L'inverno è ormai arrivato a colpire tutta Italia e con esso sono arrivati i primi temporali, le prime nevicate e soprattutto aria fredda e gelida su gran parte delle città. Ecco perché è necessario che la vostra casa sia provvista di ottime strutture di riscaldamento e di termosifoni efficienti e a norma, utili a riscaldare in modo adeguato tutti i vani della vostra abitazione.

Molti sono quelli che dispongono di riscaldamento condominiale, che in molti casi viene trasformato in riscaldamento autonomo, a causa delle diverse esigenze dei vari condomini dello stabile. Chi possiede invece un'abitazione indipendente come una villa o un appartamento non in condominio, dispone già di impianti di riscaldamento autonomi.

L'impianto di riscaldamento, per funzionare al meglio e correttamente deve essere provvisto di determinate strutture utili al riciclo e all'emissione del calore, come la caldaia o il termosifone.

Come è fatto un termosifone?

Il termosifone è il singolo radiatore, o calorifero, solitamente posto in ogni stanza della casa, atto a riscaldare l'ambiente interno. I principali materiali utilizzati per realizzare un termosifone sono: la ghisa, l'acciaio e più recentemente l'alluminio. Il termosifone è composto da alcuni tubi collegati alla caldaia, all'interno di essi avviene il passaggio del calore con la combustione del gas.

Le forme dei termosifoni possono essere diverse; solitamente sono rettangolari e ultimamente, per meglio distribuire il calore nella stanza sono stati realizzati dei termosifoni tubolari che, oltre ad essere più efficienti, diventano sempre più spesso veri e propri complementi d'arredo.

Il funzionamento del termosifone

L'acqua e il calore che dovranno andare a riscaldare gli ambienti passando dunque attraverso tubi appositi dalla caldaia al termosifone. L'acqua riscaldata dalla caldaia sale così in direzione dei termosifoni che si trovano in quasi tutte le stanze di un'abitazione.

È inoltre presente un meccanismo di circolazione dell'acqua inverso, utile a rimandare acqua da riscaldare nuovamente e da trasformare in calore alla caldaia. Il meccanismo di funzionamento del termosifone si basa infine su aumenti e diminuzioni di densità dei liquidi interessati al riscaldamento.

I termosifoni di ultima generazione, sfruttano infine spesso, al posto della circolazione naturale dell'acqua, la circolazione forzata che offre tanti vantaggi, come quello dell'erogazione di acqua più velocemente.

Le fasce orarie in cui far funzionare i termosifoni

Secondo la legge, date e orari per accendere il riscaldamento in Italia vengono definiti in base a una precisa programmazione ad aree geografiche; non importa se i termosifoni siano centralizzati o autonomi.

Materiali diversi: guida alla scelta di quello che fa per noi!

In commercio esistono termosifoni di diverso materiale, principalmente quelli impiegati sono l’acciaio, la ghisa e l’alluminio. Conoscere i vantaggi e gli svantaggi delle tre tipologie può aiutarci nella scelta di quello più adatto alla nostra abitazione.

I termosifoni in acciaio sono quelli che hanno un costo maggiore, ma offrono una grande diversificazione di modelli e spesso rappresentano un vero e proprio elemento di design che concorre all’arredamento di un ambiente. Sono di facile installazione anche se mediamente pesanti, hanno un’elevata robustezza e la pulizia risulta agevole.

Quelli in ghisa hanno lo svantaggio di non fornire calore immediatamente dopo l’accensione ma, essendo anche il tempo di raffreddamento più lento, continuano a fornire calore dopo lo spegnimento. Il peso di un termosifone di questo materiale è notevole, quindi anche l’installazione può comportare delle criticità ed essere meno semplice rispetto alle altre tipologie. Da sottolineare anche il fatto che la pulizia è più difficile da effettuare e che richiedono una costante manutenzione per evitare l’insorgere della ruggine.

L’alluminio, al contrario della ghisa e in parte anche dell’acciaio, infonde calore in brevissimo tempo e altrettanto velocemente si raffredda, è molto leggero e semplice da installare. Ne esistono diversi modelli, dalle linee eleganti e dall’ingombro medio, tutti abbastanza economici.

Il radiatore giusto per ogni casa

La scelta del radiatore e del materiale dipende principalmente dal tipo di abitazione in cui andrà installato.

Per una casa abitata poco, come possono essere le seconde case al mare o in montagna utilizzate per un breve periodo, l’ideale sono quelli in alluminio perché diffondono il calore in poco tempo. Allo stesso modo sono perfetti per le abitazioni in cui durante l’arco della giornata non c’è nessuno, ma che alla mattina presto o alla sera quando si rientra, devono riscaldarsi immediatamente dopo l’accensione.

Nonostante la poca facilità di trasporto, installazione e il notevole ingombro, quelli fatti in ghisa vanno bene per chi è alla ricerca di un risparmio economico e soprattutto se nell’immobile c’è sempre qualcuno, che può godere del caldo che continuano ad emanare anche dopo essere stati spenti.

I termosifoni in acciaio rappresentano un giusto compromesso, seppur dai costi più alti, perché hanno un tempo medio di riscaldamento e riescono ad irradiare calore maggiore rispetto a quelli in alluminio.





Potrebbe interessarti

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Documenti successione: diamo uno sguardo più approfondito

Per aprire una pratica di successione, i documenti necessari sono:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come montare una mensola: una guida breve e pratica!

Quello che manca è sempre il tempo. Ma finalmente è arrivato il week end e non avete più scuse. Dovete fare un pò di manutenzione alla casa e soprattutto dovete montare quei due o tre mobili comprati durante la settimana appena terminata. Ebbene, mettetevi comodi e leggetevi la guida di oggi.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top