Per evitare telefonate di natura promozionale, commerciale o per non ricevere più sondaggi telefonici, dall'1 Febbraio 2011 è possibile iscriversi a un organo nato proprio per questo scopo, il Registro delle opposizioni, regolamentato dal decreto 178 del 7 settembre del 2010.

Liberarsi dal telemarketing grazie al registro

Il Registro delle opposizioni è stato dunque creato per porre fine alle operazioni di telemarketing alle quali sono spesso soggetti gli utenti. Il telemarketing, infatti, può essere di due tipologie: Opt-out e Opt-in.

La prima modalità, dove l'abbreviazione sta per option out, consiste nella possibilità di un operatore di erogare un servizio di telemarketing senza che il destinatario abbia espresso il consenso a ricevere comunicazioni pubblicitarie di questo tipo. È come un silenzio-assenso da parte dell'utente finale che, solo dopo aver ricevuto la comunicazione, può inviare richiesta di essere estromesso dalle comunicazioni.

Nell'option-in, invece, occorre che il consenso preceda l'inizio della comunicazione pubblicitaria, altrimenti questa è illegittima. Il problema, purtroppo, è che molto spesso tale consenso viene dato a causa di una generale disattenzione dell'utente che non legge a fondo regolamenti e autorizzazioni. È, invero, da sottolineare anche la presenza di sottili strategie che mirano proprio a strappare in questa maniera il consenso.

Il Registro delle opposizioni funziona a cavallo delle due modalità: il cliente manifesta la propria contrarietà a ricevere qualsiasi comunicazione pubblicitaria attraverso il servizio telefonico.
Tutte le imprese, quindi, devono consultarlo per incrociare le liste dei clienti che vogliono raggiungere con quelle dei consumatori iscritti. Il servizio è a pagamento ma il costo è stato ridotto del 50 e 70% rispetto le tariffe precedenti, in modo da facilitare l'utilizzo del servizio.

Quanto è efficacie il sistema?

Per quello che riguarda l'efficacia si è spesso parlato di un malfunzionamento di questo sistema. Il problema è che spesso i clienti continuano a ricevere telefonate per servizi per i quali hanno dato un consenso e questo consenso diretto sovrascrive l'iscrizione al registro.

bollette 600x337

È giusto, inoltre, ricordare che un servizio del genere non è presente solo in Italia: con forme e nomi diversi, è disponibile in molti paesi dell'Unione Europea, in America e in Oceania.

Quello italiano non è un sistema perfetto: si tratta di una soluzione che ancora stenta a metter d'accordo le esigenze dei clienti con l'anelito alla commercializzazione. Uno dei problemi più gravi è la mancanza di una chiara risposta giuridica. Si parla delle pene e delle sanzioni che dovrebbero essere commissionate alle imprese che offrono servizi di telemarketing ma che, troppo spesso, vengono lasciate impunite.

L'iscrizione al registro delle opposizioni

  • tramite raccomandata o fax
  • mediante la compilazione del modulo presente sul sito web www.registrodelleopposizioni.it;
  • telefonando dalla linea per la quale si vuole effettuare la richiesta;
  • mandando una e-mail all'indirizzo della linea telefonica.

Chi dispone infine di più linee telefoniche dovrà iscriverle tutte singolarmente al Registro delle opposizioni e chi cambia numero dovrà rifare una nuova iscrizione.

Nonostante i molti iscritti al registro dal 2011 ad oggi la situazione per certi versi non sembra migliorata, chi lo ha fatto pare che venga comunque “adescato” dalle campagne di telepromozione. Un approfondimento del garante della privacy ha reso noto come nel corso di 2 anni siano state inviate all’autorità preposta circa 7.000 segnalazioni da parte degli iscritti, i quali hanno denunciato numerose violazioni da parte soprattutto delle compagnie telefoniche.

Le multe per gli operatori

Il garante ha avviato una istruttoria preliminare per accertare ognuna delle presunte violazioni, arrivando a contestare una serie di sanzioni che potrebbero portare a quasi 1 milione e mezzo di euro. Bisogna fare dunque molta attenzione e rivolgersi al sito ufficiale per portare avanti questa campagna nei confronti di chi continua, nonostante tutto, a tormentare i cittadini che si sono regolarmente impegnati a non ricevere più alcun tipo di informazioni pubblicitarie in tal senso.
La somma totale delle possibili multe alle compagnie che infrangono il volere dei cittadini è molto alta, considerando che le sanzioni singole possono partire da 10.000 euro finoad un massimo di 120.000 euro, a seconda della violazione effettuata.

Per verificare che attualmente si è iscritti in maniera regolare al registro delle opposizione, è necessario rivolgersi al numero verde gratuito 800.265.265: l’importante è accedere al servizio effettuando la telefonata dal dispositivo per cui si richiede la verifica.

