Nelle calde giornate estive, avere un sistema di condizionamento è una soluzione ideale, ma non tutti gli ambienti domestici possono essere dotati di un condizionatore – sia per una questione oggettiva di costi che di opportunità di installazione. Tuttavia, quegli stessi ambienti casalinghi ugualmente vissuti dai suoi abitanti necessiterebbero di un sistema refrigerante; in questi casi, la soluzione migliore è il ventilatore. Il mercato offre una gamma e una varietà pressocché infinita di tipologie e forme. La scelta del modello più adatto dipende dalle singole esigenze e dalle caratteristiche strutturali, dallo spazio a disposizione. Tra i modelli più richiesti il ventilatore a colonna è il più ambito perché si sviluppa in altezza, occupa poco spazio e il suo punto di forza è proprio il design a cilindro allungato con base ridotta che lo rende molto apprezzato anche dal punto di vista delle funzioni rispetto a un ventilatore a piantana tradizionale.

Tipologie di aeratori e funzionalità

Il ventilatore a colonna gode, rispetto ai modelli tradizionali, di un buon pacchetto di funzioni che ne aumentano la versatilità e le prestazioni. Quasi tutte le marche produttrici di ventilatori a colonna dotano il prodotto di un timer che consente di programmare l’accensione e lo spegnimento automatico del ventilatore. Quasi tutti i ventilatori a colonna sono corredati da un telecomando per il controllo remoto e di una serie di pratici comandi per diversificare la ventilazione e le modalità di funzione (la velocità, la modalità brezza, riposo, silenzioso e così via). I ventilatori a colonna sono anche apprezzati per la maneggevolezza e la praticità di utilizzo.

Il mercato propone molti prodotti e marche diverse per cui non è semplice orientarsi nella quantità di tipologie soprattutto perché tutti assolvono alla funzione principale del ventilatore:

  • Rinfresca l’aria;
  • Riduce il tasso di umidità;
  • Elimina l’aria stagnante;
  • Riduce il calore nell’ambiente.

La scelta si basa molto anche sul proprio senso estetico e sull’utilizzo: i classici ventilatori a pale a piantana o da tavolo hanno una rotazione delle pale che rinfresca l’aria in modo molto più rapido, mentre i ventilatori a soffitto sono ideali per rinfrescare le camere da letto, così come quelli a colonna sono adatti per gli ambienti piccoli o dove si richiede una particolare attenzione al design perché esposti. I ventilatori cilindrici sono particolarmente amati perché hanno una dotazione tecnologica che li accomuna ai condizionatori: dotati di fessure frontali, il ventilatore a colonna è di due tipologie:

  • con pale interne che favoriscono la circolazione dell’aria; oppure
  • con un cilindro interno che trattiene l’aria calda, la trasforma in aria fredda e la espelle all’esterno.

In entrambi i casi, l’elettrodomestico rilascia l’aria attraverso un movimento oscillante con rotazioni di varie ampiezze del cilindro. Vi sono modelli che ruotano di 360°. Le velocità possono essere impostate in base alle proprie esigenze e a seconda dell’ampiezza del locale da rinfrescare. I comandi possono essere impostati sia tramite il telecomando, sia manualmente attraverso i pulsanti posti sopra la colonna. I ventilatori più avanzati sono corredati di un display a LED o digitale su cui visualizzare le impostazioni di velocità e rotazione, la modalità e la temperatura dell’ambiente. Gli apparecchi dotati di timer con la possibilità di accensione ritardata o spegnimento programmato è una funzione utile per trovare l’ambiente rinfrescato ritornando a casa o durante la notte.

Di seguito ti riportiamo alcune ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

Amzdeal Ventilatore a Torre con Telecomando

Prezzo su Amazon.it: € 61,99
Compra su Amazon

Rowenta VU6670 Ventilatore a Torre, Timer Fino a 8 Ore, 3 velocità, Telecomando, Spegnimento Automatico, Nero

Prezzo su Amazon.it: € 102,99
Compra su Amazon

Tristar VE-5999 Ventilatore a Torre con Telecomando/Timer, 45 W, 61.4 Decibel, Plastica, 3 velocità, Bianco/Nero

Prezzo su Amazon.it: € 59,21

I vantaggi di un raffrescatore cilindrico

Ventilatori a colonna

Le colonne ventilanti, oltre ad essere esteticamente più gradevoli rispetto ai modelli tradizionali a pala, sono anche facili e pratiche da trasportare grazie a maniglie o prese di trasporto per spostarle comodamente da una stanza all’altra, poiché sono anche molto leggere. I materiali con cui sono realizzati sono prevalentemente la plastica – seppur particolarmente resistente – mentre le parti interne sono in acciaio. I ventilatori devono essere necessariamente resistenti perché devono funzionare per molte ore consecutive al giorno soprattutto in estate, ma allo stesso tempo sono facilmente lesionabili e fragili se maltrattati o maltenuti. Questi utili apparecchi refrigeranti sono solitamente molto silenziosi rispetto ai modelli a pale e a piantana. Le pale all’interno del cilindro emettono ridotti decibel di rumore e questo rappresenta un ulteriore vantaggio per il consumatore che lo predilige potendolo utilizzare anche durante il riposo, senza ronzii o rumori particolarmente fastidiosi.

In sostanza, i vantaggi di un ventilatore a colonna sono molteplici perché il movimento di raffreddamento favorisce il posizionamento dell’apparecchio sia in verticale che in orizzontale distribuendo in modo uniforme l’aria rinfrescata, inoltre è anche più stabile e sicuro grazie alla base di appoggio poco ingombrante ma sicura.

 



Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Come si effettua il calcolo del valore immobiliare

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi anche...

Onorario del notaio: a quanto ammonta?

 

Al momento del rogito notarile si versano, oltre alle imposte di registro ipotecarie catastali o IVA, anche l'onorario del notaio e le spese sostenute dallo stesso per conto del cliente.

Leggi anche...

Serrature: perché sono così importanti?

Parlare di sicurezza dell’abitazione è per noi molto importante. Dobbiamo sempre tenere in conto alcuni fattori per aumentare il livello di protezione: in questo articolo vi parleremo principalmente delle serrature e dei cilindri. È possibile installare sistemi di allarme e di videosorveglianza, acquistare e installare una porta blindata, ma anche la serratura è importantissima. Soprattutto, è importante la manutenzione, un servizio offerto dal fabbro da non sottovalutare in alcun modo.

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Go to Top