Il termoconvettore elettrico altro non è che una stufa o radiatore evoluto ideato per il riscaldamento degli ambienti e si tratta di un dispositivo più sicuro rispetto alle stufe elettriche o a gas tradizionali che rischiano di surriscaldarsi con rischio elevato di provocare incendi. I termoconvettori sono anche più efficienti nella diffusione del calore, meno dispersivi perché funzionano più lentamente e riscaldano con maggiore gradualità ed efficacia. Il termoconvettore elettrico della giusta dimensione rispetto all’ambiente da riscaldare è la prima caratteristica da prendere in considerazione: uno troppo grande riscalda in eccesso e uno troppo piccolo non riscalda bene. I termoconvettori più economici sono quelli elettrici, più efficienti di quelli che richiedono combustibile liquido come propano o kerosene (anche costosi). Alcuni modelli sono dotati di ventola per convogliare meglio e velocizzare il riscaldamento dei locali. I modelli più avanzati sono corredati di un timer e termostato per regolare l’accensione e la temperatura di riscaldamento. Le tipologie migliori, infine, sono quelli con dei buoni sistemi di sicurezza come i blocchi automatici in caso di caduta accidentale o surriscaldamento.

Come funziona il termoconvettore elettrico

Il termoconvettore elettrico, ad acqua o a gas  è una specie di termosifone dalla superficie irradiante più ampia. Nei modelli ad acqua, i tubi in cui scorre l’acqua sono dotati di alette in alluminio che ampliano la superficie di scambio con l’aria. In genere, dai tubi del convettore, il calore viene irradiato nell’ambiente circostante per effetto del fenomeno convettivo, appunto, in base al quale l’aria fredda è più pesante e scende verso il basso, mentre l’aria calda sale, per cui l’aria fredda viene “aspirata” dalle bocchette del termoconvettore che la riscalda e la reintroduce nell’ambiente. La praticità dei termoconvettori elettrici è che non necessitano di essere collegati né alla caldaia, né al gas, ma sono indipendenti e si possono trasportare da una stanza all’altra. Si tratta, tuttavia, di apparecchi complessi e delicati che si impolverano facilmente e per questo sono generalmente costituiti da griglie, coperture e filtri antipolvere. Il termoconvettore è il corrispettivo invernale del condizionatore portatile monoblocco.

L’apparecchio non necessita di opere di muratura: è sufficiente collegarlo ad una presa elettrica proprio come una stufa o un ventilatore. Poiché è un dispositivo massiccio è preferibile scegliere un modello dotato di rotelle per facilitare gli spostamenti. Un termoconvettore elettrico è molto utile in tutti quei casi in cui è necessario apportare ulteriore calore dove l’impianto di riscaldamento non è sufficiente (in zone dove l’inverno è particolarmente rigido) o nelle zone della casa difficili da riscaldare o per riscaldare ambienti privi di altre forme di riscaldamento. Il termoconvettore elettrico è anche facile da manutenere, poiché non avendo liquidi all’interno (come quelli ad acqua, per esempio) non rischia di avere problemi di gelo e non essendo alimentato a gas, non necessita di controlli regolari e di attenzioni specifiche.

Alcune tipologie avanzate – che si chiamano ventilconvettori – sono dei termoconvettorielettrici dotati di ventola che aumenta la capacità di diffusione di calore e velocizza il riscaldamento. Un convettore normale ha tempi lunghi di riscaldamento perché segue la fisica naturale del fenomeno di convezione, l’aggiunta della ventola serve solo a velocizzare il movimento dall’alto al basso e dal basso all’alto dell’aria fredda e calda nella stanza in modo da riscaldare l’ambiente più rapidamente. L’unico svantaggio del ventilconvettore è che muovendo più aria, muove anche più polvere per cui occorre pulire più spesso i filtri.

Di seguito una selezione di prodotti che ci sentiamo di consigliarti

termoconvettore elettrico
Compra su Amazon

Imetec Eco Rapid TH1-100 Stufa Elettrica 2000 W con Tecnologia a Basso Consumo Energetico, termoconvettore elettrico 4 Temperature, Termostato Ambiente, Silenzioso

Prezzo su Amazon.it: €49,90
termoconvettore elettrico
Compra su Amazon

Tristar KA-5914 Stufa Elettrica Funzione Turbo, 2000 W, Bianco

Prezzo su Amazon.it: €34,80
termoconvettore elettrico
Compra su Amazon

Klarstein Norderney - termoconvettore elettrico, Stufa Elettrica, Temperatura: 15 °-35 °C

