Arredare il salotto è sicuramente tra le attività più divertenti e piacevoli quando si è in procinto di organizzare una nuova casa. Gli elementi da considerare sono tanti e i modi per rendere il design del nostro salotto armonioso e lineare.

Tra i tanti complementi di arredo che è necessario inserire all’interno del salotto troviamo sicuramente, il tavolo da salotto, elemento fondamentale per regalare completezza e armonia al design del vostro soggiorno. Oltre al lato prettamente estetico, il tavolo da salotto può rivelarsi utili per molti altri motivi e po' essere un ottimo appoggio per dei soprammobili che vi piacciono e che potrebbero contribuire allo stile del vostro appartamento.

Scegliere un tavolo da salotto non è affatto facile, infatti la posizione che ricopre questo complemento di arredo è piuttosto centrale e questo contribuisce a fargli acquisire un ruolo di primaria importanza all’interno di una delle stanze principali della casa.

Come scegliere il tavolo da salotto

Prima di scegliere il modello di tavolino più adatto al vostro appartamento, dovrete valutare una serie di fattori che riguardano sia l’aspetto estetico sia l’aspetto pratico e logistico.

Nei prossimi paragrafi, infatti, vi spiegheremo quali sono gli aspetti più rilevanti per quanto riguarda la scelta del tavolo da salotto e vi spiegheremo come sceglierne uno in grado di integrarsi al meglio con la linea di design presente nel vostro appartamento.

Stile

Per prima cosa è importante riuscire a capire quale impronta stilistica volete dare a casa vostra, e di conseguenza scegliere il medesimo stile anche per il vostro tavolo da salotto. Avete a disposizione moltissime scelte in tal senso, tanto che gli stili in voga attualmente non ruotano tutti intorno al moderno ma spaziano molto anche su generi più antiquati come il vintage o lo shabby chic. Insomma, tra i primi e principali aspetti da valutare troviamo lo stile del mobile che dovrà, naturalmente essere conforme al resto della stanza.

Colore del tavolo da salotto

tavolo da salotto

Un altro aspetto di primaria importanza per quanto riguarda il vostro tavolo da salotto è il colore. Una volta scelto lo stile che possa compiacere il design circostante, sarà allo stesso modo importante andare a scegliere un colore che possa andare bene con lo studio cromatico presente nel vostro salotto. Prima di scegliere il tavolo da salotto, infatti, dovrete capire qual è il colore dominante all’interno della stanza per poi scegliere se riprenderlo con il vostro nuovo tavolino di design, oppure accostarlo ad un altro colore che possa valorizzarlo. Per fare un esempio concreto, se il colore dominante all’interno della stanza è il grigio, avete due opzioni: scegliere un tavolo da salotto grigio oppure azzardare con un colore che possa dare vivacità e luminosità al colore principale come, ad esempio, l’azzurro o il giallo.

Dimensioni

La metratura è molto importante, infatti, scegliere un tavolo da salotto troppo grande potrebbe compromettere l’equilibrio dell’intera stanza. Prima di scegliere il modello che preferite, infatti, vi consigliamo di studiare attentamente quali spazi avete a disposizione per questo elemento, in modo da poter selezionare soltanto i modelli che possano soddisfare le vostre esigenze in questo senso.

Dallo spazio a disposizione dipenderà anche la forma del vostro nuovo tavolino che potrà essere quadrato, rotondo, rettangolare oppure di una forma irregolare.

Materiale del tavolo da salotto

tavolino da salotto

Anche il materiale non è assolutamente da sottovalutare, infatti questo contribuisce a donare al mobile uno stile piuttosto di un altro. Ad esempio, un tavolo da salotto in metallo può contribuire a regalare alla stanza un design di tipo industrial, mentre un tavolo in legno colorato può andar bene per un soggiorno arredato in stile moderno.

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Fideiussione per affitto: come funziona la garanzia di pagamento?

Fideiussione per affitto

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

I più condivisi

Surrogazione del mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Acquisto di un terreno edificabile: come funziona la compravendita

Immagine per Acquisto terreno edificabile

Acquisto terreno edificabile: la possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto del terreno edificabile, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi anche...

Successione per gli immobili: cosa fare e come comportarsi

successione immobili

Dopo la morte del de cuius, tutte le forme testamentarie sopra elencate prevedono l’intervento del Notaio per la pubblicazione e l’atto di ricevimento con apertura della successione per gli immobili. La differenza tra i diversi tipi di testamento non è solo formale: il testamento pubblico può offrire diversi vantaggi, oltre ad una maggiore sicurezza per l’inattaccabilità delle disposizioni.

Leggi anche...

Prescrizione e decadenza bollette: simili ma sostanzialmente diverse

Prescrizione e decadenza delle bollette hanno un elemento comune; in entrambe, il passare del tempo determina la perdita di un diritto. In realtà esse sono sostanzialmente diverse.

Go to Top