Chi possiede una piscina nella propria abitazione o nel cortile o giardino adiacente ad essa, deve anche occuparsi e tenere in considerazione l'aspetto legato al riscaldamento . Un efficiente servizio di questo genere, può infatti accrescerne le sue potenzialità.

Aumentare le prestazioni

Acquistare una piscina per la propria casa prevede un dispendio economico spesso molto elevato; per aumentare le prestazioni e prolungare le stagioni dei bagni, è dunque fondamentale agire sulla temperatura. Senza riscaldamento della piscina l'uso della stessa resta infatti limitato.

Per tenere al caldo la vasca, sono necessari apparecchi specifici; in commercio ce ne sono di diversi: tradizionali diffusori di calore a metano o a gasolio; riscaldatori ecologici, che utilizzano le energie rinnovabili di sole o terra, usando pannelli solari o energia geotermica; apparecchi di riscaldamento elettrici.

Impianti

Tra i vari modelli di impianti per il riscaldamento, esistono, ad esempio, le pompe di calore, che sfruttano l'energia termica presente nell'aria, riversandola all'interno della vasca aumentandone la sua temperatura. Questo sistema di è quello più consono da utilizzare in casa, perché prevede un grande risparmio di energia e di soldi sulla bolletta.

Riscaldamento solare della piscina

Per un riscaldamento ottimale della vostra piscina casalinga è inoltre necessaria: una buona esposizione al sole, evitando luoghi dove c'è troppa vegetazione, che toglie molta luce e calore; una copertura isotermica da utilizzare durante le ore notturne e quando non viene utilizzata.

Come scegliere il sistema

Com’è stato già precedentemente detto esistono vari strumenti e sistemi per riscaldare l’acqua della propria vasca. Scegliere il metodo più adatto non è molto semplice, di seguito sono elencati alcuni suggerimenti utili che possono essere d’aiuto nella scelta dell'impianto ideale.

  • Tenere in considerazione la grandezza, la profondità e la larghezza della vasca per poter stabilire la quantità di acqua da riscaldare.
  • La tipologia di impianto e la sua installazione, vale a dire una piscina da interno, esterno, interrata, presenza o meno del bordo sfioratore.
  • La sua posizione e l’eventuale esposizione al sole o in una zona d’ombra.
  • Periodo di utilizzo, ad esempio solo durante l’estate, nei fine settimana ecc.
  • Temperatura ideale da raggiungere, che può variare di persona in persona.
  • Quantità di energia da poter utilizzare per il riscaldamento.

Per riuscire a mantenere tiepida l’acqua di una piscina è necessario coprirla con una serranda automatica o una qualsiasi copertura termica.

Caratteristiche del sistema a pompa di calore

E’una delle soluzioni più economiche per riscaldare la piscina e sfrutta la presenza di una pompa di calore, che è in grado di recuperare le calorie presenti nell’aria e trasferirle nella vasca. E’ fondamentale che il collegamento elettrico sia effettuato da un tecnico professionista, che in base al modello della pompa di calore la installerà all’esterno o all’interno del locale tecnico. Il suo costo è abbastanza elevato ma si può ammortizzare facilmente nel tempo grazie ai bassi costi di funzionamento.

Caratteristiche del riscaldatore elettrico

Si tratta di un riscaldatore formato da un corpo, una resistenza elettrica e una regolazione, l’acqua in questo caso si riscalda perchè attraversa il riscaldatore ed entra in contatto con la resistenza elettrica. La sua installazione è abbastanza semplice da effettuare e può essere inserito direttamente nel circuito di filtrazione o tramite by pass, richiede una manutenzione minima ed è particolarmente adatto alle piscine familiari. E’ di fondamentale importanza far convalidare il suo collegamento elettrico da un tecnico professionista.





Potrebbe interessarti

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Come funziona la locazione abitativa agevolata

Il contratto di locazione abitativa agevolata, detto anche affitto a canone concordato, è una tipologia di locazione introdotta a fine anni ’90 con la legge del 9 dicembre 1998, n. 431. La possibilità di stipulare un contratto di locazione abitativa agevolata è riservata alle abitazioni presenti in comuni ad alta densità abitativa che abbiano stipulato una convenzione con le associazioni di categoria.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Mutuo ipotecario: cos’è e come funziona questo tipo di finanziamento

acquistare casa con il mutuo ipotecario

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Normativa sullo scarico fumi: cosa dice la legge

Solitamente quando dobbiamo scegliere la cappa per la nostra nuova cucina, i requisiti sui quali ci concentriamo maggiormente sono la silenziosità e il design di tendenza. In realtà al momento dell’acquisto di questo elettrodomestico bisogna tenere conto anche di come gestire al meglio la dispersione dei vapori che derivano dalla cucina e dalla preparazione degli alimenti.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Calcola il mutuo online: conosci questi strumenti?

Sono disponibili molti siti e portali che mettono a disposizione la funzione "Calcola il Mutuo online": si tratta di software che prendono in considerazione tutti i parametri necessari per dare una stima (o previsione) dell'importo della rata mensile del piano d'ammortamento.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Assicurazioni sulla casa: quali sono le possibilità di scelta

La casa è uno dei beni rifugio più importanti per gli italiani, il suo costante valore sul mercato la rendono un investimento fondamentale in tempi di incertezze. Proprio per evitare che questo patrimonio vada in frantumi da un momento all'altro diventa necessario sottoscrivere un'assicurazione a tutela dei risparmi e dei sacrifici di una vita. 

Leggi tutto...

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Leggi tutto...
Go to Top