Le forme di testamento che la determinano

  • olografo: scritto a mano
  • pubblico: viene stilato da un notaio che provvede a eseguire le richiste redatte dal testatore; il notaio, inoltre, deve rovvedere alla registrazione e successivamente alla conservazione del testamento;
  • segreto: è olografo, viene depositato e successivamente sigillato da un notaio esterno che non è a conoscenza del contentuto e poi si occuperà della conservazione.

Tutti questi tipi di testamento dovranno essere pubblicati da un notaio al momento della morte del testatore.

Quando presentare la dichiarazione

Gli eredi, se non ricorrono particolari condizioni di esenzione, sono obbligati a presentare la dichiarazione di successione entro un anno dalla data del decesso; la cancellazione dell’usufrutto avviene con modalità diverse a seconda dell’anno in cui è avvenuto l’acquisto.

I chiamati all’eredità possono accettare o rinunciare alla successione; i termini della rinuncia sono di 3 mesi dalla data del decesso, se il chiamato è nel possesso o utilizza i beni oggetto di successione; di 10 anni dalla data del decesso, se il chiamato non è nel possesso dei beni o non li utilizza.

Oggetto e soggetti alle imposte

Oggetto di tassazione sono: gli immobili; le aziende; i rami di azienda; le azioni o partecipazioni in società o cooperative; le obbligazioni; le quote di fondi comuni di investimento (esclusa la parte percentuale della quota che viene investita in titoli di stato); i crediti; il denaro; i titoli, esclusi BOT, CCT, BTP e tutti i titoli emessi o garantiti dallo Stato; gioielli e mobilia; navi e aeromobili

Gli eredi hanno l’obbligo di presentare dichiarazione di successione in presenza di tali beni, salvo l’esonero per i parenti in linea diretta, se nell’asse ereditario, non sono compresi immobili e il patrimonio del deceduto non supera € 25.822,85.

Non sono soggetti a imposta di successione e donazione i trasferimenti effettuati tramite i “patti di famiglia”, a favore di discendenti (figli, nipoti figli di figlio, ecc.), che hanno per oggetto: aziende o rami di aziende; azioni o partecipazioni in società di persone; azioni o partecipazioni in società di capitali, cooperative o società di mutua assicurazione se viene acquisito o integrato (somma con le quote possedute in precedenza dal beneficiario) il controllo della società.

Domanda e aliquote

La finanziaria 2007 ha riportato in auge l'imposta sulle successioni, con esenzioni pari a centomila euro perle eredità tra fratelli, e di un milione di euro, per quelle tra figli e genitori.

L'eredità è considerata aperta al momento della morte dell'individuo; l'imposta sulle successioni è misurata su tutto il patrimonio, immobili e utili compresi.

A chi presentare la dichiarazione?

È obbligatorio presentare la dichiarazione di successione all'Agenzia delle Entrate del luogo dove si risiede, entro un anno dalla morte del soggetto, per i beni immobili che appartengono all'eredità. Qualora il defunto avesse avuto domicilio all'estero, la dichiarazione va presentata all'agenzia delle entrate dell'ultima sua residenza italiana.

Dopo la dichiarazione, entro trenta giorni dalla stessa, va consegnata anche la documentazione legata alle volture catastali degli immobili.

Percentuali per l'imposta

Le percentuali d'imposta sulle successioni previste sono uguali anche per quelle legate alle donazioni volontarie.

Per l'eredità, oltre a tale imposta, vanno pagate anche:

  • l'imposta di bollo pari a 58,48 euro;
  • l'1% di imposte catastali;
  • il 2% di imposte ipotecarie;
  • la tassa ipotecaria di 35 euro.

Nei casi di proprietà che oltrepassino il milione di euro, le percentuali d'imposta sulle successioni sono:

  • del 6% nei casi di parenti fino al quarto grado,
  • del 4% per il coniuge e quelli in linea diretta;
  • dell'8% per il resto.

Chiarimenti utili

Con il termine eredità s’intende l’insieme del patrimonio giuridico di una persona, che nel momento in cui passa a miglior vita, viene trasferito ad un altra persona grazie al diritto di successione. L’ordinamento normativo italiano in materia di successioni prevede che il patrimonio del defunto può essere trasferito ai suoi successori in due differenti modi, che sono illustrati nell’elenco che segue.

