I water si distinguono per il tipo di montaggio in:

  • vasi con piedistallo, fissati al pavimento, con altezza normalizzata
  • vasi sospesi, fissati ad una parete e completamente staccati dal pavimento
  • vasi a parete, altrimenti detti orinatoi

Dimensioni e caratteristiche sono oggetto di dettagliati standard edilizi in molti paesi.

Il lavabo nella stanza da bagno è invece un apparato costituito da una sorgente idrica ed una bacinella di raccolta con scarico. Spesso è parte integrante di dispositivi igienico-sanitari. L'apporto idrico è fornito da uno o più rubinetti d’acqua calda e fredda e lo scarico è collegato naturalmente alla rete fognaria. La sua funzione è di raccolta temporanea di acque ad uso igienico sanitario per oggetti, animali e usi umani. Per quanto riguarda la vasca, perchè non optare per un modello a idromassaggio? Una volta la vasca idromassaggio era considerata un bene di lusso, fortunatamente oggi non lo è più. Sul mercato ci sono tantissimi produttori (ricordiamo tra i più noti Jacuzzi, Teuco, Albatros, Hafro, Glass) che realizzano modelli a partire da 1500 euro di qualsiasi forma e misura. Da quelle classiche da 170 cm fino alle angolari, da una o più persone, le vasche si adattano quindi a qualsiasi tipo di bagno, anche i più piccoli, portando nelle case un piccolo centro benessere e donando ore di relax.

La concezione "culturale" del bagno: occhio alle distanze dei vari elementi

Nell'età medievale la cultura del bagno fu profondamente trasformata. Spesso la carenza di igiene era causa di malattie infettive. A partire dal Trecento, la produzione diprofumi è documentata anche in Europa, ma solo a partire dal Rinascimento.

Come e dove pensare all'estetica (sanitari colorati e decorati?): non contano solo le offerte che trovi online

Se si sta pensando ad un arredo bagno moderno per un'abitazione privata – ma anche per una struttura pubblica dove il lato estetico ha una sua rilevanza come, ad esempio, ad un hotel – occorre concentrarsi su pochi ma essenziali dettagli.

Innanzitutto, si comincia dal colore delle pareti e delle piastrelle del bagno, che devono essere presenti nelle pareti vicino la vasca o la doccia per evitare l'azione corrosiva dell'umidità.
Il colore può essere scelto liberamente: i bagni classici hanno tinte pastello, mentre quelli più moderni osano di più. È importante valutare bene quest'aspetto perché il colore delle pareti di una stanza ne determina moltissimo l'impatto visivo.

Una volta effettuata questa scelta, si può passare ai sanitari. Esistono molti modelli di design che danno attenzione alle linee, alle dimensioni e ai colori del marmo (o del materiale scelto).
Quelli bianchi sono classici, adatti in tutti gli arredamenti, ma anche il nero è un colore sul quale puntare. Soprattutto queste due scelte permettono di giocare molto col colore con gli altri elementi, garantendo un senso di coerenza in tutto l'ambiente.

Tende e tappeti dovrebbero essere scelti in coppia, con un elemento che li unisce. Si tratta ovviamente di arredi che hanno una validissima funzione pratica – evitare il gocciolamento per tutto l'ambiente – ma non per questo non meritano attenzioni estetiche. Il design viene in aiuto anche in quest'aspetto, proponendo forme originali e colorazioni interessanti (un consiglio: abolite le tinte uniche).

Asciugamani e teli, infine, costituiscono un altro elemento di colore. La forma è ovviamente fissa, ma sono disponibili centinaia di motivi decorativi, oltre che materiali dal lino al cotone, passando per le fibre sintetiche.

Sanitari sospesi (anche per disabili)

Negli ultimi anni in auge nel mondo dell'arredo e del design, i sanitari sospesi sono l'ultima novità nella stanza da bagno. Con il termine sanitari sospesi si intendono i wc e i bidet, ma anche i lavabi, attaccati alla parete e sospesi appunto da terra. I sanitari sospesi sono più comodi per ciò che concerne la pulizia dell'ambiente bagno.

I sanitari sospesi rispondono a funzionalità pratiche e ad esigenze estetiche, in quanto presentano delle forme gradevoli e nuove; oltre ad essere un elemento d'arredo di semplice pulizia e di facile installazione.

I modelli di sanitari sospesi e a filo muro per arredare in libertà: i prezzi?

Ad oggi esistono diversi tipi di vasi (wc): tradizionale, a zaino e sospeso. I brand più famosi propongono tutte e tre le versioni per i propri modelli di sanitari. Le linee più classiche di arredo bagno invece, hanno di solito solo la versione tradizionale e quella a zaino.

