Oggi, in misura nettamente maggiore rispetto al passato, si tende a curare la scelta dell’arredamento di una casa, affinché questo possa essere non solo utile e funzionale alle proprie esigenze o attività all’interno dell’abitazione, ma anche esteticamente bello da vedere e da vivere e si possa coniugare nel migliore dei modi con i vari ambienti domestici. Un esempio tipico di questo cambio di prospettiva rispetto ai decenni scorsi è rappresentato dal tavolo del salotto.

Difatti, oggi si tende ad acquistare un tavolino in vetro e legno o in altri materiali, in modo da usufruire, da un lato, delle caratteristiche positive di ciascuno di tali materiali a livello funzionale (si pensi alla robustezza e alla durata del legno), ma anche, dall’altro lato, dei vantaggi forniti dal punto di vista estetico e ornamentale. Ma quali caratteristiche evidenzia un tavolino in vetro e legno, ad esempio, e quali sono i vantaggi dall’uso di questo genere di materiali? Proviamo a rispondere a tali quesiti.

Tavolino in vetro e legno, le caratteristiche di ambedue questi elementi

Per quanto riguarda il vetro, una delle peculiarità maggiormente apprezzate è la trasparenza, in quanto tende ad essere utile ad incrementare la visione dello spazio dell’ambiente e a renderlo ancora più ampio rispetto a quanto magari non sia nella realtà. Nel caso di un tavolino in vetro e legno, ad esempio, la caratteristica della trasparenza coniuga l’ampiezza degli spazi con la solidità del legno appunto, combinandosi in modo magistrale per fornire un senso di leggerezza, assenza di ingombro ma anche forza.

Se si dovesse scegliere il cristallo, tale materiale offre stile ed eleganza, ma richiede anche una certa pulizia costante nel tempo. Inoltre, esso non risulta adatto ad un utilizzo continuo e persistente e magari sarebbe da evitare nel caso ci fosse la presenza di bambini in famiglia. Infine, considerando comunque la notevole robustezza del tavolino in vetro e legno, sarebbe opportuno acquistarlo soltanto nel caso in cui esso non si dovesse spostare spesso e quindi rimanesse per la maggior parte del tempo nello stesso posto.

A parte ciò, un tavolino in vetro e legno tende ad adattarsi facilmente ad ogni stile di arredamento, da quello maggiormente classico ed elegante a quello moderno e magari dalle forme un po’ più estreme e ardite. Inoltre, un tavolino in vetro e legno si può anche abbinare con altri complementi d’arredo, in metallo ad esempio, donando uno stile vivace e davvero ultramoderno all’ambiente, ma con un tocco di eleganza lievemente classica. Medesimo discorso si potrebbe fare col legno.

Infatti, quest’ultimo materiale offre resistenza, solidità, eleganza e raffinatezza. Ciascun tipo di legno poi presenta caratteristiche proprie: se il pino risulta economico ma dà l’idea del rustico, il noce oppure la quercia sono costosi, solidi e con un tocco “solenne”, ma eppure molto delicati. Un tavolino in vetro e legno di questo genere, tende a combinare stile elegante e estrema praticità.

Prezzi e funzionalità

tavolino in vetro e legno

Prima di acquistare un tavolino in vetro e legno, naturalmente bisogna avere bene in mente la funzione che esso dovrà avere nell’ambiente di destinazione. Questi due materiali offrono, come abbiamo visto, caratteristiche differenti. Di conseguenza, un tavolo di questo genere potrà essere un utile piano per studiare oppure usato come buffet durante una festa o un evento o anche appunto semplicemente una tavola su cui pranzare o cenare durante la giornata. Da evitare invece farlo diventare un ripiano su cui far giocare dei bambini.

Per quanto riguarda i prezzi di un tavolino in vetro e legno, essi tendono a variare in base a diversi fattori, come ad esempio le dimensioni e la tipologia materiali utilizzati. Si potrà quindi variare da un piccolo tavolino in vetro e legno dal costo inferiore a 50 Euro fino ad arrivare ad uno di maggiori dimensioni e magari con materiali pregiati il cui costo può attestarsi intorno ai 500 Euro. Naturalmente, alcuni possono essere tavolini da caffè, mentre altri invece sono definiti da salotto.

Fortunatamente, al giorno d’oggi si ha a disposizione una vasta scelta di elementi d’arredo, tra cui appunto varie tipologie di tavolino in vetro e legno. Questo consente di individuare il modello più adatto alle proprie esigenze o all’arredamento di casa. Da acquistare in negozi specializzati nella propria città oppure direttamente online, purché su siti affidabili e sicuri.   

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Self Storage a Roma e nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

I più condivisi

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Calcolo del valore di un immobile: come si effettua?

Calcolo del valore di un immobile

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Piano di ammortamento: tutto quello che devi sapere dalla A alla Z

piano di ammortamento di un'azienda

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi anche...

Cambio gestore per l'energia: si può risparmiare

Il consumo di elettricità è una delle spese fisse mensili che deve sostenere la famiglia italiana. 

Leggi anche...

Come risparmiare sulla bolletta della luce

tramonto lampadina

Non passa giorno senza essere contattati, tramite telefono ed e-mail, da vari fornitori di luce e gas che ci offrono tariffe più convenienti o speciali offerte per diventare loro clienti e abbandonare il nostro attuale gestore.

Go to Top