Quando si ha la necessità di proteggere dai raggi del sole un giardino, una terrazza o un balcone, il ricorso alle tende da sole è pressoché inevitabile, soprattutto nel corso della stagione estiva. Al di là della loro funzione pratica, esse contribuiscono a definire l'aspetto estetico del contesto in cui vengono applicate, anche perché sono disponibili in una grande varietà di modelli e di soluzioni.

Le tende a caduta

Le tende a caduta che fanno parte del catalogo di BT Group abbinano eleganza e praticità. Esse vengono azionate tramite un rullo attorno al quale sono avvolti i pannelli, i quali scendono in verticale dal leto che si desidera. La protezione può essere, infatti, laterale o frontale, anche se in genere tali soluzioni vengono impiegate nei balconi che usufruiscono già di una copertura, al fine di schermare i laterali. La qualità dei materiali con cui sono realizzati i rulli è molto importante non solo in termini di longevità, ma anche perché è destinata a influenzare la discesa, che deve essere il più possibile scorrevole.

Le tende a bracci

Vi sono, poi, le tende a bracci, che costituiscono la soluzione più comune per la copertura dei balconi di un condominio. Esse sono così chiamate perché caratterizzate dalla presenza di due bracci estensibili, i quali sono fissati a una barra in alto che a sua volta è agganciata al muro. Qui si trova il rullo che ospita la tenda arrotolata. Nel momento in cui il meccanismo - che può essere motorizzato o manuale - fa aprire i bracci laterali, il telo si svolge a balzo. Volendo, si può pensare di collocare un anemometro, nel caso di un modello motorizzato, in modo che la tenda si chiuda da sola e in modo automatico in presenza di forti raffiche di vento, al fine di prevenire danneggiamenti o strappi al tessuto. Le tende a bracci offrono numerosi vantaggi, anche perché assicurano una copertura ottimale del balcone, ma va tenuto presente che la protezione non è completa, visto che ai lati i raggi del sole filtrano lo stesso. Tuttavia, qualche semplice accorgimento può rimediare a tale inconveniente: per esempio il ricorso a una fioriera o a un graticcio in legno con una pianta rampicante. 

Le tende da sole a cappottina

Per un arredamento vivace e diverso dal solito si può ipotizzare di affidarsi alle tende da sole a cappottina, che a seconda dei casi possono essere destinate a una facciata condominiale intera o a una finestra sola. Vi si ricorre, per esempio, negli edifici storici, ma anche nei negozi, per proteggere le vetrine dal sole. Queste tende si contraddistinguono per la loro forma tondeggiante e bombata: una struttura ad arco accoglie il telo ed è governata da un meccanismo a fune che ne permette l'apertura e la chiusura. 

Le tende a guide laterali

Esplorando i cataloghi delle aziende del settore è possibile scoprire anche le tende a guide laterali, che sono raccomandate quando si ha la necessità di coprire spazi ampi, come per esempio un giardino, un lastrico solare o un terrazzo di grandi dimensioni. Le guide laterali sono quelle della struttura in metallo fissa su cui la tenda scorre. Il telo può essere srotolato del tutto o solo in parte, a seconda di quanto i raggi del sole sono intensi.

Le tende a pergolato

Infine vale la pena di prendere in considerazione le tende a pergolato, ideali per i giardini e per i terrazzi dalle superfici ampie. Si ha a che fare, in questo caso, con strutture fisse indipendenti ancorate a terra. Dotate di travi in legno, ombreggiano gli spazi in modo completo e piacevole. 





Potrebbe interessarti

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire “vendo casa” e pubblicare degli annunci privati sia sufficiente per raggiungere l’obiettivo di vendere in modo rapido ed economico il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento diventato troppo piccolo per una famiglia che sta allargando il proprio nucleo.

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi tutto...

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Immagine usata nell'articolo Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Prestito ipotecario sulla casa, come ottenerlo?

Il prestito ipotecario, conosciuto anche come credito ipotecario, è una sorta di finanziamento che prende parte dall’ipoteca su un bene o un immobile al fine di ottenere un capitale. Questo particolare tipo di prestito si divide in tre categorie:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Voltura Eni: sai quali sono i passaggi e quali documenti ti occorrono?

Voltura Eni

Oggi vi mostreremo nel dettaglio quali sono i documenti che servono per effettuare una voltura Eni in sicurezza. Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Leggi tutto...
Go to Top