Il servizio di subentro Telecom consente di modificare l'intestazione di una linea telefonica attiva nella medesima sede in cui è situato l'impianto, garantendo così la continuità nell'emissione delle fatture.

La modifica dell'intestazione può avvenire solo nel caso in cui si abbia il consenso del precedente titolare della linea. Il passaggio potrà essere a titolo gratuito (subentro Telecom familiare), oppure oneroso; chi subentra assume a proprio carico ogni onere contrattuale del precedente intestatario.

Le modalità di subentro Telecom

È possibile un subentro familiare (gratuito) che può essere effettuato dal titolare della linea, compilando e inviando il modulo online, visualizzabile direttamente sul sito della Telecom (Area Clienti - Il mio 187 - La mia Linea), oppure telefonando al Servizio Clienti 187.

Questo tipo permette di variare l'intestazione del contratto telefonico a favore di un altro membro del proprio nucleo familiare senza interruzione nell'utilizzo della linea telefonica. Una volta effettuato, la domiciliazione bancaria del Conto Telecom Italia decade; se quindi si desidera mantenere l'addebito su conto corrente bancario, bisognerà farne richiesta. La variazione è gratuita.

Casi particolari

La modifica del contratto Telecom può essere richiesto dall’erede in caso di decesso del titolare del contratto: è una variazione gratuita senza interruzione del servizio. Si può fare la richiesta telefonicamente al numero 187 oppure tramite posta A/R o fax allegando i seguenti documenti: autocertificazione di morte dell’intestatario, copia del documento di identità sia dell’erede che della persona deceduta, copia del codice fiscale dell’erede ed infine bisogna indicare un numero telefonico per evenutali comunicazioni.

Si potrebbe avere bisogno di richiederlo anche nel caso di separazione o divorzio. Anche in questo caso la variazione è gratuita e senza interruzione della linea.
La richiesta si può effettuare tramite il numero del servizio clienti 187, per posta raccomandata A/R o via fax. In questo, bisognerà allegare la copia della sentenza di separazione e una dichiarazione del coniuge titolare della linea che acconsente al subentro Telecom.

Le modalità onerose

Se il subentro Telecom non è a favore di un membro della famiglia, è a carattere oneroso. Per richiederlo, è possibile scaricare il modulo dal sito, inviandolo, compilato in tutte le sue parti, al numero di fax o all'indirizzo postale indicati all'interno del modulo stesso; in alternativa è sempre possibile chiamare il Servizio Clienti 187.

In seguito alla richiesta, verrà ricevuta la copia del contratto da sottoscrivere e da restituire a Telecom Italia; la variazione costa 19,76 Euro (Iva inclusa).

Subentro Telecom per clienti business

come calcolare il subentro telecom

Anche i clienti business possono richiedere un subentro Telecom per una linea aziendale, solo se il precedente intestatario da il proprio consenso. Quindi è possibile cambiare l’intestazione della linea attiva nella stesso posto in cui si trova l’impianto. Con il subentro Telecom, il nuovo cliente business accetta le condizioni di contratto e l’offerta commerciale relativa al precedente contratto. Inoltre, nel caso di bollette non saldate sarà il nuovo intestatario a dover pagare, altrimenti non si può procedere.

Le varie tipologie

In base alle condizioni generali del contratto, può essere a titolo gratuito oppure oneroso.

Il primo caso si riferisce alla voltura del telefono ed è prevista nei casi di successione, cambiamento del nome della società o della società stessa e nel caso di cambiamento del titolare.
E’ possibile fare questa richiesta chiamando il servizio clienti 191 o scaricando il modulo dal sito Telecom Italia. Durante la proceduta, la linea telefonica rimane attiva se non attivo l’adsl, al contrario verrà sospesa e poi riattivata.

La voltura e la possibilità di subentrare, si pagano in tutti quei casi che non rientrano in quelli precedentemente elencati. Anche per questa modalità bisogna seguire le indicazioni fornite per la voltura stando attenti a motivare la richiesta.

In entrambi i casi si può richiedere la domiciliazione bancaria delle bollette indicando il nuovo numero di conto corrente.

I costi del Subentro Telecom

telecom italia

Il subentro Telecom oneroso ha un costo di 16,20 euro (Iva esclusa) a carico del nuovo intestatario della linea. Un ulteriore costo è pari a 80 euro (Iva esclusa) come “anticipo conversazioni interurbane”.

