • la sezione;
  • il foglio;
  • la particella;
  • il subalterno;
  • rendita catastale (riportata solitamente sia in Euro e in Lire).

Avete capito come accedere alla visura catastale gratis?




Potrebbe interessarti

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Un approccio smart per l'immobiliare

telephone-immobiliare.jpg

Può capitare di avere un immobile inutilizzato, magari frutto di un'eredità o semplicemente una casa che si trova in un posto fuori mano, ma da cui vorremmo comunque ottenere una rendita. Il mattone è sempre un buon sistema per garantirsi un’entrata in più, se non altro per coprire le spese e le tasse, a patto di riuscire a vendere o affittare.

Calcolo del valore di un immobile: come si effettua?

Calcolo del valore di un immobile

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Leggi anche...

Modulistica DIA: dati, tempi e casi in cui presentare la dichiarazione di inzio attività

La modulistica della DIA, scaricabile praticamente dai siti di tutti i comuni d’Italia, include tutti i dati necessari a poter avviare i lavori di ristrutturazione, restauro e demolizione di un immobile, purché siano previsti da un piano regolatore.

Leggi anche...

Bollettino MAV: cos’è e come pagarlo, segui la nostra guida

bollettino mav

Che cos'è? Il MAV è l’acronimo di Pagamento Mediante Avviso. Il Mav è un bollettino il cui pagamento segue una procedura interbancaria standard. 

Go to Top