La scelta dell'illuminazione interni e dei punti luci è in grado di cambiare totalmente l'aspetto e la percezione dei vari ambienti di una casa. A partire dallo stile, all'intensità di luce, fino ad arrivare al design, infatti, sono molti i fattori che vanno ad influire sul risultato finale. Senza saperlo, inoltre, in molti finiscono per commettere degli errori che comportano inutili sprechi dal punto di vista sia economico che di spazi.

Ad ogni ambiente la sua illuminazione

L'illuminazione ha un ruolo di primo piano in qualsiasi tipo di ambiente e per rendere l'atmosfera quasi magica, in genere, si preferisce optare per una luce diffusa e non troppo forte. In questo caso, ad esempio, è preferibile non utilizzare dei faretti diretti o dei lampadari, mentre sarebbe consigliabile optare per delle lampade da terra e applique che oltretutto hanno anche il vantaggio di poter essere sistemate senza nessun tipo di difficoltà. In ambienti come la cucina, invece, è importante dare maggior importanza alla luce per permettere di pulire e cucinare in modo ottimale, dando quindi largo spazio a fonti di illuminazione adatte per il piano cottura. Mentre in sala da pranzo è consigliabile evitare luci dirette sul tavolo che possono provocare una diversa percezione delle pietanze.

Materiale per illuminazione interni

I materiali naturali sono in grado di offrire una resa piacevole soprattutto se si utilizzano delle lampade. Basti pensare, ad esempio, alla bellezza unica di un paralume in metallo non lucidato, oppure in legno o tessuto grezzo. Materiali e tecnologie introdotte sul mercato recentemente e provenienti da diversi settori merceologici, inoltre, permettono di trovare applicazioni interessanti aprendo le strade all'utilizzo di prodotti in grado di soddisfare qualsiasi tipo di esigenza e gusto personale. Materiali metallici, come reti in acciaio inox, ad esempio, permettono di ottenere dei lampadari dalle forme più disparate.

Illuminazione interni di design

È importante riuscire a realizzare il giusto equilibrio di luci ed ombre, in modo tale da non creare un ambiente né troppo buio né troppo illuminato. Allo stesso tempo anche l'occhio vuole la sua parte e mentre da un lato vi è chi predilige un design classico, dall'altro canto vi sono coloro che apprezzano particolarmente le nuove tecnologie. I faretti a led, ad esempio, sono generalmente apprezzati da chi desidera un design semplice, ma allo stesso tempo d'impatto.

Scegliere l'illuminazione interni più adatta alle proprie esigenze, quindi, è possibile. L'importante è scegliere con cura l'opzione più adatta tenendo in considerazione lo stile, la luminosità e il risparmio energetico.



Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Il contratto di sublocazione: caratteristiche, norme e rapporti

Quando l'affittuario deve lasciare l’appartamento locato per un certo periodo può affittarlo a terzi per coprire le spese, senza però avere l’intenzione di disdire il contratto principale.

Leggi tutto...

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

Comodato d'uso a titolo gratuito

Il comodato d'uso di immobile rappresenta una forma di contratto di locazione con cui è possibile prendere in consegna un immobile per un periodo di tempo determinato, con il dovere di riconsegnarlo al proprietario.

Leggi tutto...

I più condivisi

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Valore catastale immobile: tutti i passi per calcolarlo!

Ogni immobile ha un proprio valore catastale che deriva per convenzione dalle cosiddette “rendite catastali”. Questo valore è solitamente usato quando si stipulano contratti di compravendita, di successione o di donazione, poiché serve come riferimento per applicare, in percentuale, tutte le imposte indirette collegate a tale atto, quali ad esempio iva e imu.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Accollo mutuo esistente: di cosa stiamo parlando?

Quando si vuole acquistare un immobile sempre più spesso accade che, ciò che si vuole acquistare abbia già un mutuo acceso dall'attuale venditore oppure, nei casi in cui si decide di acquistare un immobile nuovo dall'impresa che abbia richiesto un finanziamento per erigere il fabbricato.

Leggi tutto...

Plusvalenza nella vendita della prima casa: info e dettagli

Nel caso di acquisto della prima casa, è prevista una serie di agevolazioni: l’imposta di registro è al 3% del valore; l’imposta ipotecaria corrisponde a 168,00 €; anche l’imposta catastale corrisponde a 168,00 €. Nel caso di vendita della prima casa, così come avviene per tutti gli immobili, per plusvalenza della prima casa si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Guida alla DIA: la Dichiarazione Inizio delle Attività

La DIA è una dichiarazione con la quale si denuncia all’amministrazione competente l’intenzione ad avviare dei lavori in campo edile; disciplinata dal D.P.R. 380/2001, il provvedimento è incluso in una serie di norme che vanno a formare il Testo Unico per l’edilizia.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Posare carta da parati: una guida per tutti!

Se molti prediligono la pittura per le pareti di casa, molti altri optano spesso per il rivestimento con carta da parati.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Domiciliazione bancaria delle bollette

La Domiciliazione Bancaria, nota anche come Domiciliazione Bollette, Domiciliazione Utenze o come Domiciliazione Bancaria dei Pagamenti, è uno strumento molto utile che le banche mettono a disposizione dei clienti per “automatizzare” il pagamento delle utenze domestiche.

Leggi tutto...
Go to Top