Il balcone può essere considerato il punto della casa che più da adito ad aspettative nei confronti di chi viene a visitarci. E' infatti la parte che si mostra al pubblico e che serve a dare la prima impressione di quello che poi si trova all'interno. E' dunque importante tenere il balcone in condizioni di pulizia e dargli quel tocco di colore attraverso una verniciatura adatta.

Come verniciare la ringhiera del balcone

La ringhiera del balcone, prima ancora di essere verniciata, ha bisogno di un trattamento contro la ruggine, nemico principale di questo elemento esposto agli agenti atmosferici. Dunque, prima di verniciare il balcone, è necessaria una operazione preliminare di rimozione della ruggine.

Per eliminare la ruggine dal balcone, basta munirsi di carta vetrata o di una spazzola d'acciaio. Una volta terminato di eliminare la ruggine, bisogna passare sulla superficie da verniciare un panno inumidito con un prodotto solvente tipo nitro o acquaragia. Se rimane della ruggine sulla ringhiera del balcone, si può passare un prodotto particolare che servirà a eliminarla del tutto.

Di seguito è elencata l’attrezzatura che bisogna possedere per poter procedere alla verniciatura della ringhiera.

  • Una spazzola di metallo e un rotolo di carta vetrata, che serviranno appunto ad eliminare la ruggine.
  • Un barattolo di vernice con la quale si desidera verniciare la ringhiera.
  • Un barattolo di acquaragia e un panno nuovo o comunque pulito.
  • Vari pennelli di diverse dimensioni con setole dure o piatte. E’consigliabile avere a disposizione anche un pennello a pipa, che può essere d’aiuto per verniciare gli angoli più difficili e un rullo a pelo rasato, che può invece servire per sistemare le superficie più grandi.

Per cercare di sporcare il meno possibile è importante proteggere le superfici circostanti con teli in PVC o carta di giornale. Quando si effettuano lavori di verniciatura è preferibile indossare dei guanti e una mascherina che protegga il naso e la bocca. Mai iniziare a lavorare nelle ore calde, perchè l’eccessivo calore del sole può rovinare la vernice, o in una giornata piovosa. Di seguito sono illustrati i vari passi per compiere la verniciatura.

  • Rimuovere l’eventuale presenza di ruggine.
  • Bagnare un panno con il diluente nitro o l’acqua raggia e passarlo su tutta la ringhiera. Nel caso in cui la superficie sia rovinata e siano presenti dei fori è necessario riempirli con del silicone acrilico verniciabile o con dello stucco metallico bicomponente.
  • Passare sulla superficie una pennellata di convertitore di ruggine solo nelle zone in cui ci sono dei residui.
  • Lasciar trascorrere 24 ore e poi passare sulla ringhiera una mano di antiruggine, che permetterà alla vernice o allo smalto che passerete successivamente di aderire perfettamente. E’possibile facilitare la passata dell’antiruggine diluendolo con dell’acquaragia.
  • Pennellare la ringhiera con lo smalto desiderato, è consigliabile applicare due strati di vernice a distanza di un paio d’ore l’uno dall’altro.

L'importanza dell'antiruggine

Dopo 24 ore si può passare a verniciare il balcone: la prima operazione sarà quella di stendere una mano di antiruggine che protegge il balcone dalla corrosione e aumenterà l'aderenza dello smalto.

Dopo che l'antiruggine si è essiccato, si passa finalmente alla verniciatura del balcone vera e propria. Bisogna utilizzare uno smalto sintetico o allungato con acqua, che va passato almeno due volte. Non c'è una tecnica specifica per passare il pennello, l'importante è spalmare bene la vernice sulla ringhiera del balcone in modo omogeneo per tutta la superficie.

Per rifinire le parti esterne, può essere utilizzato un pennello a manico lungo, di quelli usati anche per verniciare i termosifoni.





Potrebbe interessarti

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

immagine d'esempio usata nell'articolo Tassa di registro: un approfondimento su come si calcola questa imposta

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Norme per gli ascensori: le regole imprescindibili!

Ogni condominio che abbia almeno 3 piani è di solito dotato di un ascensore che possa essere d'ausilio agli inquilini dei piani superiori. Precise norme per gli ascensori ne regolano l'uso e la manutenzione anche se il regolamento mette spesso in causa anche il semplice buon senso dei singoli condomini.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Leggi tutto...
Go to Top