Se molti prediligono la pittura per le pareti di casa, molti altri optano spesso per il rivestimento con carta da parati.

La carta può essere inoltre utilizzata anche per ornare e abbellire, magari sfruttando anche la tecnica del decoupage, armadi, credente, cassapanche e quant'altro.

Posare la carta da parati non è un'operazione facilissima, ma se si seguono piccole indicazioni risulterà semplice e comoda da installare. La prima cosa da fare, ancor prima di posarla, è scegliere quella che più si adatta al tipo di arredamento e che rispecchi al meglio i proprio gusti e le proprie esigenze.

Come scegliere

La carta può essere scelta anche in base alla zona dell'abitazione e al tipo di muro che dovrà essere trattato.

Da valutare sono soprattutto le superfici, se lisce o ruvide o irregolari, e se il locale è umido (bagno, cucina), oppure presenta delle condizioni termiche più asciutte (camera, soggiorno, corridoio).

Per un muro molto irregolare, bisognerà comunque optare quella in vinile pesante, che riesce a nascondere ogni genere di imperfezione.

Servirà uno spruzzo di vapore o una spugna inumidita, per rimuovere quella vecchia, se già presente; i muri dipinti andranno invece lavati con un detergente speciale e poi trattati con carta vetrata.

Per posarla sono necessari i seguenti attrezzi: carta vetrata; metro; colla; taglierino; solvente; spatola in plastica e metallo; detersivo, per muri dipinti; rulli diritti; rotella da tappezziere; sgabello; secchio per colla e lavaggio; righello, per ritagli dopo la posa; straccio; filo a piombo; forbici; tavolo da tappezziere; pennello, per applicare la colla; spazzola da tappezziere.

Consigli utili

Il rivestimento non è un’operazione molto semplice da effettuare, ma basta seguire alcuni semplici consigli, che sono illustrati nell’elenco che segue, per riuscire ad ottenere un buon risultato.

  • Nel caso in cui il muro è poroso o nuovo è importante utilizzare un preincollante specifico 24 ore prima di iniziare ad attaccare la carta da parati. Il preicollante deve essere obbligatoriamente passato sui pannelli di gesso.
  • Nel caso in cui sui muri è presente una pittura è necessario lavarlo con un detergente specifico e poi levigare la parte con una carta vetrata, in modo che la colla possa aderire in maniera più profonda.
  • Nel caso in cui i muri siano già tappezzati è necessario levare la carta già esistente con l’aiuto di un solvente specifico, diluito con acqua calda. La soluzione deve essere lasciata sulla parete per almeno dieci minuti e poi si può procedere all’eliminazione della carta, con l’ausilio di un’apposita spatola.
  • Nel caso in cui sui muri siano presenti delle crepe o comunque la superficie non è liscia, è importante stuccare la parete, passare la carta vetrata e spolverare la zona.

Come prepararla

Preparare la carta da parati richiede pazienza e precisione, ma seguendo alcuni semplici consigli che sono illustrati di seguito, questa delicata operazione risulterà più semplice.

  • Misurare l’altezza del muro senza tenere in considerazione lo zoccolino.
  • Preparare accuratamente la colla e lasciarla riposare almeno dieci minuti prima di utilizzarla.
  • Cominciare ad attaccare la carta iniziando dalla parte superiore del muro, prestando particolare attenzione a lasciare l’altra metà del foglio ripiegata su se stessa.
  • Stendere il foglio con le mani facendo attenzione alla formazione di bolle d’aria, passare poi la spatola dal centro verso l’esterno.
  • Stendere la seconda metà del foglio facendo però pressione con le mani nella parte già incollata.
  • Procedere con gli altri fogli, facendo attenzione a far combaciare bene i bordi.

Per riuscire a rendere invisibili i punti dove i vari fogli combaciano, è necessario passare sopra le congiunzioni un rullino. Se la carta utilizzata ha però dei disegni in rilievo, è consigliabile utilizzare uno straccio asciutto.





Potrebbe interessarti

Morosità del canone di affitto

Nei casi di protratto mancato pagamento del canone di affitto e/o delle quote condominiali, il proprietario può effettuare lo sfratto per morosità.

Leggi tutto...

Affitto loft: una guida alla scelta sicura!

