Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Quanto dura il contratto di locazione

Vige una differenza sostanziale a seconda della natura della locazione, ovvero se sia ad uso abitativo oppure commerciale.

Nel primo caso, sono disponibili diversi contratti che differiscono anche molto nelle clausole.
Il primo contratto è quello relativo all'uso transitorio. Viene stipulato solo in casi particolari, dove le esigenze del padrone di casa e dell'affittuario coincidono. Ha una durata minima di un mese a una massima parti a 18 mesi e non può essere rinnovato. Quindi, in caso caso, alla scadenza della locazione non occorre fare nulla.

La locazione agli studenti universitari, invece, ha una durata maggiore: dai 6 ai 36 mesi. L'affitto dovrebbe essere concordato di concerto con le organizzazioni studentesche. In realtà, per tutto quello che riguarda le caratteristiche di questo contratto, si rimanda agli accordi fra gli interlocutori. Al termine della durata, gli studenti possono rinnovare il contratto con il proprietario per la stessa durata precedentemente concordata. Altrimenti, tre mesi prima, possono disdire per porre termine all'accordo.

Il contratto a canone concordato ha durata di tre anni e può essere rinnovato per altri due. Anche in questo caso, sono disponibili utili agevolazioni fiscali. Per quello che riguarda la scadenza della locazione, è possibile porre fine al contratto con un preavviso di tre mesi, come nei casi precedenti.

Il contratto libero è, invece, la forma più utilizzata di contrattazione nei casi di locazione. Ha la durata standard di 4 anni più 4. In tutte le altre caratteristiche è lasciato alla libertà interpretativa degli interessati.

Il contratto di locazione per uso lavorativo, invece, ha un'unica forma. Ha una durata minima di 6 anni o 9 nel caso di attività alberghiere e un limite massimo di 30 anni. È obbligatorio dimostrare che l'immobile venga utilizzato per l'esercizio di attività industriali, commerciali, artigianali, di interesse turistico o di lavoro autonomo. Oppure l'immobile è sede di partiti, sindacati, enti pubblici.

Per affrontare l'argomento consigliamo la lettura del testo Locazioni cedolare secca (con CD-ROM)

Quando si può disdire un contratto in scadenza

Il contratto di locazione può anche essere tacitamente rinnovato, ma in tale caso l’inquilino deve restare nell’appartamento, di comune accordo con il proprietario, fino a oltre quella che sarebbe la scadenza naturale dei termini di contratto.

Nel caso in cui, però, una delle due parti (affittuario o proprietario) non dovesse invece avere intenzione di rinnovarlo, è tenuto a dare tempestiva comunicazione all’altra parte, in linea con tempi e formalità che possono variare anche moltissimo a seconda del tipo di contratto.

 

Contratti a canone libero o convenzionato

La disdetta di un contratto di locazione in scadenza può variare molto, nelle modalità e nei tempi, a seconda dell’uso che è stato attribuito all’immobile preso in considerazione. Se l’uso stabilito è definito “abitativo” allora si hanno, nella maggior parte dei casi, contratti a canone libero (otto anni complessivi, ma da intendersi come 4+4) e contratti a canone convenzionato (cinque anni, che sono però rappresentativi di un reale 3+2). Esauriti tali termini, esso è da considerarsi sciolto.

Rapporti padronali nella locazione

La locazione in scadenza può però subire una disdetta prima della sua fine naturale solo in seno a determinate condizioni. Prima tra tutte, c’è la possibilità che l’immobile serva direttamente al proprietario, al suo coniuge o ai suoi figli. Oppure, sempre considerando il punto di vista padronale, il proprietario vuole adibire l’immobile a uso commerciale o professionale.

Rivoltando il rapporto, l'anticipo della fine dei termini può verificarsi se l’inquilino dispone di un alloggio simile che può affittare all’interno dello stesso Comune. La disdetta si verifica anche se l’inquilino non occupa in maniera continuativa l’alloggio senza un serio e giustificato motivo. Un ulteriore motivo potrebbe essere dovuto a uno stato di grave danneggiamento dello stabile, che necessiterebbe di un’approfondita ristrutturazione.

