Il subentro dell'Enel  è la riattivazione del servizio (dopo aver portato a buon fine la disdetta del contratto di energia Enel). Il Cliente attraverso il subentro dell'Enel richiede infatti di diventare titolare della fornitura e ottenere nuovamente l'erogazione di energia elettrica da un contatore che in passato ha già erogato energia.

Casi in cui si può richiedere il subentro Enel

La richiesta può riguardare forniture cessate di qualsiasi Distributore (Enel Servizio elettrico, Acea, Sorgenia etc). e può essere effettuata direttamente online scegliendo un'offerta nella sezione del sito Casa di Enel Energia.

È possibile anche subentrare su una fornitura gas ancora attiva, che comporterà la disattivazione del vecchio contratto e la creazione di uno nuovo, intestato al cliente entrante.

Dati da comunicare per il Subentro Enel

Le informazioni da comunicare al servizio clienti saranno: l'indirizzo in cui si richiedere il servizio; l'indirizzo dove ricevere le nuove bollette del gas, se diverso risulta differente dall'intestatario attuale.

I documenti necessari al subentro dell'Enel sono:

  • Documento d'identità e codice fiscale nuovo intestatario del contratto;
  • Partita IVA e documento d’identità del rappresentante legale, se il servizio richiesto riguarda un'attività professionale;
  • “Dichiarazione di Conformità e Potenzialità”, rilasciata dall’installatore abilitato, secondo le leggi in materia di sicurezza (legge 46/90).

Dopo aver preparato i documenti necessari sarà necessario chiamare da rete fissa il Numero Verde 800.900.860 attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, da cellulare il numero 199.50.50.65.

Documentazione consegnata a casa

Si riceverà poi per posta la documentazione relativa al subentro dell'Enel, con una busta precompilata da utilizzare per la restituzione dei documenti, seguendo le istruzioni riportate nella lettera di accompagnamento.

Le spese relative, all’operazione di subentro dell'Enel  saranno addebitate sulla prima bolletta utile.

Subentro Enel: qual è la differenza con la voltura?

E’ necessario tuttavia fare un distinguo e non confondere due termini che non sono sinonimi, come appunto quello del titolo di questo paragrafo e la voltura. La voltura infatti si differenzia dal subentro dell'Enel in quanto in questo caso la forniture della corrente elettrica è già attiva e quindi il fornitore dovrà solo modificare i dati del contratto senza interrompere l’elettricità. Nel caso in cui, ma ciò vale anche per il subentro dell'Enel , si volesse migliorare la potenza della corrente elettrica, si pagherà in misura proporzionale in più rispetto al canone fisso basato sulla potenza di base. Per quanto concerne i costi, in entrambe le casistiche si parla di circa 27 euro ma siccome stiamo parlando di un mercato libero, il costo fisso è da rapportare al singolo operatore/fornitore, il soggetto con cui bisognerà relazionarsi per conoscere il prezzo finale. Nei meandri delle burocrazia è quindi consigliabile leggere tutte le disposizioni in materia per non incappare in ritardi e cavilli che possano creare problemi con la corrente elettrica.

Elettricità, un mercato libero?

Subentro Enel

Si parla da anni di liberalizzazione dei mercati per permettere un aumento della concorrenza e una diminuizione dei costi, in virtù di una rottura dei monopoli che dominano il settore. La Svizzera di recente ha votato una proposta che porterà tutti i cittadini dal 2018 a scegliere liberamente il proprio fornitore. Nell’ottica di una società globalizzata è quindi inevitabile un passaggio a un mercato liberalizzato anche se spesso si incontrano resistenze di lobby o vecchi giochi di potere per lasciare invece lo status quo. Nel settore dell’energia c’è poi da considerare il vasto apporto che possono portare le fonti rinnovabili: dall’eolico al solare fino ai pannelli fotovoltaici, la rivoluzione green non è più rinviabile per una società troppo dipendente dalle fonti fossili. Sarà proprio questo il futuro della società per non rovinare un pianeta troppo inquinato e sfruttare invece le rinnovabili che stanno sempre più prendendo piede in Italia, che ha una delle migliori percentuali se confrontate con Paesi come Francia e Germania. Vuoi approfondire ancora? Ti consigliamo di visitare www.comparasemplice.it/




Potrebbe interessarti

Disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Vendita della prima casa: tutto quello che devi sapere a riguardo

vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della prima casa.

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti per farlo?

calcola mutuo online

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi anche...

Come leggere il contatore Enel? Ecco i nostri consigli!

immagine per come leggere il contatore enel

Sapere come leggere il contatore Enel è una di quelle conoscenze che possono rivelarsi estremamente utili per i padroni di casa.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top