Il servizio di subentro Telecom consente di modificare l'intestazione di una linea telefonica attiva nella medesima sede in cui è situato l'impianto, garantendo così la continuità nell'emissione delle fatture.

La modifica dell'intestazione può avvenire solo nel caso in cui si abbia il consenso del precedente titolare della linea. Il passaggio potrà essere a titolo gratuito (subentro familiare), oppure oneroso; chi subentra assume a proprio carico ogni onere contrattuale del precedente intestatario.

Le modalità di subentro Telecom

È possibile un subentro familiare (gratuito) che può essere effettuato dal titolare della linea, compilando e inviando il modulo online, visualizzabile direttamente sul sito della Telecom (Area Clienti - Il mio 187 - La mia Linea), oppure telefonando al Servizio Clienti 187.

Questo tipo permette di variare l'intestazione del contratto telefonico a favore di un altro membro del proprio nucleo familiare senza interruzione nell'utilizzo della linea telefonica. Unavolta effettuato, la domiciliazione bancaria del Conto Telecom Italia decade; se quindi si desidera mantenere l'addebito su conto corrente bancario, bisognerà farne richiesta. La variazione è gratuita.

Casi particolari

La modifica del contratto Telecom può essere richiesto dall’erede in caso di decesso del titolare del contratto: è una variazione gratuita senza interruzione del servizio. Si può fare la richiesta telefonicamente al numero 187 oppure tramite posta A/R o fax allegando i seguenti documenti: autocertificazione di morte dell’intestatario, copia del documento di identità sia dell’erede che della persona deceduta, copia del codice fiscale dell’erede ed infine bisogna indicare un numero telefonico per evenutali comunicazioni.

Si potrebbe avere bisogno di richiederlo anche nel caso di separazione o divorzio. Anche in questo caso la variazione è gratuita e senza interruzione della linea.
La richiesta si può effettuare tramite il numero del servizio clienti 187, per posta raccomandata A/R o via fax. In questo, bisognerà allegare la copia della sentenza di separazione e una dichiarazione del coniuge titolare della linea che acconsente al subentro.

Le modalità onerose

Se il subentro non è a favore di un membro della famiglia, è a carattere oneroso. Per richiederlo, è possibile scaricare il modulo dal sito, inviandolo, compilato in tutte le sue parti, al numero di fax o all'indirizzo postale indicati all'interno del modulo stesso; in alternativa è sempre possibile chiamare il Servizio Clienti 187.

In seguito alla richiesta, verrà ricevuta la copia del contratto da sottoscrivere e da restituire a Telecom Italia; la variazione costa 19,76 Euro (Iva inclusa).

Subentro per clienti business

Anche i clienti business possono richiedere un subentro per una linea aziendale, solo se il precedente intestatario da il proprio consenso. Quindi è possibile cambiare l’intestazione della linea attiva nella stesso posto in cui si trova l’impianto. Con il subentro, il nuovo cliente business accetta le condizioni di contratto e l’offerta commerciale relativa al precedente contratto. Inoltre, nel caso di bollette non saldate sarà il nuovo intestatario a dover pagare, altrimenti non si può procedere.

Tipologie di subentro

In base alle condizioni generali del contratto, può essere a titolo gratuito oppure oneroso.

Il primo caso si riferisce alla voltura del telefono ed è prevista nei casi di successione, cambiamento del nome della società o della società stessa e nel caso di cambiamento del titolare.
E’ possibile fare questa richiesta chiamando il servizio clienti 191 o scaricando il modulo dal sito Telecom Italia. Durante la proceduta, la linea telefonica rimane attiva se non attivo l’adsl, al contrario verrà sospesa e poi riattivata.

La voltura e la possibilità di subentrare, si pagano in tutti quei casi che non rientrano in quelli precedentemente elencati. Anche per questa modalità bisogna seguire le indicazioni fornite per la voltura stando attenti a motivare la richiesta.

In entrambi i casi si può richiedere la domiciliazione bancaria delle bollette indicando il nuovo numero di conto corrente.

I costi

Il subentro oneroso ha un costo di 16,20 euro (Iva esclusa) a carico del nuovo intestatario della linea. Un ulteriore costo è pari a 80 euro (Iva esclusa) come “anticipo conversazioni interurbane”.





Potrebbe interessarti

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Self Storage a Bologna e in Emilia Romagna

Il termine self-storage significa “deposito personale” ed indica la possibilità di affittare uno spazio, presso dei magazzini, ed utilizzarlo per depositare i propri beni.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

I più condivisi

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Il mutuo ipotecario: cos’è e come funziona

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Credito d'imposta: chi ne ha diritto

Con “credito d'imposta” si intende una serie di agevolazioni fiscali rivolte sia alle imprese che a persone fisiche. Anche per quest'anno, lo Stato – nel tentativo di ridare nuova linfa vitale dall'economia del paese – ha messo a disposizione un cospicuo finanziamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Negozi di Mobili a Milano: info e contatti

Di seguito riportiamo una serie di consigli su dove acquistare i mobili del vostro appartamento o del vostro ufficio a Milano. La città Lombarda propone in questo molti spunti utili, interessanti ed economici. Presenti anche i riferimenti ufficiali di ogni struttura.

Leggi tutto...

Leggi anche...

La riduzione della potenza ENEL: morosità della bolletta della luce

Per evitare problemi come successo nel passato, con comunicazione di avvenuta sospensione quando il servizio era stato già disattivato, l’Autorità ha annunciato un aggiornamento delle norme con date e tempistiche precise da rispettare in questo scenario.

Leggi tutto...
Go to Top