Il servizio di subentro Telecom consente di modificare l'intestazione di una linea telefonica attiva nella medesima sede in cui è situato l'impianto, garantendo così la continuità nell'emissione delle fatture.

La modifica dell'intestazione può avvenire solo nel caso in cui si abbia il consenso del precedente titolare della linea. Il passaggio potrà essere a titolo gratuito (subentro Telecom familiare), oppure oneroso; chi subentra assume a proprio carico ogni onere contrattuale del precedente intestatario.

Le modalità di subentro Telecom

È possibile un subentro familiare (gratuito) che può essere effettuato dal titolare della linea, compilando e inviando il modulo online, visualizzabile direttamente sul sito della Telecom (Area Clienti - Il mio 187 - La mia Linea), oppure telefonando al Servizio Clienti 187.

Questo tipo permette di variare l'intestazione del contratto telefonico a favore di un altro membro del proprio nucleo familiare senza interruzione nell'utilizzo della linea telefonica. Una volta effettuato, la domiciliazione bancaria del Conto Telecom Italia decade; se quindi si desidera mantenere l'addebito su conto corrente bancario, bisognerà farne richiesta. La variazione è gratuita.

Casi particolari

telecom italia

La modifica del contratto Telecom può essere richiesto dall’erede in caso di decesso del titolare del contratto: è una variazione gratuita senza interruzione del servizio. Si può fare la richiesta telefonicamente al numero 187 oppure tramite posta A/R o fax allegando i seguenti documenti: autocertificazione di morte dell’intestatario, copia del documento di identità sia dell’erede che della persona deceduta, copia del codice fiscale dell’erede ed infine bisogna indicare un numero telefonico per evenutali comunicazioni.

Si potrebbe avere bisogno di richiederlo anche nel caso di separazione o divorzio. Anche in questo caso la variazione è gratuita e senza interruzione della linea.
La richiesta si può effettuare tramite il numero del servizio clienti 187, per posta raccomandata A/R o via fax. In questo, bisognerà allegare la copia della sentenza di separazione e una dichiarazione del coniuge titolare della linea che acconsente al subentro Telecom.

Le modalità onerose

Se il subentro Telecom non è a favore di un membro della famiglia, è a carattere oneroso. Per richiederlo, è possibile scaricare il modulo dal sito, inviandolo, compilato in tutte le sue parti, al numero di fax o all'indirizzo postale indicati all'interno del modulo stesso; in alternativa è sempre possibile chiamare il Servizio Clienti 187.

In seguito alla richiesta, verrà ricevuta la copia del contratto da sottoscrivere e da restituire a Telecom Italia; la variazione costa 19,76 Euro (Iva inclusa).

Subentro per clienti business

come calcolare il subentro telecom

Anche i clienti business possono richiedere un subentro Telecom per una linea aziendale, solo se il precedente intestatario da il proprio consenso. Quindi è possibile cambiare l’intestazione della linea attiva nella stesso posto in cui si trova l’impianto. Con il subentro Telecom, il nuovo cliente business accetta le condizioni di contratto e l’offerta commerciale relativa al precedente contratto. Inoltre, nel caso di bollette non saldate sarà il nuovo intestatario a dover pagare, altrimenti non si può procedere.

Le varie tipologie

In base alle condizioni generali del contratto, può essere a titolo gratuito oppure oneroso.

Il primo caso si riferisce alla voltura del telefono ed è prevista nei casi di successione, cambiamento del nome della società o della società stessa e nel caso di cambiamento del titolare.
E’ possibile fare questa richiesta chiamando il servizio clienti 191 o scaricando il modulo dal sito Telecom Italia. Durante la proceduta, la linea telefonica rimane attiva se non attivo l’adsl, al contrario verrà sospesa e poi riattivata.

La voltura e la possibilità di subentrare, si pagano in tutti quei casi che non rientrano in quelli precedentemente elencati. Anche per questa modalità bisogna seguire le indicazioni fornite per la voltura stando attenti a motivare la richiesta.

In entrambi i casi si può richiedere la domiciliazione bancaria delle bollette indicando il nuovo numero di conto corrente.

I costi

Il subentro Telecom oneroso ha un costo di 16,20 euro (Iva esclusa) a carico del nuovo intestatario della linea. Un ulteriore costo è pari a 80 euro (Iva esclusa) come “anticipo conversazioni interurbane”.



Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Rogito notarile per la compravendita immobili: come effettuarlo?

rogito notarile

Comprare un immobile non è come acquistare qualsiasi altra cosa. Si tratta di una scelta che può cambiare la vita (la nostra e quella della nostra famiglia). Logico dunque che si tratti di un qualcosa di davvero importante; un qualcosa a cui prestare molta attenzione. Di seguito riportiamo alcuni consigli per affrontare nel modo giusta una compravendita di immobili.

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Leggi anche...

Bonus casa: scopri le novità dallo corso anno ad oggi

bonus casa

Buone notizie per chi progetta il rinnovo di casa propria nei prossimi mesi: la Legge Finanziaria ha prorogato per tutto il 2019 i Bonus Casa, ovvero le agevolazioni fiscali che permettono di ottenere importanti vantaggi economici quando si svolgono determinati lavori sul proprio immobile.

Leggi anche...

Manutenzione della caldaia domestica: sei a norma?

 

Come ogni impianto tecnico di casa, ogni qualvolta che si incombe alla stagione che ne vede un uso maggiore, anche l'impianto termico deve essere sottoposto ad una manutenzione della caldaia approfondita e preventiva. Sebbene l'uso dell'acqua calda non termini neanche in estate, è in previsione dell'inverno e del freddo in arrivo che bisogna far sottoporre l'impianto a controlli mirati che lo proteggano da possibili guasti improvvisi.

Leggi anche...

Energia casa: cosa sono le offerte luce Placet?

Le offerte luce e gas Placet sono entrate in vigore da poco più di due mesi: Placet è l'acronimo di Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela, ma per capire meglio di che cosa si tratta è opportuno un approfondimento più accurato. Si tratta, in pratica, di offerte sperimentali che vengono messe a disposizione delle piccole imprese e dei clienti domestici che al momento si avvalgono ancora del servizio di maggior tutela, in attesa del passaggio obbligatorio al libero mercato che avverrà - a meno di ulteriori ma improbabili rinvii - nel luglio del prossimo anno.

Go to Top