Se molti prediligono la pittura per le pareti di casa, molti altri optano spesso per il rivestimento con carta da parati.

La carta può essere inoltre utilizzata anche per ornare e abbellire, magari sfruttando anche la tecnica del decoupage, armadi, credente, cassapanche e quant'altro.

Posare la carta da parati non è un'operazione facilissima, ma se si seguono piccole indicazioni risulterà semplice e comoda da installare. La prima cosa da fare, ancor prima di posarla, è scegliere quella che più si adatta al tipo di arredamento e che rispecchi al meglio i proprio gusti e le proprie esigenze.

Come scegliere

La carta può essere scelta anche in base alla zona dell'abitazione e al tipo di muro che dovrà essere trattato.

Da valutare sono soprattutto le superfici, se lisce o ruvide o irregolari, e se il locale è umido (bagno, cucina), oppure presenta delle condizioni termiche più asciutte (camera, soggiorno, corridoio).

Per un muro molto irregolare, bisognerà comunque optare quella in vinile pesante, che riesce a nascondere ogni genere di imperfezione.

Servirà uno spruzzo di vapore o una spugna inumidita, per rimuovere quella vecchia, se già presente; i muri dipinti andranno invece lavati con un detergente speciale e poi trattati con carta vetrata.

Per posarla sono necessari i seguenti attrezzi: carta vetrata; metro; colla; taglierino; solvente; spatola in plastica e metallo; detersivo, per muri dipinti; rulli diritti; rotella da tappezziere; sgabello; secchio per colla e lavaggio; righello, per ritagli dopo la posa; straccio; filo a piombo; forbici; tavolo da tappezziere; pennello, per applicare la colla; spazzola da tappezziere.

Consigli utili

Il rivestimento non è un’operazione molto semplice da effettuare, ma basta seguire alcuni semplici consigli, che sono illustrati nell’elenco che segue, per riuscire ad ottenere un buon risultato.

  • Nel caso in cui il muro è poroso o nuovo è importante utilizzare un preincollante specifico 24 ore prima di iniziare ad attaccare la carta da parati. Il preicollante deve essere obbligatoriamente passato sui pannelli di gesso.
  • Nel caso in cui sui muri è presente una pittura è necessario lavarlo con un detergente specifico e poi levigare la parte con una carta vetrata, in modo che la colla possa aderire in maniera più profonda.
  • Nel caso in cui i muri siano già tappezzati è necessario levare la carta già esistente con l’aiuto di un solvente specifico, diluito con acqua calda. La soluzione deve essere lasciata sulla parete per almeno dieci minuti e poi si può procedere all’eliminazione della carta, con l’ausilio di un’apposita spatola.
  • Nel caso in cui sui muri siano presenti delle crepe o comunque la superficie non è liscia, è importante stuccare la parete, passare la carta vetrata e spolverare la zona.

Come prepararla

Preparare la carta da parati richiede pazienza e precisione, ma seguendo alcuni semplici consigli che sono illustrati di seguito, questa delicata operazione risulterà più semplice.

  • Misurare l’altezza del muro senza tenere in considerazione lo zoccolino.
  • Preparare accuratamente la colla e lasciarla riposare almeno dieci minuti prima di utilizzarla.
  • Cominciare ad attaccare la carta iniziando dalla parte superiore del muro, prestando particolare attenzione a lasciare l’altra metà del foglio ripiegata su se stessa.
  • Stendere il foglio con le mani facendo attenzione alla formazione di bolle d’aria, passare poi la spatola dal centro verso l’esterno.
  • Stendere la seconda metà del foglio facendo però pressione con le mani nella parte già incollata.
  • Procedere con gli altri fogli, facendo attenzione a far combaciare bene i bordi.

Per riuscire a rendere invisibili i punti dove i vari fogli combaciano, è necessario passare sopra le congiunzioni un rullino. Se la carta utilizzata ha però dei disegni in rilievo, è consigliabile utilizzare uno straccio asciutto.





Potrebbe interessarti


Recesso di contratto di locazione: quali sono le modalità?

 

Nella situazione economica italiana, molte più persone ricorrono all’affitto di un immobile ad uso abitativo non potendosi permettere l’acquisto di una casa propria. Esistono però anche casi di recesso del contratto di locazione e su questo campo ci sono molte regole e leggi da sapere.

