Il subentro dell'Enel  è la riattivazione del servizio (dopo aver portato a buon fine la disdetta del contratto di energia Enel). Il Cliente attraverso il subentro dell'Enel richiede infatti di diventare titolare della fornitura e ottenere nuovamente l'erogazione di energia elettrica da un contatore che in passato ha già erogato energia.

Casi in cui si può richiedere il subentro Enel

La richiesta può riguardare forniture cessate di qualsiasi Distributore (Enel Servizio elettrico, Acea, Sorgenia etc). e può essere effettuata direttamente online scegliendo un'offerta nella sezione del sito Casa di Enel Energia.

È possibile anche subentrare su una fornitura gas ancora attiva, che comporterà la disattivazione del vecchio contratto e la creazione di uno nuovo, intestato al cliente entrante.

Dati da comunicare per il Subentro Enel

Le informazioni da comunicare al servizio clienti saranno: l'indirizzo in cui si richiedere il servizio; l'indirizzo dove ricevere le nuove bollette del gas, se diverso risulta differente dall'intestatario attuale.

I documenti necessari al subentro dell'Enelsono:

  • Documento d'identità e codice fiscale nuovo intestatario del contratto;
  • Partita IVA e documento d’identità del rappresentante legale, se il servizio richiesto riguarda un'attività professionale;
  • “Dichiarazione di Conformità e Potenzialità”, rilasciata dall’installatore abilitato, secondo le leggi in materia di sicurezza (legge 46/90).

Dopo aver preparato i documenti necessari sarà necessario chiamare da rete fissa il Numero Verde 800.900.860 attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, da cellulare il numero 199.50.50.65.

Documentazione consegnata a casa

Si riceverà poi per posta la documentazione relativa al subentro dell'Enel, con una busta precompilata da utilizzare per la restituzione dei documenti, seguendo le istruzioni riportate nella lettera di accompagnamento.

Le spese relative, all’operazione di subentro dell'Enel  saranno addebitate sulla prima bolletta utile.

Subentro Enel: qual è la differenza con la voltura?

E’ necessario tuttavia fare un distinguo e non confondere due termini che non sono sinonimi, come appunto quello del titolo di questo paragrafo e la voltura. La voltura infatti si differenzia dal subentro dell'Enel in quanto in questo caso la forniture della corrente elettrica è già attiva e quindi il fornitore dovrà solo modificare i dati del contratto senza interrompere l’elettricità. Nel caso in cui, ma ciò vale anche per il subentro dell'Enel , si volesse migliorare la potenza della corrente elettrica, si pagherà in misura proporzionale in più rispetto al canone fisso basato sulla potenza di base. Per quanto concerne i costi, in entrambe le casistiche si parla di circa 27 euro ma siccome stiamo parlando di un mercato libero, il costo fisso è da rapportare al singolo operatore/fornitore, il soggetto con cui bisognerà relazionarsi per conoscere il prezzo finale. Nei meandri delle burocrazia è quindi consigliabile leggere tutte le disposizioni in materia per non incappare in ritardi e cavilli che possano creare problemi con la corrente elettrica.

Elettricità, un mercato libero?

Subentro Enel

Si parla da anni di liberalizzazione dei mercati per permettere un aumento della concorrenza e una diminuizione dei costi, in virtù di una rottura dei monopoli che dominano il settore. La Svizzera di recente ha votato una proposta che porterà tutti i cittadini dal 2018 a scegliere liberamente il proprio fornitore. Nell’ottica di una società globalizzata è quindi inevitabile un passaggio a un mercato liberalizzato anche se spesso si incontrano resistenze di lobby o vecchi giochi di potere per lasciare invece lo status quo. Nel settore dell’energia c’è poi da considerare il vasto apporto che possono portare le fonti rinnovabili: dall’eolico al solare fino ai pannelli fotovoltaici, la rivoluzione green non è più rinviabile per una società troppo dipendente dalle fonti fossili. Sarà proprio questo il futuro della società per non rovinare un pianeta troppo inquinato e sfruttare invece le rinnovabili che stanno sempre più prendendo piede in Italia, che ha una delle migliori percentuali se confrontate con Paesi come Francia e Germania. Vuoi approfondire ancora? Ti consigliamo di visitare www.comparasemplice.it/




Potrebbe interessarti

Tasse sull'affitto: una guida per essere in regola con lo Stato!

tasse sull'affitto

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

 

I più condivisi

Accollo del mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire “vendo casa” e pubblicare degli annunci privati sia sufficiente per raggiungere l’obiettivo di vendere in modo rapido ed economico il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento diventato troppo piccolo per una famiglia che sta allargando il proprio nucleo.

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi anche...

Regolamento condominiale: tutto quello che c'è da sapere

regolamento condominiale

Il regolamento condominiale viene prestabilito dal costruttore e approvato dai condomini acquirenti delle singole unità immobiliari al momento dell'acquisto; costituisce parte integrante di tutti gli atti di acquisto stipulati dai diversi comproprietari.

Leggi anche...

Incentivi per fotovoltaico 2020: tutto quello che c'è da sapere

incentivi per il fotovoltaico 2020

L'energia solare è, ormai da tempo, attivamente usata nella produzione di energia elettrica ad uso domestico. Cominciata inizialmente come un'aggiunta "green" e ausiliaria alla rete elettrica tradizionale, i progressi tecnologici ottenuti negli anni permettono oggi di impiegare sistemi a basso impatto ambientale in maniera totale, con impianti di accumulo avanzati e soluzioni inclusive.

Go to Top