Chi ha un terrazzo sa cosa vuol dire passare le serate all’aperto seduti comodi su un bel divano oppure su un’amaca. È una sensazione meravigliosa che riesce a regalarci degli attimi di vero relax. Un terrazzo è il luogo ideale per organizzare una festa oppure per cenare con la famiglia e approfittare delle ore più fresche durante le calde giornate estive.

L’estate naturalmente è la stagione che ci consente di sfruttare al massimo uno spazio aperto che può essere un giardino o un terrazzo, ma purtroppo durante l’inverno si tende, per ovvi motivi, a dimenticarsi degli spazi esterni della propria abitazione. Il motivo principale di questo comportamento è, naturalmente il cambiamento climatico, infatti mangiare fuori al freddo oppure uscire in terrazzo durante le serate invernali non è poi così allettante, ma un modo per sfruttare al massimo il proprio terrazzo anche una volta finita la stagione estiva c’è, basta comprare una stufa da esterno.

Ovviamente durante le giornate piovose non risolverete il problema, inquanto la pioggia rappresenta un altro grande problema che non si può risolvere con una stufa da esterno, ma ci sono sicuramente altri metodi che potrebbero fare al vostro caso come un gazebo o una veranda.

Intanto grazie ad una stufa da esterno potrete risolvere il problema del freddo, che vi assicuriamo non essere un problema da poco.

Varie tipologie di stufa da esterno

Come avrete intuito dal precedente paragrafo, le stufe da esterno possono rivelarsi un’ottima soluzione per chi ha il desiderio di sfruttare il proprio terrazzo o giardino anche durante la stagione invernale. Naturalmente, prima di acquistare un articolo di questo tipo dovrete informarvi sulle varie tipologie presenti sul mercato e valutare quale, effettivamente possa incontrare le vostre esigenze.

led natale

Nei prossimi paragrafi vi illustreremo alcune delle stufe da esterno più comuni in modo che possiate farvi un’idea di quali sono i modelli che preferite e che potrebbero essere più adatte al vostro terrazzo o giardino, con l’obiettivo di guidarvi verso la scelta che più incontra i vostri bisogni in tal senso.

Fungo

Probabilmente sentendo parlare di stufa da esterno, il fungo è la prima che vi è venuta in mente. Sicuramente avrete visto milioni di volte questa tipologia di stufa a gas in qualche locale che ha a disposizione un grande spazio esterno che ha bisogno di sfruttare anche durante il periodo invernale, per non andare a perdere la maggior parte dei coperti.

Si tratta di una stufa da esterno che si sviluppa in altezza e ha la forma caratteristica di un fungo. L’alimentazione di queste stufe generalmente è a gas, necessitano quindi di una bombola indipendente. Il calore arriva dall’alto ed è vincolato verso il basso tramite la struttura a forma di fungo che gli impedisce di disperdersi. Si tratta di uno dei metodi di riscaldamento esterno più efficaci e anche più comodi, in quanto la sua struttura si sviluppa in altezza, ma a livello di superficie occupa davvero poco. Continuiamo a parlare della stufa da esterno 

Stufa al quarzo

stufa da esterno

Si tratta di un prodotto innovativo e dalla resa massima. Infatti, grazie al potere del quarzo, in grado di trattenere il calore a lungo, i consumi dal punto di vista energetico sono ridotti di gran lunga.

Sicuramente l’investimento iniziale può spaventare, in quanto, i costi per questa tipologia di stufa sono più alti rispetto, ad esempio, ai costi di una stufa da esterno a fungo che inizialmente può sembrare più economica. Il risparmio di una stufa al quarzo si vede durante il tempo, infatti, grazie alle sue caratteristiche ridurrà i consumi energetici e, di conseguenza i costi in bolletta.

Sicuramente acquistare una stufa al quarzo è tra le due l’idea migliore, non solo per i risparmi in termini economici ma anche e soprattutto per quanto riguarda la salvaguardia ambientale che negli ultimi anni è diventato un argomento di interesse comune.

Ora sapete perchè acquistare una stufa da esterno.




Potrebbe interessarti

Morosità dell'affitto: ecco la verità su come funziona davvero

Morosità dell'affitto

Se l'inquilino continua a non lasciare l'immobile, si procederà allora con una "monitoria di sgombero". L'Ufficiale Giudiziario del Tribunale comunicherà al moroso il giorno e l'ora esatti in cui si recherà presso l'immobile occupato, con l'assistenza della forza pubblica.

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi anche...

Cos'è la rendita catastale: scopri le informazioni sugli immobili

Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top