All'interno di un condominio accade spesso che uno o più condomini decidano di adibire il proprio balcone a veranda. Esistono delle precise regole condominiali per costruire una veranda sul proprio balcone, che ogni abitante dello stabile è tenuto a rispettare.

Lo scopo principale è naturalmente quello di trasformare un ambiente "aperto" ed esposto al pubblico o alle intemperie, in una zona chiusa ed abitabile, così da ottenere una maggiore volumetria dell'appartamento.

Proprio per questo motivo, un intervento del genere va a modificare sostanzialmente (anche dal punto di vista estetico), la facciata dell’abitazione, e dunque è necessario rivolgersi ad un professionista del settore prima di procedere con qualsiasi lavoro.

L’intervento di un geometra, di un ingegnere o di un architetto, è indispensabile sia nel caso di un abitazione unifamiliare, sia nel caso di un appartamento facente parte di un condominio. La trasformazione di un balcone in veranda, nel primo caso, deve essere a norma, ovvero rientare in quanto previsto dal Piano Regolatore del comune di riferimento, e dal relativo Regolamento Edilizio; nel secondo caso, invece, è chiaramente fondamentale ottenere, oltre ai permessi del comune, anche l’approvazione dell’assemblea condominiale.

Le regole condominiali

La veranda sul balcone non svolge una funzione temporanea: è una struttura fissa che può modificare il disegno della facciata e, in alcuni casi, è possibile che arrechi danno ai condomini.

Per queste caratteristiche, chiunque, in un condominio, voglia trasformare un balcone in una veranda necessita di due autorizzazioni: innanzitutto della Segnalazione Certificata di Inizio Attività da presentare al Comune e dell'autorizzazione del Condominio. Questo è spesso semplicemente un pro forma: i condomini, che si devono esprimere all'unanimità, non possono negare il permesso se la costruzione non arrechi danni o difficoltà all'intera struttura. Caso diverso è quando la costruzione di queste strutture è espressamente vietata dal regolamento.

La distanza legale per la veranda

Nella realizzazione della veranda è inoltre necessario il rispetto della distanza legale tra una proprietà e l'altra. In tale situazione serve il consenso anche mediante atto notarile e successiva trascrizione presso l'Agenzia del territorio. La distanza legale va tenuta in considerazione soprattutto se al primo piano sono presenti una o più finestre e non se c'è un altro balcone.

Come realizzare i lavori

Alla realizzazione della veranda, segue solitamente la sostituzione o lo spostamento dei radiatori con altri dalle superfici maggiori. Tale variazione non dovrà incidere sul rendimento dell'impianto condominiale. Prima di attuare questo genere di lavori, bisognerà dunque avvisare l'amministratore e consegnarli una copia dell'elaborato peritale. Sarà inoltre necessario assicurargli la disponibilità a farsi carico della spesa aggiuntiva del riscaldamento.

Per quello che riguarda propriamente le caratteristiche della veranda, possiamo dire che ne è permessa la costruzione solo dal lato del cortile interno. Viene inoltre richiesto che le finestre siano apribili e trasparenti. Non può essere utilizzata la muratura, ma devono essere scelti materiali come l'alluminio, il legno o il pvc. Fra questi, l'ultimo è la scelta più efficiente: è resistente e non ha un costo elevato.

Tipologie

Dal punto di vista legale, gli ambienti che vengono adibiti a veranda devono soddisfare determinati requisiti, onde evitare successive ripercussioni da parte di qualche vicino. C’è la veranda- ripostiglio, la veranda con dei pannelli scorrevoli inseriti in una determinata struttura e infine una struttura molto più evoluta, formata da pannelli trasparenti (in vetro o altro materiale) strutturati all’interno di un parapetto chiuso su tre lati dalla struttura stessa dell’edificio.

Sfruttare la veranda come sgabuzzino

La veranda può essere utilizzata come sgabuzzino, oppure come serra. Moltissimi padroni di casa vi inseriscono la caldaia o la zona lavanderia. Visti i vari usi, sarebbe utile utilizzare materiali che ne implichino l'isolamento termico, anche se è corretto prevedere forme di ventilazione dell'area. Sono utili le aperture scorrevoli, perché permettono di rubare meno spazio possibile all'interno.





Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

I più condivisi

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

I vantaggi di scegliere una casa in legno

In molti paesi sviluppati, quali il Nord America, Giappone, l'Europa continentale e la Scandinavia, è molto sviluppata l'attenzione verso il benessere abitativo. Questo si traduce anche nella scelta dei materiali da costruzione delle abitazioni.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Manutenzione estintori: quale scegliere per la casa

Prima dell’invenzione dell’estintore venivano utilizzati dei sistemi portatili di estinzione di piccole dimensioni. Lo sviluppo di agenti estinguenti che permettono il lancio dell'agente estinguente a grande distanza ha permesso poi la realizzazione degli estintori moderni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Mobilità in casa: migliorarla con un montascale a poltrona

Le persone a ridotta mobilità in Italia sono numerose. Per essere definiti soggetti a ridotta mobilità non è necessario essere affetti da disabilità di livello elevato, a volte basta un banale incidente ad impedirci di salire le scale, o di spostarci per casa in modo agevole.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Telecom: bollette clienti. Chi deve pagare?

In passato, gli utenti legati da rapporti societari o personali con un cliente moroso, che intendevano attaccare una nuova linea telefonica Telecom, erano soggetti al pagamento delle bollette arretrate o alla definitiva sospensione della fornitura per morosità.

Leggi tutto...
Go to Top