Quando si acquista una nuova casa, bisogna sempre dedicarsi, prima di abitarla, ad operazioni di ristrutturazione; è altresì necessario arredarla. Uno dei lavori d'arredo che spesso viene effettuato all'interno dell'abitazione è la scelta e il montaggio delle tende o delle Veneziane di IKEA.

Come montare una veneziana

La prima cosa da fare è ovviamente scegliere il tipo di tenda che più si adatta al vostro gusto e all'arredamento della vostra nuova casa. Molti optano ad esempio per le tende veneziane, realizzate da tante lamelle orizzontali sorrette da fili e costituite da un apparecchio utile ad alzarle e abbassarle. Se si hanno veneziane molto esposte al sole è bene scegliere come materiale l'alluminio e non il PVC.

La seconda cosa da fare sarà poi quella del montare tende o veneziane. Gli utensili utili a montare le Veneziane di IKEA sono i seguenti: forbici per tende a rullo; taglialamelle per veneziane; trapano; metro, matita e righello, per le misure; sega per metallo; viti e tasselli; cacciavite; livella a bolla.

Quali tipologie scegliere

Le tende veneziane sono, dunque, caratterizzate da lamelle orizzontali di diversi materiali con la funzione di oscurare e ombreggiare l’interno. Furono create in Giappone, ma riscontrarono subito successo in tutto il mondo. Le lamelle verticali o orizzontali, a seconda dei modelli, si muovono grazie a un sistema elementare di fili e sono realizzate di diversi materiali, alcuni – come il legno o la stoffa – hanno una resa estetica di grande impatto come complemento di arredo molto elegante e di design.

I modelli in commercio sono molti. Le principali differenze riguardano la dimensione delle lamelle e i materiali di realizzazione, appunto. Un’ulteriore differenza tra le tipologie è la collocazione: interne o esterne alla finestra, una scelta che influisce notevolmente sulla scelta dei materiali e delle forme.

Pertanto, la prima cosa da valutare nella scelta di una veneziana è proprio la posizione, in base alla quale effettuare tutte le altre scelte puramente estetiche e di gusto.

Le veneziane collocate all’esterno del vetro sono le tipologie più comuni in commercio. Il sistema viene installato anche su finestre preesistenti o agganciate al soffitto. Questa tipologia di veneziane è facile e veloce da installare e anche la pulizia è semplice e non richiede né grande sforzo né prodotti particolari.

Le Veneziane di IKEA da esterno in legno trattato con lamelle di grandi dimensioni sono anche utilizzabili come comode pareti divisorie perché le lamelle in legno quando si chiudono sono molto oscuranti e compatte. Il funzionamento può essere sia manuale che automatico. I sistemi automatizzati permettono di alzare, abbassare e regolare l’inclinazione delle lamelle in pochi secondi con l’aiuto di un telecomando (controllo da remoto).

Le veneziane collocate all’interno della finestra sono tecnicamente più sofisticate da installare e sono consigliabili nel caso in cui si desidera cambiare gli infissi e utilizzare le Veneziane di IKEA come tende oscuranti. In questo caso, la veneziana viene montata tra le due lastre di vetro che compongono la finestra vera e propria. Incorporando la veneziana nella finestra non si avranno problemi di impurità e infiltrazioni di sporcizia (se il montaggio è svolto a regola d’arte).

La manutenzione delle Veneziane di IKEA interne è, quindi, minima sia dal punto di vista della pulizia che delle rotture. La ridotta necessità di contatto, la rende una soluzione ideale anche per chi ha bambini o animali domestici. Nell’ambito delle tipologie di veneziana da interno, vi sono ulteriori tipologie da scegliere. Le più comuni e richieste sono le tende plissé e le duet. Quest’ultime possono essere di vari materiali e realizzate per essere totalmente oscuranti o solo schermanti filtrando la luce del sole nella stanza.

Le tende Veneziane di IKEA da interno o da esterno sono una soluzione economica ed elegante allo stesso tempo per schermare la luce del sole, proteggere i propri mobili, ombreggiare l’interno dell’abitazione risultando dei validi strumenti per il risparmio energetico. Inoltre, sono facili da montare se dotate del loro kit di montaggio e non necessitano di opere murarie. Ecco dunque come e cosa serve per montare le tende veneziane.

