Una delle opere che solitamente necessitano all'interno della propria abitazione è quella della saldatura di materiali di vario genere. Oltre che nei casi di acquisto o di affitto di un nuovo immobile, all'interno del quale si dovranno effettuare lavori di ristrutturazione più o meno ingenti, la saldatura può essere necessaria anche in caso di guasti, rotture ecc.
Per i lavori di questo tipo, molto spesso si chiamano dei professionisti del settore; è però possibile imparare a saldare da sé senza l'ausilio di un tecnico esperto, risparmiando così un bel po' di denaro. È ovviamente necessaria massima precisione e attenzione, affinché venga fatta in modo adeguato. Tra i vari tipi di saldatura che è possibile effettuare c'è quella a gas.
La saldatura a gas viene eseguita con uno strumento alimentato a gas che produce una fiamma costituita da ossigeno e acetilene, o altro gas combustibile. In base alle quantità dei due elementi, si possono effettuare saldature diverse per materiali diversamente resistenti.
In generale, la saldatura è una modalità che utilizza il calore per unire dei pezzi metallici, con l’aiuto o meno di un altro materiale, definito “di apporto”. I pezzi da unire devono essere ben puliti, quindi non devono presentare ossidazione o altre scorie che, altrimenti, impedirebbero una buona fusione.

Come si salda a gas?

La saldatura a gas può avvenire in diversi modi. C'è infatti la brasatura, che consta nella fusione di due pezzi di metallo, mediante contatto degli stessi preventivamente riscaldati. Quest'ultima può inoltre essere di tipo: tenera, fatta con lo stagno a temperature inferiori ai 450° e usata ad esempio per delle tubature dove scorre e s'incanala l'acqua; forte, effettuata mediante brasatura di rame, alluminio o argento, a temperature superiori ai 450°, e adoperata per i tubi del gas o dell'acqua calda.
Esiste infine le tipologie di saldatura autogena, di due pezzi di metallo per fusione a una temperatura di riscaldamento di 150°, e la saldobrasatura, effettuata in ottone a una temperatura di fusione di circa 900°.
Per la prima tipologia non si usa il materiale di apporto, per questo è chiamata autogena: sono i due i pezzi stessi che fondendo si uniscono. Al contrario, la saldobrasatura viene utilizzata per unire metalli diversi tramite l’ottone e si può eseguire per saldare oggetti in ghisa, acciaio, rame.
Le brasature tenera, forte e saldobrasatura sono chiamate brasature eterogene in quanto le due parti da unire hanno bisogno del supporto di un altro metallo con temperatura di fusione inferiore.

Gli attrezzi necessari per saldare a gas

Gli attrezzi utili sono i seguenti: cannello; carta abrasiva; baschetto di saldatura; accendino; morsa. Sono inoltre necessari degli indumenti di protezione quali guanti e occhiali di protezione trasparenti.
Per la saldatura a gas tenera o forte servono anche: pasta decapante; cartuccia di gas; lampada per saldare; pinza a morsa; lance fiamma a matita e a becco piatto; stagno.
Procedimenti
Per la brasatura tenera si eseguono i seguenti passaggi:
Pulire le parti da unire tramite saldatura;
stendere la pasta decapante sulle due parti con un pennello;
scaldare bene le due parti da saldare, con la lampada per saldare;
appoggiare il filo di stagno nel punto di giuntura: questo, grazie al calore, si scioglie e va a riempire lo spazio fra le due parti saldandole insieme.
Per la brasatura forte bisogna seguire questi passi:
scaldare le due parti da unire;
usare una bacchetta di stagno lunga 40 cm (al 33% o al 50%) da appoggiare sulle parti calde;
attendere che lo stagno coli lungo il perimetro del pezzo e internamente in modo da unire i due pezzi insieme.
La saldatura autogena prevede le seguenti azioni:
pulire le parti da unire, anche con l’aiuto di una spazzola metallica per togliere l’ossido in superficie;
avvicinare le due parti nel punto della saldatura;
usare il cannello nel punto di giuntura delle due parti e passare la fiamma senza toccare il metallo;
attendere il raffreddamento delle parti e verificare la saldatura.
Effettuare la saldobrasatura in questo modo:
pulire le parti da unire con della carta abrasiva, sia dentro che fuori;
cospargere entrambi i pezzi di pasta decapante;
fare delle piccole saldature in più punti per evitare che i due pezzi si allontanino durante la saldobrasatura;
procedere con la saldatura utilizzando il cannello e la bacchetta inclinandoli di 45 °C.





Potrebbe interessarti

Locazione uso foresteria: scopriamo i vantaggi

 

Con il contratto di locazione ad uso foresteria una società per capitali prende in affitto un’abitazione ad uso dei suoi dipendenti.

Leggi tutto...

Canoni di locazione, le tipologie e i costi

Il canone di locazione è l’aspetto principale a cui guardano gli inquilini che hanno intenzione di affittare un appartamento. Il costo molto alto degli ultimi tempi, soprattutto nelle grandi città, ha portato questo argomento in prima pagina e di stretta attualità, soprattutto in questo momento di congiuntura economica.

Leggi tutto...

Contratto di affitto con cedolare secca: tutte le caratteristiche

La locazione di un immobile, ma anche di una semplice stanza, soprattutto se si tratta di studenti, necessita sempre e obbligatoriamente della regolare registrazione di un contratto. Nel caso di affitti a studenti questo spesso non accade; ogni anno infatti sono numerosi i ragazzi che pagano l'affitto del proprio posto letto in nero.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Moduli contratti di locazione: tutte le novità!

Dal 1° luglio 2010 è stato realizzato il nuovo Modello 69, per la registrazione dei contratti di locazione e affitto e per i contratti di comodato.

Leggi tutto...

I più condivisi

Tutti i vantaggi del comprare nuovo

L’acquisto di un immobile comporta tanti dubbi e numerose valutazioni: qual è l’immobile che fa per me? Meglio in centro oppure fuori città? Meglio un immobile nuovo o uno più datato? Insomma, le domande sono tantissime e molte risposte dipendono dalle proprie personali esigenze e da gusti e desideri personali.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Mutui al 100%: tutto quello che c’è da sapere

Fino a qualche anno fa e più precisamente quando ancora non c’era stata la crisi del mercato delle compravendite in ambito immobiliare, il mutuo a copertura totale del valore dell'immobile, era facilmente offerto dagli istituti di credito.

Leggi tutto...

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sostituzione del mutuo: cosa occorre fare?

E’ la soluzione tradizionale più semplice, ma più costosa, quando si decide di sostituire il mutuo; si estingue il vecchio mutuo, si cancella la vecchia ipoteca, viene acceso uno nuovo mutuo, e si iscrive una nuova ipoteca.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Come arredare la camera da letto? Alcuni consigli!

Dopo aver preso la decisione di acquistare o prendere in affitto un immobile, a meno che l'abitazione in questione non sia in buono stato e arredata, sono necessarie delle modifiche più o meno complesse: tubature, verniciatura, sostituzione infissi e così via. Solo dopo tutti questi lavori ci si potrà dedicare all'arredamento degli interni della vostra casa.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Indice IPE di prestazione energetica

L'indice IPE di prestazione energetica non è altro che l'energia totale consumata dall'edificio climatizzato per metro quadro ogni anno. L'unità di misura per prestazioni relative ad edifici residenziali è il KWH/MQ annuo.

Leggi tutto...
Go to Top