Casa dolce casa direbbe qualcuno, eppure qualsiasi casa che si rispetti rispecchia, per arredo, colori e design, la personalità di chi abita quelle mura domestiche. Che sia in affitto o di proprietà, ogni tanto dare un aspetto nuovo alla propria casa significa offrire una boccata d'ossigeno, rinnovare in maniera economica o ristrutturare quegli spazi ricreati proprio su misura.
Sicuramente tutti penseranno: per dare un aspetto nuovo alla casa è necessario cambiare i mobili e spendere una fortuna. Niente di più sbagliato poiché, più che mettere mano al portafoglio ed indebitarsi con le finanziarie, è possibile modificare l'estetica degli ambienti domestici in infiniti modi. Tutti a costo zero, o quasi.

Rinnovare casa senza cambiare i mobili

La posizione dei mobili

Una prima idea per cambiare casa senza gettar via gli arredi potrebbe essere proprio quella di modificare la loro posizione all'interno degli ambienti. Ciò non significa spostare la camera da letto laddove c'è la cucina, ma semplicemente accostare il divano vicino ad una finestra per poter godere dei tiepidi raggi solari durante le fredde giornate invernali. Il frigo che risulta ingombrante in cucina potrebbe essere spostato nel ripostiglio, oppure la scrivania adagiata in un angolo diverso della stanza, giusto per facilitare l'ingresso nella camera dei bambini. Quel mobile da buffet potrebbe essere spostato nella sala da pranzo anziché all'ingresso perché magari può servire durante gli inviti a cena, per poggiare mestoli, tovaglie o le stoviglie pulite.
Molto spesso siamo soliti accumulare arredi per il solo gusto di ordinare tutti quegli oggetti che ammucchiamo durante la vita: perché non venderli in un mercatino dell'usato e guadagnare qualche soldo per cambiare la tappezzeria? Internet offre piattaforme gratuite per la compravendita dei mobili usati: si potrebbe ricavare un buon gruzzoletto facendo leva sugli appassionati del vintage!

Dare un aspetto nuovo alla propria casa con la luce

L'anima di una casa è rappresentata non solo dagli arredi, quanto piuttosto dalla luminosità delle camere e dall'ampiezza degli ambienti. Una stanza piccola potrebbe sembrare enorme proprio giocando con la luce e, qualora dovesse mancare quella naturale (per via di una finestra al posto di un balcone), l'illuminazione artificiale può modificare l'aspetto di una casa.
Innanzitutto attualmente esistono le soluzioni LED, anche in versione economica: le tonalità della luce sono di tre tipologie, ossia bianca, calda e fredda e la percezione dell'una o dell'altra variazione fa la differenza all'interno di una camera. La luce calda è assimilabile ai toni del giallo e rende gli ambienti confortevoli dall'allure ''sweet home'', a differenza di quella fredda il cui tono si avvicina all'azzurrino ed è ottima se si posseggono arredi in stile moderno. Ad essere prediletta da molti è la luce bianca, o neutra, che conferisce agli ambienti un tocco elegante e chic, adatto per le camere da studio, per la sala da pranzo e per l'ingresso. Se si desidera il tono acceso della luce calda è possibile utilizzarlo all'interno di una cucina per accentuare quel mood casalingo tipico di tutte le case, potendo prediligere la luce fredda all'interno del bagno, a maggior ragione de trattasi di un bagno di servizio o di un bagno cieco, privo di illuminazione naturale.

Cambiare la tappezzeria per migliorare lo stile degli arredi

È vero, anni addietro andava di moda l'arte povera e molte case sembrano essere fatte con lo stampino: cucine in legno dal colore marrone seguite da camere da pranzo con ampie vetrinette in cristallo e radica di noce. Se si aggiunge la camera padronale in ferro battuto e quella dei bambini con mobili fatti su misura il gioco è fatto. Ciascuna dimora è la fedele riproduzione di quella del vicino, dei suoceri e degli zii. Pur non cambiando i mobili è possibile innovare lo stile utilizzando la tappezzeria. L'arte povera, così come lo stile classico, possono essere resi moderni utilizzando tessuti new age, con colori neutri nella scelta delle tende di ciascuna camera. Il colore del legno si adatta infatti a numerose tonalità, come il tortora, la carta da zucchero, il rosa e l'ocra, ma è possibile acquistare a poco prezzo tende con fantasie eclettiche, floreali o dai colori frizzanti. Stesso discorso vale per i tappeti che potrebbero essere prediletti in versione moderna e declinati con palette differenti, magari procurandosi degli scendiletto dal design moderno per rendere frizzante e nuova la camera padronale. Anche tovaglie e tovaglioli, copri cuscini e copridivani possono trasformare l'ambiente più antico di una casa, oppure rendere diverso un bagno, soprattutto se prevale il colore bianco dei sanitari, delle pareti e dei rivestimenti.

