L'inverno è ormai arrivato a colpire tutta Italia e con esso sono arrivati i primi temporali, le prime nevicate e soprattutto aria fredda e gelida su gran parte delle città. Ecco perché è necessario che la vostra casa sia provvista di ottime strutture di riscaldamento e di termosifoni efficienti e a norma, utili a riscaldare in modo adeguato tutti i vani della vostra abitazione.

Molti sono quelli che dispongono di riscaldamento condominiale, che in molti casi viene trasformato in riscaldamento autonomo, a causa delle diverse esigenze dei vari condomini dello stabile. Chi possiede invece un'abitazione indipendente come una villa o un appartamento non in condominio, dispone già di impianti di riscaldamento autonomi.

L'impianto di riscaldamento, per funzionare al meglio e correttamente deve essere provvisto di determinate strutture utili al riciclo e all'emissione del calore, come la caldaia o il termosifone.

Come è fatto un termosifone?

Il termosifone è il singolo radiatore, o calorifero, solitamente posto in ogni stanza della casa, atto a riscaldare l'ambiente interno. I principali materiali utilizzati per realizzare un termosifone sono: la ghisa, l'acciaio e più recentemente l'alluminio. Il termosifone è composto da alcuni tubi collegati alla caldaia, all'interno di essi avviene il passaggio del calore con la combustione del gas.

Le forme dei termosifoni possono essere diverse; solitamente sono rettangolari e ultimamente, per meglio distribuire il calore nella stanza sono stati realizzati dei termosifoni tubolari che, oltre ad essere più efficienti, diventano sempre più spesso veri e propri complementi d'arredo.

Il funzionamento del termosifone

L'acqua e il calore che dovranno andare a riscaldare gli ambienti passando dunque attraverso tubi appositi dalla caldaia al termosifone. L'acqua riscaldata dalla caldaia sale così in direzione dei termosifoni che si trovano in quasi tutte le stanze di un'abitazione.

È inoltre presente un meccanismo di circolazione dell'acqua inverso, utile a rimandare acqua da riscaldare nuovamente e da trasformare in calore alla caldaia. Il meccanismo di funzionamento del termosifone si basa infine su aumenti e diminuzioni di densità dei liquidi interessati al riscaldamento.

I termosifoni di ultima generazione, sfruttano infine spesso, al posto della circolazione naturale dell'acqua, la circolazione forzata che offre tanti vantaggi, come quello dell'erogazione di acqua più velocemente.

Le fasce orarie in cui far funzionare i termosifoni

Secondo la legge, date e orari per accendere il riscaldamento in Italia vengono definiti in base a una precisa programmazione ad aree geografiche; non importa se i termosifoni siano centralizzati o autonomi.

Materiali diversi: guida alla scelta di quello che fa per noi!

In commercio esistono termosifoni di diverso materiale, principalmente quelli impiegati sono l’acciaio, la ghisa e l’alluminio. Conoscere i vantaggi e gli svantaggi delle tre tipologie può aiutarci nella scelta di quello più adatto alla nostra abitazione.

I termosifoni in acciaio sono quelli che hanno un costo maggiore, ma offrono una grande diversificazione di modelli e spesso rappresentano un vero e proprio elemento di design che concorre all’arredamento di un ambiente. Sono di facile installazione anche se mediamente pesanti, hanno un’elevata robustezza e la pulizia risulta agevole.

Quelli in ghisa hanno lo svantaggio di non fornire calore immediatamente dopo l’accensione ma, essendo anche il tempo di raffreddamento più lento, continuano a fornire calore dopo lo spegnimento. Il peso di un termosifone di questo materiale è notevole, quindi anche l’installazione può comportare delle criticità ed essere meno semplice rispetto alle altre tipologie. Da sottolineare anche il fatto che la pulizia è più difficile da effettuare e che richiedono una costante manutenzione per evitare l’insorgere della ruggine.

L’alluminio, al contrario della ghisa e in parte anche dell’acciaio, infonde calore in brevissimo tempo e altrettanto velocemente si raffredda, è molto leggero e semplice da installare. Ne esistono diversi modelli, dalle linee eleganti e dall’ingombro medio, tutti abbastanza economici.

Il radiatore giusto per ogni casa

La scelta del radiatore e del materiale dipende principalmente dal tipo di abitazione in cui andrà installato.

Per una casa abitata poco, come possono essere le seconde case al mare o in montagna utilizzate per un breve periodo, l’ideale sono quelli in alluminio perché diffondono il calore in poco tempo. Allo stesso modo sono perfetti per le abitazioni in cui durante l’arco della giornata non c’è nessuno, ma che alla mattina presto o alla sera quando si rientra, devono riscaldarsi immediatamente dopo l’accensione.

Nonostante la poca facilità di trasporto, installazione e il notevole ingombro, quelli fatti in ghisa vanno bene per chi è alla ricerca di un risparmio economico e soprattutto se nell’immobile c’è sempre qualcuno, che può godere del caldo che continuano ad emanare anche dopo essere stati spenti.

I termosifoni in acciaio rappresentano un giusto compromesso, seppur dai costi più alti, perché hanno un tempo medio di riscaldamento e riescono ad irradiare calore maggiore rispetto a quelli in alluminio.





Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Filtro ADSL: a cosa serve e quando sostituirlo?

Ormai tutti abbiamo una connessione internet nelle nostre case. Molto spesso questa è allacciata alla linea telefonica di casa, e per permettere che ciò avvenga è necessario che ai telefoni sia collegato un filtro ADSL. Il filtro ADSL è importantissimo, serve infatti per separare il segnale telefonico da quello del dispositivo internet.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettura contatore gas Eni

 

La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Leggi tutto...
Go to Top