Uso transitorio del locale

Altra destinazione d’uso molto comune prevista nei contratti di locazione riguarda l’affitto a uso transitorio: è un contratto generalmente offerto a studenti e a lavoratori “fuori sede”. In questo caso la disdetta può avvenire abbastanza facilmente, purché essa venga presentata con almeno tre mesi di anticipo rispetto alla data di scadenza.

Le casistiche della scadenza contratto di affitto

Se il proprietario vuole aumentare il canone oppure cambiare tipo di contratto, è tenuto ad inviare la richiesta, tramite raccomandata, almeno sei mesi prima della scadenza del contratto d'affitto. L’inquilino avrà 60 giorni di tempo per rispondere alla richiesta, in assenza della quale o in caso di mancato accordo, il contratto si ritiene scaduto.

Il proprietario che intende disdire il contratto d'affitto deve inviare una raccomandata almeno sei mesi prima della scadenza contrattuale per informare l’inquilino della decisione di cessare il rapporto di locazione. L'inquilino è tenuto a rispondere entro 60 giorni; in caso di mancata risposta il contratto s’intende scaduto alla data di cessazione, dando così il via libera alle procedure di Sfratto.

Qualora il proprietario decida di vendere l’appartamento, deve informarne l’inquilino, invitandolo a esercitare il diritto di prelazione. La notifica deve avvenire tramite ufficiale giudiziario e deve specificare il prezzo e le altre condizioni di vendita. Entro 60 giorni dalla ricezione della comunicazione, l’inquilino è tenuto a esercitare tale diritto, accettando le condizioni richieste dal proprietario tramite atto notificato dall’ufficiale giudiziario.

Obblighi inquilino con contratto in scadenza

L'inquilino ha diritto a rimanere nell'alloggio fino all'ultimo giorno previsto dal contratto ed è tenutoa restituire l'abitazione, nello stesso stato in cui l'aveva precedentemente affittata, fatto salvo ovviamente il normale deterioramento dovuto all'uso.

Alla scadenza della locazione, la restituzione dell'immobile si realizza con la riconsegna delle chiavi, in molti casi prevista da una postilla contenuta nel verbale di riconsegna dell'immobile, in cui si indica il giorno della riconsegna, con la firma delle parti contraenti. In caso di ritardo nella consegna, il proprietario può pretendere dall'inquilino il pagamento di una mora o quanto previsto nel contratto per ogni giorno di ritardo.

L'inquilino non è responsabile di danni quali:

  • crepe nel muro per l'assestamento delle pareti dell'edificio;
  • tetto danneggiato da un temporale;
  • impianto elettrico difettoso a causa di una cattiva riparazione dall'elettricista ecc..

Al contrario, in caso di deterioramenti causati dall'inquilino, il proprietario ha diritto a un indennizzo pari al costo delle riparazioni (materiali e manodopera oltre all'IVA).





Potrebbe interessarti

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Fideiussione per affitto: garanzia di pagamento

Recentemente la fideiussione personale ha soppiantato quasi completamente le vecchie cauzioni che i padroni di casa chiedevano per l’affitto degli appartamenti o dei locali commerciali.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

I più condivisi

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Cos’è l’Ipoteca, e come si estingue?

L'ipoteca è un diritto concesso al creditore di un debito, di solito una banca, come garanzia di rimborso del finanziamento. Questa “assicurazione” viene esplicitata dalla possibilità di espropriare il debitore del bene sul quale è iscritto appunto l'ipoteca. Generalmente, si tratta di una casa di cui si è proprietario.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Luci al LED di natale nella tua casa. Momenti unici di Natale

È dicembre, lo spirito natalizio finalmente si fa presente in tutti noi e piano piano comincia a riempire le nostre giornate. Le strade delle città cominciano a riempirsi di festoni e luminarie, nei negozi e nei centri commerciali le vetrine si addobbano in previsione della grande festa, i negozi di gastronomia preparano le leccornie e i menu da proporre per cene e cenoni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Caro bollette: come risolvere il problema con ScelgoZero

La voce “bollette” ha sempre un peso importante sul budget mensile degli italiani. Ogni anno i rincari tornano a farsi sentire, cosa che non si può arginare semplicemente cercando di contenere i consumi. Del resto non è sempre possibile tagliare la spesa di gas e luce rinunciando a sfruttare al meglio questi servizi, che per molti versi risultano essenziali.

Leggi tutto...
Go to Top