  • Successione leggittima, che riguarda gli eredi considerati dalla legge leggittimi, come la moglie o il marito, i discendenti diretti, vale a dire i figli e i nipoti, i fratelli, le sorelle e tutte le altre persone che sono unite da un legame di parentela che può arrivare fino al sesto grado.
  • Successione testamentaria, in questo caso la persona defunta ha sottoscritto in presenza di un notaio un testamento nei quale sono riportate le sue volontà riguardo la spartizione dei suoi beni e possedimenti.

In entrambi i casi sopra citati i discendenti sono tenuti a pagare delle tasse di successione, che per gli anni 2013 e 2014 hanno subito delle variazioni, che sono illustrate di seguito.

  • Nel caso in cui i beneficiari siano il coniuge o i discendenti diretti, dovranno pagare un’aliquota pari al 4% calcolato sul totale dei beni ereditati che però eccede la precedente franchigia che era stata posta dalla legge a un milione di euro.
  • Nel caso in cui i beni siano ereditati dai fratelli o dalle sorelle del defunto, verrà applicata l’aliquota del 6% solamente sui beni che superano la precedente franchigia di centomila euro.
  • Nel caso in cui gli eredi siano i cugini del defunto o i genitori, i fratelli e i nipoti del coniuge della persona passata a miglior vita, l’aliquota che sarà applicata è del 6%.
  • Infine nel caso in cui i beneficiari siano terze persone che non rientrano nelle categorie sopra indicate e quindi si sia verificata una successione testamentaria, l’aliquota che sarà applicata sarà dell’8% sul totale dei beni.

Nel caso in cui i beni ereditati siano immobili, sarà preso in considerazione anche il valore catastale sul quale verrà aggiunta un aliquota dell’1% relativa alla tassa catastale e del 2% riguardo l’imposta ipotecaria.





Potrebbe interessarti

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Tassa di registro: come si calcola?

Se si intende acquistare o prendere in affitto un immobile da abitare oppure da adibire per usi diversi, ad esempio di natura commerciale o ad uso ufficio, è necessario in primis stipulare un contratto d'affitto o di compravendita.

Leggi tutto...

I più condivisi

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia immobiliare: consigli per non pagare troppo!

Il mediatore immobiliare e l'agenzia e l'agente immobiliare svolgono il ruolo di intermediario tra acquirente e venditore. Ci si rivolge ad un'agenzia immobiliare sia che si voglia vendere o acquistare un immobile, sia che si tratti di una compravendita che di una locazione.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Contratti di locazione commerciale

Di seguito un approfondimento su un tema di uso comune: il contratto di locazione ad uso commerciale. Durata, comunicazioni e documenti vari. Spiegheremo tutto nell'articolo di oggi. Voi non dimenticate di farci sapere che ne pensate commentando il nostro scritto tramite l'apposito spazio alla fine del testo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

DIA: le modalità per la dichiarazione in comune

La DIA, o Denuncia di inizio delle attività, è un documento che va presentato presso ufficio tecnico del comune nel quale si intendono effettuare determinati tipi di lavori edili. La normativa che regola i campi di applicazione, l’iter per la consegna e le tempistiche per il suo accoglimento è sancita dal D.P.R. 380/2001, che prende il nome di Testo Unico per l’edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La necessità immediata di un fabbro a Modena

Trovare un fabbro può essere davvero un'impresa, soprattutto quando vi è l'immediata necessità e a volte le cifre richieste sono davvero improponibili. A Modena esiste una vera rete di artigiani professionisti capaci e competenti in grado di intervenire tempestivamente per risolvere ogni sorta di problema.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Caro bollette: come risolvere il problema con ScelgoZero

La voce “bollette” ha sempre un peso importante sul budget mensile degli italiani. Ogni anno i rincari tornano a farsi sentire, cosa che non si può arginare semplicemente cercando di contenere i consumi. Del resto non è sempre possibile tagliare la spesa di gas e luce rinunciando a sfruttare al meglio questi servizi, che per molti versi risultano essenziali.

Leggi tutto...
Go to Top