Il trasloco, in genere è fonte di stress perché necessita di un’attenta organizzazione, ed inoltre si teme spesso di poter danneggiare degli oggetti ai quali si tiene. Proprio per questo, quando si è in fase di trasloco, si deve valutare bene se affidarsi a dei professionisti oppure occuparsene da soli.

Bisogna considerare, in primo luogo, che i traslochi non sono tutti uguali, ma cambiano in base a quante cose vanno trasportate e ovviamente al materiale di cui sono costituiti gli oggetti; se sono delicati oppure no, ed ovviamente la dimensione degli stessi. Sicuramente effettuare il trasloco di un ufficio è molto più semplice da effettuare rispetto al trasloco di una casa, in quanto i mobili di grandi dimensioni sono in genere pochi, per lo più bisogna prestare attenzione ad oggetti come il computer e la stampante, che possono essere anche trasportati a parte e non inclusi nelle scatole del trasloco. Invece, se bisogna cambiare casa, e portare via tutti i mobili le cose diventano più complicate.

Solitamente, gli oggetti delicati sono diversi, dai piatti alla cristalleria, ed i mobili pesanti sono molti in ogni stanza: divani, letti, armadi, tavoli e sedie, per non parlare degli elettrodomestici come il frigorifero oppure la lavatrice.  Quindi, valutando tutti questi fattori, ci si può orientare verso la scelta del “fai da te” oppure optare per una ditta di traslochi Firenze, Milano, Torino e qualsiasi altra città italiana.

Rivolgersi ad una ditta di traslochi

Affidarsi ad una ditta di traslochi significa mettersi nelle mani di professionisti rapidi ed efficienti, dotati di tutti i mezzi disponibili affinché il disagio che comporta un trasloco sia ridotto al minimo. Infatti, oltre agli operai qualificati e competenti, in grado di effettuare in sicurezza tutte le operazioni di montaggio e smontaggio, una ditta è attrezzata con camion di diverse dimensioni e strumenti come le scale mobili, indispensabili per trasportare oggetti pesanti senza danni.  Alcune ditte di trasloco, inoltre, offrono anche altri servizi come i box dove depositare temporaneamente i propri beni se bisogna lasciare rapidamente un luogo ma la destinazione non è ancora pronta.

Il trasloco fai-da-te

trasloco.jpg

Se, invece, si sceglie di effettuare un trasloco senza affidarsi a dei professionisti, il trucco è quello di essere ben organizzati e partire dalle scatole. Infatti, è essenziale avere delle scatole ben resistenti, meglio se dotate di manici, da catalogare con una scritta a pennarello per individuare subito il contenuto (è preferibile non utilizzare degli stickers, perché potrebbero rimuoversi durante lo spostamento). Inoltre, è bene proteggere tutti i mobili e gli oggetti fragili con degli appositi imballaggi. Inoltre, è impensabile fare tutto in un giorno: si può iniziare, ad esempio, ad imballare gli oggetti che non si usano quotidianamente, ad esempio i servizi di piatti (lasciando fuori dalle scatole giusto le stoviglie indispensabili per il nucleo familiare, ed eventualmente utilizzare piatti e bicchieri usa e getta) ed i vestiti che non sono di stagione. Bisogna anche fare una cernita degli oggetti davvero necessari, ed in caso buttare o regalare ciò che non si utilizza più, specialmente se ci si trasferisce in un luogo più piccolo. 




Potrebbe interessarti

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Agevolazioni fiscali per il canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Agevolazioni fiscali per il canone concordato

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Un approccio smart per l'immobiliare

telephone-immobiliare.jpg

Può capitare di avere un immobile inutilizzato, magari frutto di un'eredità o semplicemente una casa che si trova in un posto fuori mano, ma da cui vorremmo comunque ottenere una rendita. Il mattone è sempre un buon sistema per garantirsi un’entrata in più, se non altro per coprire le spese e le tasse, a patto di riuscire a vendere o affittare.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Crisi dei subprime: facciamo chiarezza su questo argomento

Crisi subprime

La crisi dei subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

Leggi anche...

Permuta della casa: sveliamone le caratteristiche

Cosa si intende per permuta di una casa? In sostanza, stiamo parlando dello scambio tra due soggetti di un bene immobiliare, ad esempio un appartamento. Grazie a questa forma di scambio è possibile cedere un appartamento al mare che non si utilizza più per diversi motivi, ed avere una casa in montagna dove si desidera trascorrere delle giornate rilassanti.

Leggi anche...

Conguaglio Enel (ma non solo): scopriamo cosa cambia?

Immagine per conguaglio enel

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio enel.

Go to Top