Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Come si calcola il valore catastale prima casa

Il valore catastale della prima casa, anche detto valore fiscale, si ottiene moltiplicando la rendita catastale riportata nell’atto di compravendita per un coefficiente di rivalutazione stabilito per legge, che varia a seconda della categoria catastale cui appartiene l’immobile.

Dove trovare la rendita catastale

La rendita catastale o il reddito dominicale è reperibile nelle visure catastali on line: a) visura catastale per nominativo; b) visura catastale per immobile (richiedibile per indirizzo o per Foglio e Particella).

Per le unità immobiliari che appartengono ai gruppi A,C,D,E la rendita catastale è rivalutata al 5%; gli immobili del gruppo B hanno invece il coefficiente di rivalutazione al 40%. Le rendite rivalutate vanno poi moltiplicate per coefficienti diversi a seconda che si tratti di prima casa o del gruppo di appartenenza.

Così il valore catastale prima casa si ottiene moltiplicando la rendita rivalutata per 110, mentre, ad esempio, il valore dei fabbricati appartenenti ai gruppi A e C si ricava moltiplicando la rendita per 120.

Un esempio di definizione del valore catastale prima casa di un immobile della categoria A con rendita catastale di 300,00 euro: 300,00 + coefficiente di rivalutazione 5% = 315,00 x 110 (coefficiente prima casa) = 34.650,00 euro.

I nuovi criteri per la classificazione degli immobili

Il governo ha in programma la revisione del Catasto, che verrà attuata in accordo con i Comuni e con l’Agenzia del Territorio. I nuovi criteri allo studio per la classificazione degli immobili terranno conto dell’ubicazione, della qualità e della superficie in metri quadri dei fabbricati; discorso diverso per il valore della seconda casa.

La rendita catastale (e, di conseguenza, il valore catastale prima casa) non sarà più calcolata sul numero dei vani ma in base a questi nuovi criteri, tenendo anche conto delle statistiche sui valori del mercato immobiliare. Inoltre le rendite catastali subiranno adeguamenti periodici.

Il valore catastale seconda casa

La rendita catastale di un immobile è riportata nell’atto di compravendita. Si può acquisire online consultando il sito Catastoinrete.it che offre due tipi di visure: 1) per nominativo (inserendo il nome del proprietario); 2) per immobile (se si conosce l’indirizzo oppure il Foglio e la Particella).

Il valore catastale di un’unità immobiliare come la seconda casa si ricava moltiplicando la rendita catastale per un coefficiente di rivalutazione diverso a seconda della categoria catastale di appartenenza; la rendita rivalutata si moltiplica poi per un coefficiente stabilito dalla legge, diverso per ciascuna categoria catastale.

Gli immobili appartenenti alle categorie A, C, D, E hanno un coefficiente di rivalutazione catastale del 5%; quelli del gruppo B hanno un coefficiente del 40%.
Come si calcola il valore catastale seconda casa

Il valore catastale seconda casa si ottiene moltiplicando la rendita rivalutata per i seguenti coefficienti, a seconda del gruppo di appartenenza:

- 120 - per i fabbricati appartenenti al gruppo A, C,
- 168 - per i fabbricati delle categorie B
- 60 - per i fabbricati delle categorie A/10 e D
- 40,80 - per i fabbricati delle categorie C/1 ed E

Anche se esula dalla presente trattazione, segnaliamo che la prima casa, indipendentemente dalla categoria catastale di appartenenza, beneficia del coefficiente 110.

Per calcolare, ad esempio, il valore catastale seconda casa di un immobile del gruppo B, la cui rendita catastale ammonta a 100,00 euro, il procedimento è il seguente: 100,00 + coefficiente di rivalutazione 40% = 140,00. 140,00 x 168 = 23.520,00 euro.

La revisione del Catasto

Tra le iniziative in programma del governo Monti c’è la revisione del Catasto, che prevede una nuova classificazione degli immobili da attuarsi in collaborazione con i Comuni e l’Agenzia del Territorio. Mentre allo stato attuale la classificazione delle unità immobiliari tiene conto del numero dei vani, in futuro farà fede la superficie in metri quadri, oltre alla zona dove l’immobile è ubicato e alla qualità del fabbricato. Inoltre, come criterio generale di riferimento, si terrà conto delle statistiche sui valori del mercato immobiliare.

Le rendite catastali e, conseguentemente, i valori catastali seconda casa, subiranno variazioni in base a meccanismi periodici di verifica.

Giorgio Brunetti





Potrebbe interessarti

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: scopri caratteristiche, norme e rapporti

 Immagine per contratto di sublocazione

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale. Il conduttore può quindi sottoscrivere un contratto di sublocazione.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Normativa sullo scarico fumi: cosa dice la legge

Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti.

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bollettini postali online: ecco la procedura per pagare via web!

Siete stufi di fare la fila alla posta? Non avete tempo di passare all'ufficio più vicino per pagare le vostre bollette? Oppure semplicemente siete curiosi di affidarvi alle nuove tecnologie per facilitare ulteriormente la vostra giornata?

Leggi tutto...
Go to Top