Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione. Invece non è proprio così. Rinunciare all’aiuto professionale di un agente immobiliare competente, solo perché “se vendo casa da solo risparmio sulle provvigioni da pagare”, si risolve bel presto in perdite di tempo, spreco di soldi e anche probabili crisi di nervi quando inevitabilmente una madre, un suocero, un amico o la moglie vi sussurreranno all’orecchio un compiaciuto “te l’avevo detto”.
Quindi, se siete determinati a cavalcare la sfida del “vendo casa senza l’aiuto di nessuno”, fate almeno un ripasso di tutto quello a cui rinunciate se decidete di vendere casa senza l’intervento di intermediari immobiliari professionisti.  E ricordatevi di non commettere questi errori, sono le bucce di banana sulle quali è facile cadere mandando all’aria tutti i buoni propositi di vendere casa da soli.

1. Sottovalutare la parte burocratica. Chi decide di buttarsi nel vendo casa, come se fosse una variante del fai-da-te da bricolage del weekend, spesso non pone abbastanza attenzione alla necessità di preparare tutta la documentazione: l'elaborazione del contratto di compravendita, la preparazione della scrittura notarile, la valutazione fiscale dell’immobile o il cambiamento dei dati catastali, sono soltanto alcune delle seccature burocratiche a cui bisogna fare fronte da soli. Ci avevate pensato?

2. Trovare il prezzo giusto. Una casa si vende se viene messa sul mercato al prezzo giusto. Ma come si fa stabilire qual è il prezzo giusto se non si ha accesso ai dati che le agenzie immobiliari hanno? I proprietari sono portati a sopravvalutare la propria abitazione perché non possono essere oggettivi e non si rendono conto di quei difetti che invece saltano subito agli occhi di un estraneo. Il rischio di una supervalutazione che fa precipitare le possibilità di compravendita è un classico del ‘vendo casa da solo’. Come fare? Provare comunque a chiedere una valutazione da un’agenzia immobiliare è sempre una buona mossa.

3. Perdere tempo con visite inutili. L’errore che commettono quelli che si buttano nei fai-da-te del vendo casa è quello di entusiasmarsi alle prima risposte e telefonate, senza filtrare le visite. Spesso così si sprecano energie e tempo, e si prendono permessi dal lavoro, solo per mostrare la casa a curiosi e a individui sospetti, più che a probabili acquirenti davvero interessati e con la disponibilità economica per sostenere l’acquisto. Armatevi di molta, ma molta pazienza.

4. Trascurare l’aspetto. Imparare a presentare bene gli ambienti sia esterni che interni è fondamentale. Ma per chi ci vive abitualmente è difficile riuscire a spersonalizzare le stanze. Invece, uno dei segreti per la riuscita di una compravendita sta proprio nel sapere come rendere una casa accogliente e invitante senza però lasciare che sia legata emotivamente a chi la mette in mostra. Alleggerire gli ambienti rendendoli ariosi e appetibili, per gli acquirenti è fondamentale: a volte può bastare una ripulita e una rinfrescata e altre è meglio fare anche piccole migliorie più importanti per portare allo scoperto tutte le potenzialità della casa.

5. Conoscere i segreti della comunicazione. Non basta l’annuncio ‘Vendo Casa’ per attirare nuovi acquirenti. Bisogna sapere realizzare delle belle foto, dopo avere allestito le stanze in maniera furba e con stile. Più accattivanti sono le immagini e maggiori sono le probabilità che un compratore si faccia viva. Ovviamente bisogna conoscere i siti dove pubblicare gli annunci e fare pubblicità sui portali specializzati.

Siete alla ricerca di esperti nella vendita di case? Affidatevi a gruppi immobiliari solidi e sicuri.



Potrebbe interessarti

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Visura catastale online: come ottenerla seduti comodamente da casa

Per ottenere una visura catastale gratuita è sufficiente che l’interessato si rechi presso l’Agenzia del Territorio per una consultazione. Esiste un altro modo per prendere visione dei dati catastali richiesti: online, sempre accedendo tramite il servizio offerto dal portale dell’agenzia del territorio. È sufficiente indicare il proprio codice fiscale, gli identificativi catastali e la provincia in cui è collocato l’immobile di cui si richiedono le informazioni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

L’impianto idraulico: lo schema per il vostro appartamento

L’impianto idraulico è il sistema di ogni appartamento (ambiente) che garantisce l’allaccio con l’acquedotto, la distribuzione di acqua potabile, la distribuzione dell’acqua calda e la fusione dell’impianto alla fognatura. Colui che progetta un impianto idraulico ha il dovere di valutare la possibilità di utilizzare strategie diverse per la riduzione dei consumi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Il bollettino MAV: cos’è e come pagarlo

Che cos'è? Il MAV è l’acronimo di Pagamento Mediante Avviso. Il Mav è un bollettino il cui pagamento segue una procedura interbancaria standard. 

Leggi tutto...
Go to Top