Prezzo su Amazon.it: €84,99

Come scegliere il dispositivo di riscaldamento a convenzione termica

Tra i migliori termoconvettori in commercio si segnalano alcune marche specializzate come IMETEC Eco Rapid TH1-100, De Longhi HCX3220FTS e lo stesso in versione “slim”, De Longhi HSX2320F, Ardes 461. Si equivalgono tutti per capacità, potenza, efficienza, affidabilità, la differenza è data dalla presenza o meno di alcuni gadget e accorgimenti come il timer, il termostato e i vari sistemi di sicurezza. Per fare la scelta giusta, vi suggeriamo di valutare i seguenti aspetti:

  • Dimensioni e ingombro: pur essendo compatti, alcuni dispositivi hanno dimensioni importanti, mentre altri sono talmente pratici da poter essere appesi a parete; molto dipende dalla grandezza del locale da riscaldare e questa è una valutazione che compete solo all’acquirente e per le esigenze che desidera soddisfare. Un apparecchio che si appende alla parete – se da una parte favorisce la libertà di spazio e movimento, dall’altra riduce la capacità di riscaldare.
  • Potenza: un termoconvettore elettrico destinato al riscaldamento di ambienti domestici dovrebbe avere una potenza minima di 2000 W con opzione, molto raccomandata, di programmazione dell’accensione per sfruttare al massimo l’energia e trovare un ambiente già caldo che permette un maggior controllo degli sprechi sia economici che ecologici.

termoconvettore elettrico

  • Ventola: il ventilconvettore è preferibile al termoconvettore elettrico standard perché accelera il processo di riscaldamento riducendo anche gli sprechi di energia perché una volta raggiunta la temperatura ideale, si può anche regolare l’intensità e la velocità di calore da far circolare. Inoltre, la ventola può essere utilizzata come “semplice” ventilatore in estate.
  • Regolazione: è bene verificare che il dispositivo sia dotato di regolazione dell’intensità di calore con indicazione anche della velocità di riscaldamento. Timer e termostato in un buon prodotto non dovrebbero mancare perché forniscono comodità e comfort di gestione, programmare l’accensione o lo spegnimento permette di rincasare dal lavoro e trovare l’ambiente già riscaldato e accogliente oppure non doversi svegliare nella notte perché si è dimenticati il dispositivo acceso. Si tratta di utility di grande comodità e di risparmio se abbinati al termostato che una volta raggiunta la temperatura desiderata entra in stand by senza ulteriori sprechi e si riattiva automaticamente quando la temperatura scende di nuovo.
  • Antigelo: i termostati dotati di funzione antigelo sono stati pensati per i casi in cui si raggiungono temperature inferiori ai 5° C e in assenza di adeguato sistema di riscaldamento (come nelle baite di montagna) utilizzare un termoconvettore elettrico con antigelo e accensione programmata contribuisce a mantenere le tubature e gli elementi strutturali funzionanti e senza rischio di gelarsi.
  • Dispositivi di sicurezza: un apparecchio così importante e ben strutturato è importante che sia dotato di sistemi di sicurezza e antiribaltamento, deve avere un design anche ben compatto per proteggerlo da umidità, polvere e schizzi di acqua. I termoconvettori dotati di sistema di sicurezza sono contrassegnati dalla sigla IP e l’acquirente sa di avere tra le mani un prodotto adeguato.

termoconvettori elettrici

Altre utility: al di là delle funzioni principali e delle dotazioni minime, i termoconvettori si differenziano, poi, per la presenza o meno di altre funzioni che possono essere ritenute utili o meno a discrezione dell’acquirente e in base all’utilizzo; pertanto vi sono dispositivi dotati di display LCD su cui sono visualizzate le informazioni relative alla temperatura, all’impostazione del timer, le funzioni attivate o per segnalare guasti e malfunzionamenti all’utilizzatore con le spie che si accendono a seconda dei casi. Non tutti i modelli sono dotati di un telecomando per il controllo remoto, anche se è una utility pratica e utile per un termoconvettore elettrico, così come la possibilità di scegliere dispositivi che si possono connettere in wi-fi o dialogare con o smartphone per poter gestire l’apparecchio anche fuori casa.




Potrebbe interessarti

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi anche...

Recupero edilizio, quali gli interventi compresi nel Bonus Ristrutturazione

RISTRUTTURAZIONE min

Per incentivare il miglioramento delle strutture abitative private e condominiali, il Governo italiano in questi anni ha ideato e avviato diverse iniziative, tra le quali il cosiddetto Bonus Ristrutturazione. Questo consente di ottenere il rimborso di una quota delle spese effettuate per lavori di ristrutturazione, riguardanti un’abitazione principale oppure le seconde case o, ancora, di parti comuni di edifici condominiali. In tali lavori di ristrutturazione sono compresi anche quelli connessi al recupero edilizio.

Leggi anche...

Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Go to Top