Come evitare il telemarketing con o senza il Registro delle opposizioni

Purtroppo al di là delle intenzioni valide che hanno spinto e sostenuto l'introduzione di questo registro, alle aziende viene data la possibilità di vendere i dati dei clienti che abbiano incautamente dato l'autorizzazione generica alle operazioni di marketing nei propri confronti. Quindi bisogna fare una grande attenzione soprattutto quando si richiedono (o si accettano) le carte fedeltà, che non costano assolutamente nulla, ma che hanno molte volte tra gli scopi, oltre a quello di garantire degli sconti e delle agevolazioni ai propri clienti, anche quello di raccolta di dati da cedere alle società che fanno televendite.

Tra questi, in primis, i provider telefonici per le offerte adsl e non solo (vedi a riguardo http://miglioriofferteadsl.com/tipo/solo-adsl.html), oppure quelli assicurativi, finanziari, ecc. A tale riguardo bisogna ricordare che la subordinazione di un servizio all'autorizzazione del trattamento dei dati personali è obbligatoria solo nei confronti della società o delle società che erogano il servizio.

Quindi non si può essere obbligati ad accettare anche altre condizioni: il consiglio è quello di non ‘biffare’ mai le caselline dove si autorizza ad una qualsiasi attività di marketing, nemmeno se è specificato che si tratta della società in questione presso la quale si sta acquistando il servizio od il prodotto. La legge purtroppo, almeno per il momento, permetterà a quest'ultima di vendere i nominativi ad altre società specializzate nel reperimento dei nominativi: una speciale “cartolarizzazione dei clienti”.

Come cancellarsi dal Registro delle Opposizioni

Esattamente come l’iscrizione al Registro delle Opposizioni, anche la cancellazione è molto semplice e gratuita. Vediamo come è possibile cancellarsi dal registro e perché farlo. Basta chiamare il numero verde 800 265 265, munendosi del proprio codice utente che ci verrà chiesto al momento opportuno. Il codice utente, ricordiamolo, è quel codice che è stato attribuito nel momento in cui ci siamo iscritti al registro. Se lo abbiamo dimenticato o perso, possiamo recuperarlo chiamando lo stesso numero verde utilizzato per l’iscrizione e la cancellazione, 800 265 265, sempre in modo del tutto gratuito. A questo punto basterà procedere ascoltando la voce automatica. Quando avremo cancellato il nostro numero dal registro, tornerà a ripresentarsi il problema delle telefonate indesiderate.  Cosa fare allora? Possiamo, come detto, cercare di individuare prima il prefisso della chiamata in ingresso e magari bloccarlo.

L’estensione alla posta cartacea

Tradotto in parole semplici, questo significa che per non ricevere più pubblicità cartacea occorre iscriversi esplicitamente al registro. Da maggio 2019, dunque, chi è presente nell’elenco telefonico pubblico con il proprio indirizzo e numero di telefono può iscriversi al Registro anche per esprimere l’opposizione alla pubblicità cartacea.Chi risulta già iscritto per bloccare il telemarketing può estendere l’opposizione anche alla pubblicità cartacea. Inoltre, la legge 5/2018 ha esteso la possibilità di iscrizione anche ai proprietari di numeri riservati, inclusi i cellulari. In merito a questi ultimi, il Mise ha istituito un tavolo tecnico per l’approvazione di un Regolamento attuativo, la cui emanazione perfezionerà la riforma in atto del telemarketing.11




Potrebbe interessarti

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Affittare la prima casa

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Analisi dei mercati finanziari per la scelta del mutuo

Le statistiche rivelano che gli italiani che acquistano una casa ricorrono – nell’80% dei casi – al mutuo.  Quando si decide di comprare casa affidandosi alla possibilità di accendere un mutuo si commette spesso l’errore di sottovalutare la propria capacità di mutuo-acquisto vale a dire l’importo massimo che una banca è disposta ad erogare in base alle garanzie e condizioni del richiedente.

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Tasse sulla prima casa: facciamo un po' di chiarezza

tasse sulla prima casa

La compravendita di un immobile comporta sempre la conoscenza approfondita di tutte le spese accessorie per fare un acquisto sicuro. È necessario infatti stipulare il contratto, richiedere un mutuo presso una banca e occuparsi del pagamento delle relative rate. Oltre poi al rogito, al compromesso e ad altre operazioni obbligatorie e utili a rendere legale la compravendita stessa, bisogna inoltre preoccuparsi del pagamento delle tasse sulla prima casa.

Leggi anche...

Il MEF e le aliquote: ecco cosa sono

Appena apriamo un giornale, guardiamo un telegiornale o ascoltiamo la radio sentiamo spesso e volentieri parlare del cosiddetto MEF: detto così può suonare strano o qualcosa comunque difficile da comprendere ma in realtà non è altro che l’acronimo che racchiude al proprio interno il Ministero dell’Economia e della Finanzia dell’Italia. 

Leggi anche...

Pagamento di una bolletta scaduta da 10 giorni: cosa succede?

Immagine di bolletta scaduta da 10 giorni

Entro quanto bisogna pagare le bollette? Chiaramente, il pagamento delle bollette deve avvenire entro la data di scadenza riportata sulle stesse, saldando completamente l’importo, altrimenti saranno considerate insolute a tutti gli effetti. Vediamo cosa succede nel caso di una bolletta scaduta da 10 giorni.

Go to Top