All'interno di un condominio accade spesso che uno o più condomini decidano di adibire il proprio balcone a veranda. Esistono delle precise regole condominiali per costruire una veranda sul proprio balcone, che ogni abitante dello stabile è tenuto a rispettare.

Lo scopo principale è naturalmente quello di trasformare un ambiente "aperto" ed esposto al pubblico o alle intemperie, in una zona chiusa ed abitabile, così da ottenere una maggiore volumetria dell'appartamento.

Proprio per questo motivo, un intervento del genere va a modificare sostanzialmente (anche dal punto di vista estetico), la facciata dell’abitazione, e dunque è necessario rivolgersi ad un professionista del settore prima di procedere con qualsiasi lavoro.

L’intervento di un geometra, di un ingegnere o di un architetto, è indispensabile sia nel caso di un abitazione unifamiliare, sia nel caso di un appartamento facente parte di un condominio. La trasformazione di un balcone in veranda, nel primo caso, deve essere a norma, ovvero rientare in quanto previsto dal Piano Regolatore del comune di riferimento, e dal relativo Regolamento Edilizio; nel secondo caso, invece, è chiaramente fondamentale ottenere, oltre ai permessi del comune, anche l’approvazione dell’assemblea condominiale.

Le regole condominiali

La veranda sul balcone non svolge una funzione temporanea: è una struttura fissa che può modificare il disegno della facciata e, in alcuni casi, è possibile che arrechi danno ai condomini.

Per queste caratteristiche, chiunque, in un condominio, voglia trasformare un balcone in una veranda necessita di due autorizzazioni: innanzitutto della Segnalazione Certificata di Inizio Attività da presentare al Comune e dell'autorizzazione del Condominio. Questo è spesso semplicemente un pro forma: i condomini, che si devono esprimere all'unanimità, non possono negare il permesso se la costruzione non arrechi danni o difficoltà all'intera struttura. Caso diverso è quando la costruzione di queste strutture è espressamente vietata dal regolamento.

La distanza legale per la veranda

Nella realizzazione della veranda è inoltre necessario il rispetto della distanza legale tra una proprietà e l'altra. In tale situazione serve il consenso anche mediante atto notarile e successiva trascrizione presso l'Agenzia del territorio. La distanza legale va tenuta in considerazione soprattutto se al primo piano sono presenti una o più finestre e non se c'è un altro balcone.

Come realizzare i lavori

Alla realizzazione della veranda, segue solitamente la sostituzione o lo spostamento dei radiatori con altri dalle superfici maggiori. Tale variazione non dovrà incidere sul rendimento dell'impianto condominiale. Prima di attuare questo genere di lavori, bisognerà dunque avvisare l'amministratore e consegnarli una copia dell'elaborato peritale. Sarà inoltre necessario assicurargli la disponibilità a farsi carico della spesa aggiuntiva del riscaldamento.

Per quello che riguarda propriamente le caratteristiche della veranda, possiamo dire che ne è permessa la costruzione solo dal lato del cortile interno. Viene inoltre richiesto che le finestre siano apribili e trasparenti. Non può essere utilizzata la muratura, ma devono essere scelti materiali come l'alluminio, il legno o il pvc. Fra questi, l'ultimo è la scelta più efficiente: è resistente e non ha un costo elevato.

Tipologie

Dal punto di vista legale, gli ambienti che vengono adibiti a veranda devono soddisfare determinati requisiti, onde evitare successive ripercussioni da parte di qualche vicino. C’è la veranda- ripostiglio, la veranda con dei pannelli scorrevoli inseriti in una determinata struttura e infine una struttura molto più evoluta, formata da pannelli trasparenti (in vetro o altro materiale) strutturati all’interno di un parapetto chiuso su tre lati dalla struttura stessa dell’edificio.

Sfruttare la veranda come sgabuzzino

La veranda può essere utilizzata come sgabuzzino, oppure come serra. Moltissimi padroni di casa vi inseriscono la caldaia o la zona lavanderia. Visti i vari usi, sarebbe utile utilizzare materiali che ne implichino l'isolamento termico, anche se è corretto prevedere forme di ventilazione dell'area. Sono utili le aperture scorrevoli, perché permettono di rubare meno spazio possibile all'interno.





Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Legge Cedolare Secca: scopri cosa sancisce la normativa

Dal 7 Aprile 2011 l’Agenzia delle Entrate ha inoltre introdotto la Legge Cedolare Secca sugli affitti, nonché quella pluriennale e anche un acconto Irpef sugli immobili stessi. Di cosa si tratta?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL?

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Leggi tutto...
Go to Top