Per evitare telefonate di natura promozionale, commerciale o per non ricevere più sondaggi telefonici, dall'1 Febbraio 2011 è possibile iscriversi a un organo nato proprio per questo scopo, il Registro delle opposizioni, regolamentato dal decreto 178 del 7 settembre del 2010 e la sua gestione è stata affidata dal Ministero dello Sviluppo Economico/Dipartimento per le Comunicazioni alla Fondazione Ugo Bordoni.

Liberarsi dal telemarketing grazie al registro

Il Registro delle opposizioni è stato dunque creato per porre fine alle operazioni di telemarketing alle quali sono spesso soggetti gli utenti. Il telemarketing, infatti, può essere di due tipologie: Opt-out e Opt-in.

La prima modalità, dove l'abbreviazione sta per option out, consiste nella possibilità di un operatore di erogare un servizio di telemarketing senza che il destinatario abbia espresso il consenso a ricevere comunicazioni pubblicitarie di questo tipo. È come un silenzio-assenso da parte dell'utente finale che, solo dopo aver ricevuto la comunicazione, può inviare richiesta di essere estromesso dalle comunicazioni.

Nell'option-in, invece, occorre che il consenso preceda l'inizio della comunicazione pubblicitaria, altrimenti questa è illegittima. Il problema, purtroppo, è che molto spesso tale consenso viene dato a causa di una generale disattenzione dell'utente che non legge a fondo regolamenti e autorizzazioni. È, invero, da sottolineare anche la presenza di sottili strategie che mirano proprio a strappare in questa maniera il consenso.

Il Registro delle opposizioni funziona a cavallo delle due modalità: il cliente manifesta la propria contrarietà a ricevere qualsiasi comunicazione pubblicitaria attraverso il servizio telefonico.
Tutte le imprese, quindi, devono consultarlo per incrociare le liste dei clienti che vogliono raggiungere con quelle dei consumatori iscritti. Il servizio è a pagamento ma il costo è stato ridotto del 50 e 70% rispetto le tariffe precedenti, in modo da facilitare l'utilizzo del servizio.

Quanto è efficacie il sistema?

Per quello che riguarda l'efficacia si è spesso parlato di un malfunzionamento di questo sistema. Il problema è che spesso i clienti continuano a ricevere telefonate per servizi per i quali hanno dato un consenso e questo consenso diretto sovrascrive l'iscrizione al registro.

È giusto, inoltre, ricordare che un servizio del genere non è presente solo in Italia: con forme e nomi diversi, è disponibile in molti paesi dell'Unione Europea, in America e in Oceania.

Quello italiano non è un sistema perfetto: si tratta di una soluzione che ancora stenta a metter d'accordo le esigenze dei clienti con l'anelito alla commercializzazione. Uno dei problemi più gravi è la mancanza di una chiara risposta giuridica. Si parla delle pene e delle sanzioni che dovrebbero essere commissionate alle imprese che offrono servizi di telemarketing ma che, troppo spesso, vengono lasciate impunite.

L'iscrizione al registro delle opposizioni

  • tramite raccomandata o fax
  • mediante la compilazione del modulo presente sul sito web www.registrodelleopposizioni.it;
  • telefonando dalla linea per la quale si vuole effettuare la richiesta;
  • mandando una e-mail all'indirizzo della linea telefonica.

Chi dispone infine di più linee telefoniche dovrà iscriverle tutte singolarmente al Registro delle opposizioni e chi cambia numero dovrà rifare una nuova iscrizione.

Nonostante i molti iscritti al registro dal 2011 ad oggi la situazione per certi versi non sembra migliorata, chi lo ha fatto pare che venga comunque “adescato” dalle campagne di telepromozione. Un approfondimento del garante della privacy ha reso noto come nel corso di 2 anni siano state inviate all’autorità preposta circa 7.000 segnalazioni da parte degli iscritti, i quali hanno denunciato numerose violazioni da parte soprattutto delle compagnie telefoniche.

Le multe per gli operatori

Il garante ha avviato una istruttoria preliminare per accertare ognuna delle presunte violazioni, arrivando a contestare una serie di sanzioni che potrebbero portare a quasi 1 milione e mezzo di euro. Bisogna fare dunque molta attenzione e rivolgersi al sito ufficiale per portare avanti questa campagna nei confronti di chi continua, nonostante tutto, a tormentare i cittadini che si sono regolarmente impegnati a non ricevere più alcun tipo di informazioni pubblicitarie in tal senso.
La somma totale delle possibili multe alle compagnie che infrangono il volere dei cittadini è molto alta, considerando che le sanzioni singole possono partire da 10.000 euro finoad un massimo di 120.000 euro, a seconda della violazione effettuata.

