Si è in presenza di un supercondominio quando più edifici, ciascuno autonomo e a sua volta in regime condominiale o anche in proprietà singola, mantengono tuttavia parti o servizi destinati all'uso comune.

Tali parti o servizi comuni vanno gestiti in modo unitario e separati dalla gestione dei singoli edifici.
I condomini usufruiscono della cosa comune come comproprietari e non come titolari di un diritto di servitù, potrebbero pertanto realizzare aperture nei muri perimetrali che delimitano il passaggio tra gli edifici per accedervi, nei limiti dell'art. 1102 codice civile (Cass. Sez. II, 16 marzo 1993, n. 3102).

Essendoci una lacuna normativa in materia, si applicano spesso le stesse regole che vigono in materia di condominio; le tabelle millesimali rappresentano dunque il modo per comprendere il diritto dei comproprietari al godimento delle cose comuni, nonché i loro corrispondenti obblighi di partecipazione alle spese.

Cosa succede con la riforma?

La Riforma del Regolamento del condominio ha finalmente dato una dignità legislativo a questa struttura. Non solo: ha esteso anche al regolamento della struttura tutte le novità relative ai condomini tradizionali.
Innanzitutto, oltre al condominio verticale, ovvero, come si diceva, la struttura nata dalla fusione legislativa di più condomini, è stato accettato il condominio orizzontale, ovvero l'avvicinamento di corpi di fabbrica adiacenti ognuno dei quali è dotato di strutture portanti e impianti essenziali.
La differenza è che ora, per guadagnare lo status di supercondominio, non occorre più la relazione di accessorietà delle parti comuni con le diverse proprietà esclusive.

Ma le novità riguardano l'assemblea condominiale, influenzata, come quella esclusivi dei condomini tradizionali, dalla riforma.
Secondo la legge, in un mega struttura con più di 60 inquilini, è obbligatorio per ogni condominio indicare un rappresentante con poteri decisionali in merito sia all'uso delle parti comuni sia per quello che riguarda la scelta dell'amministratore.

Questa decisione è stata presa per evitare di avere assemblee così partecipate da rivelarsi inutili. Tuttavia, d'altro canto, rimane il problema della scarsa rappresentatività di ogni inquilini che, così, rischia di non partecipare affatto alle decisioni che lo riguardano.
Nei condomini più piccoli, vige ancora la possibilità di scegliere se presenziare o delegare.

Parziale e minimo

Si tratta di due fattispecie che, esistendo de facto, non sono state istituzionalizzate dalla riforma: parte della giurisprudenza, infatti, tende a non considerarle dotate di poteri.

Il condominio parziale si ha quando delle strutture comuni sono ad uso esclusivo di una porzione di condominio.
Il condominio minimo, invece, è quel condominio formato da due soli edifici.
In questi casi, gran parte del lavoro di delibera e organizzazione viene affidato al regolamento di condominio che, quindi, riveste una grandissima importanza.

Riscaldamento condominiale: normativa e consigli!

Anche il condominio deve rispettare determinate regole legate all'accensione e allo spegnimento dei riscaldamenti.
Come per gli impianti autonomi infatti, i riscaldamenti condominiali centralizzati devono rispettare gli stessi orari, tempi e periodi di accensione, regolati in base all'area territoriale nella quale è situato il condominio.

Zone climatiche e orari

Le restrizioni legate all'accensione del riscaldamento variano dunque secondo la divisione climatica delle provincie prevista per legge; le zone climatiche sono sei e si differenziano a seconda dei gradi centigradi calcolati durante l'anno.

Le norme stesse sulle modalità di attivazione e spegnimento del riscaldamento sono disciplinate dalla legge numero 10, del 9 gennaio 1991, e dal Dpr numero 412, del 26 agosto 1993 con annesse variazioni.

Il riscaldamento condominiale può essere acceso anche due volte al dì, sempre seguendo le ore complessive previste per regione dal calendario nazionale; va comunque messo in funzione tra le 5 e le 23, dopodiché va spento.

Quali restrizioni per gli autonomi?