Il vaso tradizionale ha lo scarico sul pavimento o nel muro e la cassetta dell'acqua si trova più in alto oppure murata nella parete (geberit).
Il vaso a zaino, più ingombrante, ha la cassetta dell'acqua in ceramica o in plastica. Tale cassetta per il risciacquo può trovarsi più in alto o all'altezza del vaso.

I sanitari sospesi sono invece "sospesi" dal pavimento e aderiscono alla parete. Lo scarico dei sanitari sospesi è a parete e murato per tale ragione, e considerato il peso del wc o del bidet, il muro in cui vengono fissati i sanitari sospesi deve avere uno spessore di circa 11 - 12 cm. Tale profondità della parete è necessaria per inserire le apposite staffe per l'ancoraggio e per far passare il tubo di scarico.

Qualora si desiderasse installare dei sanitari sospesi, ma si avessero problemi per via della parete troppo sottile, è possibile aggiungere, in fase di ristrutturazione, una seconda fila di mattoni fra il vecchio muro ed il vaso.

La stanza da bagno è uno dei luoghi della casa che ha spesso bisogno di essere aggiustato, riparato ecc., basti pensare alle piccole perdite di acqua che possono verificarsi e per le quali è necessario richiedere l'aiuto e le competenze di un idraulico esperto.

Può essere inoltre necessario applicare dei rivestimenti al vostro bagno, scegliere le piastrelle adatte e che più ci piacciono oppure effettuare dedicarsi a lavori più complessi sui sanitari. Una delle cose che non deve poi mancare all'interno dei nostri bagni sono sicuramente le cassette di scarico, utili al consumo e alla diffusione di acqua potabile. Esiste un marchingegno di nuova generazione che viene utilizzato in bagno e che si chiama Geberit.

Geberit: cos'è?

Geberit è una cassetta di scarico nata per agevolare un notevole risparmio energetico e una limitazione ingente nei consumi di acqua potabile. Molto spesso infatti si spreca acqua potabile senza rendersene conto; al fine di evitare questo è stato creato Geberit.

Geberit è infatti un apparecchio che agevola un risciacquo con scarico ridotto di acqua, riducendone così i consumi della stessa. Geberit è un sistema molto piccolo che aiuta anche a recuperare dello spazio all'interno del vostro bagno.

Funzionamento del Geberit

La cassetta di scarico Geberit funziona mediante un meccanismo di settaggio che consente di decidere quanta acqua utilizzare durante lo scarico. Le opzioni variano dai tre/quattro, ai sei ai nove litri. Geberit va installato internamente al muro, riduce così non solo lo spazio ma è anche ottimo dal punto di vista estetico.

Il funzionamento di Geberit su basa sul gruppo galleggiante che si riempe solo ed unicamente fino al livello che è stato selezionato dal possessore dell'apparecchio di scarico in questione. Il gruppo galleggiante di Geberit si attiva esclusivamente alla fine, ovvero quando si raggiunge il livello di acqua prescelto. Questo meccanismo è volto anche a diminuire i successivi tempi di caricamento di Geberit stesso.

Per regolare la cassetta di scarico Geberit, è presente una manopola che va ruotata a seconda del livello che si desidera. È possibile infine constatare il giusto funzionamento di Geberit facendo delle prove come quella di svuotare e riempire di nuovo la cassetta di scarico stessa.





Potrebbe interessarti

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Risoluzione anticipata affitto: a chi spetta l'onere di pagare le tasse

In caso di risoluzione anticipata di un contratto affitto o di locazione, per il quale si è pagata l’imposta di registro per l’intera sua durata, il contribuente ha diritto al rimborso della parte di imposta relativa alle annualità successive a quella nel corso della quale si è verificata la risoluzione.

Leggi tutto...

Cosa significa affitto a canone libero? Scopri le caratteristiche

Le locazioni a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Legge estinzione del mutuo: le novità di Bersani e Tremonti

A prescindere dal tasso scelto in occasione dell'accensione, è il sogno di tutti i clienti quello di procedere all'estinzione del mutuo anticipata e chiudere questo capitolo della loro vita. Ma quando si può richiedere l'estinzione del finanziamento, secondo la legge Tremonti e quando conviene?

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposta sulla seconda casa: ecco una guida esaustiva

Nel nostro Paese, rispetto ad altri Stati europei, sono tantissime le tasse o le imposte che gravano sui cittadini e su diversi generi di servizi. Se alcune sono assolutamente giustificate, altre rappresentano dei balzelli che molta gente fatica a comprenderne l’esistenza e di conseguenza anche il pagamento. La maggior parte di esse, comunque, serve allo Stato per fornire in maniera gratuita dei servizi all’intera collettività.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Leggi tutto...
Go to Top