Quando si acquista una casa sono necessari dei dati specifici utili a definire le caratteristiche dell'immobile appena comprato e importanti ai fini della compilazione del moduli ICI (Imposta comunale sugli Immobili) e del suo successivo pagamento; uno di questi valori fondamentali è la rendita catastale.

Cos'è la rendita catastale?

Si tratta di una base imponibile che serve proprio a valutare l'IMU, dell'Irpef, il redditto di un immobile, ma anche il valore per imposte ipotecarie e da dare al catasto, nonché per donazioni e successioni.

Il valore della rendita catastale dipende da due elementi:

  • La dimensione dell'immobile. Questo parametro viene misurato dal numero di vani, la superficie e la volumetria.
  • L'estimo. Si tratta di un valore che dipende dalla zona censoria in cui si trova l'immobile e dalla sua destinazione d'uso. Le tariffe sono stabilite dal Comune in relazione ad entrambi i parametri.

Quando viene costruito un nuovo immobile, viene prima dichiarato agibile e gli si assegna una destinazione d'uso specifica; entro trenta giorni da tali verifiche, bisognerà farsi attribuire questo dato, richiedendola all'Agenzia del Territorio dove è ubicata l'abitazione. In caso di attribuzione di rendita diversa da quella presentata, il contribuente può richiedere una rettifica.

Come si calcola la rendita?

Per calcolare la rendita catastale, è necessario effettuare un prodotto tra la tariffa d'estimo della zona, nella quale l'immobile è situato sorge l'immobile e legata anche alla sua destinazione d'uso (ordinaria, speciale, particolare), e la consistenza dell'unità immobiliare (vani, volumetria e superficie dell'immobile).

La rendita è altresì ottenibile mediante la richiesta di una visura catastale da richiedere presso l'Agenzia del Territorio; tale servizio è presente in tutta Italia. Fare una richiesta di questo dato è semplicissimo; basta essere muniti di: dati anagrafici di persona fisica o impresa, i dati catastali dell'immobile, l'indirizzo dell'immobile. In alternativa, è possibile utilizzare i servizi del Caf oppure delle Poste Italiane, che gode di un portali web suddivisi a seconda dell'utenza, che sia pubblica amministrazione, privati, imprese.

La rendita e l'IMU

Aggiornamento fine 2013

La rendita catastale è il parametro sul quale si stabilisce il valore dell'immobile. Questo è uguale al prodotto della rendita – rivalutata del 5% – e il coefficiente di categoria. A sua volta, questo risultato è la base per decidere le aliquote IMU da pagare.

I coefficienti più comuni sono:

  • Fabbricati delle Categorie A e C (con eccezioni), ovvero le abitazione: il coefficiente è 160.
  • Fabbricati delle Categorie B e C (con eccezioni), quindi uffici pubblici e magazzini, a 140.
  • Fabbricati classificati come uffici e banche, il coefficiente è 80.
  • Fabbricati come alberghi e strutture di produzione agricola, a 65.
  • I negozi, infine, a 55.

Nei mesi precedenti la scadenza della prima rata IMU, l'Agenzia delle Entrate ha prodotto una serie di comunicati che chiarivano alcune situazioni un poco confuse.

Ad esempio, se l'immobile è ristrutturato occorre apporre delle modifiche.
Per la precisione, questa varia in tutte le fasi della ristrutturazione: prima occorre il valore dell'anno precedente, durante la ristrutturazione vale il valore dell'area edificabile, dopo occorre richiedere l'aggiornamento della stessa.

Anche quando la destinazione d'uso registrata è diversa da quella effettiva, occorre fare domanda per aggiornarla e modificare così le tariffe. Si paga l'IMU anche sugli immobili inagibili o inabitabili (dove manca l'acqua corrente, per esempio, o in strutture non sicure). Si ha una detrazione del 50%, ma questa dev'essere supportata da una documentazione tecnica completa.

Motivazione della rendita catastale

Una delle ultime novità, dettate da una ordinanza del 2013 della Corte di Cassazione, va a precisare il fatto che la Pubblica Amministrazione ha l’obbligo di fornire una motivazione adeguata al momento di attribuirne una nuova qualora risulti diversa da quella fornita al momento della dichiarazione dal contribuente.
Cosa succede se la motivazione non viene fornita? Nessuna multa o sanzione di carattere pecuniario, semplicemente viene annullata la richiesta.

Secondo quanto riferito dalla stessa Corte di Cassazione, a giustificazione dell’ordinanza, si tratta di un dovere, da parte della PA, motivare qualsiasi atto correlato ad un qualcosa rilevante dal punto di vista del fisco. Naturalmente, questo tipo di segnalazione deve essere effettuata se non c’è stata un previo accordo fra le parti, ovvero fra l’Amministrazione ed il contribuente.

L’aggiornamento è necessario in seguito alle nuove disposizioni entrate in vigore per ridefinire il pagamento delle imposte legate agli immobili. L’agenzia delle Entrate, dopo aver avvisato tutti i proprietari di abitazioni che hanno subito questo trattamento, sta già verificando che i contribuenti abbiano variato la categoria catastale, segnalandone l’avvenuta modifica alle PA.





Potrebbe interessarti

Affitto d'azienda: questi consigli non puoi perderteli!

Con il termine affitto d'azienda è indicata l'acquisizione di un diritto di godimento e di tutti i poteri di gestione di un complesso aziendale di proprietà del locatore, da parte di un conduttore dietro corrispettivo. A regolamentare l'affitto d’azienda è l'articolo 2562 del codice civile che dispone l'applicazione delle norme relative all'usufrutto d'azienda (articolo 2561) e quelle generali in tema d'affitto (articoli 1571-1654).

Leggi tutto...

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia immobiliare: consigli per non pagare troppo!

Il mediatore immobiliare e l'agenzia e l'agente immobiliare svolgono il ruolo di intermediario tra acquirente e venditore. Ci si rivolge ad un'agenzia immobiliare sia che si voglia vendere o acquistare un immobile, sia che si tratti di una compravendita che di una locazione.

Leggi tutto...

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

Dove richiedere la visura catastale?

La visura catastale è un documento importante per la compravendita di un bene immobiliare o di un terreno che si trovi in Italia; è infatti rilasciata dall'Agenzia del Territorio, cioè dal Catasto.

Leggi tutto...

Calcolo spese acquisto prima casa: come portare in detrazione il costo notaio

Nel calcolo spese acquisto primo casa rientra anche il costo notaio. Questa voce però può essere portata in detrazione nella dichiarazione dei redditi ai fini Irpef in modo da recuperare parte dell’importo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Leasing prima casa: di cosa si tratta e come funziona?

Il possedere una casa di proprietà, piccola o grande che sia, rappresenta il sogno di tantissime persone. Se per le giovani coppie potrebbe essere un piccolo e romantico nido d’amore dove far crescere i figli, per le persone più anziane invece simboleggia la ricompensa di tanti anni di sacrifici e il poter godere di una vecchiaia più serena. E proprio per incentivare l’acquisto di un’abitazione principale, in particolare per i giovani, diverse sono state le iniziative avviate dalle autorità governative nel corso di questi anni.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Bolletta di acconto e bolletta di conguaglio (non solo Enel): cosa cambia?

L'emissione delle fatture della luce avviene solitamente con periodicità bimestrale per i clienti domestici e per i non domestici alimentati in bassa tensione con potenza impegnata non superiore a 30 kw. Il cliente domestico dovrebbe pertanto ricevere in un anno circa 6 bollette di cui una di conguaglio.

Leggi tutto...
Go to Top