Leggi tutto...

Provvigione agenzia affitto: come funziona?

Nel momento in cui si decide di mettere il proprio appartamento o la propria casa in affitto, è possibile prendere in considerazione l'ipotesi di affidarsi ad una agenzia che si occupi della mediazione fra il proprietario e l'eventuale affittuario.

Leggi tutto...

Affittare la prima casa: ragioniamo sulla perdita di agevolazioni

Con 10 miliardi di tagli sulle agevolazioni fiscali per la prima abitazione la manovra finanziaria va a colpire praticamente tutti: dal proprietario che intende ristrutturare l’abitato all’affittuario. Per quanto riguarda i contratti di locazione della prima casa tuttavia, quanti l’abbiano stipulato potranno ancora contare su questi privilegi.

Leggi tutto...

Detrazione affitto: soggetti beneficiari e requisiti

Ci sono alcune categorie di lavoratori e di studenti che hanno diritto a ricevere alcuni benefici dall'Irpef, ovvero alcune detrazioni legate ai contratti d'affitto da scalare sul modello 730 della dichiarazione dei redditi. 

Leggi tutto...

Self Storage nel Lazio: contatti utili

I self storage sono servizi in mano ad una compagnia apposita, oppure sono degli spazi in mano a compagnie di trasloco, e di norma vengono affittati e utilizzati attraverso un noleggio a base mensile.

Leggi tutto...

I più condivisi


Il mutuo ipotecario: cos’è e come funziona

Per chi è in procinto di acquistare un immobile la fase di analisi e scelta del finanziamento da prendere è fondamentale, soprattutto perchè si tratta di un investimento importante che nella maggior parte dei casi graverà sull’economia familiare a lungo termine.

Leggi tutto...

Vendo casa: i 5 errori di chi lo fa senza l’aiuto di un’agenzia

Spesso si pensa che dire ‘vendo casa’ e pubblicare qualche annuncio qua e là sia sufficiente per trasformare in denaro sonante il vecchio immobile della nonna, la casetta al mare o l’appartamento oramai diventato troppo piccolo per una famiglia in via di espansione.

Leggi tutto...

Salone del Mobile di Firenze: informazioni sull'evento

Scegliere l'arredamento per la vostra nuova casa non è sempre una cosa semplice e veloce. È infatti necessario valutare diversi fattori, ottimizzare gli spazzi e scegliere sin da subito i colori che si desiderano. Una visita al Salone del Mobile di Firenze può dare utilissime idee per la realizzazione di spazi belli e funzionali nella propria casa.

Leggi tutto...

Il tasso misto applicato ai mutui

L’acquisto di un immobile e la conseguente richiesta di un mutuo, comporta un’attenta valutazione e analisi delle varie offerte proposte dagli istituti di credito. L’aspetto fondamentale da tenere in considerazione prima della sottoscrizione, è sicuramente dato dalla scelta del tasso d’interesse che verrà applicato al piano di ammortamento.

Leggi tutto...

Acquisto terreni edificabili: come funziona la compravendita

La possibilità di edificare su un terreno dipende dalla destinazione prevista per tale area nel piano regolatore generale del Comune in cui è situato. L'acquisto di terreni edificabili, quindi, segue una precisa regolamentazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Risoluzione per inadempimento: di cosa si tratta?

L’inadempimento contrattuale di un determinato onere si verifica nei casi di violazione di un preciso obbligo giuridico; il debitore non ha osservato, nel modo o nei tempi necessari, gli interessi del creditore.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Le tendenze 2019 per il bagno di casa

L’anno passato, di grande interesse presso gli arredatori di interni e i numerosi designers, era stato il considerare qualsiasi oggetto all’interno della propria casa un qualcosa di non invasivo, di minimale, che non desse troppo nell’occhio. Geometrie pure, colori primari e open space sono state le parole chiave del design 2018.

Leggi tutto...

Leggi anche...


Documenti volture Acea: quali sono i dati necessari a richiedere la voltura?

Quando si richiedono delle volture ACEA o dei subentri relativi all'energia elettrica, sono necessari dei dati e dei documenti specifici per ottenerle.

Leggi tutto...
Go to Top