Quando si decide di prendere in affitto un loft, è necessario valutare in primi diversi fattori prima di scegliere quella giusta e adatta alle proprie esigenze. È importante tenere in considerazione in primis il budget che si potrebbe avere a disposizione.

Leggi tutto...

Tipi di contratti di affitto: conosci vantaggi fiscali e oneri

Attualmente, se si vuole prendere in affitto un locale adibito ad abitazione, è necessario sottoscrivere un contrattocon il padrone di casa o con l'organizzazione proprietaria dell'immobile.

Leggi tutto...

Mutuo affitto: scopri tutte le caratteristiche

Il cosiddetto "mutuo affitto" è una formula nata in tempi recenti con la quale gli istituti di credito vengono incontro alle esigenze di quanti abbiano bisogno di un prestito ma che non possano permettersi di pagare interessi troppo alti.

Leggi tutto...

Proroga locazione, informazioni e pagamenti

I contratti di affitto prevedono diverse appendici da conoscere: dopo aver parlato dei canoni d’affittodell’imposta di registro, della cessazione del contratto di locazione, ora approfondiremo il discorso relativo alla proroga del contratto di locazione, con informazioni sia di carattere generale che sul pagamento dell’imposta.

Leggi tutto...

Avviso sul Copyright

I contenuti di questo sito web sono protetti da Copyright. Ti invitiamo gentilmente a non duplicarli e a scriverci a info [@] elamedia.it se hai intenzione di usufruire dei servizi erogati dalla nostra Redazione.

Protected by Copyscape

Non bloccare la Pubblicità

Il tuo Browser blocca la nostra pubblicità? Ti chiediamo gentilmente di disattivare questo blocco. Per noi risulta di vitale importanza mostrarti degli spazi pubblicitari. Non ti mostreremo un numero sproporzionato di banner né faremo in modo che la tua esperienza sul nostro sito ne risenta in alcun modo.Ti invitiamo dunque ad aggiungere il nostro sito tra quelli esclusi dal Blocco della tua estensione e a ricaricare la pagina. Grazie!

Ricarica la Pagina

I più condivisi

Plusvalenza terreni agricoli, come effettuare il calcolo?

terreni agricoli sono considerati beni immobili, così come i terreni edificabili e gli appartamenti. Per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo.

Leggi tutto...

Costo di una casa prefabbricata: conviene la scelta ecologica?

Ci sono diverse modalità di costruzione e realizzazione di un'abitazione, che variano in base ai materiali utilizzati, al luogo in cui nascerà la stessa, alle modalità di messa in opera e alla tipologia di struttura dell'edificio. Si parla infatti spesso di appartamenti in condominio, case a schiera, ville singole ecc.

Leggi tutto...

Valore catastale della casa: guida al calcolo!

Il valore catastale di un immobile ha notevole rilevanza sia nel caso di compravendita, sia ai fini della definizione dell’imponibile IMU. La Legge Finanziaria del 2006 ha stabilito che, nel caso di trasferimento di proprietà di immobili a uso abitativo e delle relative pertinenze si venga tassati in base al valore catastale, anziché al corrispettivo patteggiato tra le parti e iscritto nell’atto notarile.

Leggi tutto...

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Come si effettua il calcolo del valore immobiliare

Il valore immobiliare prende in considerazione diversi aspetti dell’immobile da stimare che si basano anche sulla distinzione tra valore di mercato e valore catastale. Il primo serve per definire il prezzo di un immobile sul mercato, il secondo – chiamato anche valore fiscale - serve per determinare il calcolo delle imposte sul patrimonio immobiliare.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Sfratto: procedure, proroghe ed esecuzione

Solitamente, quando il giudice convalida lo sfratto, stabilisce un rinvio, variabile da sei mesi a un anno rispetto alla scadenza contrattuale, entro il quale l’immobile deve essere rilasciato.

Leggi tutto...

Leggi anche...

A2A Bollette: un nuovo servizio di energia

A2A Energia è un sinonimo di semplificazione per molte piccole preoccupazioni della nostra vita. Attraverso i suoi sportelli A2A Energia mette a disposizione dei clienti un efficiente servizio operativo ventiquattro ore al giorno, sette giorni alla settimana, utile per terminare le operazioni commerciali o per richiedere le più varie informazioni.

Leggi tutto...
Go to Top