L’anno passato, di grande interesse presso gli arredatori di interni e i numerosi designers, era stato il considerare qualsiasi oggetto all’interno della propria casa un qualcosa di non invasivo, di minimale, che non desse troppo nell’occhio. Geometrie pure, colori primari e open space sono state le parole chiave del design 2018.

Ma cosa interessa questo nuovo anno invece? Alla luce di un’imminente ristrutturazione, come ci si deve comportare nei confronti della propria abitazione? Sebbene tutti gli ambienti godano della stessa importanza, un occhio di riguardo va sempre indirizzato verso il bagno, per eccellenza sezione del relax e dei propri discorsi di autostima.

Sobrio ma non eccessivamente minimale: queste sono le nuove mode che  interesseranno il vostro bagno se state prendendo in considerazione l’idea di un ammodernamento. L’arredo del bagno è una presentazione della propria casa, a causa del fatto che è un ambiente di servizio, quindi aperto a tutti i componenti della casa e ai possibili ospiti. Come volete presentarvi per cui ai vostri amici il sabato sera? Nuove esigenze dettate da ritmi e stili di vita frenetici e ormai mutati, hanno trasformato leggermente i canonici parametri per il vostro bagno. In questo articolo verranno elencati i trend del 2019 per il bagno (che abbia stile ma senza venir meno alla comodità e alle esigenze quotidiane). 

I punti forti di un restyling con i fiocchi

Se siete completamente indecisi se tingere le pareti del vostro bagno o rivestirle interamente, sappiate che gli standard di quest’anno prevedono un abbondante impiego delle lastre di pietra artificiale. Se vi state chiedendo il perché, la risposta è da rintracciare nelle proprietà chimico-fisiche di queste lastre, capaci di garantire un’ottima resistenza all’usura, un’agevole facilità di pulizia e vantaggiose proprietà antibatteriche. Il gres porcellanato, nonostante la sua sottile fattura, è un ottimo materiale  e lo si può accostare a colori freddi, i quali danno una percezione asettica del vostro ambiente.

Le piastrelle grigie, bianche e ad effetto marmo sono infatti quelle più gettonate per i pavimenti del bagno, ma se si volesse dare un tocco nuovo? Anche i colori della scala pastello sono un’ottima soluzione per il vostro restyling: marsala, rosa pastello, verde prato e giallo canarino possono rigenerare la vostra vita, non solo sulle piastrelle ma anche sui numerosi accessori impiegati nell’arredamento generale del vostro spazio. Avere interesse nel design del wc e di di tutti i suoi componenti, consente oltremodo di rintracciare nuove soluzioni per migliorare non solo lo stile, ma anche l’igiene di cui vi circondare.

Le tavolette che hanno la funzione di stacco con click sono molto efficaci e garantiscono una buona tenuta del vostro sanitario più importante. Da non prendere sottogamba è anche la scelta di un vero è proprio mood per tutti gli accessori sanitari del vostro bagno: in ogni stile e forma si rintraccia una musica diversa. Tondi, ovali o rettangolari? Dalle linee parallele si può passare a quelle convergenti e, mentre le linee organiche ci ritornano in memoria un ciottolo di fiume, linee più squadrate ci danno una percezione seria e un gusto più minimal. Le forme che sceglierete saranno determinanti per il messaggio stilistico che volete mandare e, se volete che il tutto risuoni all’unisono, dovete anche coinvolgere la rubinetteria, che potrebbe altamente spezzare con tonalità più scure o più chiare: bianco e nero sono i colori protagonisti  della rubinetteria 2019, che hanno lasciato alle spalle il classico colore metallico dell’acciaio

Piastrelle e texture 3D: un decoro che si accosta alle luci

Se siete tendenzialmente contrari alle mode e preferite essere più caratteristici e personalizzanti nell’arredamento e nella ristrutturazione del tuo bagno, qualcosa di veramente speciale puoi trovarlo nelle piastrelle 3D. Ti chiederai cosa queste abbiano di speciale rispetto a quelle canoniche e, la risposta, sta nel rilievo di cui si caratterizzano. Il rilievo offre dinamicità e movimento alla tua parete, per non parlare dei riflessi di luce che nascono dalla molteplici sfaccettature della superficie.  Proprio la geometria sopraelevata regala una presenza chiaroscurale interessante al tuo bagno, mutando gli effetti sulla base della giornata o dell’intensità/direzione della luce. Uno degli effetti più gettonati per le texture 2019 è quello che prevede l’impiego del disegno a onda, il quale mima il movimento dell’acqua entrando in sinergia con il senso del luogo scelto, ovvero il bagno, ambiente per eccellenza dell’acqua.

Il vostro designer vi aiuterà a scegliere uno schema adatto alternando a piastrelle lisce quelle ruvide e modulate. Lo studio di una geometria è essenziale e strettamente legato all’arredo generale del bagno: bisogna creare un equilibrio, non si può mettere la texture ovunque! Inoltre, a cambiare il senso delle vostre piastrelle, potrebbe essere il tipo di finitura scelta: opaca o lucida? I pattern grafici potrebbero stupirvi e farvi rendere conto di quante sfaccettature ci sono nella realizzazione di una semplice piastrella. Optare per una finitura opaca significa puntare su un effetto misurato e composto, mentre orientarsi su rivestimenti lucidi vuol dire osare ed esaltare al massimo le potenzialità dell’effetto tridimensionale. Tutto dipende dalla vostra personalità e dal vostro stile. Ricordate sempre di non esagerare però con tutti questi consigli e di scegliere solo quelli che vi interessano in una misura controllata: “Less is More” ha detto Mies van der Rohe, architetto straordinario che rintracciava il bello nella semplicità. E voi che tipi siete? Esprimetelo con il vostro nuovo e ammodernato bagno, che deve rispondere alle eccentricità nuove senza però sforare nell’eccesso.





Potrebbe interessarti

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Ufficio del Catasto

L’ufficio del catasto è un registro pubblico di documenti contenenti i dati catastali di un immobile. Vediamo alcune tipologie di documenti che possiamo reperire all’ufficio del catasto:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Leggi tutto...
Go to Top