All'interno di molti condomini è spesso presente una figura che svolge determinate mansioni legate alla pulizia, alla vigilanza e al controllo dello stabile; la persona che si occupa di tali incarichi è il portiere condominiale.

Il portiere è un dipendente del condominio , il suo compito più rilevante è quello della sorveglianza e la custodia dell'ingresso per cui, esso ,lavora.

Nomina e contratto del portiere

Il portiere condominiale viene nominato dall'amministratore di condominio dopo aver preso la decisione assieme agli altri condomini durante un'assemblea.
Il contratto di lavoro sottolinea le dipendenze e le sue prestazioni nei confronti del condominio ed è disciplinato dalle direttive previste dal contratto collettivo nazionale di categoria.

Gli incarichi della portineria condominiale

Gli incarichi del portiere sono: controllare riscaldamento e ascensore; occuparsi della riscossione del pagamento delle quote condominiale; impegnarsi a far seguire le regole condominiali;distribuire la corrispondenza ai condomini; sorvegliare l'uso dei servizi comuni; pulire le zone condominiali quali scale, androne ed eventuale giardino, terrazza o cortile comuni.

Per la pulizia delle parti comuni,scale , cortile , ingresso, il portiere viene spesso affiancato da una donna delle pulizie o da ditte preposte; il condominio dovrà inoltre assicurare al portiere un alloggio, solitamente situato al piano terra.


Il portiere deve altresì occuparsi di lasciare il portone d'ingresso aperto durante i giorni feriali undici ore al giorno.

Chi ricopre questo ruolo ha diritto: alle ferie (26 giorni); al riposo settimanale, solitamente la domenica; a permessi straordinari (80 0re lavorative); al preavviso di tre mesi qualora si decidesse di licenziarlo; alle ferie per malattia, maternità e congedo matrimoniale retribuito per 15 giorni.

Diventare portiere

Non servono particolari requisiti per diventare portiere condominiale. Occorre avere almeno il diploma di scuola superiore ed è un ottimo punto di partenza l'aver partecipato ad un corso di formazione.
Questi corsi, della durata di alcune ore, offrono una preparazione più sull'aspetto della sicurezza sul lavoro che su altro. Sono a pagamento ma la loro cifra è assolutamente non troppo onerosa.

Il portiere di condominio non dev'essere equiparato a quello d'albergo: le mansioni sono diverse, così come i requisiti. Quello d'albergo, infatti, dev'essere in grado di aver a che fare con clienti di diversa nazionalità, deve sapere utilizzare i software di prenotazione alberghiera oltre che conoscere bene il territorio.

Vengono accomunati, tuttavia, dalla capacità di organizzazione e problem solving. Soprattutto per il lavoratore condominiale – che spesso è da solo nella gestione dei suoi compiti – è importante essere in grado di risolvere velocemente tutti i grandi e piccoli problemi che possono incorrere in un condominio.

Oltretutto, e questo accade soprattutto per i lavoratori di vecchia data, il portiere diventa spesso un forte punto di riferimento: se si ha un guasto in casa e non si sa a chi chiamare, sicuramente una delle prime persone da consultare è proprio il portiere.

Per questa ragione, ogni professionista dovrebbe avere una lista di numeri utili (idraulico, falegname, elettricista) per rispondere ad ogni evenienza in tempi brevi.

Pietro Calafiore

 





Potrebbe interessarti

Diritti e doveri del conduttore e del proprietario

In un contratto di affitto di un' abitazione vi sono doveri e diritti sia da parte del proprietario (locatore) dell'immobile sia da parte di chi invece usufruisce per un periodo (inquilino /conduttore) , opportunamente regolato, dell'immobile stesso.

Leggi tutto...

Scadenza locazione: cosa fare alla fine di un contratto

Nel momento in cui si arriva alla scadenza della locazione, o – meglio – del suo contratto, possono verificarsi varie possibilità per l’inquilino affittuario. Molto spesso accade che il contratto venga rinnovato da entrambe le parti alle condizioni iniziali, a meno che non intervengano eventuali ritocchi volti a modificare il canone d’affitto.

Leggi tutto...

