La Riforma del Condominio è diventata legge. Secondo la prassi italiana, diventerà esecutiva fra sei mesi, quando sarà pubblicata in Gazzetta Ufficiale. Fra le sue varie parti, quella che suscita più interesse è quella che riguarda le Parti comuni, ovvero quelle aree da sempre oggetto dei più diffusi scontri fra condomini.

Quali sono le Parti comuni di un condominio

L'articolo 1117 c.c. prevede quali sono le parti comuni all'interno di un condominio.

  • il suolo su cui sorge l'edificio, compreso di: fondamenta, muri maestri, tetti
  • i locali per: la portineria, l'alloggio del portiere, la lavanderia, il riscaldamento centrale, gli stenditoi e tutti i servizi in comune affini;
  • le opere, le installazioni e i manufatti utili all'uso e al godimento comune, quali: ascensori, pozzi

Le cose e le opere comuni hanno una funzione strumentale rispetto al condominio e servono all'esistenza e al godimento delle singole porzioni immobiliari e in proporzione al valore di ognuna di esse (quota di millesimi).

Non è ammessa la rinuncia da parte del singolo condomino alle cose comuni, che non potrà in alcun modo svincolarsi dalle spese relative alla loro conservazione.

Il condomino dovrà infatti versare comunque la propria quota di spesa deliberata dall'assemblea, anche se ritiene di non aver ricevuto dal bene la stessa utilità degli altri condomini; successivamente potrà unicamente pretendere dal condominio il rispetto del suo diritto a godere del bene comune in pari modo degli altri.

Riforma: l'Assemblea decide sulla gestione degli spazi condominiali

Secondo la nuova disciplina, tutti i condomini sono proprietari con eguali diritti di tali parti. Diventa, infatti, l'assemblea dei condomini il centro decisionale della gestione di questi ambienti: attraverso questo istituto, e raggiungendo una quota di voti favorevoli pari a quattro quinti sia degli inquilini che delle metrature, l'assemblea può decidere di indirizzare le parti comuni verso determinati utilizzi oppure di venderli.

Occorrono, inoltre, 30 giorni di preavviso per una convocazione di queste finalità, in modo da permettere a più inquilini possibile di essere presente.

Le differenze con il precedente regolamento (che richiedeva appena la maggioranza dei presenti e un preavviso di cinque giorni) sono evidenti ed è chiaro che una maggioranza così qualificata sia, nella realtà, difficile da raggiungere. Tuttavia questo ostacolo è bilanciato dall'enorme libertà decisionale concessa che, se utilizzata saggiamente, può aumentare il valore dell'immobile.

Ed è sempre l'Assemblea che monitora le violazioni

Attraverso l'Assemblea condominiale, gli inquilini possono, raggiunta la maggioranza, cambiare parti del regolamento condominiale. Ma è sempre quest'istituto che si esprime sull'eventuale utilizzo illecito delle Parti comuni (anche se, in questo caso, necessita della maggioranza assoluta dei presenti e dei millesimi).

Le situazioni nelle quali un parere di questo tipo è richiesto riguardano i casi in cui ci sia una divergenza netta fra l'utilizzo di uno spazio condominiale e il principio stabilito dall'assemblea. In situazioni simili, si può citare in giudizio il soggetto responsabile del comportamento.

Destinazione d'uso parti comuni immobile

La convocazione di un'assemblea condominiale all'interno di un condominio si verifica soprattutto nei casi legati alladestinazione d'uso di aree comuni dello stabile, da rendere autonome o da lasciare di libero accesso a tutti i condomini.

La destinazione d'uso si riferisce a tutti gli atti, comprese le delibere che presentano in oggetto modificazioni e/o sostituzioni delle parti comuni, e le sentenze riferite a variazioni della proprietà oppure determinazioni o modificazioni delle destinazioni d'uso stesse, situate nell'edificio. Tutte queste opere di cambiamento necessitano di essere rese pubbliche mediante trascrizioni apposite.

Se qualcuno si oppone?

Qualora ci fossero soggetti (condomini, detentori, conduttori) contrari alla destinazione di utilizzo delle parti comuni o delle unità immobiliari da adibire a proprietà esclusiva, si può chiedere all'amministrazione di intervenire attraverso una diffida. In caso di mancata cessazione delle violazioni, nonostante la diffida, è necessario chiedere invece all'amministratore di convocare l'assemblea condominiale. Se, entro trenta giorni dalla richiesta, l'assemblea non viene convocata, il condomino può affidarsi a un giudice, che provvederà in via d'urgenza.

Il giudice, dopo aver valutato la certezza della violazione dello sfruttamento delle parti comuni o delle unità immobiliari di proprietà esclusiva, ordina la cessazione dell'attività.

 

Risarcimento danni

Escluso il risarcimento del danno, il giudice può altresì condannare il responsabile al pagamento di un'ulteriore somma di denaro in favore del condominio, calcolata in base alla gravità della violazione e agli investimento compiuti e ai benefici ricavati dall'attività.





Potrebbe interessarti


Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

I più condivisi


Il Piano di Ammortamento dalla A alla Z

Il periodo ti tempo concordato tra il cliente e l’istituto di credito per il rimborso del mutuo, si chiama comunemente piano di ammortamento. La modalità rateale di restituzione (del capitale più gli interessi maturati) e la durata di tale periodo, fanno capo al piano di pagamento che una volta terminato, ci consentirà di diventare a tutti gli effetti i proprietari dell’immobile in questione.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Crisi dei subprime: facciamo chiarezza

La crisi dei mutui subprime ha portato gravi conseguenze sull'economia mondiale. Nell'aprile 2009il Fondo Monetario Internazionale ha valutato in 4.100 miliardi di dollari Usa il totale delle perdite delle banche.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

Leggi anche...


Diritti dell'usufruttuario: quali sono le caratteristiche?

L'usufrutto è il diritto di un soggetto di poter godere di un bene, e dei redditi che ne derivano, di proprietà di altri. L'usufrutto comporta una limitazione, ovvero il divieto di alterare la destinazione economica del bene oggetto del diritto di usufrutto. Questo istituto implica una serie di diritti dell'usufruttuario, come anche dei doveri.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Come rendere impermeabile una casa rispettando l'ambiente

Rendere una casa impermeabile è possibile senza che si sia costretti a danneggiare l'ambiente circostante: le soluzioni tecnologiche moderne sono ecologiche e permettono di non dover lottare contro la comparsa dell'umidità e della muffa. Impermeabilizzare un edificio significa dire addio ai disagi causati dalle infiltrazioni, le quali con il trascorrere del tempo rischiano di mettere seriamente a repentaglio il comfort abitativo di qualsiasi casa; nelle situazioni più gravi, esse possono addirittura provocare danni strutturali. Al tempo stesso, è molto importante prevenire la proliferazione delle muffe e ostacolare la formazione della condensa, a maggior ragione in quegli ambienti come la cucina e il bagno che sono destinati a presentare un tasso di umidità molto elevato.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Simulazione rata del mutuo per l’acquisto della prima casa

L’acquisto di un immobile, in particolare se si tratta di una prima casa, è sicuramente un passo importante che comporta una serie di valutazioni da fare a priori in vista dell’impegno economico a lunga scadenza. Si tratta di un investimento di un certo peso e nella maggior parte dei casi, chi si appresta a farlo, non ha a disposizione l’intero capitale.

Leggi tutto...
Go to Top