Il funzionamento delle termostufe a pellet è assai simile a quello delle tradizionali stufe a legna, anche se dal punto di vista dell’inquinamento, la protagonista del nostro articolo è molto meno inquinante e possono scaldare anche ambienti di 35 mq. Nonostante i costi in aumento, comunque, il pellet permette ancora di risparmiare rispetto ai tradizionali sistemi. Ma andiamo ora a vedere come scegliere le migliori termostufe a pellet.

Mai optare per prodotti di scarsa qualità

Ma come ci si può tutelare dai prodotti di scarsa qualità che possono essere pericolosi? Chiedete sempre un sopralluogo da parte di un installatore per valutare quale sia il prodotto giusto per voi: infatti, prima di acquistare bisogna valutare una grande varietà di caratteristiche. Quali sono?

Per la scelta delle termostufe a pellet giuste controllate prima di tutto la potenza nominale che viene dichiarata, per una camera da circa 30 mq optate indicativamente per prodotti con potenza fra gli 8 e i 10 kw, specialmente se avete la possibilità di far defluire verso altre stanze il calore (in tal caso il dimensionamento più giusto potrà essere valutato da un tecnico).  Sui dati tecnici di tutti i modelli è sempre indicata la potenza e i relativi metri cubi che può riscaldare. Ad esempio, con le termostufe a pellet da 12 kW si possono riscaldare circa 300 metri cubi di spazio.

Fra i fattori da considerare prima di comprare delle termostufe a pellet, quindi, vi è la grandezza dell’ambiente che si andrà a riscaldare ma anche il tipo di canna fumaria, le dotazioni di sicurezza, il termostato, il peso e le dimensioni della termostufa e del serbatoio.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

Compra su Amazon

Termostufe a pellet italiana camini idropoint (bianco panna)

Prezzo su Amazon.it: € 1.990,00
Compra su Amazon

Termostufa rossella plus bordeaux kal 23000

Prezzo su Amazon.it: € 1.599,00
Compra su Amazon

La Nordica Termostufa

Prezzo su Amazon.it: € 1.663,00

La canna fumaria

Termostufe

Prima di acquistare le termostufe a pellet, è indispensabile verificare la possibilità di installare una canna fumaria, qualora non sia già presente. Occorreranno quindi: una presa d’aria che sarà collegata alla stufa, ed un’efficiente presa elettrica dotata di messa a terra. Tale collegamento deve restare sempre accessibile e le procedure devono essere effettuate da un tecnico che certificherà l'impianto in base alle normative vigenti Uni En 14785 e Uni 10683. Lo scarico deve essere effettuato sulla base delle normative vigenti da tecnici fumisti che certifichino l’installazione.

Il termostato

Scegliete le termostufe a pellet con il termostato integrato o, comunque, collegabile al termostato da parete, con la possibilità di regolare temperatura e ventilazione, in maniera da garantire un maggior comfort e controllo della combustione efficiente.

Le dotazioni di sicurezza

Controllate sempre che siano presenti le dotazioni di sicurezza per l’utilizzo quotidiano delle termostufe a pellet come il guanto termico o la maniglia amovibile per aprire la camera di combustione che è un’operazione necessaria per la pulizia della stufa e rimozione delle ceneri o per aprire il serbatoio da cui si ricarica il pellet.

Le dimensioni e il peso delle termostufe a pellet

L’ingombro e le dimensioni delle termostufe a pellet sono degli aspetti che non si possono sottovalutare prima dell’acquisto: spesso le termostufe a pellet vanno installate cercando un’armonia con l’arredamento presente nella casa, quindi bisognerà valutare con attenzione gli spazi di cui disponiamo scegliendo il modello in base alle dimensioni. Difatti, è indispensabile mantenere una giusta distanza fra la stufa e gli altri mobili al fine di abbassare il rischio di incendio.