Di seguito ti riportiamo alcuno ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

GARDINIA Veneziana in alluminio

Prezzo su Amazon.it: € 18.64
Compra su Amazon

S SIENOC Veneziane in Alluminio

Prezzo su Amazon.it: € 22.49
Compra su Amazon

Deco Company 23-3074 Veneziane con Morsetto

Prezzo su Amazon.it: € 18.64

Le dimensioni

veneziane ikea

Per montare le Veneziane di IKEA, è utile sapere che la loro altezza deve corrispondere all'inquadratura della finestra meno due centimetri, mentre alla larghezza si sottraggono circa quattro centimetri. È inoltre necessario, sia per montare le Veneziane di IKEA che delle semplici tende a rullo o verticali, prendere accuratamente le misure e i punti di riferimento, nei qual andranno ad inserirsi i bulloni per la messa in posa stessa.

Quando si monta una veneziana o una tenda, è altresì importante utilizzare i tasselli adatti al tipo di materiale che si sta forando, per installare il supporto; essi variano infatti se si tratta di cemento o gesso. Dopo aver fissato bene il supporto, sarà infine possibile posizionarvi la tenda o la veneziana, accorciando o occupandosi dei bordi, sempre in base alla grandezza della finestra.

L’importanza dell’inquadratura

La larghezza di una veneziana deve misurare come la larghezza dell’inquadratura della finestra meno due centimetri per ogni lato, mentre la sua altezza deve essere uguale a quella della finestra meno due centimetri. E’importante lasciare anche un piccolo spazio nella parte superiore della finestra per poter permettere la sua apertura. Per quanto invece riguarda l’inquadratura dell’esterno la tenda deve essere più grande di 5 centimetri per ogni lato e l’altezza deve essere di dieci centimetri più alta.

La tende può essere fissata direttamente sul vetro della finestra e quindi ne deve permettere il movimento. E’necessario fissarla con dei ganci angolari, in modo da poter impugnare senza difficoltà la maniglia della persiana. Questa particolare genere di tenda può essere montata a muro, al soffitto o posta tra due muri. Per poter ottenere un ottimo risultato è necessario usare viti e tasselli che si adattano perfettamente al telaio, al muro o al soffitto. E’inoltre fondamentale controllare costantemente il lavoro d’installazione che si sta eseguendo ed evitare che quando la tenda è abbassata possa in qualche modo intralciare l’apertura della persiana o coprire un termosifone.

Come procedere al montaggio

Com’è stato già detto in precedenza per montare una tenda è necessario effettuare delle misurazioni precise, con l’aiuto di un metro. Prima di forare il muro dove andranno poi inserite le viti per sorreggere il tutto è bene segnare il punto con una matita e scegliere il tassello più adatto tenendo conto del tipo di materiale che si sta usando, ad esempio gesso, cemento ecc. Nel caso in cui le tende abbiano bisogno di punti di fissaggio intermedi è preferibile consultare le istruzioni che sono in genere contenute all’interno della scatola. In linea di massima le Veneziane di IKEA a lamelle verticali hanno bisogno di tre diversi punti di fissaggio al soffitto. Per tagliare i bordi di una tenda del genere è necessario metterla ripiegata su un tavolo e misurare con attenzione da entrambi i lati la parte da tagliare. La barra dovrà essere incisa con un seghetto per metalli mentre per le lamelle dovrà essere utilizzato un taglialamelle. E’consigliabile non usare le Veneziane di IKEA in PVC per le finestre che sono esposte molto al calore del sole, in questo caso è preferibile optare per quelle in alluminio.



Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi anche...

Isolamento Acustico delle pareti: requisiti passivi e normative

Prima di tutto è bene chiarire che molti edifici sono costruiti seguendo la logica dell'isolamento acustico delle pareti architettonico. Questa logica annovera al proprio interno dei requisiti acustici passivi (le caratteristiche qualificanti le fonti sonoro/acustiche esterne ed interne nella costruzione di un edificio).

Leggi anche...

Faretti a led da incasso: come installarli?

Quando si acquista casa, si sente spesso l'esigenza di modificare il vecchio impianto d'illuminazione, spostando le prese di accensione o magari optando per faretti da incasso luminosi e meno ingombranti del normale lampadario.

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top