Quant’è utile il Wi-Fi? Sinonimo di qualità ed eleganza, ma anche di comodità e praticità, lo standard di connessione di cui sopra sta ottenendo sempre più successo tra le famiglie italiane.

Abbreviazione di Wireless Fidelity, il wi-fi è un termine che indica dei dispositivi che possono collegarsi a reti locali senza fili.

Le reti wifi in casa

L'architettura internet è simile ai tradizionali ISP che forniscono un punto di accesso. Le coperture di queste antenne sono di due tipi: omnidirezionali e direttive. Le prime vengono utilizzate per distribuire la connettività all'interno di uffici mentre le direttive coprono grandi distanze.

Una buona rete è dunque formata da molti access point ed è standardizzata.

Dubbi sul wi fi domestico?

Scegliere il modem

Il modem è un dispositivo che rende possibile la comunicazione di più sistemi informatici. Ovviamente utilizza un canale di comunicazione composto da un doppino telefonico. Questo dispositivo permette la MOdulazione e la DEModulazione dei segnali contenenti le informazioni (sequenze di bit vengono ricodificate come segnali elettrici.

Se questo doppino telefonico non passa dei centralini telefonici o dei gruppi di pupinizzazione, la sua banda passante teorica dipende dalla sua impedenza tipica e, limitatamente a qualche decina di chilometri, potremo usare dei modem di tipo banda base.

Questi modem hanno bisogno di filtri passa banda alla sorgente.

I modem in commercio

  • Modem Analogici (56 kbps)
  • Modem ISDN (128 kbps)
  • Modem ADSL (da 640 kbps a 100 Mbps)
  • Modem GPRS/EDGE/UMTS/HSDPA (integrati nei telefonini di ultima generazione o anche come PC card o modem USB, con velocità da 56 kbps a 7.2 Mbps)

Emissioni

La decisione di Berlino segue l'apertura dell'inchiesta della Health Protection Agency (HPA) inglese, tesa a valutare gli effettivi pericoli di un utilizzo esteso del WiFi nelle scuole del Regno.

Protezione dal segnale wi-fi in casa

I metodi per evitare utilizzi non autorizzati sono nati con lo sviluppo di nuove tecnologie (il Wired Equivalent Protocol soffre di problemi che lo rendono poco affidabile).

Qualche trucco per migliorare il segnale wi-fi

É possibile in qualche modo rendere più veloce la nostra connessione domestica? Assolutamente sì! Ci sono dei piccoli quanto importanti accorgimenti che possiamo sfruttare, per ottimizzare la ricezione e migliorare la navigazione internet tramite wifi. Non tutti sanno che il segnale wifi è fortemente influenzato dalla presenza di alcuni elementi all’interno dell’abitazione, che possono essere sia gli elettrodomestici che le pareti stesse, oppure semplicemente dei componenti metallici che “ostacolano” le onde radio.

Ecco come possiamo ovviare al problema con pochissimo sforzo:

  • l’installazione e la scelta della posizione del router è molto importante. Si consiglia di metterlo in posizione “strategica” e centrale rispetto ai vari ambienti della casa, così da poter avere la massima ricezione ovunque. Spesso si decide di lasciarlo vicino alla presa del telefono anche se questa è in un punto lontano o isolato, ma è di gran lunga preferibile portare, con l’ausilio di una canalina, il cavo fino alla posizione migliore. Allo stesso modo si deve posizionare sollevato da terra, magari su una mensola o un mobiletto, così da dirigere le onde radio (che tendono al basso) verso l’alto.
  • lImitare gli ostacoli e le interferenze, ossia pareti o elementi d’arredo che possono intralciare il diffondersi delle onde radio. Per fare questo calcoliamo una linea immaginaria che sarà il percorso del segnale, senza alcun ostacolo per il tratto più lungo, lì metteremo il router. Da evitare assolutamente la vicinanza con elettrodomestici, come il microonde e tutti gli oggetti elettronici che emanano segnali che possono interferiscono notevolmente sulla ricezione del wifi.
  • Controllo delle rete grazie all’ausilio di alcune applicazioni per mobile che vi forniscono, in pochi minuti, una panoramica della qualità del segnale in quel momento. Se dopo la verifica vi accorgete che esistono delle interferenze sul segnale, potete intervenire subito spostando il modem.
  • I wifi Range Extender sono degli apparecchietti che vengono in nostro aiuto qualora non sia effettivamente possibile posizionare al meglio il router. Si attaccano alla rete principale e riproducono il segnale per coprire l’intera area di nostro interesse. In commercio e anche online, sono disponibili diversi modelli il cui costo varia moltissimo in base alle singole caratteristiche, in genere si passa dai 20 ai 60 euro di media, ma prima di procedere con l’acquisto è consigliabile verificare la compatibilità con la nostra linea.


Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Il mutuo ipotecario: cos’è e come funziona

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro Enel: scopri la procedura per richiederlo

Il subentro è la riattivazione del servizio (dopo aver portato a buon fine la disdetta del contratto di energia Enel). Il Cliente attraverso il subentro richiede infatti di diventare titolare della fornitura e ottenere nuovamente l'erogazione di energia elettrica da un contatore che in passato ha già erogato energia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pannello solare fai da te: ecco come realizzarlo!

Ormai viviamo da anni nell’epoca della green economy grazie alla quale l’uomo sta cercando di sfruttare il più possibile le risorse energetiche che la natura ci offre gratuitamente. Grazie ai pannelli fotovoltaci è possibile produrre, tramite un apposito impianto, l’energia sufficiente a soddisfare il bisogno energetico di un edificio o di un’abitazione, risparmiando così sui costi della corrente elettrica.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top