Per verificare che attualmente si è iscritti in maniera regolare al registro delle opposizione, è necessario rivolgersi al numero verde gratuito 800.265.265: l’importante è accedere al servizio effettuando la telefonata dal dispositivo per cui si richiede la verifica.

Come evitare il telemarketing con o senza il Registro delle opposizioni

Purtroppo al di là delle intenzioni valide che hanno spinto e sostenuto l'introduzione di questo registro, alle aziende viene data la possibilità di vendere i dati dei clienti che abbiano incautamente dato l'autorizzazione generica alle operazioni di marketing nei propri confronti. Quindi bisogna fare una grande attenzione soprattutto quando si richiedono (o si accettano) le carte fedeltà, che non costano assolutamente nulla, ma che hanno molte volte tra gli scopi, oltre a quello di garantire degli sconti e delle agevolazioni ai propri clienti, anche quello di raccolta di dati da cedere alle società che fanno televendite.

Tra questi, in primis, i provider telefonici per le offerte adsl e non solo (vedi a riguardo http://miglioriofferteadsl.com/tipo/solo-adsl.html), oppure quelli assicurativi, finanziari, ecc. A tale riguardo bisogna ricordare che la subordinazione di un servizio all'autorizzazione del trattamento dei dati personali è obbligatoria solo nei confronti della società o delle società che erogano il servizio.

Quindi non si può essere obbligati ad accettare anche altre condizioni: il consiglio è quello di non ‘biffare’ mai le caselline dove si autorizza ad una qualsiasi attività di marketing, nemmeno se è specificato che si tratta della società in questione presso la quale si sta acquistando il servizio od il prodotto. La legge purtroppo, almeno per il momento, permetterà a quest'ultima di vendere i nominativi ad altre società specializzate nel reperimento dei nominativi: una speciale “cartolarizzazione dei clienti”.



Potrebbe interessarti

La disdetta dell'affitto: conosci tempistiche e procedure?

Se si dispone di contratto con Equo canone, non è possibile disdettarlo per i primi 4 anni, neppure nel caso in cui il proprietario abbia la necessità di riavere l'immobile per adibirlo come propria abitazione.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Contratto affitto 4+4: guida completa dalla stipula alla disdetta

I contratti di locazione a canone libero durano formalmente 4 anni, ma nella maggioranza dei casi, arrivano fino agli 8. In caso di mancanza di disdetta motivata da precise ragioni imposte dalla legge, il periodo di locazione è infatti automaticamente rinnovato, per la prima volta, di altri 4 anni.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Locazioni a canone concordato: guida ai vantaggi fiscali

Nel diritto commerciale definiamo col termine di locazione un particolare contratto in cui uno dei soggetti, detto locatore, si impegna a far usare al soggetto locatario un determinato bene, per un periodo determinato, riscuotendo in cambio un corrispettivo detto canone.

Leggi tutto...

I più condivisi

Surrogazione mutuo: caratteristiche, vantaggi e svantaggi

La surrogazione del mutuo (o portabilità) consente al debitore di sostituire il creditore iniziale, senza necessità di consenso di quest’ultimo, previo il pagamento del debito (art. 1202 codice civile).

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Parma: informazioni e contatti

Per riuscire a trovare l’arredamento giusto, prima di recarsi presso un negozio o centro commerciale, è possibile visitare il Salone del Mobile di Parma o uno dei grandi Saloni del Mobile in Italia che offrono un'amplissima panoramica sulle nuove tendenze e che offrono soluzioni alla portata delle tasche di chiunque.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Glossario mutui: i termini che devi conoscere

 

Di seguito i termini che tutti coloro i quali si impegnano in un mutuo dovrebbero conoscere:

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposta sulla seconda casa: ecco una guida esaustiva

Nel nostro Paese, rispetto ad altri Stati europei, sono tantissime le tasse o le imposte che gravano sui cittadini e su diversi generi di servizi. Se alcune sono assolutamente giustificate, altre rappresentano dei balzelli che molta gente fatica a comprenderne l’esistenza e di conseguenza anche il pagamento. La maggior parte di esse, comunque, serve allo Stato per fornire in maniera gratuita dei servizi all’intera collettività.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Wi fi in casa: conosci i vantaggi e le problematiche?

Quant’è utile il Wi-Fi? Sinonimo di qualità ed eleganza, ma anche di comodità e praticità, lo standard di connessione di cui sopra sta ottenendo sempre più successo tra le famiglie italiane.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Imposte reddito locazione: aliquote e prassi dei versamenti

La locazione di un immobile, dovrebbe comportare obbligatoriamente la stipula e la successiva registrazione di un contratto d'affitto, con il conseguente versamento delle imposte dei redditi da locazione. 

Leggi tutto...
Go to Top