Dopo quella del primo digitale terrestre, un'altra rivoluzione sta per interessare il mondo delle Tv, led e non solo: a partire dal 2020, infatti, il passaggio a frequenze televisive nuove darà il la a una nuova era nel mondo del digitale terrestre. Un cambiamento molto significativo, anche perché sarà caratterizzato dall'introduzione di tecnologie di decodifica inedite. Se fino a questo momento lo standard di trasmissione che è stato impiegato è il DVB-T, tra un paio di anni il nuovo formato sarà il DVB-T2, vale a dire una estensione di quello attuale. La rivoluzione è alle porte, dunque, anche perché dopo una fase di transizione la nuova tecnologia dovrà essere adottata per forza, in base a quanto previsto dalle direttive della Commissione europea, non più tardi del 2022.

La tecnologia Led all’interno del cambiamento

Nella maggior parte dei casi, le televisioni di ultima generazione, che si auspichi supportino la transizione a nuovi standard di trasmissione, sono provvisti di tecnologia LED. In uno scenario mutevole come il nostro, che vedrà numerosi cambiamenti entro il 2022, scegliere una tv risulta essere complicato. Fino a qualche anno fa, la domanda più gettonata era “è meglio una tv plasma, LCD o LED?” oggi la domanda vive di complicazioni, alla luce di nuove tecnologie che si sono aggiunte (USB, SMART, DLNA etc), che hanno reso la risposta alla domanda parecchio complicata. In previsione del nuovo digitale terrestre che porterà numerosi disagi, questa vuole essere una parentesi tecnologica, capace di dare delucidazioni sulla tecnologia più gettonata all’interno del mercato. Il LED oggi risulta essere la scelta più pratica ed ecologia per illuminare le nostre case e per ottenere una risoluzione video nuova e brillante. L’acronimo, che sta per light emitting diode, ovvero diodo ad emissione luminosa, consiste nella presenza di un dispositivo opto-elettrico in grado di servirsi delle proprietà optiche di materiali specifici, per lo più semiconduttori, al fine di convertire l’energia elettrica che lo trapassa, in luce. Il fattore interessante, risiede nel fatto che questo processo viene messo in atto con una minima dispersione di calore ( 10%) e con una luce priva di fastidiosi ultrarossi e ultravioletti.

La luce emessa ha per cui una lunghezza d’onda che va a settarsi grazie all’uso di materiali semiconduttori e processi di fabbricazione differenti. I colori emessi dal led sono più puri e non sono disturbati da lunghezze d’onda dilatate. Tutti questi motivi hanno condotto il led a diventare il motore di una rivoluzione nel campo dell’illuminazione, non solo grazie ai notevoli risparmi energetici, ma anche a causa del fatto che le lampadine a led hanno una lunghissima vita, un’accensione instantanea (non come per le lampadine ad incandescenza) e uno spettro ricco di colori. La capacità dei televisori di ultima generazione, di ricevere il DVB-T2, nel corso degli ultimi tempi, è stata spesso integrata a televisori che, dal punto di vista della risoluzione grafica, fossero la massima espressione della tecnologia raggiungibile nelle nostre case. Il led è sicuramente espressione di un alto livello di tecnologia per cui, alla luce dei futuri cambiamenti, scegliere una tv che sappia ricevere le giuste frequenze e che sappia proporre un’esperienza visiva piacevole e per nulla fastidiosa, risulta essere la presa di posizione più sensata per un consumatore medio.

Bisogna cambiare televisore?

A questo punto, è spontaneo domandarsi se in seguito a questa innovazione sarà necessario cambiare televisore: insomma, vale la pena di cominciare a dare uno sguardo alle offerte TV del momento o conviene attendere? Prima di tutto, è necessario capire se il Tv led che si possiede andrà bene o se dovrà essere sostituito. In realtà no, perché se anche una Tv non dovesse più funzionare con lo switch-off, sarà sufficiente comprare un decoder per garantirsi la compatibilità ai nuovi standard, proprio come era accaduto con il "primo" digitale terrestre. Per altro, chi ha comprato un televisore a partire dal 2016 in avanti con tutta probabilità non avrà bisogno nemmeno del decoder, in quanto quasi sicuramente la tecnologia necessaria è già integrata nell'apparecchio.

Il limite da tenere in considerazione è rappresentato, da questo punto di vista, dal 1° luglio del 2016: è a partire da quella data, infatti, che tutti i televisori che i negozianti hanno comprato dai produttori dovevano essere caratterizzati da un sintonizzatore che consentisse loro di ricevere le trasmissioni con la tecnologia DVB-T2 secondo le codifiche stabilite dall'Unione internazionale delle telecomunicazioni. Come si può notare, si parla di televisori venduti dai produttori ai negozianti, non di televisori venduti dai negozianti ai clienti: ciò vuol dire che nei negozi in cui erano presenti in magazzino ancora i televisori non aggiornati la vendita degli stessi è proseguita anche dopo il 1° luglio del 2016.

Conviene acquistare un televisore ora?

Ad ogni modo non ci dovrebbero essere problemi per chi compra un televisore adesso: l'obbligo per i negozianti è scattato il 1° gennaio del 2017, il che significa che da un anno e due mesi tutti i televisori in vendita dispongono, in teoria e a meno di comportamenti fraudolenti, della capacità di ricevere il DVB-T2. Al massimo, essi vengono proposti in abbinamento a un decoder compatibile.

Ciò non toglie che sia comunque opportuno prestare la massima attenzione ai prezzi molto bassi e alle offerte che appaiono fin troppo allettanti, perché è molto probabile che dietro promozioni eccezionali si celi solo il desiderio di sbarazzarsi di Tv con standard DVB-T. Le specifiche tecniche, per altro, devono essere prese in esame in modo meticoloso: quando si fa shopping occorre verificare non solo la compatibilità con lo standard DVB-T2, ma anche la capacità dell'apparecchio che si sta per comprare di supportare il codec H265/HEVC più recente.

Ma quali saranno i cambiamenti che verranno attuati? Con il passaggio al nuovo standard, saranno liberate le frequenze tra i 694 MHz e i 790 MHz, cioè quelle mobili della banda 700. Lo scopo è quello di fare in modo che tali frequenze siano attribuite alletelecomunicazioni mobili del 4G e del 5G, in modo tale che esse riescano a raggiungere gli edifici senza ostacoli e più semplicemente di quanto riuscirebbero a fare le frequenze contraddistinte da una lunghezza d'onda più corta. In pratica, sia i tablet che gli smartphone potranno beneficiare di una copertura migliore.





Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Il mutuo ipotecario: cos’è e come funziona

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro Enel: scopri la procedura per richiederlo

Il subentro è la riattivazione del servizio (dopo aver portato a buon fine la disdetta del contratto di energia Enel). Il Cliente attraverso il subentro richiede infatti di diventare titolare della fornitura e ottenere nuovamente l'erogazione di energia elettrica da un contatore che in passato ha già erogato energia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Leggi tutto...
Go to Top