Cosa sono le volture? La variazione d'intestazione di un contratto di fornitura già esistente, viene definito voltura. Essa può essere richiesta quando si presenta un subentro al posto di un precedente cliente e predispone la sottoscrizione di un contratto, nel quale vengono trasferite le obbligazioni derivanti dal precedente accordo. Esistono però anche le volture catastali.

Caratteristiche della voltura catastale

La voltura catastale consente di aggiornare i dati relativi ai possessori di diritti sugli immobili iscritti nel catasto e, in caso di successione a seguito di trasferimento dei diritti, da un soggetto (de cuius) all'altro (erede) occorre aggiornare gli intestatari al catasto.

La voltura va fatta pervenire, entro 30 giorni dalla data di registrazione della successione, all’Agenzia delle Entrate nel territorio in cui è locato l’immobile, compilando due differenti modelli: il 13TP per il catasto terreni, il 98TP per la voltura catastale all'urbano. Sul sito dell’Agenzia delle entrate (ex Catasto) e sul sito dell'Agenzia del territorio è presente anche la procedura informatica Voltura 1.1 finalizzata alla compilazione delle informazioni necessarie all'effettuazione delle volture catastali.

Questo procedimento può essere utilizzato solo da notai e tecnici professionisti nei seguenti casi: tributi e imposta di bollo già versati, volture di preallineamento, recupero di volture automatiche. Vedremo più avanti in cosa consistono questi ultimi due casi.
In generale, queste azioni si possono effettuare sul sito, oppure presso lo sportello, per raccomandata A/R o posta certificata.

Tributo catastale

La domanda di voltura catastale ha un costo unitario di 55 euro, inteso come tributo speciale catastale, più 16 euro di marca da bollo per ogni 4 pagine. Il pagamento può essere effettuato allo sportello dell’ufficio o tramite versamento su conto corrente dell’Ufficio Provinciale di riferimento.
Da gennaio 2014 sono esenti dal pagamento del tributo e del bollo quelle domande che dipendono da atti sottoposti ad imposta di registro del 9%, 2% e del 12%.
Sono previste anche delle sanzioni in caso di ritardo nella presentazione della domanda.

Chi effettua la domanda

La domanda di voltura catastale deve essere preparata e presentata da un notaio o un un altro tecnico abilitato iscritto all’albo, vale a dire un geometra, architetto o ingegnere.
Il tecnico compila la domanda inserendo, sotto la propria responsabilità, i dati rilevati dai documenti (visura catastale) che gli sono stati forniti dalla parte cedente e dalla nuova proprietaria.
Solo nel caso di successioni ereditarie, gli eredi o altri soggetti autorizzati, possono presentare la domanda di voltura. Questa può essere presentata solo dopo aver registrato la dichiarazione di successione presso l’Ufficio Territoriale dell’Agenzia delle Entrate competente. Oppure può essere spedita per posta raccomandata, posta elettronica certificata allegando i documenti richiesti: ricevuta di pagamento del tributo, fotocopia del documento di identità, una busta affrancata per la restituzione della ricevuta (non necessaria in caso di posta elettronica), indicazione dei propri recapiti.
Una volta fatto ciò si procede con la voltura allegando, in carta libera, le dichiarazioni di successione e altri atti.
Inoltre, anche un altro soggetto può presentazione la domanda, purché munito di delega o lettera di incarico professionale firmata dal dichiarante e dal soggetto designato. Questa dovrà essere allegata insieme alla fotocopia di un documento di identità del dichiarante.
Se il soggetto dichiarante è stato titolare del diritto di usufrutto, sarà il nudo proprietario a presentare la voltura catastale.

Modelli di volture catastali

Le volture catastali si distinguono in: di afflusso (in caso di acquisto/vendita di terreni o di immobili, ricongiungimento di usufrutto, denunce di successione); di preallineamento (in caso di volture presentate ma non introdotte nella banca dati catastale); di recupero di voltura automatica (nel caso di integrazione di intestazione per le volture incomplete e non corrette).

Per la presentazione, è necessario fornire i seguenti dati: delega dell'avente titolo per la richiesta di voltura; dati anagrafici dei proprietari; dati catastali delle unità immobiliari; nei casi di voltura catastale di afflusso è necessario fornire anche la documentazione motivante la voltura (es. atto di compravendita o dichiarazione di successione o certificato di morte).





Potrebbe interessarti


Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

I più condivisi


Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione.

Leggi tutto...

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Sfratto: procedure, proroghe ed esecuzione

Solitamente, quando il giudice convalida lo sfratto, stabilisce un rinvio, variabile da sei mesi a un anno rispetto alla scadenza contrattuale, entro il quale l’immobile deve essere rilasciato.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Accorgimenti per la ristrutturazione di una casa a misura d’anziano

Quando si parla di terza età è necessario considerare soprattutto che cosa può essere fatto per migliorare la qualità di vita di una persona anziana (bisogna considerare che non si tratta di un argomento irrilevante, in quanto il nostro è attualmente il paese più vecchio d’Europa); rendere l’appartamento agevole e confortevole è importantissimo, soprattutto in quanto consente di evitare di incorrere in infortuni domestici, che ad una certa età possono risultare sempre più complessi da risolvere (il rischio è quello di rimanere allettati, come nel caso di una caduta e di una conseguente frattura del femore, con l’obbligo di cercare qualcuno con il compito di prendersi cura dell’anziano 24 ore al giorno).

Leggi tutto...

Leggi anche...


Caro bollette: come risolvere il problema con ScelgoZero

La voce “bollette” ha sempre un peso importante sul budget mensile degli italiani. Ogni anno i rincari tornano a farsi sentire, cosa che non si può arginare semplicemente cercando di contenere i consumi. Del resto non è sempre possibile tagliare la spesa di gas e luce rinunciando a sfruttare al meglio questi servizi, che per molti versi risultano essenziali.

Leggi tutto...
Go to Top