Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Ogni anno sono diverse le voci di spese che una persona o una famiglia possono portare in detrazione in sede di dichiarazione dei redditi. Tra le più utilizzate vi sono ad esempio quelle per i farmaci , per gli interessi passivi di un mutuo ipotecario o per i lavori di ristrutturazione di un immobile di proprietà. Comunque, a proposito di abitazione, nel caso se ne acquistasse una, è possibile portare in detrazione anche i costi sostenuti col notaio o, come vedremo, almeno una parte di essi.

Queste spese, rispetto a quelle necessarie per acquistare una casa, non sono considerevoli, tuttavia, portandole in detrazione, è possibile ottenere un discreto rimborso economico. Andiamo quindi a vedere meglio e maggiormente in dettaglio come poter usufruire di questo beneficio riconosciuto ai contribuenti ormai da diversi anni, facendo attenzione comunque al limite di spesa massima consentita annualmente ed alla tipologia di abitazione per cui si richiede.

In quest'ultimo caso, ricordiamolo, è possibile usufruire dei benefici fiscali inerenti le spese del notaio infatti soltanto per compravendite riguardanti abitazioni principali e non seconde o terze case. Per la normativa italiana, si parla di abitazione principale per quell'immobile dove vi risiede stabilmente il suo proprietario ed eventualmente il suo nucleo familiare. Se non si avesse tale requisito, allora non si potrà beneficiare di questa detrazione.

Acquisto prima casa: quanto costano le spese notarili?

Quando si fa il calcolo spese acquisto casa per considerare quale importo chiedere per il mutuo ipotecario, bisogna considerare che, oltre al prezzo di vendita (e se non è compravendita tra privati anche la commissione dell’ agenzia immobiliare) bisogna mettere in preventivo anche alcuni costi accessori tra i quali appunto le spese notarili. E’ vero che in ogni caso le banche concedono il mutuo prima casa fino ad un importo massimo dell’80% del valore della stessa ma, in ogni caso, chi deve concludere il passaggio di proprietà deve mettere in conto che non spenderà concretamente solo il 20% restante ma anche l’importo necessario a coprire queste ulteriori spese, incluso il notaio. La buona notizia è che le spese notarili si possono in parte portare in detrazione nel 730 in misura pari al 19%. La legge in merito fa riferimento però all’acquisto immobiliare di abitazione principale.

Quanto si spende per il notaio? Gli onorari per l’atto di compravendita e per l’atto di mutuo sono proporzionali, rispettivamente, al valore dell’immobile (solitamente intorno al 2% o 2,5%) e dell’ipoteca a garanzia del mutuo.

Ecco perché poter detrarre i costi notaio rientranti nel calcolo spese acquisto casa è un vantaggio economico non indifferente.

Pertanto, in sintesi, ciò che si può portare in detrazione per ottenerne un rimborso sono: le spese per l'onorario del notaio, in riferimento alla stipulazione di un contratto di mutuo ipotecario; le spese sostenute sempre dal notaio ma per conto del cliente, come nel caso dell'iscrizione e cancellazione dell'ipoteca. A queste si possono aggiungere, inoltre, le spese sostenute dal cliente per la costituzione di un deposito di denaro presso il notaio medesimo, al fine di acquistare un immobile, da adibire ad abitazione principale.

Calcolo spese acquisto casa:vediamo i dettagli

Attenzione però perché non tutte le voci che compongono il preventivo notaio possono essere portate in detrazione.

Va infatti considerato che il prezzo finale indicato in fattura non include solo l’onorario del notaio ma anche spese di pratica e imposte. Vedremo più avanti quali di queste voci di spesa si può detrarre e in che misura.

Dei due atti per la compravendita immobiliare più nello specifico, solo la stipula del contratto di mutuo ipotecario è detraibile al 19% mentre non si può scaricare la stipula del contratto di compravendita immobiliare. Questo perché la parcella del notaio per il rogito non rientra negli oneri accessori detraibili ex DPR n 917 del 1986. Per lo stesso motivo invece, dal calcolo spese acquisto casa e notarili, si possono detrarre gli interessi passivi del mutuo nonché i costi per la perizia e l’istruttoria, le imposte, le rivalutazioni, le commissioni, le provvigioni, le eventuali penali per estinzione anticipata del mutuo, etc…

La detrazione delle voci di cui sopra è ammessa in misura del 19% su una spesa massima di 4 mila euro all’anno. A conti fatti quindi in fase di dichiarazione dei redditi per l’acquisto prima casa si possono recuperare al massimo 760 euro all’anno. Fatta questa premessa è intuitivo quanto sia importante che nella parcella notaio vengano specificati tutti i dettagli di spesa per l’acquirente.

Altrettanto importante è ricordare che non tutte le voci di spesa del notaio possono essere oggetto di detrazione e che quelle ammesse devono rientrare comunque nel limite massimo di 4.000 Euro. Facciamo un esempio concreto. Il Sig. Bianchi, nel 2019, per il mutuo acquisto prima casa, ha pagato 900 Euro di interessi passivi, poi altri 3.000 Euro per le spese notarili ed ulteriori 500 Euro di oneri per la cancellazione dell'ipoteca. Il totale delle spese è di 4.400 Euro, tuttavia egli ne potrà portare in detrazione fino a 4.000. Di conseguenza, non avrà rimborso sui restanti 400 Euro.

In concreto, la cifra inerente i costi del notaio, per quanto riguarda il modello 730/2019, potrà essere inserita nel rigo E7 del Quadro E. In sede di dichiarazione dei redditi, si dovranno poi presentare ed esibire tutte le attestazioni di spesa fornite dal notaio al cliente-dichiarante.




Potrebbe interessarti

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Esempio di Rendita catastale: tutti i passi per calcolarlo!

Esempio di Rendita catastale

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Tasso misto applicato ai mutui: sapete di cosa si tratta?

tasso misto

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi anche...

Registro delle opposizioni: di cosa si tratta?

bollette 600x337

Per evitare telefonate di natura promozionale, commerciale o per non ricevere più sondaggi telefonici, dall'1 Febbraio 2011 è possibile iscriversi a un organo nato proprio per questo scopo, il Registro delle opposizioni, regolamentato dal decreto 178 del 7 settembre del 2010.

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Go to Top