Telecom: telefono e modem a noleggio

Spesso quando ci si affida ad una determinata linea telefonica e non solo, è quasi automatico scegliere di noleggiare sia il telefono che il modem.
Naturalmente Telecom, come la maggior parte delle compagnie telefoniche, permette di farlo richiedendo una piccola somma mensile che viene in genere utilizzata per investire e migliorare la qualità dei servizi.
Ad ottobre del 2020, sono cambiate alcune cose in merito alle cifre da pagare per esigenze economiche che hanno determinato le seguenti modifiche:

  • Per il “noleggio accessori”, quali le prese a spina, il canone mensile aumenterà di 0.49 €;
  • Per il “noleggio telefoni”, il canone mensile aumenterà di 1.16 €;
  • Per il “noleggio modem”, il canone mensile aumenterà di 1.62 €

È possibile, in ogni momento, verificare i noleggi associati alla propria linea e le cifre economiche in vigore, sia dalla voce “dettaglio dei costi” presente sulla fattura, sia accedendo all’area riservata di MyTim o affidandosi al servizio clienti.
Vi ricordiamo che il noleggio differisce dal comodato d’uso che è invece gratuito e che in ogni situazione sarà possibile ottenere la sostituzione dell’apparecchio in caso di guasto o mal funzionamento ed il modo totalmente gratuito. 

Restituzione telefono noleggiato: ecco come fare

telephone immobiliare

Il noleggio e la manutenzione di apparecchiature Telecom hanno una durata di tre anni, trascorsi i quali sarà possibile richiedere la disdetta. Qualora doveste ritrovarvi nelle condizioni di doverlo richiederlo prima dei tre anni, allora dovrete pagare a Telecom il 20% dei canoni mancanti per totalizzare i tre anni, il tutto con un preavviso di almeno tre mesi. 
Per cessare il noleggio di un telefono e quindi per cessare l’abbonamento ad esso relativo occorre:

  1. Chiamare il Servizio Clienti da linea fissa al numero 187 e comunicare che si desidera restituire il prodotto;
  2. Spedire il prodotto entro 30 giorni dalla chiamata che viene registrata tramite contratto, il tutto insieme al modulo facilmente scaricabile in formato PDF, all’indirizzo di Telecom Italia S.p.A facilmente reperibile online;

Per chi non lo sapesse, vi sono però delle sedi sparse per l’Italia autorizzate alla riconsegna dei telefoni di cui si desidera interrompere il noleggio, troverete una sede nelle seguenti città: Milano, Roma, Napoli e Palermo.
Nel caso in cui dobbiate restituire un modem, non vi sono sedi deputate alla presa in carico del prodotto di cui si desidera interrompere il noleggio, quindi dovrete seguire la procedura di spedizione sopra indicata. 

L'articolo è stato scritto dalla Redazione di ElaMedia Group

Potrebbe interessarti

Detrazione sull'affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Le agenzie immobiliari di Padova: trova le più affidabili!

Le agenzie immobiliari si rivelano fondamentali quando si cerca casa in una città come Padova, dove gli annunci di vendita e affitto sembrano moltiplicarsi a vista d’occhio; vedremo, nell’articolo che segue, quale sia il ruolo degli operatori in questo campo e dove contattare le agenzie più rinomate per la loro affidabilità.

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

I più condivisi

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Plusvalenza della seconda casa, come procedere?

Per plusvalenza si intende l’aumento del valore di un immobile verificatosi nel tempo trascorso fra acquisto e vendita. Dal punto di vista fiscale, si considera questo aumento di valore come indice di una maggiore capacità contributiva, che viene tassato attraverso imposte dirette. Oltre alla vendita della prima, si applica la plusvalenza sulla seconda casa. Ecco come calcolarla.

Leggi anche...

Il compenso dell'amministratore di condominio: sai come si calcola?

Il compenso dell'amministratore di condominio

L'amministratore di condominio è un ruolo non protetto da registri pubblici o albi professionali, per cui non è sottoposto ad una tariffa legale.

Leggi anche...

Voltura Eni: sai quali sono i passaggi e quali documenti ti occorrono?

Voltura Eni

Oggi vi mostreremo nel dettaglio quali sono i documenti che servono per effettuare una voltura dell'Eni in sicurezza. Quando ci si trasferisce in una nuova casa, in affitto o acquistata, ma in precedenza abitata da altri, è opportuno richiedere la voltura delle utenze. Con questo termine ci riferiamo al semplice cambio di nome di un contratto di fornitura dal vecchio al nuovo inquilino / proprietario.

Go to Top