Oggi, in misura nettamente maggiore rispetto al passato, si tende a curare la scelta dell’arredamento di una casa, affinché questo possa essere non solo utile e funzionale alle proprie esigenze o attività all’interno dell’abitazione, ma anche esteticamente bello da vedere e da vivere e si possa coniugare nel migliore dei modi con i vari ambienti domestici. Un esempio tipico di questo cambio di prospettiva rispetto ai decenni scorsi è rappresentato dal tavolo del salotto.

Difatti, oggi si tende ad acquistare un tavolino in vetro e legno o in altri materiali, in modo da usufruire, da un lato, delle caratteristiche positive di ciascuno di tali materiali a livello funzionale (si pensi alla robustezza e alla durata del legno), ma anche, dall’altro lato, dei vantaggi forniti dal punto di vista estetico e ornamentale. Ma quali caratteristiche evidenzia un tavolino in vetro e legno, ad esempio, e quali sono i vantaggi dall’uso di questo genere di materiali? Proviamo a rispondere a tali quesiti.

Tavolino in vetro e legno, le caratteristiche di ambedue questi elementi

Per quanto riguarda il vetro, una delle peculiarità maggiormente apprezzate è la trasparenza, in quanto tende ad essere utile ad incrementare la visione dello spazio dell’ambiente e a renderlo ancora più ampio rispetto a quanto magari non sia nella realtà. Nel caso di un tavolino in vetro e legno, ad esempio, la caratteristica della trasparenza coniuga l’ampiezza degli spazi con la solidità del legno appunto, combinandosi in modo magistrale per fornire un senso di leggerezza, assenza di ingombro ma anche forza.

Se si dovesse scegliere il cristallo, tale materiale offre stile ed eleganza, ma richiede anche una certa pulizia costante nel tempo. Inoltre, esso non risulta adatto ad un utilizzo continuo e persistente e magari sarebbe da evitare nel caso ci fosse la presenza di bambini in famiglia. Infine, considerando comunque la notevole robustezza del tavolino in vetro e legno, sarebbe opportuno acquistarlo soltanto nel caso in cui esso non si dovesse spostare spesso e quindi rimanesse per la maggior parte del tempo nello stesso posto.

A parte ciò, un tavolino in vetro e legno tende ad adattarsi facilmente ad ogni stile di arredamento, da quello maggiormente classico ed elegante a quello moderno e magari dalle forme un po’ più estreme e ardite. Inoltre, un tavolino in vetro e legno si può anche abbinare con altri complementi d’arredo, in metallo ad esempio, donando uno stile vivace e davvero ultramoderno all’ambiente, ma con un tocco di eleganza lievemente classica. Medesimo discorso si potrebbe fare col legno.

Infatti, quest’ultimo materiale offre resistenza, solidità, eleganza e raffinatezza. Ciascun tipo di legno poi presenta caratteristiche proprie: se il pino risulta economico ma dà l’idea del rustico, il noce oppure la quercia sono costosi, solidi e con un tocco “solenne”, ma eppure molto delicati. Un tavolino in vetro e legno di questo genere, tende a combinare stile elegante e estrema praticità.

Prezzi e funzionalità

tavolino in vetro e legno

Prima di acquistare un tavolino in vetro e legno, naturalmente bisogna avere bene in mente la funzione che esso dovrà avere nell’ambiente di destinazione. Questi due materiali offrono, come abbiamo visto, caratteristiche differenti. Di conseguenza, un tavolo di questo genere potrà essere un utile piano per studiare oppure usato come buffet durante una festa o un evento o anche appunto semplicemente una tavola su cui pranzare o cenare durante la giornata. Da evitare invece farlo diventare un ripiano su cui far giocare dei bambini.

Per quanto riguarda i prezzi di un tavolino in vetro e legno, essi tendono a variare in base a diversi fattori, come ad esempio le dimensioni e la tipologia materiali utilizzati. Si potrà quindi variare da un piccolo tavolino in vetro e legno dal costo inferiore a 50 Euro fino ad arrivare ad uno di maggiori dimensioni e magari con materiali pregiati il cui costo può attestarsi intorno ai 500 Euro. Naturalmente, alcuni possono essere tavolini da caffè, mentre altri invece sono definiti da salotto.

Fortunatamente, al giorno d’oggi si ha a disposizione una vasta scelta di elementi d’arredo, tra cui appunto varie tipologie di tavolino in vetro e legno. Questo consente di individuare il modello più adatto alle proprie esigenze o all’arredamento di casa. Da acquistare in negozi specializzati nella propria città oppure direttamente online, purché su siti affidabili e sicuri.   




Potrebbe interessarti

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL? Scopriamolo insieme!

come leggere la bolletta dell'ENEL

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Go to Top