Deposito cauzionale affitto

Il deposito cauzionale (o cauzione) viene richiesto dal proprietario che affitta all'inquilino come garanzia per le obbligazioni assunte all'interno del contratto di locazione; esso nello specifico assicura il pagamento dei canoni e la buona conservazione dei locali. Rientra dunque nelle dinamiche dei diritti e dei doveri dell'inquilino e del proprietario.

Leggi tutto...

Tasse affitto: una guida per essere in regola!

In materia di locazioni sono davvero tantissime le cose da tenere in considerazione, soprattutto per non trovarsi a dover risolvere eventuali problemi futuri. La prima cosa da fare è sicuramente preoccuparsi di stipulare e, soprattutto, regolarizzare il contratto. La corretta registrazione del contratto d'affitto di qualunque natura è infatti una garanzia e una sicurezza per chi decide di prendere in affitto un immobile.

Leggi tutto...

Locazioni transitorie: condizioni, durata e rinnovo

Le locazioni transitorie si effettuano quando il proprietario o l'inquilino hanno la necessità di affittare momentaneamente un alloggio. La natura transitoria va dichiarata nel contratto e quella dell'inquilino va accertata attraverso una documentazione specifica da allegare al contratto stesso.

Leggi tutto...

I più condivisi

Vendita prima casa

Cosa succede al momento della vendita della prima casa? Si tratta di un passaggio molto importante e burocraticamente significativo: le insidie in casi del genere si nascondono dietro ogni cavillo contrattuale, e bisogna conoscere tutte le norme e i fattori che entrano in campo al momento della vendita della casa.

Leggi tutto...

Capitolato d'appalto: come compilarlo

L’acquisto o l’affitto di un immobile necessita spesso di opere di ristrutturazione volte a rendere più confortevole, e al contempo agibile, l’abitazione stessa. Per effettuare dei lavori di ristrutturazione sono però necessari, soprattutto in casi speciali, delle autorizzazioni specifiche e il capitolato d'appalto è una di queste. 

Leggi tutto...

Rinegoziazione mutuo: quando effettuarla?

 

Se non si è soddisfatti del proprio mutuo è possibile tentare una rinegoziazione con la banca erogatrice. Questa può rifiutarsi, ma sono possibili altre alternative. Vediamo quali.

Leggi tutto...

Facciamo chiarezza sull’immobile strumentale

Gli immobili strumentali rappresentano una particolare tipologia di bene. In pratica si distinguono in quanto vengono comprati dalle aziende per esercitare le proprie attività. Sottolineiamo il fatto che esistono:

Leggi tutto...

La plusvalenza nella vendita di un immobile: una guida

Nel caso di vendita di un immobile (appartamento, terreno), per plusvalenza si intende l’aumento di valore realizzato entro un determinato periodo di tempo. Ai fini fiscali, questo aumento di valore è indice di una maggiore capacità contributiva ed è tassato attraverso imposte dirette. A differenza di altri redditi da capitale, non vengono calcolati sulla base imponibile dell'IRPEF.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Contratto di mediazione immobiliare

Il contratto di mediazione immobiliare, disciplinato dagli artt. 1754 - 1765 c.c. regola l’attività di chi intende affidarsi a un mediatore (es.agenzia immobiliare), per la compra-vendita di un'abitazione.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Saldatura a gas: come farla?

Una delle opere che solitamente necessitano all'interno della propria abitazione è quella della saldatura di materiali di vario genere. Oltre che nei casi di acquisto o di affitto di un nuovo immobile, all'interno del quale si dovranno effettuare lavori di ristrutturazione più o meno ingenti, la saldatura può essere necessaria anche in caso di guasti, rotture ecc.

Leggi tutto...

Leggi anche...

Energia casa: cosa sono le offerte luce Placet?

Le offerte luce e gas Placet sono entrate in vigore da poco più di due mesi: Placet è l'acronimo di Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela, ma per capire meglio di che cosa si tratta è opportuno un approfondimento più accurato. Si tratta, in pratica, di offerte sperimentali che vengono messe a disposizione delle piccole imprese e dei clienti domestici che al momento si avvalgono ancora del servizio di maggior tutela, in attesa del passaggio obbligatorio al libero mercato che avverrà - a meno di ulteriori ma improbabili rinvii - nel luglio del prossimo anno.

Leggi tutto...
Go to Top