Aggiornamento Marzo 2013

La recente Riforma del Regolamento del Condominio ha modificato diverse norme che riguardano la vita nello stesso. Fra queste anche il modo in cui un condomino può rendere autonomo il riscaldamento condominiale.

Sino all'entrata in vigore della disciplina, era necessario che il singolo chiedesse l'autorizzazione all'assemblea. Questa poteva perfettamente negarla, costringendolo a restare attaccare al sistema centrale.

Oggi non è più così: ciascun condomino ha il diritto di staccarsi dal riscaldamento centralizzato senza attendere parere dell'assemblea.
L'unica limitazione è che il suo distacco non leda il diritto degli altri ad utilizzare il sistema condominiale. Questo significa che bisogna evitare squilibri o malfunzionamenti successivi al distacco del singolo o aggravi di spesa sugli altri inquilini.

Il problema è che questi scenari sono assolutamente probabili: moltissimi impianti funzionano sull'equilibrio di tutti i condomini ed è quindi possibile che, tolto uno di questi, si presentino difficoltà o aumenti di bolletta dovuti alla taratura fissa dell'impianto.
Per evitare questo, è necessario presentare una perizia tecnica che dimostri la fattibilità del progetto.

In ogni caso, una volta che il condomino si è distaccato dal sistema, è comunque tenuto alla partecipazione delle spese legate alla manutenzione straordinaria dell'impianto centralizzato.

Consigli per risparmiare

Sia che si tratti di un impianto centralizzato che autonomo, le spese relative possono raggiungere cifre ragguardevoli. Ecco qualche consiglio per diminuire questa somma:

Regolare il timer dei caloriferi. È inutile tenerli accesi tutta la giornata. I momenti più importanti sono la sveglia – regolateli in modo che si accendano due ore prima che vi alziate – e la sera – nella fascia 19-22. Se durante il giorno, la casa è vuota teneteli spenti.

Occupatevi ciclicamente della manutenzione dell'impianto. Sia dei singoli caloriferi che delle tubature: sporcizia e la stessa aria stantia all'interno di queste può influenzare negativamente il rendimento della struttura. Chiudere finestre e tapparelle quando l'impianto è in funzione. In aggiunta, areare per brevi periodi le stanze.

Fissare come temperatura massima i 20°. Questa è la temperatura ottimale per la casa. Ogni grado superiore corrisponde ad un aumento dell'energia utilizzata del 7-11%.



Potrebbe interessarti

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Self Storage a Milano (e in Lombardia): quali contattare?

In questo modo, il servizio di self storage di Milano e della Lombardia viene incontro alle esigenze individuali o delle aziende, fungendo da deposito extra per gli eccessi di materiale o di archivio.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

I più condivisi

Contratto di locazione per l'ufficio: cosa c’è da sapere?

contratti di locazione ad uso di ufficio sono diversi da altri tipi di contratti di locazione, come possono essere sicuramente e in primo luogo i contratti ad uso abitativo. Dunque, prima di avventurarsi nell'affitto di uffici o nella vendita negozi, è bene informarsi con il dovuto impegno.

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Norme per gli ascensori: le regole imprescindibili!

Ogni condominio che abbia almeno 3 piani è di solito dotato di un ascensore che possa essere d'ausilio agli inquilini dei piani superiori. Precise norme per gli ascensori ne regolano l'uso e la manutenzione anche se il regolamento mette spesso in causa anche il semplice buon senso dei singoli condomini.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Crepe nei muri: eliminarle per sempre con soluzioni professionali

Un appartamento, a lungo andare, può cominciare a sentire gli effetti del tempo e ad evidenziare qualche problema, tra cui ad esempio delle crepe o altri tipi di lesioni. La presenza di queste crepe nei muri può essere dovuta a diversi fattori: da sollecitazioni meccaniche subite dall'appartamento o dall'edificio, come ad esempio lievi scosse di terremoto, fino a piccole infiltrazioni d'acqua che causano umidità e pertanto delle minime lesioni nei muri.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Documenti volture Acea: quali sono i dati necessari a richiedere la voltura?

Quando si richiedono delle volture ACEA o dei subentri relativi all'energia elettrica, sono necessari dei dati e dei documenti specifici per ottenerle.

Leggi tutto...
Go to Top