Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Forniamo alcuni consigli utili a chi si accinge a compiere questo passo, indicando tutte le varie regole, le imposte correlate alla vendita della prima casa e cosa bisogna conoscere per agevolare la persona che acquista la casa. Considerato che, quando si effettua la vendita della prima casa, ne consegue nella maggior parte dei casi l'acquisto di una nuova, faremo anche qualche accenno alle informazioni su questo ulteriore argomento.

Le imposte da pagare sulla vendita della prima casa (anche se l'avete acquistata da un costruttore)

A partire dal gennaio 2002, una delle imposte che non gravano più al momento della vendita della prima casa è L'INVIM, soppressa da una legge poco precedente. Tuttavia, al momento della vendita di un immobile acquistato da meno di cinque anni, è necessario dichiarare ai fini IRPEF il valore della plusvalenza realizzata. Questo dato si ottiene sottraendo dal corrispettivo guadagnato al momento della vendita della prima casa, il prezzo pagato per l'immobile.

Tale dichiarazione non va effettuata qualora la casa messa in vendita sia stata ereditata oppure sia stata ricevuta in donazione. Un altro caso in cui non è necessario inserire la plusvalenza nella dichiarazione dei redditi è quello in cui nel periodo fra l'acquisto e la vendita della prima casa, l'abitazione è stata usata come abitazione principale dal venditore o dai suoi familiari.

Le agevolazioni e i benefici fiscali (non solo per la vendita ad un figlio e/o per le case avute in successione)

vendita prima casa

Innanzitutto occorre chiarire che, per mantenere i benefici riguardanti l'acquisto della prima casa, non è possibile venderla se non sono passati 5 anni dall'acquisto. Se questo non accade, l'Agenzia delle Entrate richiederà indietro circa il 7% del valore d'acquisto dell'immobile, ovvero la differenza della tassazione fra la prima e la seconda casa nel caso di un nuovo acquisto. Inoltre si dovranno pagare degli interessi legali sempre all'Agenzia e una sanzione del 30% (ridotta al 7,5% se pagata entro 60 giorni).

Quando, però, la vendita precede l'acquisto di un'altra abitazione entro un anno dalla procedura, è possibile mantenere tutte le agevolazioni. Sono, tuttavia, necessari particolari requisiti. Ovvero: non serve solo che la seconda casa rispetti tutti i requisiti dovuti per la prima, ma dev'essere adibita a casa principale e dovrà trovarsi nello stesso comune di residenza del compratore. (Anche se è possibile spostare la propria residenza in un secondo momento, a patto che avvengo entro un anno dall'acquisto).

Quando, quindi, si effettua la vendita della prima casa fruendo delle agevolazioni dedicate alla prima abitazione, per poi acquistare un nuovo immobile, è possibile godere di un credito sull'imposta da pagare, sempre che siano rispettate alcune condizioni:

  • acquistare un nuovo immobile non oltre l'anno dalla vendita dell'abitazione precedente;
  • la nuova casa deve essere considerata come abitazione principale, nel caso non siano passati cinque anni fra la vendita ed il primo acquisto della stessa;
  • il contribuente deve mantenere il beneficio prima casa.

Per ottenere il credito di imposta, pari all'imposta di registro o comunque all'IVA pagata per il primo acquisto, bisogna includere due dichiarazioni nell'atto di acquisto:

  • quella necessaria per i benefici della prima casa, come si accennava
  • quella che richieda il credito di imposta nello specifico, indicando l'insieme degli elementi che aiutino a identificarla e determinarne l'esistenza.

Vendita della prima casa: agevolazioni

Per ottenere le agevolazione per l'acquisto della prima casa, l'immobile deve possedere i seguenti requisiti:

  • non deve appartenere alle categorie di lusso;
  • nel caso in cui l'acquirente si sia trasferito all'estero per lavoro è necessaria l'ubicazione nel territorio del comune in cui ha sede o esercita l’attività il soggetto da cui dipende ovvero, che l’immobile sia acquistato come prima casa sul territorio italiano

Chi può chiedere le agevolazioni

vendita prima casa

È possibile richiedere le agevolazioni per la vendita della prima casa per una sola unità immobiliare anche nel caso di acquisto di due appartamenti contigui allo scopo di riunirli in un'unica abitazione. Per i coniugi in regime di comunione legale, se uno dei coniugi non possiede i requisiti perché ad esempio è proprietario di un'abitazione acquistata prima del matrimonio, nel comune dove si intende acquistare la nuova casa, il beneficio fiscale spetta solo al 50% e solo per la quota del coniuge in possesso dei requisiti richiesti.

Alla registrazione obbligatoria del contratto preliminare si verseranno: le imposte di registro in misura fissa (168,00 euro); l'imposta di registro sugli acconti versati del 3% se il venditore è un privato; l'aliquota ridotta del 4% se il venditore è soggetto Iva.

Cosa può essere acquistato con le agevolazioni?

E' possibile richiedere le agevolazioni per l'acquisto della prima casa: per immobili già costruiti; per immobili in corso di costruzione o allo stato rustico; per immobili in ristrutturazione (a condizione che una volta ultimati non siano da considerare 'di lusso');per l'acquisto di un'abitazione affittata o da affittare dopo l'acquisto.

L'acquirente dovrà dichiarare in atto:

  • di non essere titolare, esclusivo o in comunione col coniuge, di diritti di proprietà;
  • di non essere titolare in alcun modo di nessuna casa.

L'Ufficio delle Entrate può verificare la sussistenza dei requisiti entro il termine di tre anni dall'acquisto. L'acquirente decade dalle agevolazioni se: le dichiarazioni previste dalla legge nell'atto di acquisto sono false; se non ha trasferito entro 18 mesi la residenza nel comune in cui è situato l'immobile acquistato; se vende o dona l'abitazione nei primi 5 anni dalla data di acquisto, a meno che non riacquisti entro un anno un altro immobile da adibire a propria abitazione principale.

La decadenza dall'agevolazione comporta il recupero dell'IVA e delle tasse (l'imposta ordinaria meno l'imposta già pagata) nonché l'applicazione di una sanzione pari al 30 % dell'imposta, oltre agli interessi di mora.

Vendita della prima casa: consigli utili su come scegliere il mutuo (anche quello ipotecario) per l'eventuale riacquisto

vendita prima casa

Gli italiani continuano a preferire l'investimento su immobili rispetto altre forme. Tuttavia, vista la situazione di crisi che colpisce il paese, è utile avere un'idea chiara di quali sono le caratteristiche che deve possedere un finanziamento ottimale:

Valutate la tipologia di tasso: variabile o fisso. Molti banche, tuttavia, offrono soluzioni intermedie dove una parte della rata viene influenzata da un tasso fisso mentre l'altra variabile.
Valutate la durata del mutuo. Maggiore è questa, maggiori sono gli interessi passivi che si andranno a pagare.
Condizioni economiche. E qui si parla di tasso di interessa, TAN, e le spese per la gestione del mutuo (perizia, istruttoria e così via). Possono anche valere una buona percentuale dell'incasso totale, quindi confrontate diverse banche sull'argomento.

Tassa mensile. Si dovrebbe valutare in rapporto allo stipendio, anche perché le banche richiedono una busta paga elevata, in modo che la rata mensile sia inferiore al 35% dello stipendio netto.




Potrebbe interessarti

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Go to Top