Tra i diversi elettrodomestici diventati di uso comune nella gran parte delle famiglie italiane, spicca senza dubbio l'aspirapolvere. Ogni famiglia sceglie il più adatto alle proprie esigenze, dalla grandezza alla forma passando per il tipo di alimentazione, tanti modelli e brand tra i quali districarsi, in cerca del migliore.

In questi ultimi anni, però, la tecnologia ha guardato davvero avanti offrendo diversi prodotti innovativi e potremmo dire "futuristici" nelle funzioni e nel design. Uno tra questi, è l'aspirapolvere Dyson, figlio di uno dei brand britannici più conosciuti e apprezzati nel Regno Unito, un dispositivo che presenta fondamentalmente tre punti di forza: assenza di filo elettrico, display LCD e una spazzola ultra pulente High Torque.

1. Tutte le caratteristiche dell'elettrodomestico

2. Tutti gli accessori

3. Alcune curiosità : conclusioni

Tutte le caratteristiche dell'elettrodomestico

La prima grande rivoluzione portata da Dyson è proprio l'assenza di filo elettrico. L'aspirapolvere, infatti, funziona con una batteria a 7 celle che garantisce una durata di 45 minuti reali di utilizzo continuo, contro i 60 indicati dal produttore. Le nuove versioni dell'aspirapolvere Dyson, inoltre, hanno progettato un display LCD circolare che indica le informazioni più importanti, come le modalità di funzionamento, eventuali anomalie e lo stato della batteria.
Ottima, inoltre, l'idea di differenziare la modalità ECO, BOOST e MIDDLE in base agli ambienti da rassettare e l'installazione di un programma per il countdown dei minuti che restano per la scarica completa della batteria.
Fondamentalmente la differenza tra una normale aspirapolvere e la Dyson risiede nel sistema di svuotamento a stantuffo, che necessita dello smontaggio del tubo per aprire lo sportello e dunque per far uscire il materiale accumulato. Una tecnica che garantisce sicuramente un risparmio in termini di sacchetti, ma che comporta comunque un'incombenza in più per l'utilizzatore.

Tutti gli accessori

01-Aspirapolvere-cordless-Dyson-V11.jpg

Dyson dota questa innovativa aspirapolvere di ben 8 accessori, tra i quali la spazzola a rullo soffice adatta alla pulizia dei pavimenti, la spazzola High Torque per moquette, tappeti e pavimenti, un'altra spazzola per le superfici particolarmente sporche, un alimentatore a muro e un piccolo dispositivo trasparente che si unisce al tubo per pulire con maggiore praticità.
Tra tutti, il più innovativo è senza dubbio la High Torque, dotata di sensori dinamici che rilevano il grado di resistenza della superficie da pulire, scegliendo il programma più adatto per il pavimento. Questo significa che sono gli stessi sensori ad attivare la funzione di aspirazione per il tappeto piuttosto che per il parquet o per le ceramiche. Una comodità per le donne sempre di corsa, anche se l'esperienza e l'utilizzo quotidiano sapranno indicare meglio di qualsiasi sensore quale accessorio è più adatto al pavimento.

Alcune curiosità : conclusioni

L'aspirapolvere Dyson pesa ben 3 kg, una caratteristica importante per chi la usa tutti i giorni e cerca in un elettrodomestico soprattutto la maneggevolezza e la leggerezza. Un punto debole da segnalare, invece, è il tempo che occorre per ricaricare la batteria al 100% che è di quasi 5 ore. Questo significa che dopo averla utilizzata è necessario metterla subito in carica per evitare di trovarla scarica quando occorre.



Potrebbe interessarti

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Immagine usata nell'articolo Plusvalenza prima casa: info e dettagli della compravendita

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi anche...

DIA e SCIA: conosci le differenze?

Un immobile che debba essere demolito o soggetto a lavori di restauro o ampliamento, richiede che il proprietario comunichi all’amministrazione competente l’intenzione ad avviare i lavori, tramite specifiche procedure.

Leggi anche...

Luci al LED di natale nella tua casa. Momenti unici di Natale

È dicembre, lo spirito natalizio finalmente si fa presente in tutti noi e piano piano comincia a riempire le nostre giornate. Le strade delle città cominciano a riempirsi di festoni e luminarie, nei negozi e nei centri commerciali le vetrine si addobbano in previsione della grande festa, i negozi di gastronomia preparano le leccornie e i menu da proporre per cene e cenoni.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top