Per alcune persone è un modo molto particolare per rilassarsi, mentre per altre rappresenta un'attività noiosa anche se necessaria. Lo stirare difatti è importante per avere sempre delle lenzuola o del vestiario pulito, ordinato, senza pieghe o spiegazzamenti vari. Questo è ancor più importante per quei soggetti che devono apparire sempre perfetti ed ordinati nel loro lavoro, come ad esempio nelle attività a contatto col pubblico.

Negli ultimi anni, comunque, si è affacciato sul mercato un nuovo apparecchio che dovrebbe permettere di stirare in maniera più veloce, più efficace e meno pesante: le stiratrici verticali. Cerchiamo di capire in cosa consistono questi elettrodomestici, in cosa si differenziano rispetto ai tradizionali ferri da stiro e quali potrebbero essere i vantaggi pratici che si potrebbero ottenere dal loro utilizzo.

Che cosa fanno nello specifico le stiratrici verticali?

Le stiratrici verticali sono del tutto simile ad un tradizionale ferro da stiro con caldaia annessa. Infatti quella verticale è composta da un piccolo serbatoio o caldaia appunto dove inserire l’acqua, da una bocca che eroga vapore in modo continuo ed omogeneo o anche una sorta di spazzola e, infine, da un cavo o un’asta che si può estendere. Alla bocca erogatrice si possono poi aggiungere o applicare, a seconda del modello prescelto, ulteriori spazzole particolari per utilizzi specifici (ad esempio, togliere i pelucchi o rinfrescare i singoli capi).

Come funziona questo elettrodomestico per stirare i vestiti

Stiratrici verticali

In pratica, il funzionamento delle stiratrici verticali è uguale a quello di un ferro da stiro tradizionale, tranne che per il fatto che si stira in verticale appunto (magari mettendo l’abito ad una gruccia). In altre parole, questo elettrodomestico usa l’azione del vapore per togliere le pieghe dai vestiti senza dover utilizzare l’asse da stiro. Infatti, l’asse verticale consente di stirare senza che il vestiario tocchi alcuna superficie d’appoggio ed evitare inoltre che l’azione del vapore, a contatto col tessuto, possa danneggiarlo in qualche maniera.

Tipologie di prodotto e caratteristiche importanti

Esistono in commercio due differenti tipologie di questo elettrodomestico. Le stiratrici verticali portatili, che rappresentano un modello compatto e dalle dimensioni ridotte (addirittura si può mettere in una valigia), utilissimo per quelle persone che spesso sono in viaggio e necessitano comunque di avere vestiti ordinati e senza alcuna piega. Rispetto alle stiratrici verticali tradizionali sono meno efficienti, tuttavia rimuovono comunque le pieghe e consentono di igienizzare e deodorare un indumento.

Poi abbiamo le stiratrici verticali strutturate, che sono quelle maggiormente professionali e destinate all’uso casalingo. L’efficacia di tale elettrodomestico è uguale a quella dei tradizionali ferri da stiro, ma con minor fatica e maggiore velocità. Una grande differenza di queste stiratrici verticali rispetto a quelle portatili è nella capienza del serbatoio dell’acqua. Infatti questo, in quelle strutturate, è molto più capiente.

Ed a proposito di serbatoio, due fattori o caratteristiche di cui si deve tener conto nella scelta delle stiratrici verticali sono appunto la capienza di questo e la potenza di tale elettrodomestico. Per quanto riguarda quest’ultima, per ottenere ottimi risultati, simili ai ferri da stiro tradizionali, si dovrà optare per modelli che eroghino dai 1500 Watt in poi. Potenze inferiori sono buone ma meno efficaci.

Per ciò che concerne il serbatoio, i modelli portatili ovviamente garantiscono capienze minori (circa 200 Ml) rispetto a quelli strutturati, tuttavia l’autonomia di stiratura di questo tipo di elettrodomestico è in genere considerevole. Difatti, essi necessitano di pochi litri d’acqua per ottenere ottimi risultati sotto ogni punto di vista.

Di seguito alcune offerte selezionate per voi

stiratrici verticale
Compra su Amazon

dodocool LCD Ferro da Stiro Verticale, 2000W 350ml Stiratrice a Vapore Portatile, 2 Imposta la velocità del vapore,20s Riscaldamento Veloce,Vapore Potente e Continuo, Rimuovere Le Rughe/Sterilizzare

Prezzo su Amazon.it: € 39,99
 macchina per stirare
Compra su Amazon

Ariete 4167 Stiratrice Verticale - Piastra in acciaio inox, Vapore potente e continuo, Spazzola pelucchi, 1200W, Capacità 260ml, Bianco/Grigio

Prezzo su Amazon.it: € 33,76
stiratore verticale
Compra su Amazon

Ferro da Stiro Verticale, 1200W Stiratrice a Vapore Portatile con Rapida da Scaldare in 20 Secondi, 200ml Nuovo Stiratrice a Vapore Portatile, Piccoli Elettrodomestici Utilizzabile per Viaggio e Casa

Prezzo su Amazon.it: € 26,99

I vantaggi di questo elettrodomestico nella stiratura delle camicie

stiratrici verticali

Tra le qualità più importanti delle stiratrici verticali vi è senz’altro la praticità, in quanto esse non hanno bisogno di un piano di appoggio o di un asse su cui poggiare gli indumenti e questo consente di risparmiare notevole spazio. Altro elemento positivo risulta essere la velocità d’uso di questo elettrodomestico, in quanto basta semplicemente riempire il serbatoio e in pochissimi minuti si può iniziare a stirare, mentre con i ferri da stiro tradizionali (soprattutto di quelli con le caldaie) il tempo richiesto è ben maggiore.

Poi, un’ulteriore qualità è la facilità di trasporto, grazie a dimensioni e peso davvero ridotti. Ciò permette di poter trasportare comodamente le stiratrici verticali anche in una valigia. Gli unici difetti, invece, potrebbero essere il costo di alcuni modelli verticali, leggermente superiore a quelli tradizionali, e l’efficienza complessiva di questi, non sempre all’altezza del comune ferro da stiro.




Potrebbe interessarti

Canone di locazione: le tipologie e i costi di questo servizio

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Affitto a canone libero: cosa significa? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Annunci immobiliari tra privati: le migliori app per vendere e trovare casa

L’acquisto di una casa è sempre un passo importante sia dal punto di vista esistenziale che, soprattutto economico perché comporta un impegno oneroso in particolar modo quando si accende un mutuo. Risparmiare sulla compravendita immobiliare è, tuttavia, possibile se si riesce a fare la ricerca di una casa da sé senza l’intervento di un’agenzia con i relativi oneri di commissione.

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Come leggere la bolletta dell'ENEL? Scopriamolo insieme!

come leggere la bolletta dell'ENEL

Per essere certi che l'importo indicato nella vostra ricevuta sia corretto, è indispensabile capire come leggere la bolletta della luce e come sono state calcolate le voci al suo interno. La bolletta, dell'Enel o di qualsiasi altro venditore di energia elettrica, è strutturata secondo la delibera n.152/06 dell’Autorità sulla “trasparenza dei documenti di fatturazione dei consumi di elettricità”.

Go to Top