L’evoluzione del camino a legna tradizionale è il termocamino ad acqua o aria che a differenza di altre soluzioni simili come le stufe o i camini a biocombustibile, si tratta di una reale alternativa alla caldaia per il riscaldamento domestico e per la produzione di acqua sanitaria. L’installazione di un termocamino necessita di opere murarie, anche se poco invasive, non necessita di canna fumaria, ma di un foro per l’espulsione dei fumi proprio come una caldaia. Il termo-camino coniuga l’efficienza energetica di una caldaia con la gradevolezza e il design di un camino tradizionale senza rinunciare al piacere di godere del fascino della fiamma viva. Infatti, i termo-camini principalmente in ghisa possono essere “rivestiti” a proprio piacimento e in base allo stile dell’abitazione.

Come funziona un termocamino

La consapevolezza ambientale spinge il consumatore verso una dimensione sempre più “green” per vivere anche gli ambienti domestici con ecosostenibilità. L’obiettivo a lungo termine – e in un’ottica anche normativa di ampio respiro – è la creazione di edifici a impatto zero, meno energivori e più performanti. Il termocamino ad acqua o aria  è l’evoluzione tecnologica e sostenibile al caminetto a legna tradizionale.

Vi sono diverse tipologie di termocamino , ma in sostanza sono tutti dotati di una camera di combustione chiusa con uno sportello di vetro termico trasparente che permette sia di controllare i livelli della fiamma che di godere del piacere di un fuoco scoppiettante. Lo sportello in vetro chiuso serve a ottimizzare il calore e ridurne la dispersione. Il cuore del termo-camino – come per i camini tradizionali – è il focolare o camera di combustione che viene rivestita di materiali termoisolanti come la ghisa o la ceramica.

Anche i termocamini ad acqua o aria sono dotati di una cappa per l’aspirazione dei fumi che vengono indirizzati verso l’esterno tramite una canna fumaria. Alcuni componenti cambiano a seconda della tipologia: camino ad aria o a acqua e all’impiego del combustibile (a legna o pellet). 

Un termocamino può essere affiancato a un impianto già esistente oppure utilizzato in modo autonomo per coadiuvare la capacità di riscaldamento o risparmiare energia.

Rispetto a un camino tradizionale, la manutenzione non è impegnativa, poiché la pulizia è semplice, mentre la canna fumaria deve essere regolarmente revisionata e pulita almeno una volta l’anno (lo si può fare in autonomia o avvalendosi dell’assistenza dell’installatore). L’installazione deve essere effettuata da tecnici esperti a cui compete anche la valutazione sui carichi e sulla reale possibilità di installare un termocamino ad acqua o aria . Chi non è pratico nell’uso di un camino tradizionale, può optare per questa soluzione perché queste caldaie sono normalmente dotate di sistemi di automatizzazione nell’accensione e nello spegnimento cos’ come di sistemi di sicurezza e controllo delle anomalie. L’unica differenza è che hanno l’aspetto gradevole e confortevole di un camino. In questi termini, il termocamino, oltre a essere una caldaia vera e propria, è un complemento d’arredo grazie ai rivestimenti – i cui costi sono separati dall’installazione – in base al proprio gusto o da abbinare allo stile della casa (classico o moderno).

Di seguito ti riportiamo alcune ottime offerte di Amazon

Compra su Amazon

Centralina Controllo Per Termocamini - Fuego 2 SEITRON

Prezzo su Amazon.it: € 60
Compra su Amazon

Bio Caminetto Caminetti Camino Modello Emily Premium - Scegli tra 9 colori (Granito luce)

Prezzo su Amazon.it: € 279

Quanto costa un termcamino?

Termocamini ad acqua

Il termo-camino ad acqua o aria è una caldaia sofisticata i cui costi sono elevati e rappresentano il limite all’acquisto. Il costo viene, tuttavia, ammortizzato rapidamente una volta che l’impianto viene messo in funzione proprio perché permette un risparmio energetico sul lungo periodo molto consistente, soprattutto se lo si utilizza come caldaia e non come mero complemento d’arredo, per cui la spesa non conviene.

I prezzi partono da 1200 € - 1500 € per arrivare fino a oltre 2500 €. La differenza è data dai materiali di produzione, dalle funzioni, dai sistemi di sicurezza e dai costi di installazione a cui occorre aggiungere il costo del combustibile che si sceglie di utilizzare (legna, pellet, gas o altro biocombustibile). L’installazione deve essere effettuata da un tecnico esperto e riconosciuto che rilasci la certificazione attestante la conformità a norma di legge. Il termo-camino ad aria (che si installa per riscaldare solo gli ambienti) costa tendenzialmente meno rispetto a quello ad acqua (che si installa per la produzione di acqua sanitaria oltre che per il riscaldamento). Infine, oltre all’acquisto dell’apparecchio in sé, occorre considerare gli ulteriori costi di rivestimento: un termo-camino da solo è esteticamente poco gradevole da tenere in casa per cui necessita di essere adeguatamente coperto o arredato in stile con la casa.

In compenso, sul lungo periodo, le spese vengono ammortizzate in quanto:

  • Il combustibile per termocamini ad acqua o aria comporta un risparmio energetico del 60% rispetto alle tradizionali caldaie a gas;
  • Il pellet consente un risparmio del 40% e un miglioramento della qualità dell’aria con ridotte emissioni da combustione.

 





Potrebbe interessarti

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Articoli correlati

I più condivisi

Come si effettua il calcolo del valore immobiliare

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Leggi tutto...

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Immagine usata nell'articolo Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Acquisto terreno edificabile: come funziona la compravendita

Immagine per Acquisto terreno edificabile

Acquisto terreno edificabile: la possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto del terreno edificabile, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

SCIA: tutto sulla Segnalazione Certificata di Inizio Attività

In merito ai lavori edilizi, al fine di evitare l’enorme piaga dell’abusivismo edilizio sono stati realizzati dallo Stato italiano determinati atti amministrativi utili a regolarizzare le opere sugli immobili e la loro corretta costruzione. Oltre alla DIA Ordinaria e alla Super DIA, alcune regioni italiane applicano la SCIA.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Lettura contatore gas Eni

 

La rilevazione dei consumi del gas può verificarsi secondo diverse modalità: lettura diretta del contatore; autolettura da parte del Cliente e trasmissione della stessa a Eni S.p.A., mediante numero verde dedicato o sito internet.

Leggi tutto...
Go to Top