Il serbatoio

Anche la misura del serbatoio è una caratteristica rilevante: più pellet può contenere il serbatoio delle termostufe a pellet, maggiore sarà la capacità di autonomia della stufa stessa.

Inquinamento e incentivi

Quanto incide il riscaldamento della casa sull’inquinamento? Alcuni studi di laboratorio hanno dimostrato che le moderne termostufe a pellet rispetto ai caminetti chiusi o alle stufe a legna inquinano molto meno.

Inoltre, lo stato ha varato degli incentivi pensati apposta per sostituire le vecchie stufe con i nuovi modelli di termostufe a pellet che appunto, riducono le emissioni. Si può godere della detrazione Irpef del 50%, suddivisa in 10 anni oppure del contributo diretto se si sostituisce il vecchio apparecchio con uno più moderno beneficiando del cosiddetto conto termico.

Stufe a pellet idro: scopriamole insieme

Termostufe a pellet

Se siete alla ricerca di uno strumento che vi permetta sia di riscaldare l’ambiente che di produrre acqua calda sanitaria siete nel posto giusto perché una stufa a pellet idro è proprio quello che fa al caso vostro.

Il design e i dettagli estetici di una termostufa non vengono messi da parte esattamente come per una classica stufa a pellet, motivo per cui non sarà complicato adattarla alla vostra abitazione.
Esteticamente, infatti, le due stufe sono identiche e l’unica differenza risiede nel collegamento all’impianto idraulico dell’abitazione della stufa a pellet idro.

Avvicinandovi ad una stufa a pellet idro probabilmente sentirete meno calore provenire da questa per via del fatto che il suo scopo principale è quello di scambiare più calore possibile con l’acqua dell’impianto che circola o nei termosifoni o nell’impianto di riscaldamento a pavimento, oltre che per la produzione di acqua calda.

Il loro funzionamento è inoltre automatico e la programmazione viene gestita tramite un telecomando che può essere utilizzato anche da remoto.

Stufe a pellet idro: perché conviene

Volendo paragonare il costo di installazione di una stufa a pellet idro ed una normale stufa a pellet questo sarà sicuramente più elevato nel primo caso, ma bisogna tener conto del fatto che, se l’obiettivo è quello di ottenere un’omogeneità di calore e temperatura, la stufa a pellet idro è la soluzione migliore perché collegata all’impianto di riscaldamento dell’abitazione.

Se state già utilizzando un impianto di riscaldamento a gas o a gpl e non siete soddisfatti del suo funzionamento e del calore che riesce a generare sappiate che la termostufa non è in grado di risolvere il problema perché questo riguarda l’impianto.

Se ne siete soddisfatti e quindi volete cambiare per ragioni legate ai costi, allora superata la cifra iniziale per l’investimento vi sono sicuramente dei vantaggi sia in termini di riscaldamento dell’intera abitazione che in termini di costi: potrete infatti risparmiare fino al 40-50% rispetto ad un riscaldamento a gas.

Vi ricordiamo anche della possibilità di usufruire delle detrazioni fiscali al 50-60%.

Per scegliere la stufa a pellet idro che fa al caso vostro dovete tenere in considerazione fattori come il tipo di costruzione e la tipologia di isolamento, la tipologia di impianto idraulico e l’eventuale presenza di altri generatori di calore e il clima che caratterizza l’area geografica in cui vi trovate.
Si tratta sicuramente di un investimento da non sottovalutare, ma recupererete sicuramente l’intera cifra e molto di più nel tempo.




Potrebbe interessarti

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Fideiussione per affitto: come funziona la garanzia di pagamento?

Fideiussione per affitto

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

tasse sulla prima casa

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Voltura del gas: ecco la procedura e documenti necessari

Eni è una grande azienda dedicata all'energia. Conta più di 75.000 dipendenti presenti in quasi 70 paesi. Eni si occupa di: ricerca, produzione, commercializzazione di petrolio e gas naturale.

Go to Top