Arricchire gli interni con piante e terrarium

Un'anonima libreria o una mensola che ospita la collezione delle bomboniere degli ultimi dieci anni può diventare qualcosa di spettacolare se decorata con piante rampicanti specifiche per gli interni. Un esempio fra tutti potrebbe essere il ficus pumilas, una varietà vegetale rigogliosa per gran parte dell'anno e capace di abbellire un'intera parete, una mensola o una libreria. Altre varietà adatte per gli appartamenti o per gli interni di una villa potrebbero essere il tronchetto della felicità, il ficus verde, l'orchidea, la dracena e la scelta potrebbe essere davvero imbarazzante per quanto riguarda i colori, i fiori e il tipo di pianta. Se poi non si possiede il pollice verde, o non si ha abbastanza tempo per la cura di ogni arbusto, esistono piante che necessitano di poche cure potendo optare come alternativa per le piante artificiali, realizzate in stoffa e plastica. Le piante naturali possono offrire numerosi benefici all'interno di una casa, e basterebbe davvero poco per trasformare l'angolo di un soggiorno in un piccolo e rigoglioso eden.
Qualora si ha il pallino del fai da te, da qualche tempo a questa parte spopola sul web il terrarium, una sorta di giardino in miniatura realizzato all'interno di un'ampolla, un calice ballon o un vasetto di vetro. Materiali principali sono la sabbia, la terra e le piante grasse anche con i fiori, il tutto arricchito da prodotti di scarto come ghiaia, conchiglie e vetri colorati.

Utilizzare gli stancil per rinnovare le pareti

Se lo stucco veneziano ed il marmorino sono gettonati sulle riviste di interior design, la fantasia può venire incontro senza spendere una fortuna in ditte specializzate per tinteggiare le pareti. Nonostante sembrano essere poco diffusi, gli stencil danno quel tocco in più sia ad un'intera parete che ad un angolo del muro. Si dimentichino carte da parati e bordure difficili da incollare, spazio agli adesivi da scollare non appena si passi una mano di vernice. Altro che tamburato o pittura tamponata se su una parete si possono ricreare forme geometriche, fiori, farfalle, pizzi e ricami. In voga sono le scritte e gli aforismi di persone famose apposte poco sopra il divano o nella camera dei ragazzi. Cosa scrivere in cucina? Gli ingredienti di una famosa ricetta, i nomi delle piante aromatiche o quelli dei piatti più famosi. In stile ristorante napoletano made in USA. In alternativa è possibile acquistare adesivi o utilizzare la tecnica del decoupage, un modo in più per arricchire una parete.

Giocare con i quadri e le fotografie

I quadri d'autore costano molto, ma a ben vedere gran parte dell'arte moderna è il frutto di una combinazione di stili spesso irriconoscibili, diversi fra loro che alla fine uno ci si chiede: ''Ma sai che questo disegno avrei potuto farlo anche io?'' Senza violare il diritto d'autore, è possibile realizzare quadri e disegni acquistando a poco prezzo le tele ed i colori. Sono in vendita anche nei negozi di bricolage e nelle cartolerie a poco meno di 10 euro e possono rendere personalizzata una camera o l'ingresso di casa. Inoltre i tutorial su come usare un pennello ed una tempera sono numerosi e cimentarsi nei Raffaello del nuovo millennio può essere divertente. Anche le foto incorniciate stanno tornando di moda negli ultimi anni, soprattutto se fissate sulla parete fino a ricoprirla tutta. Nel complesso quel muro sembrerà un album fotografico da abbracciare con un solo sguardo. E poi vuoi mettere una foto digitale visualizzata sullo schermo di un pc e la foto in carta fissata sulla parete? La casa ha tutta un'altra storia.



Potrebbe interessarti

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Immagine usata nell'articolo Guida per comprare casa: sei sicuro di conoscere ogni aspetto?

Comprare casa non è certamente un processo semplice. Leggere i giornali specializzati, informarsi sul Web, visitare gli immobili in vendita o studiare la planimetria di una casa in costruzione è importante ma può non bastare. Ecco alcuni consigli utili per chi ha deciso di comprare casa.

Compravendita tra privati: quali sono le imposte?

Quando si effettua una compravendita di una casa, le imposte da pagare vanno calcolate in modo diverso a seconda del tipo di acquisto: da privato o da costruttore. Chi decide di acquistare da un privato (o comunque da un soggetto diverso dall'impresa costruttrice) potrà pagare le imposte di registro, che saranno interamente dichiarate nell'atto di compravendita.

Leggi anche...

Certificato agibilità e requisiti per l'abilità

L'agibilità è la certificazione di cui un edificio riceve quando rispetta tutti i requisiti di legge necessari a garantire la sicurezza dei locali; il suo riferimento normativo è il Testo Unico dell'Edilizia (DpR 380/2001).

Leggi anche...

Come montare una mensola: una guida breve e pratica!

Quello che manca è sempre il tempo. Ma finalmente è arrivato il week end e non avete più scuse. Dovete fare un pò di manutenzione alla casa e soprattutto dovete montare quei due o tre mobili comprati durante la settimana appena terminata. Ebbene, mettetevi comodi e leggetevi la guida di oggi.

Leggi anche...

Subentro acqua: cosa fare per la disdetta?

Per effettuare la disdetta del contratto di fornitura dell'acqua, è necessario che il cliente si presenti, con l'ultima bolletta ricevuta, presso l'ufficio della società titolare, per sottoscrivere il relativo modulo.

Go to Top